Erotici Racconti

Tette, tette e ancora tette

Scritto da , il 2017-08-12, genere incesti

Lo so non si fa, non si dovrebbero avere fantasie erotiche sulla propria cugina, non si dovrebbe avere la voglia di realizzarle, eppure io queste fantasie erotiche le ho avute, e ho avuto anche la possibilità di realizzarle. Mia cugina si chiama Naomi, ha 21 anni, io mi chiamo Giuseppe e di anni ne ho 23. Naomi non è particolarente gnocca, è anche un po grande, ma due sono le sue qualità migliori, un viso angelico, e due tette da urlo. Giuro che sono enormi, almeno una quinta, e la cosa più bella è che non ha vergogna nel metterle in mostra. Da piccoli avevamo un bel rapporto, ci vedevamo più o meno spesso, e giocavamo molto. Poi le nostre faiglie si sono allontanate e di conseguenza noi, tanto che ormai mi rimaneva di seguirla sui vari social, e vedere le sue enormi bocce quando metteva foto al mare. Non era fidanzata, il tipo con cui stava da qualche anno l'aveva lasciata, e io ogni giorno mi sparavo le peggio seghe nel vedere le tette di mia cugina. Un giorno mi decisi a scriverle, gli chiesi come stava, parlammo del più e del meno e poi gli chiesi se gli andava di vederci per un caffè, tanto per ricordare i momenti passati. Lei accettò, e il giorno dopo ci vedemmo, prendemmo il caffè e poi risalimmo in macchina, io guidavo e la riaccmpagnai a casa. Arrivai sotto casa sua, ci fermammo un altro poco a chiacchierare, poi lei fece per andarsene, e ci salutammo con un bacio sulla guancia. In quel momento, feci scivolare la mia mano sul suo seno, aveva un vestitino molto scollato, e così toccai il suo seno. Lei rimase un attimo senza parole, tanto che decisi di approfittare, lo ritoccai,prima da vestito, poi accarezzai la parte di seno che il vestito lasciava intravedere, poi infilai la mano nel vestito e infine all'interno del suo reggiseno. Lei ormai godeva, e mi lasciò fare, e in poco tempo avevo le mie mani nel reggiseno di mia cugina,che non faceva altro che gridare. Baciai il collo e risalii fino ad arrivare in bocca, dove cominciammo a baciarci con passion inaudita. Decisi di toglierla dal sedile del passeggero e di farla salire su di me, tolsi l'ormai inutile vestito, così che potei affondare anche la mia bocca in quelle enormi bocce, succhiando e leccando ogni centimetro di quel ben di dio, concentrandomi sui capezzoli. Andò avanti così per un pò e poi lei andò via, dicendomi che il giorno dopo casa sua era libera. Così il giorno dopo andai a casa sua, si fece trovare già nuda, la buttai sul letto e iniziai subito a leccargli la fica, lei veniva e io leccavo i suoi umori. Cambiammo posizione, lei me lo succhiava e io la accarezzavo, fino a che non lo avevo duro da morir. Realizzai il mio sogno, la girai, la misi a pecora e me la inculai a morte, dando schiaffi sul culo e strizzando forte le sue tette. Stavo per venire, uscii dal suo culo e misi l'uccello nella sua bocca, espoldendo in un orgasmo potentissimo e facendole ingoiare tutto. Una scopata da urlo, che si ripetè sempre una volta a settimana da lì ad un anno e mezzo, quando lei si fidanzò.

Questo racconto di è stato letto 7 6 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.