Erotici Racconti

Mia sorella in licenza dal convento (parte prima)

Scritto da , il 2017-01-08, genere incesti

Non so perché mia sorella avesse scelto di diventare suora. Conoscendola credo che la sua scelta sia stata legata al suo spirito di ribellione mostrato sin da quando era giovane; costantemente contro corrente. E forse proprio un padre severo e iscritto alla sezione del partito comunista del paese ha fatto maturare in lei questa scelta estrema. Fatto sta che a 18 ha preso i voti ed è entrata in convento.

I fatti che vi narro si riferiscono a qualche estate fa, quando lei di anni ne aveva 22 e, dal convento cui era stata assegnata in un piccolo comune di montagna in Abruzzo, tornava per la licenza estiva da noi giù in Catania.

Mia sorella è una bella ragazza, bionda capelli lisci, occhi azzurri e carnagione chiara con delle lentiggini qua e là sul viso. Ha un bel fisico, derivante da tante lezioni di danza fatte dai quando aveva 5 anni a circa 16 anni, quando ha dovuto smettere per un infortunio. Quindi ha un bel sedere tornito, delle gambe muscolose, una schiena e portamento molto femminile ed elegante. Il seno è di una terza scarsa, non enorme ma sodo e di una bella forma tonda. Prima di andare in convento era sicuramente una delle più belle e ambite ragazze della scuola e aveva parecchi pretendenti.

Era inizio agosto e lei aveva una settimana di permesso per raggiungere la sua famiglia; andò mio padre a prenderla all’arrivo della sua corriera in città. Mia sorella ci fece una sorpresa, arrivò infatti con una sua compagna di convento che essendo orfana sarebbe stata ospitata a casa nostra per la settimana. I nostri genitori non fecero alcun problema e furono felici di ospitare anche la sua consorella. Quando vidi mia sorella, rimasi estasiato: il suo volto, seppur incorniciato dal velo era splendido, i suoi occhi azzurri risplendevano al caldo sole siciliano; l’abito azzurro lungo non riusciva a nascondere le sue curve sode e il suo sorriso era eccitante. Anche la sua amica era molto carina, un po’ più bassa di lei, molto scura di carnagione e di colori in generale (capelli, occhi, …) e con un enorme seno (forse una quinta?) pressato sotto la parte alta della sua tunica azzurra.

La abbracciai, la strinsi forte e a me e le diedi due baci sulle guance. Mangiammo qualcosa di leggero, poi Silvia, mia sorella ci disse che non vedeva l’ora di far vedere alla sua consorella Carla il giardino di casa nostra a picco sul mare. Finito infatti il lungo pranzo di cibi tipici siciliani, Silvia accompagnò Carla in giardino. Era una calda giornata di agosto in Sicilia e vedere le due ragazze passeggiare sotto il sole con la tunica mi fece provare pietà per loro. Ero affacciato al balcone di casa quando vidi che sia Silvia che Carla si stendevano sul muretto del giardino che dava a strapiombo sulla scogliera. Vidi da lontano entrambe parlottavano e poi ad un tratto le vidi entrambe alzarsi la gonna della lunga tunica fin sopra le ginocchia, nonché alzarsi le maniche e abbassarsi la parte di tunica sotto il mento fino a scoprire il decolté; a quanto pare erano decise a prendere il sole. Dopo alcuni minuti, le due ragazze ripresero a parlottare e vidi questa volta solo mia sorella alzarsi ulteriormente la gonna fino a scoprire le mutandine bianche di cotone che indossava, ora in bella vista. Non mi avevano visto e pensavano forse di non essere osservate da nessuno. Erano quindi adagiate pancia in su sul muretto e la visione per me era paradisiaca. Osservare mia sorella in quello stato mi aveva generato una strana eccitazione. Il mio membro pulsava sotto i pantaloni e avrei voluto trovare una scusa per avvicinarmi a loro e godermi la scena da vicino.

Mi venne in mente che avrei potuto portare loro un po’ della limonata fresca che aveva spremuto mio padre quella mattina stessa con i limoni del giardino. Una volta che mi ritrovai davanti a loro, rimasi un po’ inebetito prima di proferire parola, quando potei ammirare le gambe perfettamente in forma e depilate di mia sorella e della sua amica. Mi venne infatti il dubbio che mia sorella continuasse a fare attività fisica anche in convento. Notai inoltre che le mutandine bianche che indossava mia sorella non erano esattamente mutandine da suora come immaginavo dal balcone, ma erano mutandine molto sexy con inserti di pizzo e trasparenze qua e là che non lasciavano molto all’immaginazione. Al di sotto di un sottile strato di cotone, infatti si potevano infatti intravedere facilmente le grandi labbra rosa della fighetta di mia sorella schiacciate a ridosso della stoffa. Questo mi causò un’erezione di ferro all’istante che i miei leggeri pantaloni estivi non riuscivano a nascondere. Quando mia Silvia e la sua consorella si accorsero della mia presenza, mi chiesero cosa facessi impalato lì ma mi soprese il fatto che non fecero nulla per nascondere le proprie gambe. Anzi entrambe si misero sedute sul muretto a gambe incrociate e questa volta anche Carla mise in bella mostra le sue mutandine di colore azzurro, anch’esse molto elaborate e sexy, sotto le quali si intravedeva (a differenza di mia sorella che appariva perfettamente rasata) una folta peluria scura. Carla inoltre per prendere il sole aveva scoperto un’ampia parte del suo sexy e abbondante decolté, che la rendeva ancora più sexy. Mia sorella, rivolgendosi a me mi disse: cosa ci fai impalato lì fratellino? Al ché Carla buttando un occhio al mio malcelato pacco, fece un sorrisetto sornione e rivolgendosi a mia sorella disse sottovoce “Silvia guarda il tuo fratellino..”, indicando con gli occhi il mio pacco. Al che si misero entrambe a ridere in maniera sguaiata. Io, rosso dalla vergogna, mollai la caraffa con i bicchieri sul muretto accanto a loro e corsi in casa mormorando che avevo dimenticato di fare una cosa..

Non perdetevi a breve la seconda parte del racconto, la calda settimana è ancora lunga. Leggete questo e altri racconti sul mio blog amoreinfamiglia.blogspot.it

Questo racconto di è stato letto 9 8 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.