Erotici Racconti

Da padrona a schiava

Scritto da , il 2017-04-20, genere dominazione

Anno 72 A.C.
Luogo: dintorni di Capua

Lucilla Partecola era una ricca e bella patrizia romana. Suo marito, Gneo Massimo, console in quell'anno, era impegnato con le legioni in Spagna.

Il loro matrimonio non era stato un'unione felice in quanto ad allontanare i due, oltre a circa 20 anni di età, c'erano anche differenti obiettivi e ambizioni.

Gneo Massimo era completamente dedito all'impegno politico nella Repubblica Romana, impegno premiato con il raggiungimento del Consolato, la massima carica pubblica cui si poteva accedere dopo il cursus honorum ed era poco interessato alla vita famigliare.

Lucilla, andata in sposa a soli 16 anni, sognava invece uno sposo appassionato che nel tempo avrebbe potuto donarle oltre che dei figli, anche quei piaceri sessuali che al contrario le erano stati negati, ciò aveva rovinato il suo carattere e l'aveva resa sempre più nervosa e intrattabile, spietata, soprattutto con gli schiavi.

Nella primavera del 72 A.C. annoiata dalla vita dell'Urbe aveva deciso di intraprendere un viaggio per visionare le proprietà di famiglia, insoddisfatta dalla produzione agricola e dai proventi che ne venivano generati. La prima tappa prevedeva la visita nei vasti possedimenti fondiari nei dintorni di Capua.

Ad accompagnarla, oltre alle sue tre ancelle, c'era il capo degli schiavi, Cordio, un uomo maturo di carattere schivo, forte e virile. Da anni al servizio della famiglia aveva visto crescere e inacidirsi Lucilla. Più volte, visto che la padrona non se ne curava, aveva potuto ammirare i seni di Lucilla mentre lei si preparava per il bagno, così belli e marmorei. Tra loro non c'era amicizia e nemmeno rispetto in quanto la padrona lo aveva visto sempre come uno schiavo degno solo di essere comandato e, alle volte, frustato.

Dopo tre giorni di viaggio, con soste nelle locande presenti lungo il percorso, soste confortanti per la padrona e poco più degne di un animale per Cordio che aveva sempre dovuto dormire all'addiaccio si stava finalmente per giungere alla villa rustica dei Massimi.

Oramai già entrati nei terreni di proprietà. il gruppetto. con Lucilla in testa, venne raggiunto da degli uomini a cavallo. Lucilla vide uno schiavo a cavallo, che le si avvicinava.

"Schiavo! Cosa vuoi? Dov'è il tuo padrone? Sei sulla proprietà della nobile famiglia dei Massimi! Ti farò frust...".

Non riuscì a completare la parola perchè lo schiavo la schiaffeggiò facendola cadere da cavallo.
"Non esistono più schiavi e non esistono più padroni!".

Dopo qualche attimo Cordio, che aveva assistito alla scena esclamò
"Crisso! Sei tu?".

Lo schiavo che aveva percosso Lucilla si voltò, il suo volto si sciolse in un sorriso e disse
"Cordio! Vecchia baldracca! Come stai? Questa "era" la tua padrona? Sei libero amico mio, gli schiavi si sono ribellati ed ora sono liberi. Conquisteremo Roma! Te la dono questa puttana, Fanne ciò che più ti aggrada!"
Detto questo sprono il suo cavallo ed il gruppo si allontanò al galoppo.

Cordio quindi diresse il suo sguardo verso Lucilla che era rimasta a terra. Lei credeva che tutto fosse stato un brutto incubo, si alzò, e:
"Cordio, portami alla villa".

Cordio le si avvicinò ed un nuovo ceffone colpì Lucilla.
"Taci puttana patrizia! I tuoi giorni da signora sono finiti. Ora vedrai cosa ti attende alla villa!".

Lucilla fu presa dal panico, cosa poteva attendersi? Come l'avrebbero trattata quei suoi ex schiavi che aveva sempre maltrattato? E Cordio? Cosa voleva da lei?

Dopo circa dieci minuti di cammino giunsero alla villa. Le ancelle furono liberate. Cordio quindi prese dal suo cavallo il frustino e costrinse Lucilla, che atterrita non osò proferire parola, ad entrare nella domus.

Tirandola per i capelli la portò in una stanza dove era presente un giaciglio. Chiuse la porta e guardò con occhi avidi quella donna che pochi attimi prima lo osservava con disprezzo mentre ora il disprezzo aveva lasciato spazio al terrore.

Lucilla già immaginava cosa la stava attendendo. Sarebbe stata violentata da uno schiavo.
Tutto il suo essere si ribellava al solo pensiero di una simile umiliazione.

Cordio le si avvicinò e disse:
"Adesso mettiti in ginocchio!"
Subito dopo si liberò dalla tunica che indossava e rimanendo nudo mostrò il suo cazzo che, in perfetta erezione, dopo vari giorni di scarsa igiene emanava un olezzo sgradevole.
"Ora, puttana, lecca!".

Lucilla ritrovo in parte coraggio, si alzò di nuovo in piedi e disse
"Lurido schiavo! Mai!"
Non fu un'azione che poteva sperare rimanesse senza alcuna reazione.

Cordio le diede prima un ceffone e subito dopo le strappò la veste lasciandola completamente nuda.
Quindi la spinse a terra e rinnovò l'ordine.
"Ora lecca!"

Lucilla ancora esitava e allora Cordio prese il suo frustino e le colpì le natiche lasciando un segno rosso vivo.
Fu come se Lucilla si fosse arresa. Tra se pensava
(E ora? Ho sempre sognato di farmi scopare da un animale mentre quel frocio di mio marito pensa solo a divertirsi con i suoi affari. Ma con uno schiavo...?)

Aprì la bocca e cominciò a leccare e succhiare avidamente quel cazzo enorme.

"Vedi che ti piace? Lo sapevo che eri una troia!"

Dopo qualche minuto in cui Lucilla continuò senza esitazione a far godere Cordio lui la prese e la sdraio sul giaciglio.
"Ora voglio scoparti. La tua fica da troppo tempo non vede un cazzo".

Lei aprì le gambe e lui le entrò dentro senza fatica.
(Dai Cordio... forza... scopami, fammi tua, fammi godere, riempimi con il tuo sperma).

Lucilla si era talmente eccitata da essersi bagnata completamente. Nelle sue fantasie aveva sognato di essere scopata in un modo selvaggio così come le stava accadendo.

Cordio pompava e pompava senza mai stancarsi e lei mugolava dal piacere, stava godendo finalmente.

Ma Cordio non poteva dimenticare gli anni di angherie che aveva subito. Prima di sborrare nella sua fica si ritrasse e le disse di rimettersi in ginocchio.
"Voglio che lo prendi tutto in bocca e lo mandi giù. Ma non ti illudere, non è finita".

Lei non voleva che finisse...
(lo voglio.. voglio il tuo sporco cazzo in bocca e voglio bere il tuo seme)

Lo prese in bocca di nuovo e dopo pochi attimi la sua bocca fu inondata di sperma che poco alla volta inghiottì.

"Ora voglio il tuo culo. Ti devi ricordare per sempre di Cordio!"

Spaventata, Lucilla, cercò di fuggire verso la porta. Non era mai stata inculata e temeva il dolore nel farsi penetrare dal cazzo di Cordio.
(no questo no.. mi sfonderai.. non l'ho mai desiderato)

Cordio fu più rapido. La prese, la spinse verso il muro, la sistemò a 90° e, per ricordarle chi era ora lo schiavo e chi il padrone, la frustò nuovamente e le sussurrò ad un orecchio.
"Ora ti fai penetrare questo tuo culo altrimenti ti ammazzo! Hai capito? Hai capito?"

Lucilla annuì con la testa.
(non posso fare nulla. Sono sua e farà di me ciò che vuole. Sono io ora la schiava.)

Cordio tirò fuori dalla bisaccia del burro. Lo passo in parte sul suo cazzo e quindi nel culo di Lucilla. Quindi cominciò a spingere.

Lucilla pensava che l'avrebbe sfondata tanto era grosso il membro di Cordio e tanto era piccolo il suo orifizio.

Dopo varie spinte il cazzo entrò e Lucilla cominciò ad urlare dal dolore.

"Stai zitta troia" Stai zitta! Non ricordi tutte le volte che mi hai fatto frustare? Questo dolore non è niente. Stai zitta e stai in silenzio altrimenti ti frusto di nuovo."

Lucilla tacque mentre Cordio continuava a pompare nel suo culo. Pregò che quel supplizio finisse e non molto dopo Cordio si scostò.
"Dai che abbiamo quasi finito".

La fece mettere in ginocchio e le disse.
"Ora ti monto, ti scopo alla pecorina e ti riempio del mio sperma. Se fai la brava, ti libero".

Detto, fatto. La penetrò nuovamente nella fica mentre con le mani le stringeva i seni generosi.

Lucilla ritrovò il piacere e godeva. Si, godeva e alla fine non ne potè più di stare in silenzio.
"Cordio, scopami, ti prego continua a scoparmi. Voglio il tuo cazzo da leccare e voglio che mi penetri tutto il tempo che puoi!".
(sei un vero porco, uno stallone, non mi sono mai sentita così maiala)

"Lo sapevo che eri avida e zoccola ma non immaginavo così tanto. Una vera zoccola patrizia".

Dopo non molte spinte Cordio le sborrò nella fica e Lucilla si lasciò andare ad un sospiro di piacere.
"Brava. Sei libera".

"No. Voglio essere la tua schiava. Rimarrò qui in attesa del tuo cazzo!".

E fu così che per due mesi, fino a quando la rivolta degli schiavi non fu sedata, che Lucilla si abbandonò alla lussuria.

Questo racconto di è stato letto 2 4 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.