Naja non sempre è noia

Scritto da , il 2017-08-31, genere gay

Correvano gli inizi degli anni 80 quando mi arrivò la fatidica cartolina di presentarsi per la visita militare.A cavallo tra i18 e mezzo circa;visita a Roma e trasferimento sempre nella mia regione(LAZIO)sia per il C.A.R. Che per la definitiva destinazione per 12 mesi( Corpo Aeronautica).Ma non sempre naja è sinonimo di noia! Ho avuto occasione di fare simpatiche esperienze notturne,irreprensibile e serioso di giorno,birichino e gaio di notte! Il mio compito principale alternato di 3 ore in 3 ore in notturna era quello di "svegliare" i miei coetanei che dovevano "montare" di guardia( purtroppo presi a "montare" solo quella!) E quando questi erano immersi in un sonno profondo,non era affatto facile risvegliarli,ma io avevo un metodo tutto mio! Cominciavo a smucinare con le mani sui loro pantaloni mimetici rigonfi,come se fosse un PONGO,affinché non si risvegliavano e mi chiedevano:CHE CAZZO FAI ? Ed io:Cosa cazzo credi stia facendo,te lo sto risvegliando,come avevi chiesto!

Questo racconto di è stato letto 5 4 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.