Erotici Racconti

Caro zietto

Scritto da , il 2017-01-06, genere incesti

Avevo 18 anni all'epoca dei fatti, ore ne ho 25. Mio padre è siciliano, mamma milanese ed è proprio nel capoluogo lombardo che si sono conosciuti i miei genitori da giovani, dopo che lui si era trasferito dalla sua terra in cerca di lavoro.
Si sposarono e nacqui io, Giorgia. Nonostante abitiamo al nord ogni estate torniamo in Sicilia, alla casa di papà, a passare le vacanze. Lì ci aspetta sempre zio Franco, un bel tipo alto, muscoloso con la carnagione scura e i capelli un po' lunghi fino alle spalle di un nero corvino. Nonostante i suoi 42 anni non aveva mezzo capello bianco. Zio era un donnaiolo, lo sapevamo tutti, per questo gli piaceva restare single. Adoravo stare con lui, lo zio giovane e divertente. Solo quell'anno ero partita un po' a malincuore, stavo con Fabio da 7 mesi e il pensiero di non vederlo per tutto agosto mi rattristava molto. Lui era la mia prima storia importante, il primo in tutto..mamma sapeva che facevo sesso con lui così iniziò a farmi prendere la pillola. Amavo Fabio, bello come il sole..e anch'io mi difendevo bene..! Magra, non troppo alta, capelli lunghi e castani e due occhioni verdi..e nonostante i miei soli 16 anni avevo già una bella terza di seno!! Questa cosa a zio franco non era certo passata inosservata. Eravamo in Sicilia da due giorni, nella casa di papà da piccolo, tutto insieme con zio che abitava lì anche durante l'anno. Una sera papà dice che la mattina dopo lui e mamma sarebbero andati a trovare una coppia di zii che abitavano un po' lontani rispetto a dove stavamo noi e che sarebbero stati fuori tutto il giorno. Io non avevo proprio voglia di andare così gli dissi che sarei rimasta a casa con zio, lui ovviamente accettó di stare con me. L'indomani mi svegliai che loro erano già partiti. Faceva caldissimo, dormivo con una canotta larga senza reggiseno, e le mutandine. E non mi imbarazzavo a farmi vedere così da zio..insomma,era zio..! Andai in cucina così "vestita" e trovai lui con indosso solo dei boxer, si era appena alzato anche lui e si stava preparando un caffè. Lo fece anche per me. Eravamo in piedi appoggiati alla cucina e parlavamo del più e del meno quando mi dice "allora, mi ha detto mamma che hai un fidanzatino", io arrossii e annuii. Ci fu un attimo di silenzio e poi mi chiese "e dimmi, avete già scopato?". Sbarrai gli occhi e risposi "eh dai zio, che domande fai?!", "andiamo, puoi dirmelo, non sono tuo padre", io "eh va bene, si..abbiamo già fatto sesso". A quel punto mi giro dando le spalle a zio per mettere la tazzina del caffè nel lavandino quando da dietro sento le sue braccia avvolgermi e le sue mani sui miei seni che li massaggia delicatamente. Mi irrigidisco e gli dico di smetterla ma non riesco a muovermi. "Dimmi nipotina, il tuo fidanzatino te le tocca così bene le tette?". I suoi pollici iniziano a sfregare e giocherellare coi miei capezzoli turgidi da sopra la maglia. Inizio a sentire una sensazione strana, di piacere. Il respiro si fa affannoso e sento la mia fighetta che inizia a bagnarsi. Zio franco si stringe sempre più a meno fino a farmi sentire il suo cazzo duro sul mio culetto. Mi gira e mi toglie la maglietta scoprendomi il seno. "Hai delle tette bellissime" e così dicendo inizia a leccarle e baciarle. Con una mano abbassa le mutandine e mi tocca la figa completamente depilata e ormai fradicia "mmm, sembra che qui qualcuna sia parecchio eccitata". Infila prima un dito dentro, poi due..poi le dita escono e bagnate iniziano a sfregare il mio clitoride ormai gonfio. Sto godendo mentre lo zio mi masturba la fighetta e continua a giocare coi miei seni. Sto perdendo il controllo, mi appoggio con le mani alle sue spalle e urlando vengo in un orgasmo fantastico. Zio mi sorregge con una mano fradicia dei miei umori e mi bacia la fronte sudata mentre mi riprendo pian piano appoggiata a lui. A quel punto tocca a me..gli abbasso i boxer e mi abbasso in ginocchio, il suo cazzo è stupendo e grosso, inizio a segarlo. Poi gli lecco la cappella e scendo pian piano lungo la sua asta, ha un sapore buonissimo. Inizio a succhiare le sue palle piene e lo sento gemere. Risalgo finché non inizio a succhiarlo tutto. Su e giù, è tutto in bocca..lo sento fino in gola. Con una mano continuo a massaggiare le palle, L'altra segue il movimento della bocca. Lo sento pulsare sempre più, sento lo zio che mi tiene la testa e improvvisamente mi viene in bocca. Sento la sua sborra calda scendermi in gola. Non ne perdo nemmeno una goccia. Lui mi fa rialzare "aaahh nipotina, tu si che sai fare i pompini"! Ci baciamo per un po' e ci accarezziamo ovunque. Sono talmente eccitata che non penso più a nulla, non penso nemmeno a fabio, voglio solo farmi scopare da mio zio. E lui lo sa. A un certo punto mi prende in braccio e mi fa sdraiare sul divano del salotto. È sopra di me, io con le gambe aperte e lui in mezzo col suo cazzone puntato sulla mia figa. fa sdrusciare un po' la sua cappella sul mio clitoride prima di entrare e io inizio ad ansimare e a toccarmi i seni. A un certo punto con un colpo deciso entra nella mia fighetta, è talmente fradicia che non fa nemmeno fatica. Inizia a muoversi piano mentre ora è lui ad appoggiare entrambe le mani sulle mie tette. "Le massaggia, le stringe..io impazzisco sempre più. Continuo a gemere e ad ansimare sempre più, e anche lui.. è sempre più eccitato, il suo cazzo infatti sembra farsi sempre più duro. È tutto dentro, ha iniziato a sbattermi ancora più forte "allora, il tuo fidanzatino ti scopa così? Sa farti godere così bene?" - "No zio, solo tu sai farlo" gli dico ansimando e col respiro quasi rotto. Mentre mi fotte con una mano si sposta sulla mia fighetta e con un dito inizia a trastullarmi il clitoride. Godo da morire, gemo sempre più forte "aahh..aaahhh..zioooo vengoooo" e urlo il mio secondo orgasmo grazie a mio zio. Lui eccitatissimo e sudato da un altro paio di spinte e godendo come non so cosa mi viene dentro riempiendomi la mia fighetta della sua sborra. Entrambi abbiamo goduto dopo aver scopato come due animali. Resta sopra e dentro di me, muovendosi ogni tanto piano. Ci riprendiamo un po' e poco dopo mio zio ha un'alta erezione. Riprendiamo a scopare, questa volta gli sto sopra io, inizio a cavalcarlo come una matta, su e giù. Inizialmente mi tiene per i seni stuzzicandomi i capezzoli poi quando sta per venire di nuovo mi tiene stretta per i fianchi. Ansimiamo e gemiamo entrambi e poco dopo veniamo di nuovo, insieme. Crolliamo sul divano distrutti e stiamo vicini guardandoci e "coccolandoci" un po'. "Nipotina mia è da quando sei arrivata che sogno di scoparti, sei fantastica" - "zio promettimi che mi scoperai ancora, che troveremo il modo per farlo" - "te lo prometto nipotina". Passammo tutto il mese di agosto a scopare come due matti appena ne avevamo l'occasione..al mare dietro gli scogli o in acqua, nella pineta dietro casa, in macchina imboscati in qualche campo..! E nessuno mi ha più scopata e fatto godere fino ad ora come zio franco.

Questo racconto di è stato letto 9 9 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.