Erotici Racconti

Mai fidarsi delle apparenze III capitolo e epilogo

Scritto da , il 2016-09-08, genere pulp

io non capisco bene il senso della an e resto sulle mie
ti piace la poliziotta vero?

Penso tuttavia che la notte potrebbe essere lunga in quelle condizioni se non si stancano

io tengo la testa bassa sul piatto cercando di evitare una risposta
Resto li a pensare

mi fissa poi a un tratto mi fa su dai scendi lei
io ti raggiungerò tra un pò te la senti spero

Mi viene pensare come pensino di cavarsela dopo
quella proposta mi rende immediatamente euforico solo con lei solo il pensiero basta a eccitarmi
mi alzo tavola e mi dirigo verso la stanza dove sei immobilizzata

Sento la porta aprirsi

apro la porta e ti vedo

Sto ancora pensando a quel particolare

oh amore mio questo è quello che vorrei dirti

"Siete già qui? Meglio "

mi avvicino a te

Giro la testa con fatica e ti vedo
Ma vedo solo te

carezzo i tuoi piedi la pelle corrugata a causa della posizione e le dita

Interessante

mentre osservo la bellezza dei tuoi polpacci le tue cosce sode meravigliose irresistibili

Questa potrebbe essere la mia occasione
Senza la vecchia tra le palle me lo giro come voglio
Toccami toccami
"Ti piace toccarmi vero?"
"Io ti piaccio Lo so Lho capito bene ormai"
"E allora sai che ti dico Slegami Fammi vedere la tua buona volontà "
"Dopo potrai avere molto di più me lo sai?"
Il mio tono e calmo
La voce suadente
Convincente come quella di un attrice esperta
Quasi cal
Nemmeno mi riconosco a recitare così bene

la mano le percorre le tue gambe
un uomo potrebbe perdersi in una bellezza simile
ascolto le tue domande quasi senza il coraggio di rispondere
eppure avrei voglia di gridartelo che sono pazzo di teche il tuo corpo mi fa impazzire che ti desidero che ti voglio come nulla al mondo
la mano ora indugia sulla coscia stringendola palpandone la carne

In qualche modo io posso avvertire i tuoi fremiti Sento il tuo desiderio

salendo piano verso la parte superiore di essa

Ma devo ottenere il mio scopo

fin dove si è arrestato il lavoro delle forbici
provo a spingere la mano oltre quel limite
dove inizia il tondo delle tue chiappe
sento la loro consistenza
mentre il pensiero di toccarle mi sconvolge
non trovo la stoffa delle tue mutandine devono essere molto ridotte penso probabilmente simili a quelle che sfoggiano le ragazze della tv

Sento che le tue mani sono arrivate al mio culo

gemo gemo forte sentendo le tue chiappe

Bene penso
Tocca, tocca pure
Palpa bene

palpo violando la resistenza del tessuto dei tuoi pantaloni ancora integro a livello delle natiche

"Ti piace vero il mio culetto ehlo sento che ti piace "
Puoi averlo sai?

mmmmm si (ammetto con un filo di voce)

"Si"
Sorrido soddisfatta Mi ha risposto

stringo le tue carni

"Bravo così fammi sentire che ci sai fare "

come a volerne godere immaginando di possederle

"Io dico che la vecchia è il tuo problema "

le tue parole i tuoi incitamentti mi mandano il sangue agli occhi

"Senza di lei tra i coglioni secondo me saresti quasi normale "

ora ho spinto ambo le mani oltre i tuoi pantaloni e con tutte e due sto palpandoti vigorosamente

"Ma è lei che ti condiziona bravo così stringi"

mmmm si stringo mmmmm

"Puoi avere molto di più una donna lo sai?"
"Anche me volendo"

per la prima volta si è creato una specie di dialogo tra noi una complicità inebriante pensare vera
ma esito a prendere sul serio le tue parole

"ma una cosa la devi fare prima di avermi completamente "

la vedova mi ha avvertito di stare attento

Pausa
"Mi ascolti? "

ssi
rispondo senza staccare le mani dalle tue chiappe

“Bravo allora senti"
"Siccome in questa posizione mi fa tanto male la schiena perché non mi liberi i polsi "

io io non non credo di non posso ecco
"i bracciali così io mi rilasso di più e tu continui a toccarmi per bene "
"Che ne dici "
Ti sorrido benevola e maliziosa
"Ma si che puoi"
"Anche solo per 5 minuti isolo per farmi riposare le spalle "
Ti sorrido ancora

io sembro riflettere cercando di capire se possa eseguire ciò che chiedi

"E poi avendo le mani libere posso fare anche io qualcosa a te non credi?"
"Sono brava sai Ci so fare"
Mi devo torcere dolorosamente per guardarti e farti l'occhiolino

sono turbato sconvolto dalle tue parole
la tentazione è tremenda ma anche il pensiero di quanto tu sia pericolosa è una specie di monito

"Ma di cosa hai paura idi lei vero?"
"Ti proteggo io non temere ci penso io a lei"

tu davvero vorresti cioè mi faresti insomma quelle cose li?

"Ahah ma certo mio caro"
"E poi mi puoi toccare anche meglio se sono libera no?"

il cazzo mi tira esplodere la voglia di liberarti si fa travolgente ad ogni parola che mi dici

"Anzi slegami anche le gambe

le forbici sono rimaste li a un paio di metri di distanza su un tavolinetto di servizio
le guardo

Io ti osservo fiduciosa

indeciso come non mai

Ormai ci siamo
È mio
"Pensa se mi liberi le gambe mi posso girare e sollevarle"
"Non credi sia più bello? "

io mmmm si bellissimo

"Sì esatto sarà bellissimo vedrai"

non resistendo mi avvicino a quelle forbici le prendo

"Avanti allora cosa aspetti "
"Taglia i"
"Taglia i bracciali"

guardo il tuo corpo la tua schienale gambe le forme del sedere ancora coperte i resti del pantalone

"Coraggio ormai ci sei"

le avvicino laddove avevo interrotto tagliando un altro lembo del pantalone

"Liberami e scopiamo come si deve"

e finalmente il tuo culetto mi appare in tutta la sua bellezza

"Ehi no no non hai capito devi tagliare i bracciali "
Sento la lama fredda delle forbici sulle mie natiche
Adesso denudate

vedo ora il tuo perizoma quasi scomparso tra le chiappe
infilo la punta delle forbici oltre quel tessuto sottile
tendendolo

“Hei che cavolo stai facendo "
"Cazzo stai attento con quelle forbici rischi di tagliarmi il culo così "

e un attimo dopo zac quel sottile filino di stoffa cede
mmmmm
poggio le forbici ai lati del tavolo potenzialmente vicinissime a tese solo non fossi cosi bloccata
e riprendo a palparti le chiappe

"Ok va bene "
"Volevi il mio culetto tutto nudo ma adesso i bracciali "
"Svelto prima che torni la strega "

seguito a palparti stringendo le chiappe e dilatandole

"Slegami avanti "

fino a scorgere il tuo sfintere

"Cazzo mi senti"

la tua voce mi scuote tutto
ssi

Sento che le mie chiappe vengono allargate dalle tue mani
“Bravo muoviti allora taglia questi dannati bracciali"

la vista del tuo buchetto mi ipnotizza
e le tue parole ah come mi tentano
volgo nuovamente lo sguardo verso quelle forbici

"Muoviti ti ho detto! "

io si

"Taglia!"

le prendo e faccio per avvicinarmi a uno dei tuoi polsi

Io istintivamente te lo porgo

ma improvviso il pensiero della vedova mi fa desistere

Ci siamo
Poi vedo che esiti

io non non posso

"Cazzo si che puoi!"

resto bloccatole forbici in mano e paralizzato in quella posa

"Ormai ci sei Taglia!"
Il tono della mia voce si alza
"Ti ho detto di tagliare cosa cazzo aspetti dannato mongoloide!"

osservo la forbice nella mia mano come se studiassi le possibili conseguenze di un suo uso

"Liberami Subito!"
"È un ordine! "
Ti guardo Sei come inebetito

la tua veemenza stavolta mi produce l'effetto contrario anzichè ottenere la mia obbedienza ottieni la mia confidenza

"Muoviti deficente ma che cazzo hai in quella testa marcia!"

no non posso tagliare quei lacci la vedova ha ragione non c'è fidarsi di te penso tra me e me

Ti porgo ancora il polso
Ora sto gridando di rabbia
"Taglia brutto figlio di puttana taglia!!"

ma ormai il tuo gioco è fallito il tuo tentativo non ha to il frutto sperato
e le forbici torno a sistemarle sul tavolinetto dov'erano state lasciate in precedenza

"Vaffanculooo! !!" Ti grido addosso
Do potenti strattoni con le braccia per la frustrazione
Riuscendo solo a farmi del male alle spalle già provate

provo a carezzarti ancora sulla coscia ma di colpo ti sento rigido come se ti ripugnasse il mio tocco
io perdonami ti chiedo quasi pentito di ciò che ho fatto

"Ti sei sei un maledetto inutile coglione!"

ssi

"Perdonarti? Vaffanculo aspetta che mi liberate e poi vedi come ti perdono "
Rido sadica
dico con voce debole ma
ma tu prima

"Perché prima o poi dovrete pur slegarmi e allora "

dicevi cioè vero avresti fatto fatto cose con me?

Rido cattiva

ora le tue ultime minacce neppure le sento ma sono preso l dubbio che fosse vero ciò che mi stavi dicendo

"Si certo testa di cazzo aspetta che mi libero poi vedi che belle cose faccio con te"

quasi pentendomi di aver pensato che tu potessi volere davvero ciò che mi dicevi mi sento preso un impeto di rabbia
allora torno a palparti le chiappe
stringendole forte come mai fino a quel momento
c'è rabbia stavolta voglia di rivalsa

Sento la tua stretta forte e cattiva su di me

ti tendo le carni fino all'estremo
poi una stretta come volessi stritolarle con le mani

Ma sono talmente incazzata che sento appena il fastidio dell allargamento
La torsione delle mie chiappe aumenta

di colpo un dito inizia a muoversi intorno al tuo sfintere

Diventa più fastidiosa

lo senti indugiare soffermarsi tutt'attorno all'orefizio

"Che cazzo pensi di fare idiota non ti permettere"

il dito inizia a premere

Lo sento spingere

a spingere su quel forellino stretto

Sempre di più
Contraggo immediatamente lo sfintere anale

inizia ad affondare violando la resistenza

"Figlio di puttana"

che cerchi di opporre
spingo
sento il dito scivolar via via sempre piu dentro

Digrigno i denti mentre lo sento entrare
Sempre più in profondità

mmmm gemo
il dito prigioniero del tuo ano
lo muovo retrocedendolo piano
e ancora giu in fondo

È fastidioso
Molto

in un ritmico avanti e indietro

“Bastardo non sai come te la farò pagare per questo "

spingo piu forte

Ormai ho rilasciato il muscolo Inutile opporre resistenza

cominciando a muovere il dito con maggiore veemenza

Peggioro soltanto la situazione

nei miei movimenti è come se volessi masturbarti il culo
muovendo il dito sempre piu forte

Lo sento su e giu fastidioso ma sopportabile
Quello che fa male davvero è l'orgoglio

intanto l'altra mano stringe ora il cazzo

La rabbia

come se volessi godere insieme a te
masturbandomi con te
lo stesso ritmo la stessa foga

Io non parlo più Subisco in silenzio anche questo
Ma intanto metto tutto nel conto

è un'esperienza troppo intensa per uno come me
qualche attimo di selvaggio ardore e poiun gemito violento

Ti sento gemere
mentre il cazzo esplode in uno schizzo impetuoso

Forte

aaaaaaah
mi senti godere

Questo bastardo è venuto

il dito sempre nel tuo culo ma fermo durante l’orgasmo rigido nella spinta
mentre le contrazioni si susseguono liberando getti di bianco sperma
mmmmmm gemo come un animale
mentre l'orgasmo esaurisce la sua violenza

"Togli quel dito stronzo"
Dico secca e perentoria

ormai esausto dalla forza travolgente dell'orgasmo sfilo piano il dito l tuo sfintere
mentre la forza emotiva dell'orgasmo inizia a scemare, sfilo lentamente l tuo ano il dito
il respiro affannoso pesante
resto fermo quasi a volermi riprendere accanto a te
il braccio resta poggiato tra la tua natica e la coscia mentre lo sguardo cade sulle chiazze biancastre sul pavimento
siero proprio carico ancor piu delle altre volte anche se ogni volta che mi ero toccato per te avevo avuto sempre orgasmi molto forti

Io sto bestemmiando in silenzio per la rabbia del l'umiliazione subita
Ma forse ancora di più per la rabbia di essere arrivata a un passo l farmi liberare e non esserci riuscita

come un atleta che dopo un go sforzo ha bisogno di tempo per riprendere fiato cosi io sto li ansimante

Io sibilo di rabbia "Me la pagherai per questo Non hai nemmeno la più palli idea di quello che ti farò A te e a quella vecchia troia pervertita"

al suono delle tue parole lentamente meccanicamente mi volto verso di te
in silenzio come cercando di tirarmi fuori uno stato ipnotico

Io resto in silenzio Un'occasione come quella sprecata
Penso
Devo giocare la carta della paura Prima che torni la vecchia
"Dimmi una cosa genio Forse tu non ci hai pensato ma non ti sei chiesto quali saranno le conseguenze di tutta questa vostra bella idea?"
"Ti tralascio i dettagli di quello che ti farò ma voglio dirti una cosa Tu andrai in carcere Per molti molti anni"
"Sequestro di persona Violenza sessuale E tutta una serie di reati minori "
"Ti fai vent'anni come minimo E tu hai idea di come se la passerà in galera uno come te vero?"
Rido perfidamente "No, non lo sai poveretto ahah"
"Mentre la tua amichetta invece non farà un solo giorno per via dell'età Le daranno i domiciliari "
"Ecco come andrà a finire Tu ci andrai in una cella mentre lei se ne starà a casa sua bella tranquilla "
Pausa Lascio che le mie parole facciano il loro effetto su di te Aspetto che ti entrino bene in testa
Poi attacco di nuovo
"Hai ancora una possibilità coglione Liberami e forse questo potrebbe essere un attenuante in sede processuale Potresti avere un forte sconto di pena"
"E magari io posso anche testimoniare a tuo favore Dire che eri totalmente succube dell'arpia ma che alla fine hai reagito e collaborato E mi hai liberata"
"Pensaci bene In fondo non mi hai fatto niente e anche questo episodio del dito diciamo che io lo posso dimenticare tu alla fine sei solo un povero idiota impotente"
"Liberami adesso e te la puoi ancora cavare Non avrai una seconda occasione"

ascolto le tue parole in silenzio la fermezza della tua voce mi colpisce assai piu del contenuto delle tue parole è incredibile come anche in queste condizioni tu riesca a mantenerti sicura e spavalda, per niente intimorita o preoccupata
sei forte e il binomio forza e femmina ha su di me effetti devastanti e anche se non vorrei ammetterlo ma ogni volta che i prova di questa tua personalità mi sento tuo, completamente soggiogato te
non credo tu riesca a immaginare i turbamenti che provo ora violentissimi conflitti interiori tra il desiderio di appagare le tue richiestele richieste della donna che amo e che venero e il timore di deludere la donna che piu di ogni altro mi capisce e ha sempre cercato di suggerirmi la strada migliore anche ora, in fondo, non ti avrei mai avuta qui se non fosse stato x lei sono combattuto l'illusione che liberandoti tu possa in qualche modo essermi grato
contrasta col timore di lei e in parte col dubbio che tu possa, una volta libera, rovesciare completamente le carte in tavola
ah se solo potessi crederti davvero
vorrei lasciare la stanza isolarmi per riordinare le idee ma so di non avere molto tempo potrebbe tornare lei e allora non mi consentirebbe mai neppure di allentarti leggermente i legacci

Ci sta riflettendo penso
Forse stavolta lho convinto
Ma deve fare presto
Se torna quella non farà niente È totalmente sottomesso a quella donna

mi allontano di qualche passo te avvicinandomi ancora al tavolinetto delle forbici
le guardo indeciso se prenderle o meno
tendo la mano le dita si infilano nei cerchi dell’oggetto eccole ho prese

Giro la testa e ti osservo
Prendile i penso
Ecco bravo così

le osservo come se ne studiassi attentamente gli effetti

Ti guardo
Cazzo ci sta impiegando troppo tempo
i muoviti che ci sei

mi giro verso di tesolo la testa ti guardo come se la vista del tuo viso del tuo corpo potessero fungere per me molla cui ricevere slancio e risolutezza

Incontro il tuo sguardo
Ti faccio un cenno di assenso

perchè è cosi difficile? perchè?

Come a voler dire
Fidati di me
Stai facendo la cosa giusta

mi giro a passi lenti riduco la distanza che ci separale forbici nella mano

Bravo tendo il poco margine di escursione del polso destro
Verso di te

sollevo la mano avvicinando le forbici al legaccio

I cavi non sono troppo tirati e ho minimo di movimento
Ci siamo

dimmele ancora dimmele ancora quelle cose
Sorrido è fatta
Cristo!
Ti guardo
"Siti puoi fire Parola di poliziotta"
"Al processo parlerò di te come di quello che mi ha salvata dalla vecchia strega taglia adesso prima che quella arrivi svelto"

no non non dicevo quelle le cose quelle di prima intendevo

Inizio a perdere la pazienza
"Quali cose"
"Cosa cazzo quali cose parla!"

ti libero le gambe le aprivi tanto

Resto basita
Lo guardo come si può guardare un insetto schifoso
Ma devo bluffare o questo demente non taglia
Mi sforzo di sorridergli
Mi riesce
“Io si certo quando tutto sarà finito io e te ci rivediamo e scopiamo come fanno le persone normali Senza catene Ok"
"E ti apro le gambe Più larghe che posso ok?"

mmmmm situ e io vero? soli tu ed io
anche lei del resto ha detto ha detto che tu sei venuta qui per me

"Adesso però, bravo, taglia queste cazzo di cinghie prima che torni la pazza si io e te soli taglia cazzo taglia! "

anche lei lo ha detto si
ma tu devi promettermelo però

“Si ha ragione Taglia ti ho detto! "
"Si, te lo prometto Hai la mia parola "

oh cara mi chino su di te poggio la testa sulle tue chiappe e mi lascio andare teneramente
al mio amore folle e senza limiti per te
caracara mormoro estasiato al pensiero di noi due soli per sempre uniti
come nel piu romantico dei film

No no no sta perdendo tempo
Cazzo digrigno i denti

accarezzo la tua pelle le tue cosce meravigliose lisce e sensuali

Ti sparerei se potessi

le forbici nella mano

i i i taglia

mi sollevo
alzo gli occhi verso il laccio che imprigiona il tuo polso

Si
Io te lo offro come posso

e poi uno sguardo alle forbici che sembrano insolitamente pesanti per la mia mano
lento aziono l'apertura delle punte accostando piano lo strumento al laccio

Eccolo eccolo si!

ecco è tra le due lame delle forbici
Ormai è fatta penso

un niente e il tuo braccio tornerebbe libero

Non sto più nella pelle
Trattengo quasi il fiato

l'idea di farlo non avendo intimamente alcuna certezza che terrai fede alla promessa fattami stranamente mi eccita
si al pensiero che appena strappato quel legaccio tu possa infierire su di me con tutta la veemenza che possiedi riducendomi ai tuoi piedi mi eccita

"taglia "
Il mio è un ordine adesso

mi vedo a terra nudo che subisco la tua ira mentre mi ordini come già hai fatto in caserma di leccarti i piedi nudi
si il cazzo mi si drizza prepotentemente

"Che cazzo stai aspettando!"

inizio lentamente a incidere quel legaccio
che lentamente sento cedere sotto l'azione delle forbici

Eccolo ci siamo
Io sono già pronta a liberare il braccio

un'ultima pressione e il laccio si spezza in due parti lasciando immediatamente libero il tuo polso

Bingo!

ecco cara ora sei libera

Subito sento la spalla destra indolenzita per il cambio improvviso di posizione
"Si ma non ancora l'altro polso adesso e poi le caviglie "
"Svelto"

d'improvviso sento dei rumori ho un sussulto lei sta tornando

Oh no!

quasi per lo spavento le forbici mi cadono dalla mano

No no no noooo

vado ad avvicinarmi alla porta per accertarmene

"Sbrigatiii!" Urlo
"Cazzo taglia gli altri bracciali maledetto idiotaa!"
Freneticamente con la mano libera cerco di slegarmi dall'altro bracciale che mi tiene il polso sinistro
C'è una specie di chiusura

mi accorgo cosi che lei aveva aperto una stanza che solitamente tiene chiusa a chiave nel corridoio perpendicolare a questo che porta qui
mi tranquillizzo come avessi sfiorato una tragedia
mi volgo verso di te

Cerco di aprire la chiusura

cara non preoccuparti
è tutto ok

Io nemmeno lo sento intenta a cercare di aprire la chiusura
"i sbrigati trancia anche gli altri "

e subentrando ai tuoi sforzi avvicino le forbici al secondo laccio che ti imprigiona

Il polso sinistro Bravo

oh cara presto sarai di nuovo libera
zac

"Si certo ma sbrigati quella sta tornando me lo sento "

e anche il secondo polso non ha piu impedimenti
Finalmente!
Immediatamente mi sollevo e mi metto in ginocchio sul tavolo
Le caviglie sono ancora legate
"Bravissimo Un ultimo sforzo adesso "

di colpo sento la sua voce chiami
sobbalzo

Noooo cazzo noooo

so che non posso ignorare quel richiamo otterrei solo di farla accorrere qui

Mi prende il panico
Come di istinto cerco la fondina con la pistola ma

come fossimo complici ti tappo la bocca con la mano a evitarti di parlare e rispondo

Non la trovo naturalmente

cercando di non tradire la mia emozione che mi sta sconvolgendo

Ti sposto la mano dalla mia bocca con un gesto di rabbia

dall'altra stanza mi chiede caro, tutto a posto?
"Taglia invece di perdere tempo cazzo! "

ssi tutto tutto a posto
"Non la senti? "
"Liberami anche le caviglie svelto! "

allora se non hai bisogno di me termino un lavorino non ti dispiace vero caro?

Cerco di girarmi su me stessa torcendomi tutta ma non riesco

non fai pure rispondo sollevato
rassicurato mi sembra di rinascere

Mi tranquillizzo per un attimo
"Ok bravo approfittiamone"

l'ansia con lo stesso impeto con cui era sorta in me con altrettanta rapidità si dissolve

Io sono praticamente a quattro zampe sul tavolo
Muovo un po la schiena indolenzita

guardare la sporgenza delle tue chiappe mentre sei in ginocchio con la camicia ha il fascino erotico di tante immagini viste e riviste nei momenti di solitudine sui giornali
soubrettes, attrici, veline solo in parte coperte indumenti tenuti ad arte per indurre nel lettore emozioni e reazioni

Io non capisco cosa stai aspettando
"Muoviti cazzo cosa aspetti ti sei imbambolato di nuovo! ?"

mi ami anche tu vero? ti chiedo come vivessi un sogno d'amore irreale

Questo è veramente troppo
Ti guardo con tutta la cattiveria che ho in corpo

delirando ormai potremmo andarcene insieme io e te
lontano qui tutto
sempre insieme cara tu e io soltanto

"Amarti? Povero deficente ma come cazzo puoi pensare che una come me si possa innamorare di un coglione sfigato impotente come te!"

ma tut u avevi detto che

"Ma ti vedi cazzo maledetto demente"
"Vaffanculoooo!"
Sono esasperata

sono nudo vanti a te mentre ricevo tutta la veemenza del tuo disprezzo

"Taglia quei cazzo di braccialiii!!!"
"dannato mongolide!"

ora esito
sono disorientato

Cerco di strapparti le forbici dalle mani
Ma in quella posizione precaria manco la presa

tutu mi hai mentito
ti dico con un misto di delusione e rancore

"Si testa di cazzo ma cosa pensavi"

ascolto le tue parole dure e umilianti

"Tu sei un povero cretino un inutile coglione e basta "
"Non sei buono a niente Veramente a niente! "
"Nemmeno a tagliare due bracciali di mer!"
Scalcio con la caviglia destra come a indurlo a rendersene conto

tu tu non mi ami non mi hai mai amato

"Ma vaffanculo!"
"Tu sei rinchiudere altro che amare!"
Sono furibondo

mi verrebbe urlare gridare al cielo la mia rabbia
no tu non meriti il mio amore

"Come cazzo si fa ad amare una nullità come te"

non meriti la mia fiducia

"Nessuno ti amerà mai fattene una ragione scemo"

ha ragione lei sei solo (pronuncio per la prima volta questa parola) una troia

"E adesso mmi quelle forbici È un ordine! "

e come di colpo avessi addosso una forza mai avuta di colpo gettate via le forbici ti afferro sul collo
prendendoti dietro
troia sei solo una troia

"Mghhbrutto figh"

stringo

Cerco di colpirti con i gomiti
Di liberare il collo

stringo come se d'improvviso avessi una morsa al posto delle mani

Mi butto in avanti sulla superficie del tavolo tirandoti dietro con me

e mentre serro questa stretta ti spingo giu obbligandoti a chinare la testa mentre seguiti a essere in ginocchio

"Mghhjff"
Cerco di colpirti di lato
La stretta al collo inizia a fare il suo effetto
Mi resta poca autonomia
Di aria

come invasato seguito ora a ripetere meccanicamente quella parola
troia troia

Questo coglione mi sta strangolando penso

come se il solo pronunciarla mi desse forza

La mia faccia inizia a diventare rossa

premo stringo

Faccio uno sforzo tremendo per torcere il corpo

tutto l'amore di soli pochi minuti prima è diventata rabbia furiosa

Liberarmi dalla presa
Aria aria
Ho bisogno di aria
Adesso
O sono fregata

in quel momento compare alla porta la vedova

Questo mi soffoca

ma caro cosa stai facendo?

"Mgghhh"

su via via lasciala

Ho gli occhi fuori dalle orbite
La vista si annebbia
Mi sento svenire

come ossessionato sulle prime la sua voce mi giunge solo come un semplice impulso sonoro
ma appena incalza eccomi che di colpo sembro tornare in me
su bravo ora lasciala

All improvviso tutto si oscura

lentamente mi stacco te
le mani ancora continuano a simulare l'atto dello strangolamento

"Ohhhfffhhh"
Tutto mi gira intorno
"Coff coff"

la vedova come non fosse successo nulla di irreparabile con estrema calma sostituisce i legacci ormai inservibili con nuovi lacci

Cerco di respirare
Incamerare più aria che posso

tu sei praticamente fuori gioco e non ha nulla temere durante l'operazione di sostituzione

"Oahhhcoff"
Mi porto le mani alla gola cercando di controllare

con mossa decisa ti prende uno dei polsi e con estrema abilità e rapidità lo immobilizza riconducendoti alla precedente posizione

Sono ancora in ginocchio sul tavolo

stessa operazione per l'altro polso

Mi sento strappare via
Tirata per i polsi

io nel frattempo sono accasciato su una sedia a ridosso di una parete
tutti i miei sogni tu li hai frantumati

Cado in avanti sul tavolo

l'amore si è trasformato nella sua negazione

Mi rendo appena conto che sono di nuovo nella stessa posizione
Con i polsi di nuovo legati

il romanticismo ha ceduto di colpo il posto all'istinto rabbioso e primordiale al rancore
ti guardo ora come fossi una pre

Continuo a respirare intanto
E piano piano riacquisto lucidità

e io il tuo famelico pretore

Finalmente mi rendo conto di essere di nuovo esattamente nella stessa situazione di prima

dopo averti nuovamente sistemata la vedova mi rivolge un'occhiata e dice torno di là caro
sta uscendo dalla stanza quando sente la mia voce dire
avevi ragione tuè solo una troia
per la prima volta riesco a scuoterla
e un'intensa soddisfazione la fa sorridere di gioia ha vinto io ho scelto chi seguire questo momento non avrà piu obiezioni parte mia

"Maledetti, maledetti "
La mia voce è carica di odio

continuo a fissarti puttana sei solo una puttana

Non sono abituata alla resa e non inizierò questa volta
"Avevi la tua occasione "
"Te la sei giocata "

mi alzo mi avvicino

"Adesso sei fregato davvero "

ti giro intorno come studiassi la prossima mossa

Rido minacciosa

di colpo passandoti accanto ti colpisco con un fendente a mano aperta

"Ahia!figlio di puttana te lo restituiro' con tutti gli interessi

zitta troia ora in poi parlerai solo quando lo dirò io è chiaro?

"Stavi per strangolarmisi aggiunge anche tentato omicidio adesso "

di colpo l'essere inetto e titubante che avevi conosciuto sembra sparito e al suo posto un essere duro e dispotico
ti afferro per i capelli tirandoteli all'indietro fino a farti torcere completamente sulla schiena

"Sai come me la ridero'al processo "

sei solo una puttana

“Mmm lasciami mi fai male "

e con le dita ti stringo le labbra fin quasi a farti male

"E tu un povero stronzo demente"

torno a cercare le forbici

"Tu e quella pazza di là "

volevi che le usassi vero? bene le userò

Il tuo tono mi preoccupa un attimo

e con veemenza inizio a tagliare la camicia della tua divisa
“Cosa che vuoi fare con quelle"
"Cazzo fermati"

stavolta con rabbiacome volessi disintegrarla

"Con cosa torno a casa!"

taglio taglio prima in corrispondenza del tronco poi a livello delle braccia
ti voglio nu puttana

"Stai attento cazzo rischi di tagliarmi coglione!"

zitta troia o taglierò altro al posto delle maniche
ridotta a brandelli getto i resti della camicia sul pavimento

“Tu sei pazzo non lo farai"
Guardo i resti della mia divisa per terra

noto che non hai il reggi sotto la shirt e malgrado la tua posizione schiacciata contro il piano del tavolo lo consenta solo in parte intravedo la forma dei tuoi seni

Dovrò procurarmi dei vestiti per andarmene penso

mmmmmm
alla vista gemo
di nuovo le forbici iniziano a fare il loro lavoro
tagliando la parte inferiore della shirt con movimento ascendente

Sento la stoffa della maglietta lacerarsi
L'ultima mia barriera di tessuto
Poi sarò nu Completamente nu

scoprire la tua schiena cm dopo cm mi eccita
di un'eccitazione selvaggia animalesca
alimentata dalla rabbia che sento addosso
l'ultimo lembo della shirt cede ai colpi delle forbici
le depongo a un lato del tavolo
afferro le estremità di quei pezzi di stoffa
e con un movimento brusco feroce quasi te le strappo di dosso
ora si sei nuda completamente
e sei mia
completamente mia

Nuda eccomi nuda
Il fatto di vedere la mia uniforme fatta a pezzi mi fa salire una rabbia

mi chino su di te avvicinandomi alla tua testa e ti sussurro standoti appena dietro
ora quelle cose che dicevi le farai sul serio sai
(e scandendo il vocabolo sillabandolo) tro-ia

"Sarai soddisfatto adesso "
"Invece non farò un bel niente "

ignorando le tue obiezioni ti guardo
nuda esposta al mio sguardo e ai miei desideri

"Quello che farò e farti a pezzi con le mie mani quando mi libererete"

e accarezzo il tuo corpo

Sento la tua mano su di me

seguendo il profilo della tua schiena fin giu alle curve perfette dei tuoi glutei
mi chino su di essi baciandoli
mentre le mani li stringono
nuovamente divarico quelle chiappe

Le tue mani sulla mia schiena

avvicinando la bocca e la lingua al solco che le divide in due emisferi assolutamente perfetti

Vertebra dopo vertebra
Fino alle natiche

la lingua solletica leggera quella parte di te
mentre le chiappe sono ora dilatate all'estremo
con rapidi colpetti stuzzica ora la regione dello sfintere
leccatine leggere insistenti
ti piace puttana? ti chiedo con voce cosi diversa quella che eri abituata a sentire sembrarti artefatta

Sento che stai di nuovo ponendo l'attenzione al mio buco
La natiche sono allargate al massimo dalle tue mani
È fastidioso
Probabilmente mi violerai di nuovo
Non fa niente
Sopportero' e terro'duro
Non ho alternativa in questo momento

ormai tutte le mie azioni sono ispirate dalla nuova visione di te

Solo non avrai alcuna soddisfazione parte mia

non piu la dea la dolce ispiratrice dei miei sogni romantici ma una troia usare a piacimento

"Ti stai divertendo figlio di puttana?"
Ti provoco
Non ho alcuna paura di te
Nonostante il tuo cambio di tono
So che una pecora non può trasformarsi in un lupo improvvisamente

le tue parole ora neppure le sento non hanno alcun senso
sei mia e niente cambierà questo to di fatto

Adesso però devo pensare a come comportarmi per quando tornerà la vecchia
Quella bastar mi ha legata immediatamente

torno col dito a carezzarti il buchetto
nuove pressioni

Ha perfettamente sotto controllo la situazione la megera

e poi giu dentro a fondo
ma a differenza di prima ora è un immediato su e giu
godo a scoparti il culo cosi
Mi sta di nuovo penetrando intanto il bastardo

distesa di schiena immolata
il movimento è deciso robusto

È entrato diretto stavolta
Mi provoca notevole fastidio

il dito spinge come un piccolo ariete

Ma non lo do a vedere

mmmm godi puttana
quel movimento evoca immagini di tante visioni notturne quelle dei miei sfoghi solitari nel letto

Anzi

vanti a immagini di amplessi anali

Continuo a provocarlo

e allora spingo spingo
come ti stessi realmente penetrando

"Tu non sai nemmeno cosa voglia dire far godere una donna coglione"

zitta
devi stare zitta puttana

"Perché? Ti fastidio la verità? "

il dito seguita a martellarti il culo in modo ritmico
prepotente
gemo
gemo all'accostamento di quelle scene anali a queste immagini che ho realmente vanti agli occhi

Lo stronzo continua
Poco male

siti sto penetrando sei mia

Ormai ci sono e devo sopportare

lo so che ti piace puttana

"Non sarò mai tua idiota"

schiaffffff
ti colpisco violentemente su una natica

"Ahah tu non hai la più palli idea di cosa mi piace a me"

zitta!!! ti grido
e spingo ancora piu forte col dito

"Si anche un po di sadomaso come sei scontato povero stronzo"

mmmmm

Sopporto tutto

un nuovo braccio di ferro si è creato stavolta tra noi due però

Senza fare una piega

devo riuscire a piegare la tua altezzosa insolenza devo a tutti i costi
spingo il dito fino all'estremo
muovendolo contro le pareti
ti sfondo puttana mmmmmmm

"Si i fammi vedere testa di cazzo di cosa sei capace"


Si è una dannata sfida
Che non ho assolutamente intenzione di mollare
Ahah voglio proprio vedere quello che sai fare "

non sentirti ancora cedere malgrado i miei sforzi di portare quella penetrazione agli estremi limiti mi rende furioso
vorrei che il dito affondasse ancora di più fino a sventrarti mail limite è già raggiunto
provo a muoverlo all'interno della tua cavità anale ma è l'unica risorsa

“Bravo bravo ci sai fare coglione ahah scommetto che lo fai anche alla vecchia eh come sei esperto"

di colpo sfilo via il dito l tuo culo

Non posso fare a meno di ripensare a due giorni prima
In commissariato
C'è un particolare che mi fa sorridere
E trovo quasi divertente
Anche lì questo coglione era completamente nudo
Solo che era buttato per terra a lucidarmi gli anfibi con la lingua
Tra una legnata e l'altra
Tremolante e piagnucolante
Una mer sul pavimento
Solo quella zoccola della vecchia non si è mai piegata
Ma arriverà il suo momento
Oh si eccome se arriverà anche per lei
Certo è che è assurdo se penso che ero venuta qui per fargli il culo a questi due e invece guarda che stronzata
Guar che situazione di mer mi ritrovo
Dovevo sfondargliela quella testa di cazzo
Guardalo
Patetico sacco di mer
Sta venendo
Cristo non ci posso credere che questo insetto tremolante sia qui vanti a me a masturbarsi adesso
Dovevo pestarlo di più l'altra mattina
E dovevo pestare anche la vecchia bagascia
Non si sarebbero mai permessi di fare una cosa del genere
E soprattutto non dovevo bere quella dannata bibita la hanno sicuramente drogata

mi chino su dite avvicinandomi al tuo viso

Si è sfogato a dovere

avvicino la bocca alle tue labbra
ti bacio

"Soddisfatto della tua prestazione? "

zitta

Ricambio il bacio a labbra serrate

ti dico cosi prendendoti la testa cosi tenerla ferma mentre ti bacio piu a fondo

Sono costretta ad aprire la bocca

premo con la lingua cerco la tua voglio scovarla forzando la tua bocca serrata

Sento la tua lingua farsi spazio nella mia bocca

eccola

Cercare la mia
Va bene mi dico

la coccolo la corteggio la seduco

Ricambio il bacio

spingendo la mia fino in gola

Lingua su lingua adesso

la stretta con cui forzavo la tua testa lentamente si addolcisce in una specie di abbraccio
mentre ti bacio con intensità

Sento che qualcosa sta cambiando in te forse la furia ribelle ti sta passando
Sta riemergendo di nuovo la tua vera indole

si di nuovo provo sentimenti caldi verso di tema non piu brutali
sento la tua linguae non sono movimenti passivi inerti
mi stai baciando si mi stai baciando

Tengo il gioco e continuo a baciarti
La mia lingua che cerca la tua
I tuoi denti
L'interno della tua bocca

si un intreccio sensuale in un bacio fatto di sensualità pura
sia pure in quel contesto in quella posizione cosi assurdo
un amore totale passionale assoluto tra lacci e volgarità
si sis ono pazzo di questa donna torno a pensare

Stacco la bocca dalla tua di colpo

come ho potuto illudermi di fare a meno di lei?

"Slegami"
Una sola parola

si

Un ordine
Secco

di colpo nuovamente tuo complice

Perentorio

stavolta non ho bisogno di forbici
le dita si muovono avide frenetiche contro quel legaccio che osa frapporsi all'esplosione della nostra passione

Bene lo fa
Stavolta lo fa
È bollito

un polso è già sciolto mentre lecco tutt’intorno il tuo braccio nudo la tua pelle

Muovo il braccio di nuovo libero

in quel momento sento una carezza sui capelli
nella foga di quel bacio non mi ero minimamente accorto dei suoi passi lei è tornata

Cazzo no!

sai che non puoi fidarti di lei mio caro
guardala guarda i suoi occhi
cosa ci leggi dentro?

Nemmeno io mi ero accorta della sua presenza

ti salterebbe addosso un istante dopo che tu l'abbia liberata

Merda nooo non adesso!

una serpe non fa le fusa morde
e lei è piena di veleno

Con il braccio libero ti do uno spintone
E cerco di slacciare
L'altro bracciale
Freneticamente
Ce la devo fare

(e sorridendoti soddisfatta di aver frustrato nuovamente i tuoi sogni di libertà e di rivalsa) ahahah cosa pensi di fare?
io sono ora di nuovo in silenzio
immobile

Con entrambe le mani libere
Posso difendermi meglio

i tesoro sai cosa devi fare sistema di nuovo quel laccio

Armeggio con il bracciale
"No!"
"Non obbedirle!"

con lentezza ma mi appresto a eseguire quello che altro non è se non un ordine secco e perentorio

"Ti sta rovinando non lo capisci! !"

non rispondo alle tue parole eseguo

Non mi lascio prendere facilmente

fissandoti nuovamente quel laccio al polso

Tento di sferrarti un pugno ma è tutto inutile

una stretta ad assicurarmi che tu non possa scioglierti

quella posizione e poi tu sei più forte
“Cazzooo ricordati le mie parole "
"Tu cirai in galera mentre lei no!"
Tiro e strappo in pre alla furia
Di essere di nuovo legata
"Tu sei nella merda lei se la cavera'"

ora che lei è tornata le tue parole hanno perso la loro seduzione magnetica
bravo tesoro cosi va meglio

Mi rivolgo a lei allora
"Ho ragione vecchia strega?"

lei muovendosi per la stanza nota diverse chiazze di sperma sul pavimento

"Non parli eh lo sai che è cosi"

si chinane raccoglie sul polpastrello e lo avvicina alla tua bocca
non c'è bisogno che ti dica cosa si aspetta te

"Quando tutto sarà finito che cazzo fai "
"Ascoltami bene bagascia"

l'odore si fa sempre piu forte il dito punta le tue labbra

"Tutto quello che poteva avere me lo ha già avuto "

pulisci un imperativo secco che non ammette repliche

"E anche tu Quindi adesso smettiamola con questo gioco e liberatemi"
"Vaffanculo!"

guardo defilato passivo spettatore di un gioco che non mi appartiene piu
al tuo insulto lei si china su di te
tesoro se non succhi subito questo dito io prendo queste forbici e te le ficco dritte nel buco del culo sono stata chiara? (ti dice queste parole a bassa voce cosi che io non senta e con una specie di sorriso sulle labbra)

Guardo la vecchia
Per un attimo resto senza parole
Sinceramente non mi aspettavo mi dicesse una cosa del genere
Il suo è un modo di dire di sicuro ma

senti il suo dito accostarsi ancora alle tue labbra
quell'inconfondibile odore di sperma

Il tono con cui lo ha detto mi fa optare per non approfondire la cosa

lecca tesoro ti ripete con voce insolitamente dolce

Apro la bocca e di nuovo mi ritrovo a leccare un dito
Quello della vecchia adesso
"Bastar" mormoro
Maledetta strega
I miei occhi parlano
Le promettono vendetta
Si lo lecco

lei ti guarda nota la tua espressione

E il mio odio per lei

ti fa dico, sarai mica una troietta lesbica poliziotta?

"Tua madre vacca era una lesbica malata"
"Tuo padre invece non si sa chi era"
in un baleno ti ritrovi il dito fuori della bocca e una manata violenta che ti raggiunge in pieno viso

Rido
ferendoti agli zigomi con i suoi anelli

"Che c'è ti sei offesa?"
"Ahah ma è la verità "
"Avanti dimmi sai almeno che lavoro faceva tuo padre"

senza degnarti di una risposta si allontana te scomparendo in una saletta collocata all'interno dello stesso ambiente
senti dei rumori che non puoi decifrare poi una serie di scatti metallici

"Scommetto che non sai nemmeno quello di tuo marito! "

d'improvviso l soffitto odi qualcosa avviarsi
provi ad alzare gli occhi

"Ahah povera stronza cornuta"
"Che cosa"

e noti che i binari i quali pendono i ganci ai quali sono fissati i tuoi legacci si stanno allontanando

Che cavolo sta succedendo penso

le tue braccia si tendono aprendosi verso l'esterno
e un attimo dopo un nuovo scatto

Vedo i cavi che mi tengono legata allontanarsi

e nel giro di alcuni secondi un analogo ingranaggio aziona lo spostamento dei binari che interessano i tuoi piedi

Le mie braccia vengono estese

guardo

Tirate in avanti e all infuori
le tue bracciale tue gambe nude che lentamente si divaricano

Anche le gambe adesso

tendendosi aprendosi

Ma cosa cazzo sta succedendo
Cerco di resistere
Opporre resistenza

per la prima volta intravedo il disegno della tua spaccatura
mentre le cosce seguitano ad aprirsi
l'angolo di apertura aumenta
le braccia sono quasi ad angolo piatto ormai

Inizio a preoccuparmi
"Cazzo ferma il meccanismo! "
"Che cazzo stai facendo puttana!"
"Ferma questo dannato meccanismo prima che mi squarta!"

ma l'ingranaggio sembra sordo alle tue invocazioni
seguiti ad aprirti sotto i miei occhi

Metto tutti i muscoli in tensione

osservo la tua figa

La mia paura è che non si fermi

improvvisamente ne sento un desiderio intenso
come se la vedova intuisse le mie sensazioni mi fa tutto bene tesoro?

"Cazzo maledetto scemo dille di bloccare questo affare prima che mi apre in due!"
"dannata pazza fermalooo!"

la tua voce proveniente quella stessa bocca che due minuti fa mi baciava con passione
ora ha ripreso ad insultarmi a trattarmi da inetto
e la tua figa li che sembra aprirsi per me
improvvisamente ho voglia di te

La trazione inizia a diventare forte
Molto forte

e l'uccello mi sta tornando duro

Adesso sono veramente tirata devo rilasciare i muscoli o mi strappo
Ma il meccanismo non si ferma

anch'io assisto alla scena vedendoti divaricare sempre piu braccia e gambe
oh si quelle cosce le tue meravigliose cosce

Sto per rompermi penso

cosi sode carnose e stupendamente toniche

Questi pazzi non si rendono conto

ormai sei quasi in spaccata
l'idea di prenderti cosi completamente aperta mi fa impazzire

"Cristoooo vecchia fermatiii!"

la mente torna a propormi scene viste di ginnaste che si lasciano possedere
aprendo quelle loro esili gambe oltre ogni immaginazione

"Che cazzo faiii non lo vedi che mi stai squartandooo troia di merdaaa!"

lasciando che l'uomo le penetri
mmmmmm
di colpo quel rumore metallico tace arrestando lo scorrimento dei binari

Ho un sospiro di sollievo

e la vedova torna ad affacciarsi dove possiamo vederla
mi vede vede la mia erezione

Però così tirata faccio cmq fatica a respirare

oh caro tesoro la desideri proprio tanto allora

"Maledetta pazza "
"Mmhhh mi senti vecchia sono troppo tesa non respiro "
"Maledetti pazzi mollate un po la tensione dei cavi mi si stanno slogando le articolazioni "

vuoi leccarla caro?
mmmm si

"Mi senti vecchia? Dico a te"

puoi farlo se vuoi tesoro
io la guardo come se avessi bisogno del suo nulla osta per iniziare a farlo
un benevolo cenno di assenso
e sono già li in ginocchio pronto a leccare la parte piu intima di te

Sento la tua testa fra le mie gambe oscenamente spalancate
E la tua lingua che mi lecca
"Non vi basta ancora maledetti porci "

slekkk slekkkk la lingua inizia a frugarti tra le labbra spalancate
solleticando il tuo sesso
e ora piu in alto verso il clito
stuzzicandolo seducendolo
slek slekkk slekkk
sempre piu intense piu avide piu profonde
la vedova riprende ad incitarmi
bravo caro cosi cosi le piace sai

"Taci maledetta bastarda"
"Taci!"
Dio che odio che provo per quella donna
Ma devo pensare ad altro adesso
Torno all'attacco
Della vecchia
"Il vostro tempo sta per scadere lo sai vero questo nonna"
"E tu coglione divertiti pure che tra poco sarà finita "

il suono della tua voce anzichè turbarmi mi sprona a rendere quei giochi di lingua ancor piu profondi
continuo a provocare la sensibilità del tuo clito
con ogni genere di stimoli
mentre la vedova approva e incita a continuare

"Hai sentito quello che ti ho detto vecchia troia!"

non è detto che sarà un buon giorno per te ragazza fa lei senza smettere di guardare me

"I miei colleghi quando non mi vedranno arrivare verranno a cercarmi siete fottuti"
"Nemmeno per voi lo sarà quando mi slegherete "

ora la lingua si tende oltre il limite inferiore della tua figa cercando di raggiungere anche lo sfintere
bravo caro leccala tutta per bene così si cosi

"Cristo santo ma voi due siete malati!"

avvicino un dito alla figa carezzandoti tra le labbra e poi verso il clito
lo massaggio un po' carezzandolo

Sento le tue dita che mi stuzzicano
Questa cosa inizia a darmi sui nervi
"Non hai sentito bagascia! Digli di smetterla al mongoloide e slegami Vi siete divertiti abbastanza "
"Ora il tempo sta per scadere"

hai ragione basta cosi
tesoro ho chiederti un piccolo favorino

Finalmente penso fra me
Come quello smette ho di nuovo coscienza di quanto le articolazioni mi iniziano a fare male per la trazione

vestiti prendi le chiavi della macchina della troia e valla a sistemare nel garage dei Di Salvo poi chiudi tutto e torna qui

Tutte le articolazioni principali del mio corpo
Cosa penso
Che cazzo di storia è questa
“Ehi puttana che cazzo è questa novità adesso "
"Tu devi slegarmi che cazzo centra la macchina adesso "

anche se a malincuore interrompo quella pratica inizio a recuperare i miei vestiti e raccolte le chiavi (erano fuoriuscite una tasca dei tuo i pantaloni quando te li avevo strappati) lascio la stanza pronto ad eseguire l'ordine di lei

"Non penserete di fregarmi la macchina "

restate sole

"Non arriverete a sto punto di demenza"

appena certa che io sia andato lei ti si avvicina e facendo in modo di ottenere tutta la tua attenzione ti dice
ora ascoltami bene puttana forse non ti è ancora entrato in testa e nel caso te lo dirò nel modo piu chiaro ed esplicito possibile delle tue minacce mi curo meno di zero, dei tuoi insulti mi curo meno che zero, della tua strafottenza mi curo meno che zero tu invece farai bene a cominciare a riflettere sul tuo futuro prossimo che non credo di sbagliare (sorride maligna) non ti procurerà momenti tanto piacevoli

Io la guardo

hai solo una possibilità per rendere meno sofferta la tua prigionia

Dritta in faccia
Dura come il mo

una soltanto

"Mi stai forse minacciando vecchia?"
"Dimmi una cosa tu mi sembri più sveglia del demente"
"Cosa pensi che farò appena libera?"

ahaah non penserai che risponda come in quei film americani no, è solo un avvertimento ahahah

"Rispondi alla mia di domanda invece "

certo che è una minaccia una minaccia chiara e cristallina che farai bene a prendere tremendamente sul serio
ricorda hai una sola freccia nel tuo arco
"Minaccia di cosa e quale sarebbe "

voglio che quando lui tornerà tu sarai carina con lui
dandogli tutto ciò che desidera
e soprattutto dandogli la sensazione che tu lo voglia davvero

"Tu sei matta e poi ha già avuto tutto "

non hai capito
lui si è preso tutto
ora ti ho detto devi dargli tutto

"Beh se lo faccia bastare "

ti fissa per qualche istante in silenzio
beh come vuoi

"Ascolta me adesso "

senza curarsi di ciò che stai iniziando a dire si allontana
scomparendo di nuovo nella saletta annessa al locale

"Appena libera quello che avrà me sarà tanto male ehi mi senti?"

nessuna risposta

"Dove cazzo sei andata adesso !"

ancora nessuna risposta

Cristo intanto devo fare i conti con la trazione
Va sempre peggio
"Ehi nonna che ne dici di allentare un po sti cavi adesso che avete fatto tutto! "

io intanto ho raggiunto la tua macchina apro entro sedendo al posto di guida il tuo

resto qualche attimo immobile come a studiare quell’ambiente respirandone l’aria il profumo
dei cd ne prendo in mano le confezioni leggo i nomi dei tuoi artisti preferiti

"Cazzo nonna mi senti? "

poi un paio di occhiali sole senza custodia gettati li nel vano posa oggetti cosa?

Ma dove cazzo è anta mmhhhh che male le spalle
Anche l'inguine inizia a far male parecchio
Questi maledetti cavi
Poi all'improvviso ho un pensiero che non mi piace per niente
Tutto questo meccanismo il tavolo le cinghie

ma non posso restare li avvio il motore e con una piccola manovra dirigo l'auto verso il garage dei Di Salvo

Tutto questo non è qualcosa di improvvisato

spengo il motore

Questo vuol dire che forse lo hanno già fatto
Oppure non riesco a capire
Forse mi dicono no è solo la mia fantasia
Forse ha a che fare con il lavoro che faceva la vecchia

non vedendomi tornare la vedova mi chiama al cell

La curiosità sta diventando prepotente a questo punto

si?
tutto a posto caro?
ssi certo sto salendo
ottimo ti aspettiamo allora

Sento la sua voce
Al telefono
"Ehiii mi senti!"
"Nonna dico a te!vieni qui ti devo parlare! "

stavolta lei compare si avvicina
beh cosa c'è?

“Senti allenta i cavi mi fa male dappertutto mi hai tirata troppo "
"E poi mi spieghi questa attrezzatura dove salta fuori Che cazzo di lavoro facevate!"

perchè no? volentieri
ma non sono io a decidere il movimento di quei cavi sei tu
dipende solo te
te l'ho già detto mi pare

"In che senso cosa intendi "

lui stai per tornare
sai cosa devi fare

"E se io lo facessi tu mi liberi?"

non sei nella condizione di far domande
ma devi prendere una decisione prima che lui torni

"Non vuoi nemmeno dirmi che cavolo facevate qui? "
"Come faccio a fidarmi di te"

infatti non puoi saperlo ma non hai scelta

"E cosa dovrei fare "

se me lo chiedi sei meno intelligente di quanto pensassi

"Perché dovrei farlo tanto tra poco mi dovrai liberarmi cmq"

si sentono dei passi sto tornando
beh quel che è detto è detto ora tocca a te

Resto a pensare alle sue parole

entro nella stanza
la vedova mi guarda bravo tesoro

Forse si aspetta me che lo tratto con gentilezza
Ok si può fare magari si decide a slegarmi ed è fatta

mi avvicino alla vedova come se attendessi lei istruzioni sul farsi
sai ho promesso alla signorina (per la prima volta ti chiama cosi) che le libererò le gambe cosi sarà piu libera

"Anche le braccia! "

appena sento le tue parole d'istinto mi volgo verso di lei come a trovare nel suo viso la certezza che sia tutto vero
forse tu stessi fatichi ancora a crederci

Io intanto sto riflettendo sulla situazione
Non mi fido pienamente delle parole della vecchia
Potrebbe essere un bluff il suo per farmi subire una nuova umiliazione
Potrebbe indurmi a fare delle cose contro la mia volontà promettendomi di liberarmi e poi non mantenere la promessa
ma intanto io sto gia avvicinandomi a te iniziando ad allentare i legacci che ti tengono i polsi

Ma è cmq una possibilità che non va sprecata
Vale la pena di giocarsela
Ti guardo che inizi a slegarmi sei quasi impacciato nel farlo

si l'emozione di avere anche il nullaosta di lei mi fa tree le mani rendendo piu complicato lo scioglimento dei lacci

Avanti bravo così penso

ansimo l'eccitazione di averti libera e finalmente mia mi brucia dentro

"Vedo che state iniziando a ragionare " dico rivolgendomi alla vecchia

non dice nulla osserva
finalmente il primo laccio cede
liberandoti il polso destro

Bravo e uno

ssi uno ripeto eccitato
subito mi dedico all'altro

Io ti sorrido

le dita frenetiche lavorano su quel laccio
il tuo sorriso un incentivo a far presto piu presto
d'improvviso anche il secondo laccio si allenta cede
liberandoti

La trazione che mi stava creando dolore e problemi si elimina all'istante
Lasciandomi cmq tutte le articolazioni doloranti
Ne approfitto per massaggiarmi spalle e polsi
Con le mani ora libere

resti ancora nella posizione scomoda a pancia sotto to che hai ancora le caviglie legate e le gambe totalmente divaricate

Sono ancora sdraiata ma sui gomiti adesso

vederti libera cosi è una gioia immensa

"Le gambe adesso non ne posso più "

oh amore cara finalmente sei libera vedi?
quasi dimenticando che le gambe sono ancora molto divaricate

Lancio un occhiata alla vecchia per sincerarmi che non ti fermi questa volta

ha lo sguardo secco di sempre ma non mostra alcunchè che possa far temere un contrordine
la guardo posso posso anche i piedi?

Io attendo ansiosamente

certo mio caro

Magnifico penso
Stavolta ci siamo

anch'io temendo che un istante all'altro lei possa cambiare idea mi precipito sui lacci che tengono le tue caviglie
armeggiandoci su con fare frenetico

Sento che si stanno aprendo

bravo tesoro continua pure

Una è andata
Si bravo penso
Continua pure

lei torna nello stanzino annesso al locale
mentre io eccitatissimo mi sto dedicando all'ultimo laccio
ecco cede
cara sei libera grido pieno di felicità
avvicinandomi alle tue gambe per baciarle gioioso che tu ora possa finalmente tornare a muoverle

Anche alle gambe la trazione ha fatto i suoi effetti
Sono indolenzita
Caviglie
E inguini soprattutto
Mi ci vuole un po per farlo passare
in fondo era ciò che pensavi sin dall’inizio che prima o poi avrebbero dovuto liberarti

Muovo un po le gambe restando sul tavolo

mentre io seguito a con i baci

Poi lentamente mi giro e mi metto seduta

baci continui sulla tua pelle nuda
per la prima volta ti vedo cosi i tuoi seni
la tua figa

Sei di fronte a me adesso

come non li avevo mai visti

La vecchia è sparita non so dove

mi scappa un gemito
cara sei bellissima

Io ti lascio fare per ora
Mi sto ancora riprendendo Voglio avere tutte le forze a mia disposizione

come vanti a una vera dedicando ai tuoi piedi che ora tieni penzolanti l tavolo mentre seduta cerchi di sgranchirti la muscolatura degli arti superiori
prendo una gamba la tengo a livello del polpaccio stringendola a me
come volessi sentirla mia per sempre
la bacio la bacio la bacio ancora
scendendo giu fino al piede
che sento un desiderio sfrenato di adorare
è una sensazione di assoluto
ai tuoi piedi mia amata e signora
lecco bacio come se quel piede fosse la chiave del tuo potere su di me

Io ti lascio fare Intanto l'occhio mi cade sulla mia divisa tagliata fatta a pezzi e gettata sul pavimento
Mi sale una rabbia feroce ma la controllo

il tuo alluce mi attrae terribilmente prendo a succhiarlo a ciucciarlo
avido
mmmmm cara cara
gemo scoppiando di voglia

Cerco di capire dove è la vecchia E intanto mi guardo intorno nella stanza
Cerco con lo sguardo la mia Beretta ma non la vedo
Probabilmente me l'hanno tolta prima di portarmi qui ed è rimasta in un altra stanza
Guardo se vedo qualche altro oggetto possa essermi utile

ciuccio quell'alluce con voglia infinita staccarmene solo per re leccate profonde alla pianta del piede
accosto il piede al viso me lo struscio ne sento l'autorità
caracara seguito a ripetere meccanicamente in pre a un'eccitazione assurda

Sono tentata di spingerti via
Ma non è ancora il momento

lecco lecco tutta ogni singolo dito mmmm bellissimi

Voglio prima avere il pieno controllo della situazione

passando l mignolo via via fino a tornare all'alluce

Poi all'improvviso ti allontano di colpo me e salto giù l tavolo
"Basta così adesso"
Sono in piedi vanti a te adesso

aaaaaahper effetto della tua mossa cado a terra all'indietro sul pavimento

"Dov'è la vecchia "

ti guardo nuda vanti a me gambe appena divaricate possenti dominanti
incantato dalla bellezza del tuo corpo
gli occhi calamitati dalla peluria del tuo basso ventre
pelo scuro curato mmmm
cmq sono così a terra davanti a teal tuo potere

"Chiamala" ti dico brusca

è una sensazione pazzesca sentire la tua forza mentre sei del tutto nuda

"Alzati terra e chiamala Svelto coglione"

ssi

"E intanto che vai di la procurami dei vestiti "

lentamente provo a rimettermi su

Guardo quello che resta della mia uniforme

forse forse puoi prendere i miei

Non c'è nulla di riutilizzabile
Solo gli anfibi
"Si si i tuoi vanno benissimo Ma li voglio puliti Cammina adesso va a chiamare quella"

mentre mi dirigo verso la stanzetta dove l'avevo vista entrare mi volto verso di te dicendoti
farò prestissimo cara i miei vestiti te li porterò subito
ma quando entro nello stanzino lei non c'è noto che c'è un'altra porticina in fondo ma quando vado per aprirla la trovo chiusa
torno
leinon c'è

Mi volto verso di te

anche le forbici sembrano sparite

Visibilmente nervosa
"Come sarebbe a dire non c'è Dove cazzo è anta "

c'è un'altra uscita di là dev'essere anta via quella porta ma ora è chiusa a chiave

Sono tentata di aggredirti a mani nude ma sei cmq un uomo devo valutare bene
"Che cazzo di labirinto è questo posto "

mi avvicino a te come a volerti abbracciare

E poi devo capire dove è anta quella

avvicino una mano al tuo viso per carezzarti

Io sto cercando nella stanza qualche oggetto
E a quel punto l'istinto prevale
Ti afferro il polso
Fulminea

ahhh
sento la forza della tua presa

Te lo giro al contrario
Torcendoti tutto il braccio
Fino a farti andare in ginocchio
Ti giro dietro sempre tenendoti

aaaaaaah ahhhhhhh

"Ecco figlio di puttana Finalmente abbiamo ristabilito l'ordine delle cose "

cado in ginocchio mentre tutto il braccio è dolorante per quella mossa

"Tu in ginocchio La posizione che compete davvero a uno stronzo come te"
Avvicino la mia bocca al tuo orecchio destro
"Dimmi bastardo, ti sei divertito prima?"

aaaaaah seguito a lamentarmi per effetto della tua presa

Il mio è un sussurro pieno di malvagità
"Non gridare coglione"
"Non sai quanto ho aspettato questo momento "
"Tanto lo sapevo che prima o poi mi avreste liberata "
Ti lascio il braccio ma con una ginocchiata fortissima nella schiena ti faccio andare dritto disteso sul pavimento faccia a terra

aaaaaaaah
sento nuovamente tutta la tua prepotenza su di me

Ti piazzo un piede nudo sul collo per tenerti giù

mmmmm
ahhhh

"Resta giù Non muoverti "

sento male ma al tempo stesso mi piace

Io non mi rendo conto che in realtà ti piace

la forza con cui mi imponi la tua femminilità
il potere inebriante della femmina su di me

Aumento la pressione

a terra nudo e schiacciato contro il pavimento
aaaaaaaaaah

Ti vorrei spezzare il collo

sento la forza del tuo piede il piede che fino a poco fa avevo adorato come uno scettro regale

"Adesso che mi dici idiota cosa pensi succederà adesso "

iio non non lo so aaah

"Non lo sai?"

nno

"Tu adesso mi dici come uscire qui"

mugolo qualcosa di incomprensibile

"Cazzo muoviti!"

muovo la testa come a dire che non so come uscire

Ti guardo sempre più incazzata
Due schiaffi
Violentissimi
Destro e sinistro
La testa ti rimbalza quasi
"Te la stacco quella testa di cazzo figlio di puttana Trova la chiave e fammi uscire o ti ammazzo con le mie mani!"

mmdbdmmm avverto il dolore dei tuoi colpi ma è la forza del tuo potere su di me a eccitarmi

Niente questo coglione è veramente squilibrato Non reagisce
Lo posso ammazzare che starebbe li come un ebete
Tanto meglio per me Farò meno fatica
Quanto alla vecchia appena arriva la stendo secca
Il fatto che non reagisci fa aumentare la mia rabbia e frustrazione
Ti sferro una ginocchiata fra le gambe proprio sulle palle facendoti di nuovo cadere in ginocchio

ouhhhhhhhhhhhhh
dolorante mi accascio al suolo
rannicchiandomi su me stesso
il dolore è fortissimo ma è come se mentalmente ne godessi
è la femmina che mi vince che ha la meglio su di me che mi riduce all’impotenza mi costringe alla resa con una sola semplicissima mossa

Ti colpisco di nuovo

aaaaaaaah

Stavolta sotto il mento

godo di quel dolore

Vai indietro
Disteso go il pavimento

inflittomi quello stesso piede che poco fa ho adorato e leccato

Con il naso che sanguina

si

E mezzo intontito

Stavolta non mi fermo
Ti salto addosso a cavalcioni su di te
E inizio a colpirti in faccia
Pugni questa volta
Sfogo tutta la mia rabbia per quello che ho dovuto subire te mentre ero legata
"Bastardo figlio di puttanaaa io ti ammazzo!"
"Ammazzo te e quella troia della vecchia che ti scopi!"
"Verme schifoso Bastardo pervertito!"
Poi , ricordandomi di quando hai cercato di strangolarmi ti stringo le mani intorno al collo
E stringo
Sempre di più
Con tutta la mia forza
Fino a vedere la faccia stronzo diventare viola

ggggghhhhhh
fatico a respirare totalmente in balia della tua furia

Se non mollo lo uccido
Sono una furia
La mia testa mi dice che devo mollare
Si farà ammazzare piuttosto
Cristo!
E a quel punto mollo la presa
E scatto in piedi
"Non vali veramente un cazzo"

senti alle tue spalle una voce a te ben nota
bene bene vedo che vi siete divertiti voi due
spero ora vogliate far divertire anche me

Sento la sua voce odiosa alle mie spalle
Mi giro lentamente verso di lei
E la guardo

con voce imperiosa su alzati tesoro, in piedi ora

"Far divertire te? Brutta cagna malefica Anche tu pervertita come questo maniaco"

a faticami rimetto in piedi la bocca e il naso sanguinanti barcollando un po'
taci puttana
e torna a distenderti sul tavolo
ma stavolta a pancia in su
ah prima che ti venga in testa di far qualche mossa inconsulta ti avviso che la tua pistola d'ordinanza ce l'ho io (te la punta dopo averla tenuta nascosta dietro di sè) e che a questa distanza non c'è bisogno di essere una campionessa olimpica per farti un buco grosso come un oblò nello stomaco

La guardo allibita
"Cosa?"

con la punta della pistola ti fa cenno di distenderti sul tavolo
io di nuovo personaggio secondario assisto

Sto per scagliarmi addosso ma la vista della mia arma mi blocca

brava vedo che hai cervello in quella testolina

Ma resto dove sono
In piedi immobile

ancora un paio di passi e ora saresti in terra in un lago di sangue

"Cosa cazzo credi di fare con quella vecchia Sei impazzita?"

hai detto bene alla mia età avrei mille attenuanti

"Abbassa quell’arma potrebbe partirti un colpo per sbaglio "
"Di quali attenuanti parli"

tesoro (ironica) qui un colpo parte solo se lo decido io
distenditi sul tavoloe tu caro aiutala

Mi giro verso di te
Incredula





“Tu non le permetterai"
"la vecchia è pazza"
"Non lo hai ancora capito? "

neanch'io conosco però il copione che ha deciso di sceneggiare per cui rispondo al tuo sguardo lasciandoti capire che ne so quanto te
ebbene caro non vorremo mica metterci tutto il giorno vero?
no certo balbetto obbediente

Cristo santo

mi avvicino a te e ti invito a distenderti nuovamente sul tavolo
anche se non pancia in sotto ma al contrario
la vista della pistola e la determinazione che leggi negli occhi di lei ti fanno sia pur a fatica obbedire
inizi piano a distenderti sul tavolo

Arretro fino a sentire
Il bordo del tavolo dietro di me
Mi ci siedo sopra
E poi
Lentamente mi ci distendo
Dentro di me quasi non ci credo
"Ma cosa volete fare ancora non avete capito che per voi è finita "

ignorando le tue parole tesoro, nel garage dei Di Salvo, sulla sinistra c'è uno scaffale al secondo ripiano troverai una cassettina valla a prendere per favore
ssi vado

Io resto distesa con le braccia lungo il corpo

bravo vai allora

I vostri dialoghi mi sembrano delle assurdità
Una cassettina
In garage

esco di scena senti i miei passi che si allontanano



Ma che diavolo ha in mente questa

ora apri bene le braccia tienile larghe
e resta cosi

“Cosa ma perché "
Apro le braccia
Devo obbedire
"Va bene ok"
Pur di non essere di nuovo legata obbedisco
Devo stare al suo gioco ancora per un po penso

la vedova si allontana e si mette a sedere sempre tenendoti la pistola puntata contro

Io resto distesa a braccia larghe
La vedo che torna verso di me
Piano
Anche il tempo sembra rallentato

quindi la vedi avvicinarsi ancora a te
gira intorno al tavolo come se cercasse ispirazione
ti accarezza sfiorandoti appena
le gambe le braccia fin su ai capelli
indugia con essi
li sente tra le mani facendoli scivolare tra le sue dita

Mi tocca
Mi accarezza
Ma il suo è un tocco strano
Non saprei spiegare
C'è qualcosa di malato nel come mi tocca
Si deve essere così

adesso afferra il tuo polso destro e tirandolo un poco oltre la tua testa lo lega di nuovo con uno dei bracciali
poi fissa abilmente l'altro polso immobilizzandoti anche il secondo braccio
dopo averti immobilizzata ti osserva
appagata quella vista
sei bellissima
e ti accarezza
ma ora devi prepararti per lui
per quando tornerà te
si dovrai essere irresistibile
si avvicina alla sua borsa ne estrae una confezione acquistata in qualche profumeria
tutto l'occorrente per il trucco

Io sono veramente scioccata

ti si avvicina senti la pressione del rossetto sulle labbra
che le colora di un nero intenso

Ma cosa fa adesso
Mi mette il rossetto

poi gli occhi

Mi sta truccando questa pazza maledetta
Ma perché

si anche qui con tinte molto scure
cosi che il nero abbia un effetto molto forte
attorno ai tuoi occhi

Ho ambedue le braccia legate adesso sto tornando nella situazione di prima
Mi lascio fare
Non ho nemmeno la forza di reagire

un attimo dopo senti che sta sistemandoti in testa il tuo berretto di servizio
si cosi le piaci
ti osserva come avesse appena finito di ultimare il suo capolavoro
si sei perfetta cosi
perfetta per lui

Io non so più cosa pensare di questa ennesima messa in scena
Guardo ancora la vecchia
E mi viene una sola domanda
"Perché stai facendo tutto questo È il tuo ultimo giochetto? "
"Vuoi divertirti ancora prima di liberarmi vecchia strega pervertita?"

Poi, lentamente gira verso il fondo del tavolo. Prende prima una caviglia, mi fa distendere la gamba e quando è completamente estesa la lega con un altro bracciale.
Ripete la stessa operazione con l’altra caviglia. Adesso sono di nuovo legata a tutti e quattro gli arti.
pare soddisfatta

"Tu sei completamente pazza! "
Ma io non sono una che si lascia spaventare facilmente
Sono abituata ad avere a che fare tutti i giorni con ogni sorta di criminali

gira intorno al tavolo ponendosi accanto alle tue gambe

La guardo con disgusto

le accarezza
di certo non insensibile alla loro bellezza
anzi se non fosse per l'età avresti pensato a una lesbica perversa

"Se credi di impressionarmi con i tuoi numeri circo ti sbagli vecchia "
"Sei solo una svalvolata pazza demente ma non mi fai paura"
La provoco
"Mi stai ascoltando bagascia?" Le grido sollevando la testa l tavolo per guardarla meglio
Nel frattempo lui è tornato
"Bene arrivato coglione "

al tono della tua voce alzo gli occhi verso di te

"Contento della nuova sorpresa che ti ha preparato la tua pazza amica?"

ed è come se tu mi avessi chiamato per reclamare la mia attenzione sui tuoi cambiamenti

Il mio è un tono di scherno
Sprezzante
Arrogante Anche adesso che ho di nuovo ambedue le braccia e le gambe legate

per me è come se tu volessi davvero che ti ammirassi in questa nuova versione
assai piu forte e trasgressiva

Guardo la tua espressione idiota
idiota e contento
Poi guardo la vecchia
"Bene stronza, e adesso?"
"Quale è la prossima parte dello spettacolo "
"In cosa consiste vecchia "
Non riesco proprio a non essere arrogante

ignorando la tua an si rivolge amorevolmente a me
allora? che te ne pare? non è bellissima caro?
incapace di staccare gli occhi l tuo corpo
ssi bellissima bellissima si

Io ti imito
"Be-be-be bellissima "
Con la voce mongoloide
"Non so se mi fate più schifo o più ridere voi due"

mentre negli slip il cazzo torna prepotentemente a gonfiarsi

"Adesso slegatemi che mi tolgo qui e la facciamo finita "
"Mi hai sentito vecchia bagascia?"
Do un paio di strattoni ai bracciali
Ormai è solo questione di tempo per me
Quando tutto sarà finito una buona doccia laverà via tutta la sporcizia

la vecchia apprezza.
poi va verso il pannello nel muro dove ci sono i comandi del tavolo
buzzzzzz…il meccanismo che manovra i binari si rimette in moto.

sento di nuovo quel dannato rumore. vedo che i binari iniziano di nuovo a muoversi. i cavi li seguono e i bracciali collegati ai cavi. lentamente ma inesorabilmente le mie gambe e le mie braccia iniziano a venire di nuovo tirate verso le quattro direzioni opposte
“hei…che cazzo fai adesso vecchia bagascia! che cazzo ti prende!”

ma lei non ti ascolta. io resto a guardare rapito da quella scena. la mia eccitazione aumenta man man che i cavi mettono il tuo corpo in tensione.

cerco di resistere di opporre resistenza contraendo i muscoli ma so che è inutile. tutto inutile

ora sei tirata al massimo della trazione. sembra che il tuo corpo magro e atletico sia sul punto di strapparsi in quattro parti.
osservo affascinato i piccoli seni sodi ormai appiattiti sul torace. solo i capezzoli sporgono come grossi bottoni. la magrezza del tuo corpo adesso è impressionante così accentuata dalla trazione. dalle clavicole in giù le tue costole, tutte le tue costole sono talmente visibili sotto la pelle tesa che sembrano voler schizzare fuori. le creste iliache e ossa del bacino altrettanto. sonno come due vele che si innalzano sulla pianura. in mezzo fra queste sporgenze ossee della gabbia toracica e del bacino la tua pancia è praticamente scomparsa. piattissima. tiratissima. di più di piatta è addirittura concava talmente incavata che sembra sia vuota. sembra che il tuo bellissimo ombelico rotondo sia appoggiato direttamente sulla colonna vertebrale. e in mezzo alle gambe la spaccatura della tua figa adesso aperta completamente in modo osceno alla mia vista.
resto così imbambolato a guardarti mentre il cazzo sembra mi voglia scoppiare.
voglio devo segarmi subito o esplodo ma la vedova mi si avvicina
una carezza sulla guancia
lo so che ti piace molto e ti assicuro che presto sarà tua per sempre. fidati di me tesoro. mi sorride benevola
adesso però caro devi lasciarci sole. vai di là in cucina da bravo e ti guardi la televisione. finché non torno io hai capito?
“io….sssi si”
bravo vai caro e non ci venire a disturbare hai capito?
la sua voce è gentile ma decisa. non è un invito il suo. è un ordine preciso

io faccio fatica a respirare talmente sono tirata. la mia cassa toracica fa fatica ad espandersi. sento un dolore assurdo a tutti i tendini legamenti e articolazioni.
“brutta troiaaaa ma che cazzo…questa è la tua ultima…cazzo molla un po mi stai lussando tutta puttana!”
la vecchia si avvicina a me. sorride. ma è un sorriso perfido pieno di malignità
lui, il cazzone intanto se ne è andato. siamo rimaste sole io e lei adesso nella stanza
con mano mi accarezza la pancia nuda e concava. è un tocco gelido. non mi piace non mi piace
risale con la mano, dalla mia figa lungo tutto il mio ventre, linea retta fino allo sterno, segue il profilo delle mie costole, mi accarezza i seni, i capezzoli
“che cazzo stai facendo vecchia pazza…cosa hai in mente”

“vedi cara, io voglio che lui sia felice. sai, hai visto, tu gli piace così tanto. gli sei piaciuta da subito sai? fin dal primo giorno che ti ha vista. è da quando ci hai fermati a quel posto di blocco che non smette più di pensare a te. e tu adesso, che sei stata tanto gentile da venire qui a trovarci, vuol dire che anche tu non potevi di fare a meno di pensare a lui. bene, compito di una matrigna è la felicità del proprio figlioccio. resterete insieme per sempre sai. vedrai, lui sarò molto felice che tu diventerai sua per sempre…beh, magari non per sempre. magari per un paio di anni prima che i tessuti inizino a decadere. il tempo sai mia cara…passa per tutti.

sorride la vecchia. si sposta, la vedo trafficare con degli oggetti che prende da una delle scatole che era andata a prendere prima.
pinze, strane pinze, divaricatori, ago e filo da sutura, boccette contenti strani liquidi giallognoli e garze, molte garze.
“che cazzo…hai…in mente…vecchia. se questo è uno scherzo…che cazzo vai farneticando…io e lui insieme per sempre. tu sei matta. completamente pazza. anzi no malata. tu hai il cervello bacato…”

torna verso di me. in mano ha quello che assomiglia a un grosso bisturi in acciaio
non mi piace…che cazzo ha in mente questa pazza…
“hei…nonna…che vuoi fare con quello…”
lei mi guarda dritta negli occhi.

“prima mi hai chiesto che lavoro faceva il mio povero marito. te lo dirò. faceva l’imbalsamatore. e questo era il suo laboratorio. io l’ho aiutato per anni sai. mi ha insegnato bene il mio povero Gustavo. abbiamo imbalsamato di tutto. anche un orso una volta sai?

ride mentre racconta adesso. sembra quasi divertita

“davvero di tutto. ma, ti giuro, è la prima volta che mi capita di imbalsamare una poliziotta. viva per giunta

ride di gusto adesso. davvero ride di gusto. io non riesco a dire una sola parola. non riesco nemmeno a credere alle sue parole

“ah…dimenticavo…non ho nessun anestetico come puoi immaginare quindi temo che…ti farà un po male sai cara. ma tu grida pure quanto vuoi. non ti preoccupare, tanto su questo piano ci siamo solo noi. nessuno ci disturberà

non è possibile…sto sognando. vedo la vecchia appoggiare la lama del grosso bisturi alla base del mio sterno, proprio nel punto dove finisce l’osso e inizia il ventre

e adesso mia cara, vediamo come sei fatta dentro…



sto guardando la tv. come mi ha detto di fare la vedova. ci sono i simpson. mi piacciono. mi fanno ridere. in fondo io e Omer un po' ci assomigliamo. ho i mano un bel barattolo di nutella. mi piace la nutella.
ogni tanto dalla stanza di là sento gridare. gridare forte. forse la vedova sta litigando con la poliziotta. spero non le faccia troppo male. vorrei andare a vedere, sono curioso ma lei ha detto di restare qui e non disturbarla finché non ha finito.
non le voglio disobbedire. mangio la nutella allora e mi distraggo con la tv.
non vedo l’ora di tornare di là però. di rivedere Paola, la mia poliziotta, e stare con lei.
Per sempre, come mi ha promesso la vedova.

Questo racconto di è stato letto 2 0 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.