Erotici Racconti

Tamara Samuele e la bottiglia, capitolo nono

Scritto da , il 2017-04-20, genere tradimenti

Eravamo partiti da Palermo, alla volta di Milano per un weekend da trascorrere a casa del mio amico Samuele. Era venuto a prenderci all'aeroporto. Da quando sua moglie non c'era più, viveva da solo. Come al solito, tutto ordinato, ci mise subito a nostro agio come sua abitudine. Una persona educata ed a modo. Ci consegnò la stanza da letto, lui avrebbe dormito in quella della figlia, che in quel momento non c'era, perché era andata dai nonni, per qualche giorno. Già ero informato di questa circostanza, avevo una idea fissa e non sarei andato a trovarlo, se lui non fosse stato da solo, per quel fine settimana.
Quella sera decidemmo di fare una passeggiata nel centro di Milano e poi di andare a mangiare qualcosa. Tamara, dopo una bella ora in bagno, a fare doccia e preparasi, usci ben truccata, con un abbigliamento, secondo me, provocante. Provo a descriverla. Un pantacollant strettissimo colore jeans, scarpe di colore nero, tacchi alti, il solito giubbino nero con niente sotto, ed un soprabito. Profumatissima, 1,70 circa, però con i tacchi, capelli biondi e lunghi, ben acconciati. Una bambola. Samuele non riuscì a trattenersi da lanciarle un «complimenti....» . Uscimmo e fu una bella serata. Andammo a cenare ed alzammo un po il gomito con del buon vino bianco. Un paio di bottiglie. Tamara solitamente non beveva, quella sera fece una eccezione. L'alcol su di lei faceva un effetto particolare, bastava qualche bicchiere per farla ubriacare e c'era subito la disattivazione dei freni inibitori.
Ritornando indietro nel tempo, la scema, perdette così, la sua verginità. Era una che ci teneva tanto ad arrivare illibata all'altare. La frequentavo sul posto di lavoro, ma si era messa con uno del nord. Lei aveva perso la testa, lui voleva solo sverginarla e si capiva da un miglio. Il giorno dopo San Valentino al lavoro era distrutta e ad un certo momento, rimasti soli, ad una mia domanda di chiarimento, da buon amico, scoppio in lacrime. Le chiesi cosa le era successo ma non volle raccontarmelo. Ero solo un collega di lavoro. Qualche giorno dopo lasciò quell'uomo, tra l'altro più piccolo di lei. Provando e riprovando, corteggiandola all'infinito, riuscii ad attrarre la sua attenzione e cominciammo a frequentarci. Prima di avere rapporti sessuali volle dirmi che non era più vergine e capii che era accaduto la sera di san Valentino di quell'anno.«Ci tenevi tanto» le dissi.«Avevo bevuto qualche bicchiere» risposte ed aggiunse «anche tu mi avevi consigliato di lasciarmi andare alla mia età, ricordi?». Era proprio vero, con lei ci provavo da anni, ma proprio non si dava, al punto di intuire che l'unico modo per avere una speranza, fosse che lei si facesse sverginare se non da me, da qualcun altro. Alla fine, fu una giusta intuizione, avvenuto il suo primo rapporto, aveva preferito ripiegare su di me. L'inizio con lei fu disastroso, dopo esserci intesi, qualche bacetto sul posto di lavoro, un giorno facemmo una piccola gita e ci divertimmo molto. La sera mi fermai in una zona di campagna per qualche effusione, ovviamente riuscii a sfilarle i pantaloni ma accadde l'imprevedibile, impotenza totale. Non potevo crederci , dopo averla desiderata per tanto tempo, mi ero fatto fregare dall'emozione. Ne parlammo, scherzandoci, per una settimana, il sabato uscimmo di nuovo e la sera, non avendo niente di meglio, ritornammo in azienda. Avevo preparato una coperta, la stesi a terra e dopo una bottiglia di spumante cominciammo a scambiarci effusioni. La penetrai e... come al solito.... le solite 10 spinte e dovevo uscire per non venire, continuai così per cinque, sei volte, ed alla fine altre poche spinte e venni sulla pancia di lei. Non mi sembrò molto soddisfatta ma da subito mi accettò così. Non ritenevo giusto che lei non godesse e acquistai i preservativi ritardanti. Con la scusa di dover fare attenzione li usavo e lei era d'accordo. Con i preservativi, finalmente, riuscivo a completare quasi normalmente il rapporto sessuale e lei sembrava più soddisfatta. Una sera ebbi la sensazione che avesse avuto un orgasmo pieno, forse è stata l'unica volta con me. Dopo essere andati a vivere insieme, lei non accettò più che indossassi i preservativi, ma a carne nuda avevo qualche difficoltà a mantenere l'erezione. Venivo subito dopo poche spinte, tranne quando ero sotto effetto dell'alcol. Il problema era che quando mi trovavo brillo, non partecipava per niente: Una bacchettona.
Ma ritorniamo alla serata con Samuele. Dopo cena, facemmo una passeggiata prima di raggiungere l'auto. Tamara era presa dal vino, un po su di giri e scherzava con il mio amico, anche un po pesante. A me quell'aria di allegria piaceva molto. Ci recammo a casa sua, che si trovava nella periferia della città. Salimmo su e Samuele propone di aprire una bottiglia di prosecco. Sorseggiamo il vino e mi viene un colpo di genio, propongo di fare il gioco della bottiglia. Era una sera che pensavo a come creare “la situazione” al punto che più volte, Samuele, avendomi visto impensierito, mi aveva chiesto se c'era qualcosa che non andava.... Con il gioco della bottiglia, speravo di avere trovato un buon pretesto per cominciare a rivelarci. La situazione era perfetta, eravamo consci ed un po brilli, a dire il vero Tamara più di tutti....... regole del gioco, si gira a turno, il primo che esce è la vittima, altro giro, il secondo che esce è quello che impartisce la punizione... dissi... io stesso aggiunsi, «senza alcun limite». Samuele fece un'espressione meravigliata.... ma accettò.... Ancora non sapevo cosa sarebbe successo da li a poco.... ci sedemmo a terra a cerchio, cominciai io e feci girare la bottiglia …... continua .....

Questo racconto di è stato letto 2 2 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.