In famiglia - Mio figlio Filippo è solo mio figlio

Scritto da , il 2017-08-31, genere incesti

Mio figlio Filippo è mio figlio !

Ho scoperto le qualità di mio figlio Filippo sin da quando .... nacque, anche se sono sua madre solo ora posso dire di averglielo preso in bocca, usato e assaggiato, prima di qualsiasi altra donna, ho apprezzato quelle sue qualità che poi sono diventate qualità nascoste dal pantalone, anche se sono nascoste per a tutti tranne che per me, quando nacque avevo 19 anni, non ero sposata e vivo con i miei genitori ambedue inpiegati in una ditta di import-export di livello internazionale, la sede principale è a Londra, si conobbero sul posto di lavoro si innamorarono e si sposarono.
Qualche anno fa l'azienda ebbe dei problemi e dall'Inghilterra mandarono un funzionario che doveva verificare l'andamento della società e risolvere qualche problema che aveva lasciato la vecchia gestione, i miei fecero amicizia con lui e con la moglie, spesso venivano cena da noi o andavamo noi da loro, avevano un figlio un simpatico ragazzo di nome Philips ma si presentava e voleva essere chiamato Phil, a me piacque subito per lo stile che aveva, per come si comportava con me e la mia famiglia e in privato con me, non essendo italiano era differente, forse fu per questo che mi innamorai di lui, pensavo che mi sarebbe passato perchè presto sarebbe dovuto ritornare con i suoi in Inghilterra ma non fu così, avevamo la stessa età, quelo che piacevano a lui piaceva anche a me e viceversa.
Insieme andavamo ai concerti dei nostri comuni beniamini, stavamo andando ad un concerto entrammo in un bar e fu in quel bar che bevvi per la prima volta un liquore, mi piacque l'alcool mi inebriò a tal punto che ne volli ancora, al terzo mi fece smettere e uscimmo per andare al concerto, con lui mi mettevo sotto al suo braccio quella sera camminavo non sotto al suo braccio ma aggrappata a lui parlavo molto e a voce alta e a volte urlavo fu per chiudermi la bocca mi diede il primo bacio della mia vita non parlavo ma urlavo, baciandomi mise una mano sui miei fianchi me li carezzò, scese e mi alzò la gonna, oltre a questo il bacio durò molto perchè piaceva a tutti e due darcelo, la smettemmo dopo circa 10 minuti infatti arrivammo appena in tempo per vedere l'inizio del concerto da allora cercammo di stare più tempo possibile insieme per abbracciarci, toccarci, baciarci, ci facevamo tante carezze sperando che questo non avesse mai fine per come stavamo bene insieme, era bello quando mano nella mano ci dicevamo le nostre ambizioni, i nostri desideri quello che volevamo fare quando saremmo andati a vivere in una casa tutta nostra, passavamo ore a parlare dicendci queste cose, il nostro grande desiderio è stato sempre quello di donarci l'uno all'altra fu per questo che quando i miei andarono 2 giorni da una mia zia in un'altra città, con loro andava anche mia sorella Flavia, io dissi che non potevo andare dovendo studiare per un esame importante che dovevo fare il lunedì, dovevo finire di prepararlo restavo quei 2 giorni a casa per farlo dalla zia non lo avrei mai potuto fare, dissi una bugia lo avevo preparato e mi bastò neanche 1 giorno per finirlo passai il tempo a lavarmi a truccarmi, misi il profumo e un abitino leggero che a lui piacevano non misi biancheria intima ....sapevo quello che volevo.
Quando fui pronta telefonai a Phil, gli dissi che il giorno dopo potevamo stare tutta la giornata insieme da soli a casa mia, ero sola, se poteva venire ora potevamo dormire insieme, lui mi fece sentire che diceva alla madre che sarbbe andato a casa di Carlo un suo amico per passare con lui la sera, avrebbe dormito da lui, la madre rispose di si e lui disse "Carlo ho detto che stasera dormirò da te ciao ci vediamo fra poco !" sottovoce disse "Ciao amore ti voglio bene !" dopo pochi minuti che a me sembrarono una eternità, sentii una dolce musica per le mie orecchie era Phil che aveva bussato il campanello della porta di casa, mi alzai aprii la porta, entrai in uno stato di catalessi, restai ferma e immobile lo fissavo, lui capì entrò chiuse la porta e mi baciò con un impeto maggiore del primo bacio che mi diede, gli risposi con lo stesso ardore, ritengo che dovettero passare ben più dei 10 minuti di quel primo bacio ma dovendo riprendere fiato dovemmo sospendere anche se fu solo un fatto momentaneo.
Quando mi guardò mi prese le mani nelle sue e disse "Stella stasera non sei bella, sei bellissima, rispecchi il tuo nome sei una vera stella, spero solo che tu non sei la mia cometa ma sarò felice solo quando sarai quella stella che avrò per sempre vicino !" lo baciai di nuovo e non so se dopo 10 forse 15 minuti gli dissi "Amore poi ne parliamo ora pensiamo a preparare cucino io, tu devi dirmi se ti piace o no !" lui non rispose ma iniziò a passare le sue mani sui miei lunghi capelli, partendo dalla testa mi carezzò e baciò il collo poi scese più giù passando le sue mani sui miei seni e sentì la voglia che avevo di lui, perciò scese ancora con le mani sui fianchi e me li accarezzava, io non resistevo, volevo sentire quale piacere da fare l'amore con chi si ama, misi ua mano sul pantalone sentendo il suo cazzo duro anche se era la mia prima volta sapevo che quello era il segno di quanto mi desiderase.
Mi accorsi che mi aveva alzato il vestito solo quando sentii la sua mano fra le mie gambe, non avendo niente e fu per questo che subito senti la fica bagnata, il mio gioiello non più nascosto per lui, stringendomi con l'altro braccio disse "Ora dobbiamo vivere il momento che vogliamo, a mangiare ci penseremo alla fine !" mi abbracciò, baciandolo mi diressi verso la mia stanza non andai nella matrimoniale dei miei perchè era la mia prima volta, avrei sporcato le lenzuola.
Presi dall'ardore riuscimmo a entrare nel mio lettino era stato cambiato il mese prima con uno adatto ai miei 188 centimetri di altezza, era anche più largo, accolse bene i 191 centimetri di Phil, quella sera facemmo l'amore senza fermarci per tutta la notte, lui era in grado di farmi godere facendo in modo di tenere il suo gioiello fra le mie gambe e tenendolo dentro duro anche più di 30 minuti, finimmo solo quando entrarono i primi raggi del sole nella stanza, ci prese la stanchezza ci addormentammo abbracciati. solo io mi svegliai verso le 11 e mi impegnai a trovare qualche difetto a Phil, non riuscendo a trovarne nessuno lo iniziai a toccare e a giocare con il suo cazzo che da moscio quale era nelle mie mani riprese il vigore della notte, lo baciai dicendo "Mio signore adorato è la vostra schiava che vi vuole, desidera che siate sempre con lei permettetemi di pirgervi i segni della mia stima !" lo misi in bocca e alla luce del giorno vidi che vicino aveva una macchiolina di un colore simile alla crema, quando ebbi finito gli dissi quello che avevo visto, mi rispose che doveva essere una voglia generazionale, la aveva anche suo padre, iniziai a leccarlo, a baciarlo facendogli un pompino, era la mia prima volta ma la volta per tutto quello che stavo facendo ma ci mettevo tutta la mia buona volontà e la voglia di farlo bene non mi mancava perchè mi lo facevo a Phil che sembrava svegliarsi ma non voleva perdere il piacere aprì gli occhi solo quando ebbe l'orgasmo, dopo aver bevuto il nettare che gli uscì iniziai a leccare di nuovo quello che era il nostro comune piacere capii di aver finito quando Phil aprendo gli occhi disse "Pensavo fosse solo un bel sogno, non volevo aprire gli occhi, se per te è stata la prima volta e non lo avevi mai fatto amore ho visto che tu hai una vocazione naturale per trattare bene con i cazzi ci sei portata !" risposi "Buongiorno amore mio, devo dire che hai sbagliato la mia non è una passione per i cazzi, ma solo ed esclusivamente per il tuo cazzo, lui mi ha dato modo di esprimermi in una arte che non sapevo di avere, è da ieri che non mangiamo, penso sia meglio mettere qualcosa dentro per fare in modo da continuare dopo pranzo !".
Ci alzammo vidi la macchia sul lenzuolo e dissi a Phil che lo dovevo cambiare, mia madre quando entrava nella mia stanza guardava tutto lo avrei fatto più tardi, andammo in cucina dopo aver fatto la doccia insieme facemmo una prova per vedere se in piedi sotto l'acqua era bello farlo ci piacque tanto quando finimmo mi abbassai e glielo ripresi di nuovo in bocca, era bello farlo e sentire l'acqua sul viso, ci volle qualche minuto in più ma "il mio piacere" si comportò ancora in maniera egregia, andammo in cucina e preparai la tavola, mangiammo nudi e in fretta, avevamo una forte voglia di tornare a letto, a nessuno dei due venne il pensiero di toccare o fare carezze all'altro.
Finito il "pranzo" tornammo di nuovo nella mia stanza dopo esserci messi nel letto mentre toccavo e accarezzavo Phil toccando con mano vidi che il mio piacere era pronto a servire in maniera egregia il suo padrone gli andai vicino lo baciai dicendo "Egregio principe Mio Piacere, la sua devota principessa 'Cian Bel Cul desidera che sua maestà entri nel regno dove sarà accolto nel miglor modo possibile con piacere faccio questa richiesta sicura che da lei sarà accolta ! quando lo baciai mi accorsi che era pronto fu per questo che presi Phil per la mano andammo in cucina con l'olio bagnai con la mano la punta del glande del " il mio piacere" sentendolo pronto a fare il suo dovere per darci ancora altro piacere, mi bagnai anche il buchetto del culo e mi appoggiai al tavolo, Phil capì che volevo averlo in culo in piedi e me lo appoggiò sul buco del culo, sentì il suo gradimento e piano piano per non farmi male lo mise dentro, sentirlo entrare così non mi faceva male del resto era accolto con molto piacere da parte mia, Phil, lui si muoveva con molta calma in principio, non aveva fretta fu quando gli dissi di andare più forte e veloce che non sentiva i gemiti del mio piacere, ma le urla del mio piacere nel sentirmelo dentro al culo, Phil continuava ad andare avanti e indietro, io godendo gli dissi "Se sapevo che era così bello fottere non aspettavo 19 anni Phil, il tuo cazzo mi fa impazzire, lo vorrò tutti i giorni, più volte al giorno quando vivremo insieme. Non smettere continua ancora !" e con una mano mi toccavo la figa ed era ancora più bello avemmo l'orgasmo quasi insieme il mio fu il primo qualche secondo dopo lo ebbe lui sentivo una invasione nel mio culo con questo avevamo completato, tornammo sul letto e ci abbracciammo ma stemmo poco, guardai l'orologio sulla parete si era fatta l'ora che i miei avevano detto che sarebbero partiti per tornare, ci volevano cirda 2 ore - 2 ore e mezza ma dovevamo fare la doccia avrei dovuto pulire e mettere a posto ci alzammo, sotto la doccia per fare presto non facemmo niente io rimisi il vestitino, cambiai il lenzuolo lo misi in lavatrice e la misi in moto per farlo bagnare Phil mi aiutò a pulire in cucina ci salutammo con un altro bacio di 10 minuti ma prima di andare via stabilimmo che ci potevamo vedere solo tre giorni dopo al parco causa le mie lezioni all'università.
Quando andai all'appuntamento al parco, dissi a Phil che i miei erano tornati dopo oltre tre ore da quando lui se ne era andato, avrei voluto lui vicino a me per poterlo accarezzare ancora, per questo andata nella "nostra" stanza mi ero messa a piangere non si erano accorti di niente, mio padre mi aveva chiesto se mi ero annoiata a stare da sola a studiare stavo per ridere, ma gli risposi che non mi ero accorta del tempo che passava perchè ne avevo passato gran parte a studiare, ma non dissi che gran parte del tempo la avevo passato a studiare il comportamento del principe, il nostro piacere che ha servito me e te che sei il suo re egregiamente, gli dissi anche che sabato probabilmente ci potevamo rivedere, avevo sentito che mio padre voleva parlare con il suo per fare in modo di cenare insieme ci saremmo rivisti, e lui disse che era l'occasione per dire che stavamo insieme, che aveva intenzione di rivedermi e restare in Italia se io non volevo trasferirmi in Inghilterra, mi chiese se volevo andare con lui o lui doveva trovarsi un lavoro in Italia, gli risposi che prima di decidere volevo laurearmi e a quel punto il discorso fu chiuso, ci mettemmo a camminare mano nella mano e ogni tanto ci davamo un bacio per un minimo di 5 minuti.
Fu il padre di Phil che disse a mio padre di andare sabato da lui a cena ci aspettava alle 18,30 quando bussammo ci aprì Phil i suoi genitori erano vicini, era stato più veloce di loro e fu lui ad aprire la porta ci fece entrare, aspettò quando fui vicino a lui, mi abbracciò e mi diede il solito bacio accettai di buon grado questa sua volontà di dichiarare a tutti l'amore che ci legava, si meravigliarono tutti, era tangibile la sorpresa sui loro volti, nonostante ci dicessero di smettere che lo avremmo potuto fare anche dopo, prima dei soliti 10 minuti non riuscimmo a staccare le nostre labbra, quando finimmo il padre di Phil disse con la sua solita ironia "Ragazzi potevate dire che vi volete bene anche dopo cena sarebbe stato un ottimo digestivo !" ci salutò e andammo a iniziare quella che per me, sarebbe stata la nostra ultima cena insieme !
A tavola Phil aveva fatto in modo di poterci sedere vicini capii che aveva anche pensato a questo nel sistemare i posti e non mi meravigliai tanto, seduti a tavola le sue mani non stavano quasi mai ferme, mi accarezzava sia sopra che sotto al tavolo mentre mangiavamo il padre disse che se ci volevamo bene e volevamo stare insieme, uno dei due si doveva trasferire, Phil rispose che voleva venire lui a vivere in Italia e fu a questo punto che il padre disse "Uno del motivi di questa bella serata è che mi hanno detto da Londra di pensare a un mio spostamento, perchè la sede francese di Lioni ha gli stessi problemi che ho risolto da voi, per questo volevo dire a Phil se vuole prendere lui il mio posto, a quello che ho visto e sentito penso che voglia restare, deve solo andare a Londra, presentarsi per qualche giorno farà una settimana di colloqui di lavoro se lui è d'accodo .... ma penso di si !" Phil rispose "Grazie papà finisco di cenare e parto mi dispiace che non vedrò Stella per 7 giorni ma ti chiamerò amore !" sorridendo il padre rispose "Non vai subito, devo avvisare Londra non penso lascerai Stella sola prima di dieci giorni !" felici io e Phil ci abbracciammo e ci demmo il solito bacio .... per i solti 10 minuti, a cena finita tornando a casa sentivo la gioia nella mia voce nel raccontare di come era iniziato e di quanto io e Phil ci volevamo bene, quella sera dormendo sognai Phil e .... il suo principe, non ricordo di avere mai più dormito così bene .... fino ad ora.
Nei giorni successivi ai due annunci ufficiali non ci potemmo vedere molto a causa delle mie lezioni universitarie e dell'impegno di Phil per imparare, cercava di capire come si svolgeva il lavoro del padre, cosa avrebbe dovuto fare quando avrebbe preso il suo posto, dopo vari giorni chiesi a Phil se davo fastidio andando il pomeriggio successivo a casa sua, mi rispose che lo avrei fatto felice era da troppo tempo che non ci vedevamo, sua madre gli chiedeva sempre della stella che aveva illuminato la sua strada, gli diceva anche che le avrebbe fatto piacere rivedermi, il giorno dopo andai a casa sua la madre mi accolse come una figlia, dicendomi "Il mio più grande piacere è stato quello di aver visto il grande affetto e l'amore che vi lega, vedevo Phil felice e non mi spiegavo perchè ora lo so, tu per me sei quella figlia che avrei tanto voluto ma Phil è stato il primo ed è l'unico figlio che ho avuto, devi aspettare qualche minuto Stella rientrano dopo perchè Phil quando sostituirà il padre vuole essere sicuro di fare bene il suo lavoro".
Dopo circa 1 ora li sentimmo arrivare, la madre mi disse di aprire io la porta, lei non voleva far bruciare la cena, non avevo detto a Phil che quella sera sarei andata a casa sua, mi avvicinai alla porta e attesi che si aprisse feci passare suo padre facendogli segno di non parlare, quando arrivò mi vide alla porta gli chiusi la bocca rimasta aperta per la meraviglia di vedermi, con il solito bacio questa volta non di 10 ma di circa 15 minuti, il padre e la madre aspettavano guardandoci quando finimmo la madre mi chiese se retavo e cenare con loro, risposi che stavo preparando la tesi, la volevo dare fra meno di un anno, ma ero felice di stare a parlare un poco con il mio amore uscirono, quando fummo soli lui mi disse che prevedeva di andare a Londra con il padre e la madre la settimana dopo e da solo sarebbe andato alla sede di Genova per presentarsi, dopo circa 2 ore e a malincuore andai a salutare i suoi genitori, lui mi accompagnò fino alla strada, nello scendere lo abbracciai toccandogli il pantalone dissi "Mio principe non obbedisca al suo re fin quando non vedrà me, glielo ordina la sua regina !" a nome del principe rispose "O mia regina vicino a lei sono sempre sugli attenti obbedisco solo a lei e ai suoi ordini faccia di me, quello che vuole mia adorata !" ci demmo il solito bacio di 10 minuti, Phil, aspettò con me e quando vedemmo l'autobus arrivare ci salutammo con un abbraccio .... altrimenti lo avrei perso, quella fu l'ultima volta che lo vidi.
Prima che partisse ci sentivamo spesso, alla sede di Londra stette 7 giorni, una volta al giorno si faceva sentire, quando mi chiamò da Genova gli dissi che non avendo avuto le mestruazioni avevo fatto l'esame clinico e l'esito era la conferma che aspettavo un bambino da lui, udii un urlo di gioia mi disse che era felice, avrebbe avvisato in sede che per un motivo personale doveva rimandare e sarebbe partito con il primo treno del giorno dopo per venire da me, gli dissi che lui era l'unico a cui lo avevo detto e che avremmo deciso insieme cosa e come fare, non mi telefonò più, nella mattinata del giorno dopo venne il padre da noi per dirci che la sera prima un pirata della strada lo aveva investito, lui lo aveva saputo da un dirigente della sede di Genova, perchè Phil non era andato in sede e avendo chiamato in albergo aveva saputo che un pirata della strada lo aveva investito ed era fuggito, quando finì di dirlo pensai solo che il ricordo che mi aveva lasciato lo volevo e dissi "Voleva venire da me, ieri gli avevo detto per telefono che aspetto un bambino, io lo voglio se sarà maschio lo chiamerò Filippo come suo padre che non conoscerà e guardandolo ricorderò l'amore che c'era fra noi Phil è stato e resterà l'unico uomo della mia vita !" non ce la feci e mi misi a piangere e singhiozzare, urlando disperatamente il suo nome.
Mentre dicevo che ero in attesa di un figlio avevo visto la sorpresa sui loro volti per quello che stavano sentivano, volevo il ricordo di Phil sempre con me, avrei combattuto per dargli tutto quello che avrebbe desiderato nella sua vita, come avrebbe fatto Phil, la sera stessa partirono per Genova, io andai con loro, ero distrutta dal dolore ma volevo rivedere per l'ultima volta quello che era e resterà l'unico che ho amato, quando giungemmo all'obitorio di Genova non volevano farmi entrare per come era ridotto male, lo volevo vedere per l'ultima volta e entrai, fu solo quello che ricordavo di lui che mi permise di dargli l'ultima carezza, non piansi non avevo più lacrime, il padre dispose la traslazione della salma a Londra, non potevo andare a Londra con lui neanche adesso, la polizia era riuscita a prendere chi me lo aveva ucciso, mi dissero che era ubriaco e drogato, il giorno dopo tornando a casa in macchina dissi alla madre che ero io quel Carlo da cui Phil era andato a dormire oltre un mese prima quando i miei erano andati da una mia zia per due giorni, lei disse che da quel giorno lo aveva visto felice e sereno, quando arrivammo salirono a casa, li salutai e andai nella mia stanza cercando di riposare, ero distrutta ma la vita doveva continuare riuscii a dormire qualche ora.
Quando nacque Filippo la madre di Phil guardandolo vid la stessa macchiolina dove la ha suo marito e dove la aveva Phil, le dissi che la chiamava "la voglia generazionale" qualche mese dopo andai a dare la tesi di laurea portai Filippo con me, quando venne il momento che la dovevo discutere fu la fecità di mia madre tenerlo fra le sue braccia perchè Filippo è solo mio e di Phil non lo avevo mai fatto tenere in braccio da nessuno, lei compresa, discussa la tesi ebbi il massimo dei voti, la mia gioia fu riprendermi subito Filippo, baciarlo e dirglielo piano in un orecchio, mi sembrava di dirlo a Phil, lo volli tenere fra le mie braccia anche per tornare a casa in macchina con mia madre, per questo mi dovetti sedere dietro.
Saputa la notizia il padre di Phil, che con la scusa di non parlare bene il francese era rimasto in Italia, veniva a casa quasi tutti i giorni per vedere mio figlio, disse ai miei "Voglio parlare con Stella se le va io torno a Londra e vi gestirà lei !" quando me lo disse risposi che dove andavo io doveva venire anche Filippo, se all'azienda stava bene avrei accettato l'incarico altrimenti avrei cercato un altro lavoro che con il punteggio di laurea che avevo avuto e la specializzazione che avevo presa avrei trovato alle mie condizioni, mi rispose che non vedeva problemi, sarei andata a Londra e a Genova con il suo nipotino che aveva l'amore suo di sua moglie, ed era certo avrebbe avuto anche quello delle tutte le impiegate della mia sede di lavoro.
Fu così che un mese dopo andai con Filippo a Londra per un primo contatto iniziai parlando inglese, chi mi contattò disse che era figlio di italiani che avevano un albergo nelle Marche a San Benedetto del Tronto ed era inutile parlare in inglese che, da come aveva sentito, parlavo in maniera era fluida e corretta, dissero aveva avuto un esito positivo e mi invitarono ad andare subito a Genova per farmi conoscere dai dirigenti della sede italina dell'azienda, così feci avendo sempre Filippo con me, quando tornai a casa trovai i quattro nonni insieme che aspettavano non me ma di vedere il nipotino che stava crescendo e in quei giorni il mio principe, ora lo chiamo così, è molto più attento a quello che vede e che sente.
Ormai sono 5 anni che lavoro al posto del padre di Phil che 4 anni fa è ritornato a Londra dopo avermi fatto capire come svolgere il lavoro, devo andare 2 - 3 volte l'anno a Londra e a quello che dicono in sede, cosa che quando lo vedo lui mi conferma, sono molto soddisfatti del mio operato, +lui mi rimprovera di non portare più Filippo con me, gli ho spiegato che ormai lo lascio a casa accudito da mamma e papà e con i suoi amici, si è fatto grande a scuola, non posso farlo assentare per i miei viaggi che capitano sempre in periodi non di festa per lui, preferisco che vada a scuola, Filippo è socievole e ha bisogno anche di stare con gli altri.
Da quando non lo porto con me a Londra oltre a telefonargli viene lui a vedere come è cresciuto e quanto somiglia a Phil vedo questa grande somiglianza quando lo vedo nudo, a 6 anni ho preso il suo principe in bocca fingendo di volerlo mangiare un gioco che facevo anche quando gli cambiavo i pannolini e lui rideva, ora vedo che si sta formando come quello del padre, fra qualche anno sarà lui "il mio principe" se capiterà dovrò discutere con lui come lo facevo con Phil ma ora posso solo immaginare di farlo a Phil giocando con mio figlio.
Con l'aiuto finanziario che ebbi 5 anni fa che ho finito di restituire 6 mesi fa, sapendolo in vendita avendo avuto la disponibilità della azienda sono riuscita a comprare il villino dove abitava Phil, i miei dissero che non volevano venire perchè io e Filippo dovevamo vivere la nostra vita ma se serviva il loro aiuto sarebbero venuti volentieri, fu una fortuna che io e mio figlio vivevamo da soli, lui è identico a Phil anche per "il mio principe" che con l'andare del tempo è di nuovo mio !
Sin dalle prime settimane che ci trasferimmo nel villino, stabilimmo tacitamente che quello che succedeva doveva restare nel villino, nessuno doveva sapere nulla, fu accordo che rispettammo e che ancora è valido fra noi, infatti quando trovai in casa lui e una ragazza nudi guardai solo un attimo quello che era il mio principe e vidi che mi avrebbe fatto piacere baciarlo e andai nella mia camera, quando sentii salutare la sua amica e chiudere la porta, avevo messo solo una vestagietta leggera e trasparente e niente altro, lo chiamai mi disse di aspettare che era nudo, gli dissi di venire lo stesso entrò con il mio principe sugli attenti, lo guardai lo presi in una mano lo portai alla bocca lo baciai e dissi "Sei bellissimo !" e pensando a come li facevo a Phil gli feci un pompino, mettendoci tutto l'ardore e la passione che spontaneamente vennero di nuovo fuori, quando ebbe l'orgasmo bevvi tutto e lo pulii con cura come facevo a Phil aveva lo stesso principe non disse niente, mentre lo tiravo sul letto mi mise un mano sul culo vide che ero nuda mi alzò la vestaglietta, steso sul letto mi diede un bacio che come quelli che ci davamo io e Phil durò 10 minuti mentre lui accarezzava me e io il mio principe che era vivo nella mia mano fu per questo che mi misi sopra di lui avendo le stesse emozioni che mi aveva dato Phil non pensavo che era il figlio, vivevo di nuovo gli stessi dolci bei momenti che avevo avuto con il padre, Filippo ebbe l'orgasmo mi stesi vicino e lo abbracciai stette qualche minuto si girò e mi venne sopra, io aprii le gambe e mi fece tornare indietro di quasi venti anni, sentivo Phil dentro a quello che lui chiamava il mio gioiello non più segreto e io rispondevo "Era nascosto ma ora è e sarà sempre e solo tuo Phil !" non lo pensai ma lo dissi, Filippo mi rispose "Mamma ora sei mia non sei più di papà. Quando siamo andati al mare ti vedevo bella, ho visto che nuda sei bellissima !" io dissi "Piccolo mio sei mio figlio, ora non sento te ma tuo padre dentro di me, come amavo lui sto amando te amore mio stai facendo felice la tua mammina risento di nuovo il mio principe dentro di me !"; come faceva Phil anche lui si tratteneva uscendo quasi fuori prima di uscire lo rimetteva dentro con forza facendomi gustare di nuovo il piacere di sentirlo dentro, questo per circa 30 minuti prima di avere insieme l'orgasmo, quando mi ripresi mi girai e mettendogli la testa fra le gambe iniziando a fargli un altro pompino, il mio principe ubbidiva aj voleri del re e della regina mettendosi subito sugli attenti al loro servizio era venerdì sera per tutta la notte continuammo come con Phil smettendo solo alle prime luci dell' alba, ci siamo addormentati abbracciati, quando lui si svegliò io dormivo ancora, non mi accorsi che delicatamente mi apriva le gambe passava la lingua dolcemene giocando con il mio clitoride lo succhiava, lo mordìcchiava con le sue labbra piano piano, dormendo avevo la stessa sensazione di stare sognando come la ebbe Phil quando lo feci a lui e come lui non aprivo gli occhi per non svegliarmi, aprii gli occhi solo quando Filippo continuando si girò e mise il mio principe sulle mie labbra, mentre lui giocava fra le mie gambe io baciavo il mio principe e mentre io allagavo la sua bocca lui allagò la mia ci dedicammo con la lingua alla loro pulizia alle 12,30 andammo a mangiare alle 13 tornati nel nosto nido abbiamo continuato fino alle 16 perchè alle 17 venivano alcuni amici a prenderlo per uscire andammo a farci la doccia insieme io volendo rivivere la sensazione dell'acqua sul viso lo presi di nuovo in bocca quello fu solo l'inizio del nostro piacere futuro.
Filippo è un buon amante quando siamo a casa la prima cosa a cui pensa è al mio culo dice che è bello, lo accarezza, lo prende a schiaffi, lo mordicchia succhiandolo, lasciandomi i lividi e dicendo che gli piace sentire i miei gemiti quando me lo fa e quando facciamo l'amore, quando mangia il mio principe si eccita anche solo a ricordargli quello che abbiamo fatto in quel giorno e quella notte che ci fece capire quanto vogliamo stare sempre insieme, se stiamo mangiando a tavola mi piace toccarlo sul pantalone lui si eccita gli apro la cerniera mi inginocchio sotto al tavolo lo prendo in bocca, lo faccio eccitare lo sento ansimare perchè è vicino all'orgasmo ed è a quel punto che mi fermo, mi alzo in piedi e vado in giro per la casa, lo sento chiamarmi inizia con dolci paroline, quando non ce la fa più a resistere dice "Troia di una madre, puttana se mi fai masturbare non vedrai mai più il mio cazzo stronza !" detto questo vado in cucina lui si fa trovare con il mio principe in mano si alza con la forza mi stende sul tavolo, in piedi mette il mio principe nella fica, il padre non lo avrebbe mai fatto sono io che gli faccio fare questo e altro.
I miei genitori e tutti in azienda mi chiedono il perché del mio miglioramento, del mio evidente stato di gioia che loro sentono sto vivendo, ora mi vedono vivere non sapendo cosa ho dentro di me, del cambiamento fisico che ho dicono che io sia ora più attraente, da quando io e Filippo siamo amanti, a loro e a chi me lo chiedeo acceno solo a un cambiamento che sto avendo nella mia vita mi fermo e non dico altro.
A fine settimana spesso io e Filippo andiamo fuori in un alberghetto familiare che trovammo in una regione turistica vicina, sta in collina, è tranquillo e la cittadina è molto bella la visitiamo con piacere, la sera come due fidanzati, a me danno 10 anni in meno lui 5 in più, quando parlano di noi ci credono fidanzati, una volta lui mise una mano sul culo gli dissi di toglierla che lo potevano vedere mi rispose "Il culo che hai mamma loro lo possono solo guardare e non toccare, guardare e non toccare sono cose che fanno crepare, sicuro io non crepo !" quando dice queste cose dimostra che è mio figlio, quello che vuole diventare un figlio di puttana, lui vuole fare di me una puttana in quanto ogni tanto mi dice che vuole vedere come godo con un altri, un suo amico che si chiama Giorgio, lo conosco è un bel ragazzo a cui so di piacere, lui è sicuro che se voglio mi scopa con piacere, mi ha chiamato in ufficio stamattina mi ha detto che alle 17 sarebbe venuto a casa e mi voleva trovare vestita come la prima volta che abbiamo scopato, alle 16 andai via quando giunsi la prima cosa che feci fu di farmi la doccia, mi spogliai mettendo solo la vestaglietta trasparente mancavano 10 minuti alle 17, mi sedetti su una sedia di fronte la porta e lo aspettai, con le gambe accavallate la vestaglietta scese sulle gambe facendo vedere in parte la figa che lui mi aveva voluto depilare qualche giorno prima, lo sentivo fuori, mi accesi una sigaretta, quando aprì la porta mi guardò e disse "Giorgio vieni a vedere quando vuole che grande troia diventa mia madre !>> capii che voleva farmi scopare da Giorgio, mi coprii le gambe mi alzai per andare in camera a cambiarmi si mise davanti e mi diede un bacio, mi aprì la vestaglietta toccandomi i fianchi, quando mi carezzava così impazzisco non reagisco, nel frattempo Giorgio era entrato e chiusa la porta si era fermato a guardare, mio figlio gli disse di venire più vicino e togliendomi la vestaglietta mi fece vedere nuda da lui dicendo "Troia ti piace quando lo lo facciamo ora lo devi fare con Giorgio !" cercavo di fuggire ma lui mi spinse verso il tavolo dicendo a Giorgio di mettere fuori il cazzo che mi avrebbe scopata mentre lui con una mano si apriva la lampo del pantalone, mi fece inginocchiare dicendo a Giorgio di mettermelo in bocca, prendendomi per i capelli mi alzò la testa e disse "Fagli vedere quanto sei brava mamma !" costringendomi a fare un pompino al suo amico, iniziai poco dopo mi tirò su per i fianchi, sempre con il cazzo in bocca pensai di aver perso ogni pudore, non penso di averne mai avuto, il mio culo accolse bene il mio padrone non ci fu bisogno di olio, sentendo Giorgio ansimare con il mio padrone sempre nel culo mi tirò a terra sopra di lui dicendomi di aprire le gambe e a Giorgio di mettermelo nella fica, non mi dispiaceva sentirne due dentro stavo godendo, quando finirono mentre mettevo la vestaglietta pensavo che Filippo aveva fatto di me una puttana, avevo capito che mi piaceva esserlo e prima che Giorgio andasse via gli aprii il pantalone, gli presi il cazzo con una mano lo baciai e dissi "Lui è il mio padrone, tu sei diventato il mio non segreto amore, ciao a presto rivederci !".
La sera andammo a letto, Filippo mentre mi scopava mi disse che a Giorgio fare questa esperienza era piaciuto molto, gli dissi che lo avrei rifatto se lui voleva, era piaciuto anche a me avevo capito da lui che ero puttana che mi piaceva prendere i cazzi, godevo di più prendendo più cazzi insieme, rispose che se mi era piaciuto così tanto ne avrebbe organizzato altri di questo genere, se doveva telefonare in ufficio per farmi capire che aveva organizzato un'alta chiavata simile mi avrebbe detto le stesse cose.
Vado in ufficio sempre meno vestita e mi fa piacere farmi guardare, per questo mi capita di abbassarmi in modo da spingere gli occhi di chi ho vicino a guardarmi il culo, non metto gli slip da quel giorno, sono e voglio che si capisca che per amore del cazzo so di essere diventata una puttana, mi piace molto quando ci provano con me farli eccitare sapendo che poi scoperanno pensando di scopare me ma io scopo solo con mio figlio e con chi vuole lui, mi sento sempre più una puttana per amore di Filippo se è questo che lui vuole lo vooglio anche io !
Mia sorella Flavia che si sposò 8 anni fa dopo il matrimonio andò con il marito in Spagna non ha figli, è divorziata e da 2 mesi non volendo restare in Spagna è tornata a vivere con i miei genitori, da vari anni non la vedevo, ieri mia madre in ufficio mi ha detto che oggi sarebbe venuta alle 17 a casa mia perchè era da tanto che non ci vedevamo le dissi che probabilmente quella dovendo parlare con un cliente sarei rientrata verso le 19 / 20, a casa avrebbe trovato Filippo che le avrebbe fatto compagnia aspettando che finito con il cliente, io sarei tornata, quella sera avvisai Filippo che Flavia, mia sorella che aveva visto solo quando era piccolo, sarebbe venuta a casa verso le 17 mi disse che a quell'ora era in casa non doveva uscire e che le avrebbe fatto compagnia volentieri, il giorno dopo confermai a mamma che sarebbe stato Filippo a fare gli onori di casa a Flavia, avrei visto che gli onori non di casa ma a casa li avrebbe fatti Flavia a Filippoverso le 16 andai da quel cliente e come prevedevo finii non alle 20 ma alle 21, chiamai casa e dissi a Filippo che stavo partendo da quel cliente avrei impiegato circa 30 minuti, quando partii mentre guidavo pensai che i letti a casa li avevo pronti e Flavia poteva restare anche a dormire da me, dopo circa 25 minuti ero a casa messa la macchina nel box aprii la porta di casa.

3 di 3 Ultimo episodio
Flavia disse "Ora capisco perchè non ti sei sposata di nuovo hai in casa quello che ti piace !" ho risposto "Si trovato Filippo non avevo bisogno di un altro uomo, mi sono fatta sterilizzare, non abbiamo bisogno di protezione, ora non gli basto solo io vuole avere altre emozioni !" disse "Non capisco quali sono" le rispondo "Domani vengo prima e vedrai anche tu quali sono, parteciperai anche tu !" Filippo aveva detto che lo avrebbe fatto mi telefonò e disse "Voglio trovare te e tua sorella insieme come sai !" dissi a mamma che Flavia si tratteneva anche stanotte da me e andai via subito, ero eccitata non ce la facevo, volevo sapere il più presto possibile quello che Filippo aveva e organizzato per farmi passare la serata che mi aveva promesso, ci misi meno a arrivare a casa, dissi a Flavia di seguirmi in camera mia si sarebbe messa qualcosa di leggero semplice da togliere subito aspettando i cazzi che stava portando Filippo, mi misi la vestaglietta che gli piaceva, a lei ne diedi una simile scendemmo nel salone aspettando le sorprese poco dopo le sentimmo arrivare immaginando la cosa come sarebbe andata io e Flavia aspettavamo in piedi, con le vestagliette aperte, che si aprisse la porta, quando si aprì non entrò prima Filippo ma un suo amico che si abbassa subito il pantalone facendo vedere il cazzo disse"Abbiamo dei regali per la padrona di casa, non sapendo chi di voi due sia, aspetto che se lo venga a prendere !" mentre mi avvicinavo vedo altri ragazzi entrare facendo lo stesso, prendendo il primo entrato in mano e fatti entrare gli altri, chiudendo la porta dissi "Vengano avanti signori siete 6 splendidi cazzi, la mia figa e quella di mia sorella sono tutte per voi fatene buon uso !" abbassandomi misi in bocca quello avevo in mano era contento, lo ero anche io, questo voleva mio figlio lo stavo facendo perchè lui mi ha fatto capire quale puttana pigliacazzi sono sempre stata senza rendermene conto.
Avevo voglia di fare qualcosa di speciale, mi domandavo una pigliacazzi puttana come mi sento cosa poteva fare per far contento mio figlio che mi voleva sempre più puttana, mentre stavo facendo quel pompino mi venne l'idea, prendere 4 cazzi insieme, avevo trovato come fare, chiamai Giorgio e Filippo dissi loro di tenersi pronti per fare quello che avevamo fatto qualche giorno fa, due stavano giocando con Fabiana chiamai con un gesto della mano gli ultimi due aspettavano il momento per farsi una di noi, li feci venire vicino misi il mio signore di Giorgio nel mio culo, mi stesi a terra con lui dietro, feci segno a quello che avevo in bocca di inginocchiarsi e rimettermelo in bocca, ai due che aspettano ne feci inginocchiare uno per fargli una sega all'altro feci segno di metterlo nella fica.
Mi resi conto che stavo prendendo non 2 ma ben 4 cazzi, avendo una mano libera potevo anche prenderne 5,Filippo mi disse "Mamma non penso che ci possa essere una più puttana di te !" cacciai fuori quello che avevo in bocca e risposi "Mi hai fatto diventare tu una pigliacazzi, senza te figlio di puttana non avrei mai saputo quanto è bello fottere così, devo dirti grazie per i cazzi che mi hai fatto prendere fino ad ora !" rispose "Mamma sei una fgrande troia, se ti piace così tanto non ti preoccupare te ne farò prendere ancora, tu sei una grande zoccola mamma, ora continua !" ripresi il cazzo in bocca e così andò la serata, fu molto movimentata mia sorella ha la stessa mia vocazione e lei si divertì e fece divertire ma non riuscì ad eguagliarmi.
In seguito Filippo facendo venire Fabiana ha organizzato altre di queste serate, volevo che fosse assunto dalla mia ditta ma lui disse che si sarebbero accorti che eravamo amanti oltre che mamma e figlio e non volle venire, andò fuori a lavorare si sposò ma una volta al mese viene da me per farmi controllare il mio principe come sta, lo trovo sempre in forma sempre in grado di soddisfare sia la moglie che la mamma, la sua regina.

FINE

Questo racconto di è stato letto 1 4 7 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.