Il colloquio (2a parte)

Scritto da , il 2016-09-26, genere trio

Prosegue il racconto anche grazie alle opinioni e suggerimenti dei lettori inviati via mail (sogno.estivo2012@gmail.com)
In attesa della terza e ultima parte...

La dottoressa incalzava, Federica non indietreggiava anzi sorseggiava il bicchiere d'acqua che aveva davanti a se con una certa serenità, azione invece che le serviva esclusivamente per scaricare la tensione e provare a studiare una contro risposta alle varie domande....fino a quando la sua attenzione fu distolta da un evento che non si aspettava.
Mentre stava rispondendo a una domanda della Romano, vide Marco alzarsi dalla scrivania e dirigersi verso la porta.
Lì per lì non diede molta importanza alla cosa, anche se si infastidì un po' per quella che vide come una mancanza di rispetto. Il suo stato d'animo però mutò improvvisamente nel giro di pochi secondi, quando sentì il rumore della serratura quando si chiude a chiave una porta.
Si interruppe e si voltò di scatto, trovando conferma di quello che aveva intuito.
Il dott. Ruggeri intravide un'aria preoccupata nello sguardo di Federica, per cui sorridendo si avvicinò nuovamente a lei e posandole una mano sulla spalla, la rassicurò con quella sua voce calda: "Stai tranquilla, il colloquio sta andando molto bene, non è vero dott.ssa Romano?"
la dottoressa annui, e per la prima volta si alzò dalla sedia dirigendosi verso Federica. Adesso la confusione era aumentata e raggiunse il culmine quando la stessa si sedette sul tavolo di fronte a lei, il suo fisico statuario era stupefacente e lo sguardo più penetrante di prima sembrò affondare il colpo quando, a pochi centimetri da lei quasi sussurrando le disse "per questo posto di lavoro cosa sarebbe disposta a tollerare?come vorrebbe mettersi in gioco?
Federica, senza battere ciglio, sapendo che era la sua occasione della vita, in modo confuso riuscì solamente a dire..."di tutto...sarei pronta a tutto.."
"Sei sicura?" le chiese Marco accarezzandole i capelli, poi aggiunse "Diciamo che il colloquio di lavoro è finito nel momento in cui mi sono alzato per andare a chiudere la porta"
La dott.ssa Romano annuiva sorridendo, poi accavallando le gambe si rivolse a Federica: "Anche se non hai esperienza nel settore, ci è piaciuto molto il modo in cui hai risposto alle nostre domande"
"Esatto" continuò Marco "Io e la dott.ssa Romano ci conosciamo molto bene", marcando in maniera netta le ultime due parole e accompagnando la frase con un'occhiata alla collega "E ci è bastato un cenno per capire che eravamo entrambi d'accordo sull'assumerti"
"E se non hai nulla in contrario" disse la Romano spostando la sua folta chioma tutta da un lato "saremmo lieti di darti il benvenuto fra noi, Federica..."
Federica adesso sentiva una maggiore serenità, il posto in fondo era suo a quanto pareva, ma quest'idea del benvenuto ancora non l'aveva ben capita. Qualcosa divenne più chiaro nel momento in cui Marco avvicinò la bocca al collo della dott.ssa Romano che, senza nulla fare, inarcò il viso per mostrare a Federica il suo godimento. Fede era confusa, ma non totalmente colpita da una scena del genere, nemmeno quando le bocche dei due si incontrarono mentre le loro lingue si cingevano con forza. Ma lei era li, non sapeva cosa fare, e per un po' fissò i due mentre si scambiavano effusioni profonde...
Quella situazione aveva un qualcosa di surreale e stava prendendo una piega che neppure la più fervida delle immaginazioni avrebbe potuto prevedere. Federica era combattuta fra l'eccitazione di trovarsi coinvolta in un menage a trois con due perfetti estranei (praticamente uno dei suoi sogni erotici più hard) e la paura che fosse un tranello architettato per indurla in errore e farle perdere il posto prima ancora di averlo conquistato.
Tuttavia si lasciò trasportare dagli eventi...assecondando la dottoressa Romano nel momento in cui le si avvicinò per baciarla.
Non baciava una ragazza dai tempi dell'università, quando si era lasciata andare a qualche effusione (a dire il vero mai troppo spinta) con qualche sua amica. Eppure la sensazione che provò nel sentire le labbra di quella donna addosso furono subito familiari...e incredibilmente piacevoli.
Aveva labbra morbide la Romano, carnose... Lasciò subito scivolare la sua lingua nella bocca di Federica, la quale non si tirò indietro e ricambiò. Intanto con la coda dell'occhio vide la mano di Marco palpare con una certa foga il seno della Romano. Era tondo, sodo, prominente. Di certo due tettone come quelle difficilmente passavano inosservate. Federica sentiva la sua eccitazione salire nel vedere la mano di quell'uomo palpare in maniera cosi sfrontata il seno della sua collega, stringerlo nel palmo facendo si che la camicetta si gonfiasse quasi come se stesse per esplodere.
I tre erano vicinissimi adesso, le due donne ancora intente a giocare l'una con la lingua dell'altra. Cosi vicini che Federica presa da uno slancio di sfrontatezza dettato da quella situazione cosi paradossale, allungò all'improvviso una mano sui pantaloni di Marco. Aveva il cazzo duro e Federica sentì una scossa di piacere pervaderle il corpo nel sentirlo attraverso i pantaloni. Le sembrava anche decisamente grosso, le piaceva muovere la mano su e giù sul tessuto esplorandone tutta la lunghezza che riusciva a percepire.
Le piaceva, non riusciva a pensare ad altro che alla voglia improvvisa che le era venuta adesso di tirarglielo fuori e iniziare a giocarci.

Le sue mani attraversarono i suoi pantaloni, allentarono la cinta e poi i primi bottoni che vennero via in un secondo. La sua mano scivolò nei boxer di MArco che, con un piccolo sospirò, lasciò capire che la cosa era di suo gradimento. La mano di federica a stento riusciva a coglierne la grandezza e, prima che riuscisse a pensare di nuovo, la Romano le sollevò leggermente la gonna, uno spiraglio sufficiente per infilare due dita che cominciarono a palparne il piccolo intimo che aveva indosso.
La bocca di Marco si avvicinò al suo collo, mentre la lingua di Federica era ancora impegnata nella bocca della dottoressa che, con piacere, iniziò a sentire una maggiore sensazione di umido. A quel punto, le scostò il perizoma, e facendole scivolare la mano da dietro la schiena inizò a penetrare quel frutto liscio che ebbe davanti. Il gridolino di Fede fu cosi intenso che Marco le mise una mano sulla bocca.....ma stava godendo...eccome...

Questo racconto di è stato letto 4 5 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.