Erotici Racconti

Quindici anni di attesa

Scritto da , il 2017-10-11, genere tradimenti

Oddio,dopo oltre 15 anni lei è tornata in Città (segue dal racconto:il culetto di Cristina)
Ed il mio cuore ha ricominciato a battere all'impazzata,non lo credevo fosse possibile
(Ne' che potesse correre così veloce,ne' che lei sarebbe tornata sempre bellissima ed
oltretutto divorziata( di nuovo single)! Me lo ha confessato venendomi a trovare sul
posto di lavoro e mi ha chiesto se ero disponibile per un incontro clandestino! Si'
perché lei è divorziata,ma non io( anche se in quel momento avrei fortemente voluto
esserlo!) A quel punto lei ha sondato il mio grado di fedeltà nei confronti di mia Moglie
( e forse anche nei suoi confronti,per sapere se i miei sentimenti verso lei fossero sempre
gli stessi)! Mi feci fissare un appuntamento per quella stessa sera e lei ricambiò subito
con uno smagliante sorriso rilassato,che significava che ero assolutamente sempre
sintonizzato su di lei! Ore 21 sempre nel suo appartamento,che nel frattempo aveva
mantenuto negli anni, accetto ben volentieri,ora rimaneva di inventarmi una scusa
plausibile con mia Moglie! Le dovetti dire una balla del tipo:motivi di lavoro! Ed eccomi
davanti alla sua porta per un sogno atteso oltre 15 anni! Mi apre in sottoveste trasparente
tanto per stimolare subito tutti i miei sensi! Quindi ancora sulla soglia mi slaccia la cintura
ed inizia a farmi un pompino" tanto qui fuori è buio" la scusa ufficiale! Poi si attacca al
cazzo e mi trascina dentro,mentre i suoi gatti mi guardano con aria sospettosa!
Quindi lascia cadere la sottoveste sul pavimento e completamente nuda mi butta le
braccia al collo! Io incollo le mie mani sul suo culetto agognato da sempre,e così legati
l'uno all'altra ci trasciniamo verso il letto! Lei si sdraia per prima ed a gambe divaricate
aspetta solo me da tempo immemore! Finalmente contro ogni previsione,è giunto il
ns.momento e per prima cosa le do un lungo,interminabile bacio labbra e lingua,
per poi scendere a succhiarle i capezzoli! Quindi giù succhiandole un po' l'ombelico
prima di raggiungere una perfetta fica rasata( sembrava la mia bambina) ed un interminabile
leccata,prima delle grandi labbra e poi con la lingua insinuata dentro a saggiarne
l' afrodisiaco sapore! Dopodiché "lui" non resisteva più ed è salito a fare cucù e
presentandosi all 'ingresso della fica,quasi a voler chiedere il permesso,s'introdusse
senza problemi dopo la lunga sleccata precedente! Lei si tirò un po' più dietro sul letto
per farlo entrare più a fondo! Poi assecondo' il su e giù smuovendosi sul letto cigolante,
Ed infine si rigirò di spalle( di culo) chiedendo di essere penetrata nel caldo,stretto
buchetto invitante! "Lui ebbe un'impennata stile cavallo e si fiondò direttamente sulla
agognata preda di una vita: il culetto di Cristina! Ed è proprio li'dentro che esplose
di gioia,di emozione e di sperma ,innaffiandole il canale anale per quasi 5 minuti
Uscendo fuori poi,lei lo volle pulire con la lingua,guardandomi fisso negli occhi
e dicendomi:" tua Moglie sa' accontentarti così?" Ed io ebbi come un brusco risveglio
e le dissi :" è vero, è tardissimo ,le ragioni di lavoro non reggono più,devo fuggire "!
E con un ultimo bacio frullato la salutai grato!

Questo racconto di è stato letto 3 0 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.