Erotici Racconti

In treno

Scritto da , il 2017-01-09, genere bisex

Oggi ero in treno e come quasi tutti i giorni ero in attesa che partisse dalla stazione di Roma Termini. Ero su un regionale in una delle carrozze rialzate in un posto a due; appena saliti, i due gradini a sinistra. Queste sedute sono già di per se un po' strettine. Ad un tratto si siede un tipo, lo stesso che avevo notato giorni addietro che stando seduti di fronte spesso puntava verso le mie parti basse. Appena seduto inevitabilmente ci si tocca, ci si struscia ed io preso da una curiosità maliziosa, ho lasciato, anzi, ho favorito queste strusciatine. Ora le nostre gambe erano poggiate una contro l'altra, volutamente contraggo il polpaccio per testare la reazione e infatti lui subito ha mosso in maniera molto eloquente la sua gamba. Cosi pian pianino mentre il treno viaggiava, entrambi ad occhi chiusi abbiamo iniziato a strusciarci con piccoli movimenti. Noto che era a braccia conserte quindi penso che facendo la stessa cosa le nostre mani sarebbero state molto vicine. Mi spingo un pochino oltre fin quando sfioro uno dei suoi polpastrelli, lui risponde, io insisto e cosi ci ritroviamo ad accarezzarci le dita. Fuori c'era un bel sole, dentro i riscaldamenti accesi, io indossavo ancora il piumino e cosi inzio a sentir caldo grazie soprattutto alla situazione intrigante che si stava innescando. Dopo lunga e faticosa pratica riesco a togliermi il piumino e poggiandolo sulle gambe ho volutamente crearo una "zona d'ombra" e infatti lui cautamente infila il suo braccio sotto il piumino e con la manina maliziosa inizia ad accarezzarmi la coscia destra.......mmmmmmmm..........li il mio cazzo ha iniziato a drizzarsi, lui non lo sapeva ma farmi accarezzare le cosce, sotto le palle e il buco del culo mi eccita da morire. Dopo poco era riuscito ad arrivare al mio cazzo con almeno tre dita e sapientemente (ho visto subito che era un esperto) ha iniziato a sfiorarmi la cappella che andava indurendosi sempre di più. La situazione stava diventando cosi eccitante che arrivavano le prime avvisaglie di orgasmo ma io non volevo venire primo perché avrei fatto un casino e secondo xche mi era salita una tale voglia di scopare con lui che volevo attendere il momento in cui lo avevo nudo su un letto. Gli chiedo se era passivo e lui mi dice di no ed era ciò che speravo, anche io sono versatile, adoro darlo ma mi piace anche prenderlo, l'ho preso almeno sei volte. Cosi mi ha lasciato il suo numero e domani sera ci vediamo a casa sua cosi saremo soli e nudi sul letto e potremo scoparci a vicenda fin quando ce la faremo. Quando si è alzato dal sedile ha volutamente inarcato il suo culo verso di me x farmelo vedere bene e devo dire che ha un bel sedere davvero e non vedo l'ora di penetrarlo con i miei 21 sperando che abbia anche lui un bel cazzo da ospitare tra le mie natiche vogliose. Vi racconterò com'è andata e se volete aggregarvi e vederci diciamo ..... in tre.... fatevi avanti! Ciao porcelli!!!

Questo racconto di è stato letto 5 6 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.