Erotici Racconti

Sguardi

Scritto da , il 2018-01-10, genere esibizionismo

Una premessa. Non mi ritrovo in nessuna categoria.... Quella giusta sarebbe "sogni"

Salgo sul solito treno per tornare a casa e il posto in cui di solito mi siedo è occupato da un uomo. La cosa mi scoccia un po’ e mi siedo di fronte a lui. Lo guardo attentamente mentre è immerso nella lettura di un libro. Ad occhi e croce avrà 35 anni, moro, mascelle forti, vestito in giacca e cravatta con una 24 ore sulle ginocchia. Prendo posto e lui alza il viso. I suoi occhi azzurro intenso mi colpiscono e mi penetrano. Resta con lo sguardo fisso nel mio per qualche secondo. Io lo sostengo e poi lui piano scende sul mio corpo quasi a radiografarmi. Mi sta spogliando? Le piaccio? I capezzoli che si irrigidiscono mentre mi osserva il seno. Posso quasi sentire il contatto di quegli occhi. Rialza gli occhi sui miei. Lo guardo fissa e con la lingua mi accarezzo le labbra. Il tuo viso è una sfinge, non tradisce emozione. Questa volta sono io a abbassare gli occhi sul suo petto. Sarà glabro? Anche se ha la giacca sempre muscoloso. Immagino di passare una mano sulla sua pelle e fermani a giocare con i suoi capezzoli. Scendere fino all’ombelico e girarci intorno con un dito. Vorrei scendere ancora ma la valigetta mi impedisce di proseguire come il piombo per gli occhi di Superman. Sposto lo sguardo su di lui e poi ancora sulla valigetta. Lui la apre con estrema lentezza, infila il libro e la richiude. La prende per il manico e la poggia per terra tra i suoi piedi. Torno al suo ombelico e proseguo il mio viaggio. Lo sguardo scende sul suo inguine. Sto immaginando oppure i suoi pantaloni si muovono impercettibilmente? Si sta eccitando? Il suo cazzo di gonfia? Accavallo le gambe in modo che lui possa vedere un po’ le mie cosce. Sono consapevole di avere già la figa bagnata. La sensazione lascia il posto alla certezza. Si sta eccitando. Penso a quanto possa essere grosso e quanto possa crescere se lo avessi in mano. A quanto sarebbe bello sentire la sua consistenza tra le dita e al sapore inebriante nell’averlo in bocca. Con un piccolo colpo di tosse mi distoglie dai miei pensieri. Alzo lo sguardo su di lui e subito dopo torna a radiografarmi. Ha voluto dirmi che era il suo turno a spogliarmi? Lascio che mi osservi con calma. Accarezzo distrattamente la mia coscia. Se la mia mano fosse la sua si insinuerebbe sotto la gonna fino a scoprire l’orlo delle mie mutandine. Io allora allargherei un po’ le gambe. Con due dita sposterebbe l’orlo degli slip ed io sentirei l’aria fresca sulla labbra della mia figa liscia. Il suo dito passerebbe tra le labbra umide facendosi strada aiutato dai miei umori copiosi. Starà pensando tutto questo? Oppure mi immagina a cavalcioni sul suo cazzo mentre mi impala con gli altri passeggeri che ci guardano attoniti? Scavallo le gambe e le tengo leggermente larghe. Il suo sguardo è fisso sulle mie gambe. Cosa sta immaginando? Io penso che stia pensando di leccarmi la figa. Io alzo le gambe quasi sdraiandomi sul sedile e lui, in ginocchio, mi lecca figa e culo. Mi piace sentire la lingua che mi stuzzica il buchino. Alzo lo sguardo e mi accorgo che alla prossima fermata devo scendere. Questa volta sono io a tossire per avere la sua attenzione. Mi osserva con sguardo interrogativo. Senza muovere un muscolo gli dico “devo rivestirmi e scendere dal treno”. Lui capisce. Riprende la sua 24 ore e la poggia sulle gambe. La apre e prende il libro. Io mi avvio verso la porta e sento il suo sguardo sul mio culo che ondeggia. Scendo e mi fermo a guardarlo dal finestrino. Appena arriverò a casa mi masturberò fino all’orgasmo pensando a te.

Questo racconto di è stato letto 8 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.