Erotici Racconti

Mai fidarsi delle apparenze II capitolo

Scritto da , il 2016-09-07, genere pulp

nterrompo cosi il mio sfogo e mi ricompongo risistemando all'interno dei pantaloni l'uccello
Nicola il piantone mi fa il saluto Io lo ignoro Salgo in macchina e scendo la radio
torno di là senza accorgermi che ho dimenticato di tirare lo sciacquone dell'acqua

Stanno trasmettendo un pezzo degli acdc Highway to hell Autostrada per l'inferno Rido con me stessa Un titolo appropriato per la serata

è incredibile come riesca a saper sempre tutto di me appena mi vede comparire con un sorriso bonario mi fa ma caro potevi finire con calma
arrossisco

Guido piano
Mi voglio gustare la strada, la musica

lei si avvicina e mi una carezza sulla guancia mi fai, tra non molto sarà qua e allora sarà tutto piu bello

Ormai è già buio fuori Non c'è nemmeno molto traffico in giro
Un bastardo vanti a me passa con il rosso pieno Avrei voglia di andargli dietro e fargli il culo
Ma questa è la sua serata fortunata
Ho altro e di meglio fare

naturalmente aggiunge non vorrai riceverla nel tuo appartamento aspettala qui me dopo tutto quel che ho capito vuole che ci siamo entrambi e non possiamo deluderla non pensi?

Il viaggio cmq non è breve Il coglione abita in periferia dall'altra parte della città

non capendo bene a che gioco stia giocando, acconsento ugualmente in fondo, l'idea che possa trovare nel mio appartamento qualcosa che non le va a genio potrebbe darle ragione di nuovi scatti d'irae nella mia posizione, ciò è assolutamente evitare

Finalmente arrivo in zona Il navigatore mi porta in una strada di estrema periferia

man mano che passano i minuti mi faccio piu ansioso neppure si trattasse del primo appuntamento

In fondo ad essa un unico palazzone anonimo Alto sei piani Decisamente trascurato nella manutenzione

hai voglia di rivederla vero? mi chiede a un tratto la vedova

Parcheggio fra le altre auto, probabilmente dei condomini Riconosco anche la tua di auto parcheggiata

con i suoi occhi puntati nei miei non riesco a mentire

Dietro il condominio la città finisce Solo campi

beh quando sarà qui ricordarti che questa è casa tua perche lei è fuori servizio e quindi non può un accidenti di nulla per cui fai l'uomo e fatti valere promettimelo

Mi avvicino ai citofoni Molti nomi stranieri
Che posto di mer penso

balbetto un si a cui lei non crede neppure per un attimo ma mi carezza una guancia come se l'avessi convinta

Lo trovo B
E suono
Suono a go
Ma nessuno risponde
Suono di nuovo
Niente
Ma che cazzo

dalla finestra lei ti ha visto arrivare non si mostra ma dice a me di salire è aperto
ops dice a me di mostrarmi dicendoti di salire

Prendo il telefono per chiamarti
"Dove cazzo sei brutto figlio di puttana!"

apro la porta finestra del balcone mi affaccio e sperando che la voce non mi si spenga in bocca grido signora, sono qui salga è aperto

Guar sto coglione
Il cancello scatta e io entro nell'androne
Mi dirigo verso l'ascensore
Ultimo piano L'ho visto quando ti sei affacciato

la vedova decide di non mostrarsi subito lascia a me il compito di accoglierti, dirigendosi verso la sua camera

Arrivo al piano
Ci sono tre porte C'è odore di muffa e di vecchio nel corridoio
Vedo una delle tre porte è socchiusa

io ho già aperto la porta dell'appartamento e stando sulla soglia attendo che la luce dell'ascensore segnali il tuo arrivo al piano
finalmente ti vedo

Ti vedo sulla soglia

salve agente
Sorrido Ma con disprezzo
dico con fare quasi galante

"Cazzo ma tu balbetti sempre cosi?" Rido
"i scemo spostati fammi entrare"

io non cioè(immediatamente rosso in viso)
mi sposto lateralmente cosi lasciarti libero il passaggio
in quel mentre respiro in cerca del tuo profumo

Entro come se fossi io la padrona di casa
Mi fermo un istante in anticamera
Mi guardo un attimo intorno e poi dico "Questa non è casa tua, vero?"

non ho mai provato emozioni cosi travolgenti nei confronti di una donna anche se nei tuoi confronti mi sembra assolutamente assurda una cosa del genre
danno è della signora, sa quella che era con me ieri

Il viso mi si illumina in un sorriso a 32 denti
"Ahhhh ma bene! E dove è la padrona di casa allora "
Ho un tono volutamente ironico

mentre esplori la stanza con lo sguardo io rivolgo tutta la mia attenzione a teal tuo corpo che ora mi dà le spalle
indugio sulla forma delle tue chiappe quelle che non ho mai dimenticate

Io non mi accorgo di te che mi guardi anche se so che lo stai facendo di sicuro

e ne provo subito una fortissima attrazione

Mi giro verso di te di colpo
"Allora dove cazzo è? "

tale è la rapidità con cui lo fai che mi cogli con gli occhi puntati sul tuo fondoschiena

Sorrido quasi benevola

cercando immediatamente di mascherare la cosa rispondo prontamente

"Ti capisco " dico

è andata in camera ma arriverà subito sa del tuo arrivo

Ma un istante dopo ti do un fortissimo manrovescio in faccia con il tuo libretto della macchina

ahhh grido scosso l colpo improvviso

"Ti sei dimenticato questo Coglione!"

si
e faccio per prenderlo
tendendo la mano verso di esso

Mentre te lo passo sento una presenza alle mie spalle

beh? che sta succedendo? chiede la vedova con voce sicura

Mi giro

nessun saluto non sei in servizio e lei non ha alcun motivo per essere gentile con te

Le sorrido io
Falsamente amichevole

allora? cosa vuoi? hai fatto ciò che dovevi ora gira le chiappe e sparisci

"Vi ho riportato il libretto della macchina Lo avete dimenticato un commissariato"

finora non l'avevi quasi mai sentita parlare ora scopri la sua veemenza

Resto per un attimo spiazzata dalla sua aggressività

e allora? c'era bisogno che scomodassi le tue chiappe per venire qua? o temi che abbiamo dimenticato la strada per il commissariato?

Mi ricordo di lei che fosse una combattiva ma non la pensavo audace fino a questo punto

Le vado vanti
Muso a muso
La guardo dritta in faccia

la tua presenza per quanto imponente di fronte al suo fisico non la turba assolutamente

"Come cazzo ti permetti vecchia"

come cazzo ti permetti puttana o non hai capito che qui sei a casa mia e a casa mia le regole le detto io

"Tu lo sai che io ti posso spaccare quella tua brutta faccia strega che ti ritrovi"
Non ci vedo più dalla rabbia

no non lo farai perchè non la passeresti liscia

Devo fare appello a tutto il mio autocontrollo per non colpirla

alla mia età certi colpi mi condurrebbero dritta all'ospedale e li dovresti saperlo fanno un sacco di domande
e il tuo nome verrebbe fuori lo sai

"Stammi bene a sentire nonna io sono qui sola e nessuno sa che sono qui oltre noi tre quindi non potresti dimostrare un bel niente ho previsto tutto lo sai vecchia stronza"
io che finora sono stato silente spettatore di quel match degno di un preliminare di un incontro di boxe mi intrometto tra voi
su su non alteratevi(e guardo la mia vicina) in fondo l'agente è stata gentile a venir qua ci ha risparmiato di dover andare nuovamente in caserma no?
e appena dette queste parole offro la sedia a te invitandoti a sedere

Io approfitto del tuo intervento per calmi un attimo o rischio di rovinare tutto

la prego agente si segga

Voglio godermi le cose con calma ma prima devo ristabilire le gerarchie

e tu dico rivolto alla mia coinquilina non essere cosi prevenuta

"Sedermi?" ti fulmino con lo sguardo

suora vi preparo una bevanda alla menta vedrete vi aiuterà a rilassarvi

"Io vi riporto il libretto e questa è l’accoglienza che cazzo dovrei sedermi a fare"
"Ficcatela in culo la bevanda alla menta" ti dico rabbiosa

ma io sto già precipitandomi verso la cucina per preparare le bibite

" E casomai deve essere LEI a prepararmela E' il minimo che possa fare per farsi scusare di come ha osato rivolgersi a me"
Ti grido dietro sempre più innervosita
"Hai sentito quello che ho detto stronzo?"
Poi mi rivolgo direttamente alla vecchia
"Adesso nonna tu vai di là e la prepari tu con tanto amore Ti è chiaro il concetto?"
Afferro la sedia e mi siedo

non berresti mai quello che ti preparo come io non berrei mai qualcosa preparato tema se vuoi rischiare allora come vuoi

Rido "Rischiare cosa che mi avveleni? Ahahah ma smettila và, fila di là e comportati come una decente padrona di casa"

mentre dalla cucina sento le vostre schermaglie cerco di accelerare i tempi della preparazione

"Anzi, ho cambiato idea Preparale tu coglione, io e la nonna restiamo qui a fare quattro chiacchiere vecchie amiche vero nonna?"

e quasi di corsa torno voi con un vassoietto traballante

La stronza resta in piedi
"Siediti anche tu, così ci guardiamo dritte in faccia"

ecco vedrete che vi faranno sentir meglio
e cortesemente ti porgo il bicchiere

Guardo i bicchieri contenenti il liquido verstro
"Non è che ci hai sputato dentro vero?"

rosso in viso come offeso l tuo sospetto sputarci dentro? e perchè mai avrei dovuto fare una cosa cosi ripugnante?

"Lo sai che se me ne accorgo per te è finita"
Rido "Cristo che cazzone che sei"
Inizio a bere

no nnon farei mai una cosa cosi spregevole

"Mmmniente male Bravi, almeno qualcosa di buono lo sapete fare"

ti osservo mandar giu la bevanda tendendo naturalmente all'indietro il capo mostri il tuo collo

"A proposito nonna, che facevi tu nella vita prima di andare in pensione"
Noto che la vecchia mi fissa Non mi piace come mi guar "Che cazzo hai che non va Non ti piace la mia divisa?"

anche quel dettaglio sembra ai miei occhi carico di erotismo
non dovresti neppure portarla a quest’ora hai smontato sei una persona qualunque
e cmq di divise come le tue e di gradi ne ho conosciuti fin troppo nella mia vita per impressionarmi ora

Annuisco
"Mmmla guerra immagino Non mi hai detto di cosa ti occupavi"
Un altro sorso
Non so perché, forse la giornata pesante ma inizio a sentirmi un po stanca

la guerra? quale guerra ragazza? sono vecchia ma non cosi vecchia cosa credi?

Forse dovevo rimandare la visita a questi due

io non noto nulla di insolito ascolto i vostri scambi verbali sperando che l'atmosfera si calmi

"Non chiami ragazza Per te sono un agente di polizia Per questo sono in divisa "
"Mentre tu non sei un cazzo di nessuno Probabilmente non hai nemmeno lavorato Ti sarai fatta mantenere come un parassita"

io ti chiamo come cazzo mi pare e come hai detto tu prima,,,nessuno sa che sei qui per cui che ti piaccia o no io ti chiamerò come vorrò tutte le volte che vorrò ti entra nella tua testolina di troia il concetto?

Bevo ancora un sorso Non so perché ma sta bevanda più va giù e più la sete aumenta

io sono ora seduto tra voi due ascolto senza intervenire

Stavolta è troppo
Spalanco gli occhi incredula a quelle parole
Anzi, cerco di spalancarli
"Hai esagerato brutta vecchia bastarda adesso io te li spacco quei"
La frase si interrompe

lei ti osserva sa bene cosa tu stia vivendo e conosce bene l'effetto di quel sonnifero e ora diverte ora incalzarti

Non so perché ma
Faccio fatica a parlare
Ho la bocca impastata
Ho bisogno di un altro sorso

visto caro? la tua amichetta si diverte a fare la grassa ma non sa reggere neppure una bevanda alla menta

Subito
Vuoto il bicchiere avi
"Ma vaffanculoio adesso "
Cristo che stanchezza

io ancora non comprendo ma effettivamente noto qualcosa di strano nel tuo comportamento

Tento di alzarmi ma ricado sulla sedia

come se improvvisamente la tua spavalderia iniziasse a scemare attimo dopo attimo

Sempre più stanca
Istintivamente algo una mano verso di te

lei ora ti osserva con un sorriso beffardo

"Aiutami un attimo ad alzarmi scemo"

mi lascio raggiungere dalla tua mano sentire il tuo tocco è per me come un momento di intimità

"Io non mi sento molto bene è meglio che va adesso "

anche se seguiti a chiami in malo modo

Anche la vista non è più molto luci
lascio che quel contatto non si interrompa
I contorni del volto della vecchia stanno cambiando

prendo la tua mano cercando di capire cosa effettivamente dovrei fare

Ho la mano sudata

la tua mano nella mia quanto vorrei accostarla alle labbra e baciarla

Il viso della vecchia è adesso una maschera deforme
Non mi piace Non mi piace più e voglio andarmene
Anche la sua voce è deforme anche se capisco ancora bene quello che dice

provo a sollevarti vorrei adagiarti sul divano o magari su un piu comodo letto ma la vedova mi fa
vieniti dirò io dove sistelarla

“Stronza di al tuo amico di aiutarmi"
"Cosa?"

lei tende una mano accarezzandoti sulla guancia
certo tesoro ti aiuteremo eccome se ti aiuteremo
e si dirige verso un'altra stanza certa che io ti seguirò tenendoti

“Si dove cazzo mi portatela porta di ingresso è di la"
Sono ormai incapace di reagire

non si preoccupi dico io con voce rassicurante vedrà che presto si sentirà meglio

“Si aiutatemi a uscire di qui"

stia tranquilla signorina presto starà meglio vedrà
tenerti tra le braccia respirare il tuo profumo è per me come magia

Mi appoggio completamente a te mentre sono costretta a seguirti
go il corridoio
Vedo una porta aperta su una stanza che prima non avevo notato
Stiamo andando li
Sarà il bagno penso

indebolita dall'alcool e bisognosa di aiuto non sei piu la ragazza spavalda e sbruffona di qualche minuto fa sei una ragazza inerme che si stringe a me in cerca di sicurezza

O la camera letto forse mi vogliono far riposare un po

e io mi sento come l'eroe di certi film americani l'unico in grado di far colpo sulla bella di turno

"Dove cazzo è la vecchia Non la vedo più ma sento ls sua voce che ti chiama "

la vedova senza voltarsi mi fa non era questo che sognavi caro? di tenerla tra le tue mani
visto? te l'avevo anticipato che avrei appagato tutti i tuoi desideri

"Brutta bastardo dove stiamo andando "

annuisco constatando la veridicità delle sue parole

"Questa non è l'uscita "

il tuo linguaggio ancora duro mentre ti stringi forte a me mi emoziona

Mi lascio trasportare Per ora non posso fare altro
Non ho più forze
Ormai sono praticamente trascinata di peso

la mano che ti cingeva in vita quasi per un naturale istinto cala lentamente piu giu iniziando a lambire timidamente la zona del tuo fondoschiena
è sufficiente qeull'avvicinamento perchè tutto il mio corpo sia scosso brividi caldi

Sento a malapena la tua mano sul culo
Cazzo te la farò pagare per questo penso

e in quel momento un impulso primordiale mi spinge a spostare la mano piu giu
siti sto palpando sul culo

Il corridoio fino alla stanza dove è entrata la vecchia sembra non finire mai

e il cazzo mi si drizza in un baleno

Ma alla fine ci arriviamo

la mano palpa le tue chiapp ele sente cosi sode e carnose

Mi sento palpare
Bastardo penso ne approfitta

la vedova è la prima a varcare la soglia appena dentro anche noi accende la luce

La luce mi abbaglia
Stringo gli occhi
Ancora con la tua mano fra le mie chiappe

mettila limi ordina indicandomi un enorme tavolo

Chiappe

obbedisco deponendoti su quel tavolo
mentre sento il cazzo durissimo nei pantaloni

Mi sento distendere su una superficie dura
Per un attimo penso sia un letto

la vedova getta un'occhiata verso di me l'erezione è evidente a lei non dispiace affatto

Si, deve essere per forza un letto Uno scomodo ma è sicuramente un letto penso

mi sorride ehilà tesoro, che è successo in quei pantaloni eh?

Almeno posso rilassarmi un attimo

mi si avvicina

"Brava nonna ottima idea adesso vattene e lasciami riposare un pò mmm"

mentre sono in piedi vanti al tavolo su cui sei distesa e ti guardo
è bella vero?
si rispondo seguitando a fissarti
si è molto bella

Io cerco di girarmi sul fianco di sinistra, la posizione in cui dormo di solito
Metto le braccia sotto la testa a farmi cuscino

cosi facendo involontariamente mostri ancora il tuo culetto

E piego le gambe
Ho bisogno di riposare solo cinqueminuti"

nota che lo sto fissando

"Andatevene fuori i coglioni lasciatemi sola"

ti ha fatto effetto eh tesoro?

Vi sento parlare maledetti stronzi non se ne vanno penso

guarda che bozzo che ti è spuntato quaggiu

Vorrei dormire ma non riesco veramente

senza dir altro si avvicina a una parete e pigia su dei pulsanti all'interno di un pannello

In realtà è come se stessi dormendo

un attimo dopo un rumore metallico proveniente l soffitto della stanza mi fa levare lo sguardo verso l'alto

Ma sono anche lucida abbastanza comprendere alcune cose
Le voci pere esempio

dei binari fissi al soffitto si stanno avvicinando degli enormi ganci i quali pendono dei lacci di cuoio

I contorni delle cose invece sono sfuocati
Sento un rumore
Come se fosse quello di un motorino ma anche di qualcosa in movimento

solo quando lo scorrimento dei ganci raggiunge la tua figura lei arresta il meccanismo

Qualcosa che si srotola

e avvicinandosi ancora al tavolo con abilità fissa uno dopo l'altro quei lacci ai tuoi polsi

guardo mentre lei con insospettata abilità ti lega immobilizzandoti polsi e caviglie

Mi sento muovere
Spostare
Mi ritrovo a pancia in giu
Qualcuno mi sta allagando le braccia tirandomele verso l'alto
Cerco di opporre resistenza ma non ho assolutamente la forza

per quest'ultima operazione però ha bisogno del mio aiuto tu hai ai piedi gli scarponcini anfibi d’ordinanza e le caviglie non sono raggiungibili così pertanto, con voce ferma come fossero comandi mi dice di sfilarteli

Ora anche le gambe ma cosa cazzo sta succedendo

mi ritrovo a prenderti tra le mani quegli anfibi il cui ricordo evoca immagini umilianti la mia lingua che percorreva quegli stessi scarponcini giusto ieri non so perchè ma l'istinto desidererebbe farlo ancora

Tento di rimettermi sul fianco sinistro Non mi piace come sono messa adesso
Anche se, lentamente quella strana sensazione di spossatezza sta passando
Non riesco a capire La testa ancora è immersa in una nuvola di ovatta
Solo che cavolo non ci riesco Ma perché
Anche la vista migliora Riesco a mettere meglio a fuoco le cose
Mi rendo conto che non sono stesa su un letto ma su un tavolo Un cazzo di enorme tavolaccio di mo
E che ho le braccia legate a livello dei polsi Guardo meglio Si cazzo sono legate pesanti bracciali di cuoio a loro volta collegati a dei cavi di acciaio che sembrano provenire dall'alto
Provo a muovere le gambe La stessa sensazione di costrizione Mer, anche le gambe sono legate
E sento anche che qualcosa qualcuno sta trafficando con i miei anfibi anche se non riesco a vederlo
"Ma che cazzo sta succedendo! "
La mia voce sta tornando normale insieme alla mia lucidità mentale

per fissartele la vedova mi aveva ordinato di sfilarti gli anfibi avvicinarmi ad essi guardarli mi ha suscitato dentro un'emozione intensa quegli anfibi gli stessi che ventiquattr'ore prima ero stato obbligato a leccare
esito un attimo prima di sfilarli non tirando subito per rimuoverli i tuoi piedi
la vedova mi guarda ma non dice nulla capisce che devo aver avuto a che fare in qualche modo con quei tuoi scarponcini anche se non può conoscerne le modalità un'idea le balena per la testa e conoscendoti, non è poi cosi improbabile cosi, si limita a dire
caro qualunque cosa tu abbia in mente lei ora è qui per consentirti di realizzarla

Sento la voce che ormai conosco bene
La vecchia strega
Lei è nell'angolo della mia visuale A te invece non ti vedo ma indovino che sei tu alle mie spalle che mi sta sfilando gli anfibi

mi scuoto la sua voce mi distrae i pensieri che quegli anfibi mi suggeriscono, la guardo come a capire il significato pieno di quelle parolee lei ricambia il mio sguardo con aria materna sembrano quelle scene del mondo animale dove la mamma procura cibo al suo cucciolo ancora inesperto e lascia che lui faccia esperienza diretta con ciò che lei le ha fornito
torno a guardare la forma di quella calzatura provando lo strano, assurdo stimolo di leccarlo nuovamente

"Che cazzo di storia è questa brutta stronza!"
Apostrofo la vecchia in malo modo

a quel punto lei capisce e mi dice non aver timore mio caro, fai ciò che senti è tua

Alzo la testa l tavolo inarcando la schiena
"Hei vecchia gallina sto parlando con te! Che cazzo state facendo Sei impazzita? Mi avete drogata e sequestrata E ora legata qui Siete in un e di mer lo sapete? "
Cerco di scalciarti via avendo le gambe ancora libere

la tua voce mi provoca un sobbalzo quasi ormai stai tornando in tè non posso indugiare devo assolutamente sfilarti quegli anfibi
cosi sfilo via il primo lasciando cosi libero il tuo piede

"Che cazzo stai facendo tu coglione Dico a te! Che cazzo fai con i miei anfibi"

vederlo sia pure coperto dalla calza è un'immagine che mi scalda il sangue
mentre fisso quel piede al gancio corrispondente legandolo a livello della caviglia non posso far a meno di ammirarne la forma
mmmm quanto vorrei chinarmi su di esso e baciarlo leccarlo gemo già solo al pensiero
ma ancora una volta la vedova mi detta tempi ed azioni
caro l'altro scarpone ora poi potrai fare ciò che desideri
si certo l'altro scarpone replico con voce automa

Sento che qualcosa viene agganciato intorno alla mia caviglia liberata dallo scarpone
"Cazzo brutta troia di una vecchia di mer mi hai sentita? "

stavolta appena sfilato l'anfibio però cedo alla tentazione di chinarmi su quel tuo piede libero e leccarlo sia pure per un breve fuggevole istante

"Che cazzo state facendo Siete nella merda è sequestro di persona lo sai cretina!"

e basta quella brevissima emozione a procurarmi una erezione violentissima
isso anche l'altro tuo piede stavolta con qualche difficoltà to che non sei piu del tutto passiva come solo un paio di minuti prima
Do degli strattoni alle cinghie

Non sono tese e ho ancora un po di margine di movimento

in quel momento capisco che se solo avessi indugiato qualche attimo in piu ora sarei di certo steso sul pavimento vittima della forza della tua volontà di ribellione

Ma mi rendo subito conto che sono dannatamente robusti

visto mio caro? era necessario che legassimo per bene la tigre

Cerco di nuovo la vecchia con lo sguardo

ma ora (lo dice eseguendo un controllo al mio operato per accertarsi che l'emozione non mi abbia fatto fissare in malo modo quei lacci)

"Che cazzo dici strega Perché mi avete legata qui Toglietemi subito qui e forse mi posso anche dimenticare di questa stronzata"

l'abbiamo privata degli artigli e l'unica cosa che le resta è gridare la sua rabbia impotente

"Cazzo dico a teee!" Mi rendo conto che sto gridando furiosa
"Brutta troia maledetta mi capisci o no!"

io sono ancora fermo all'altezza dei tuoi piedi e ne osservo i movimenti mentre cerchi con tutte le tue forze di sottrarti a quel blocco
lei ignora del tutto le tue parole sa quanto siano inutili e vane viene dietro di me come se volesse osservare insieme a me il tuo corpo e quei piedi ancora nascosti i calzettoni

Io sono livi di rabbia impotente

caro non aver timore sei libero lei è qui per appagare i tuoi desideri lo sai vero? per questo è venuta te per questo non ha voluto che andassimo noi in caserma per questo è qui sola per questo ha atteso la fine del servizio lo capisci vero?

"Cazzo non avete idea di cosa vi farò appena mi libererete"
Sghignazzo perfida

ignorando la tua voce seguita a martellare la mia mente con le sue conclusioni al momento ineccepibili per la mia mente

"Ma cosa stai farneticando nonna"

lei è qui perchè aveva bisogno di te
dell'uomo che sei della tua virilità mio caro
le sue parole suonano dolci inebrianti per la mia eccitazione e non ho voglia di indagare sull'attendibilità delle sue affermazioni

"Cossaaa? Io bisogno di questa specie di debosciato? Ahah tu sei pazza vecchia "

mi accarezza rilassati mio caro e dalle ciò che è venuta a cercare
la guardo come se avessi bisogno di leggerle negli occhi la serietà delle sue parole con un sorriso benevolo mi ripete ancora è tua è qui per te
tendo nuovamente la mano verso uno dei tuoi piedi mmm solo a sentirne il contatto mi sembra di impazzire
ho una voglia matta di leccare quel tuo piede di baciarlo di perdermi in esso
la vedova ha compreso il mio bisogno e mi invita a non aver timore

Io continuo nella mia opera di provocazione e convincimento

sii uomo tesoro

Spingo sulla vecchia che ho capito che è lei che comanda il gioco
"Senti stronza vieni un attimo qui vanti Ti voglio dire una cosa "

quell'ultimo invito è per me la liberazione ogni indugio mi chino e come se quell'attesa fosse durata secoli inizio a leccarti il piede inumidendo il calzettone che lo riveste

Sento che ti stai strusciando sulla stoffa della mia calza

il cazzo preme nei pantaloni come fossero sbarre di una gabbia

Di istinto cerco di scalciarti via

mentre la lingua percorre già tutta la pianta del tuo piede e poi ancora la caviglia il collo scivolando via via verso le dita sulle quali indugio follemente attratto

"Cazzo strega dico a te Ti conviene ascoltarmi!"
"E tu non mi toccare coglione!"

lecco lecco e bacio quelle dita seppur attraverso la barriera della calza
bravo tesoro cosi sento la voce della vedova approvare

“Hei sei scema o mi capisci Sto parlando con te puttana!"

sentire la veemenza scurrile del tuo linguaggio sia pur rivolto a lei mi eccita particolarmente
sei cosi femmina cosi meravigliosamente e autorevolmente femmina

Il nervoso mi aumenta sempre più in corpo

trasferisco tutta l'intensita di queste sensazioni nei miei giochi di lingua
mettendoci un infinito ardore

Se potessi strappare queste cinghie li farei a pezzi con le mie mani
Tutti e due

la vedova si è seduta a qualche metro di distanza osserva controlla approva

La vedo La posso vedere quella posizione

non le sfugge la prepotenza della mia erezione ne è soddisfatta

La guardo con tutto l'odio che riesco a trasmettere

le piace vedere in me il suo figlioccio per certi versi l'uomo

"Ti stai divertendo troia?"

anche se sa bene quanto quest'uomo sia incantato l tuo carisma e dalla tua femminilità straripante

"Ti stai godendo lo spettacolo brutta pazza pervertita"

attraverso il calzettone provo ora a ciucciarti l'alluce

Decido di cambiare strategia

tesoro sfilale via quella calza non pensi sia meglio?

"È questo che avevate in mente? Siete due pervertiti L'ho intuito subito

la guardo e con la testa faccio un cenno di assenso sfilo la tua calza quasi in modo animalesco ormai totalmente preso dalla furia di quell'eccitazione

Continuo a guardarla e a provocarla

la sfilo tirandola via con i denti come probabilmente farebbe un animale

Intanto sento che tu mi hai tolto una delle calze

e finalmente tutta la bellezza del tuo piede mi appare vanti agli occhi

"Ti piace lo spettacolo eh vecchia strega"

ohhhhh gemo forte a quella vista

Sento il mio piede ormai nudo

mentre il cazzo mi tira forte come volesse liberarsi dalla sua prigione
mi avvicino struscio il viso contro la tua pianta come a volermi perdere nella bellezza di quel momento
mi sento tuo profondamente

"Certo visto che a te non ti scopa più nessuno ormai e forse nemmeno prima visto quanto sei brutta"

sei legata ma ti sto venerando adorando come una dea la mia dea
l'idea che tu lo sia mi piace mi scalda
si voglio adorarti
adorarti tutta completamente

"Ti piace vedere questo povero stronzo che mi bacia i piedi vero"

la vedova che ascolta distrattamente le tue inutile parole segue invece ogni atto del mio rituale erotico

"Se me lo dicevate ve lo avrei fatto fare volentieri senza tutta questa messinscena"
"Hei mi ascolti? "

mettiti nudo tesoro starai certo piu comodo

Nudo? Che cazzo

le sue parole sono dolci ma suonano come dei comandi ai quali non riesco a non obbedire
inizio a spogliarmi
ma stavolta senza la lentezza e gli indugi del giorno prima

"Senti vecchia se è solo questo che vuoi facciamo così "

è una svestizione frenetica disordinata scarpe maglietta pantaloni calze rimossi uno dopo l'altro senza alcun ordine

"Voi mi liberate e io mi faccio leccare tutti e due i piedi l coglione ok?"
"E magari anche te se ti va "

la vedova guar il mio corpo mentre lo scopro via via

Quasi sorrido all'idea nonostante la situazione
"Ti va di leccarmi i piedi anche tu nonna?"

appena tiro giu gli slip il cazzo impenna in uno stato di fortissima erezione
bravo caro cosi va molto meglio non trovi?

"i ammettilo"

ingoio salivala gola secca dalla grandissima emozione
dò un cenno di assenso con la testa

Vedo che la vecchia fa finta di non sentire
La cosa mi irrita ancora di più

torno a dedicarmi al tuo piede come se non ci fosse null'altro di piu importante per me in questo momento

"Troia di mer parlo con teee!!!!"

le dita ohhh quelle mi fanno letteralmente impazzire
le catturo con la bocca una dopo l'altra iniziando a succhiarle

Intanto sento le dita del mio piede destro che vengono inghiottite lla tua bocca

sile ciuccio avido
soprattutto l'alluce
Sento la tua lingua scivolare fra le dita

col quale indugio a go tra giochi di lingua e di bocca

ll alluce in poi

dita curatissime le tue deliziose e fatalmente attraenti

E di nuovo la tua lingua go tutta la pianta del piede fino al tallone

ad un tratto come se la forza di quell'esperienza fosse eccessiva per me mi stacco te allontanandomi

Io fisso la vecchia con odio profondo ma anche con scherno

dirigermii verso un angolo della stanza mi siedo cercando di quietare le mie ansie
lei mi ha seguito con lo sguardo comprensiva
si avvicina materna dolce premurosa
si siede accanto a me nudo ma non provo disagio ad averla accanto
riconoscendone il ruolo materno
mi poggia una mano sulla coscia
tesoro è tutto a posto stai andando benissimo

Io rido
Mi viene ridere giuro

io di nuovo balbetto qualcosa troppo preso dalla forza delle emozioni provate

“Si sei stato bravissimo Adesso di alla pazza di slegarmi che ti faccio giocare meglio "

per certi versi è come se temessi di non avere la forza di andare oltre troppo forti sono state le emozioni provate e in fondo questo lo soho avuto solo uno dei tuoi piedi

"Mi hai sentito scemo? Dico a te visto che la nonna sembra non sentire un cazzo"

il timore di crollare avendo la visione di te nuda davanti mi indurrebbe forse a sfogare quei violentissimi stati emozionali con una sfrenata masturbazione magari nascosto alla tua vista ma dove avrei potuto sentire ancora la forza della tua voce
con discrezione la vedova dà un'occhiata al mio sesso ne nota il forte turgore uno stato che negli anni ha avuto modo di conoscere sin troppo bene

Cerco di cambiare strategia Essere più mansueta Affabile
"Ol va bene avete vinto voi lo ammetto Siete stati più furbi e mi avete fregata"

caro cosi ti farai solo del male, lo sai vero? lei non deve farti paura è solo una donna e un uomo come te, intelligente, forte, dotaton on può non sapere come va trattata una donna

"Forse ho esagerato un po con voi va bene ho imparato la lezione Adesso slegatemi e ridiamoci sopra ok?"

mi conosce conosce ogni mia debolezza ogni mio tabu ma mi parla con disinvolta naturalezza

"E vi prometto che dimentico tutto ok?"

torna lei tesoro hai bisogno di lei e lei di te

Punto ancora sulla vecchia

con la testa annuisco ancora una volta

"Nonna, cerca di essere ragionevole "

lentamente torno ad avvicinarmi al tavolo sul quale giaci ancora vestita della tua uniforme eccezion fatta per gli anfibie ora le calze
stupidamente come se però le parole della vedova avessero davvero persuaso la mia mente ti chiedo
davvero sei qui per me?

"Possiamo ancora sistemare tutto se mi liberate Sono disposta a chiudere un occhio"

dimmelo

"Cosa?"

è per me che sei venuta qui sola?

Al momento non capisco subito che ti riferisci a me
“Per te?"

dimmelo ti chiedo con voce piu forte ora

"In che senso per te io nonna che cazzo di idee ti stai facendo"

tu menti stai mentendolo so

"Non darai mica retta a quella vecchia pazza vero?"

si è proprio cosi non c'è altra spiegazione
"Io ti ho solo riportato il libretto "

la vedova ascolta il nostro dialogo e si compiace del risultato psicologico ottenuto
la tua risposta mi provoca una crisi d'ira
bugiar
ma un attimo dopo sono di nuovo sui tuoi pied che mi coccolo leccandoli e baciandoli

"A che cazzo stai pensando Ma secondo te io posso essere venuta per uno come te!"
Di nuovo la tua bocca sui miei piedi

sembra voglia perdermi in essi quasi in modo ipnotico
riprendo a gemere mentre dedico tutto me stesso alle tue dita
oohhhhhhhh che meraviglia mugolo quasi con un filo di voce
senza interrompere quel gioco inebriante
ad un tratto sento un improvviso desiderio di inginocchiarmi

"Brutti bastardi "mormori

si devo mettermi in ginocchio cosi si adora una dea
poggio le ginocchia nude sul pavimenton e sento il fresco contatto

Guardo di nuovo la vecchia con odio
"Gli hai fatto il lavaggio del cervello a questo demente vero? Sei tu che manovri tutta la regia

la vedova nota che nella nuova posizione i tuoi piedi sono un pò troppo alti cosi si avvicina a un pulsante del pannello e azionandolo regola l'altezza in modo favorirmi

"Cosa hai mente brutta "
Sento un meccanismo che si mette in movimento

li vedo cosi abbassarsi scendendo proprio all'altezza del mio viso mmmm si meravigliosi
immediatamente ci struscio il viso passandolo e ripassandolo contro la pianta del tuo piede

Le mie gambe leggermente sollevate dalle cinghie vengono abbassate sul tavolo completamente
Non mi piace Non mi piace proprio questa cosa che la strega possa manovrare il mio corpo a suo piacimento

mi struscio lecco bacio come ossessionato l desiderio di te
mentre la mano scivola giu tra le gambe a cercare il mio cazzo
mmmm si

Guardo di nuovo la vecchia e sibilo velenosa

lo stringo
ne sento tutto il calore

"La pagherete lo sai vero "

si avvicina al tavolo ti sorride un sorriso che conosci molto bene perchè è identico al tuo
con una mano accarezza i tuoi capelli
mentre io sono tutto immerso nella venerazione feticista di te
gli piaci molto sai? ti fa come fosse una confidenza tra donne tra amiche

"Non mi toccare strega "
Sposto la testa di lato per evitare il suo contatto

incurante delle tue parole l primo momento che ti ha vista è stato attratto te, non è bellissimo?
guardalo che caro
è letteralmente pazzo di te

“Tu sei pazza"
"Cosa credi di fare di ottenere "

del resto anche tu sei attratta lui lo sento

Finalmente ho la sua attenzione

in un modo diverso ma voi due vi appartenete
facendo "

zitta non parlare di lui in questo modo ti urla acida perdendo quel tono pacato che stava avendo nell'ultimo minuto

"Tu piuttosto cosa vuoi tu me"
Resto spiazzata dalla sua reazione
Fino a quel momento mi aveva ignorata

le vostre conversazioni mi giungono indistinte sono troppo preso l mio piacere perchè possa concentrarmi sui contenuti dei vostri dialoghi

E adesso è cone se si fosse svegliata all improvviso

la mano serra sempre forte attorno all’asta incapace di staccarsene

Come se improvvisamente si fosse resa conto che le sto parlando un po
Devo insistere
Con lei
“Senti nonna ok va bene Mi hai sentita prima vero cosa vuoi fare "

mi sembra di impazzire di crollare un momento all'altro per l'intensità delle mie emozioni
mi sollevo rimettendomi in piedi vanti ai tuoi piedi
anche cosi per quanto inerme e agiata pancia in giu sul tavolo mi sovrasti
gemo forte intensamente masturbandomi quasi brutalmente

Sono talmente concentrata nella sfida verbale con la vecchia che quasi nemmeno mi rendo conto di come mi stai leccando i piedi in modo avido

ooooooooh
avvicino l'uccello alla pianta dei tuoi piedi
la sfrego
socchiudendo gli occhi in un totale edonistico abbandono
ooooooooooh
la cappella contro le dita delle quali sento piccoli movimenti riflessi
stimoli pazzeschi per la mia eccitazione
mmm si la osservo mentre gioca con le tue dita
indugiando sull’alluce cosi perfettamente curatolo smalto applicato in modo sapiente
si si sicosi mmmmmm
lo sfrego contro di esso e le altre dita piu minute
in un'estasi totale
Sento qualcosa sfregare contro le piante dei miei piedi nudi
Essendo così appoggiate sul tavolo la pelle fa le classiche pieghette
La sento anche sulle dita
Ma non mollo la presa sulla vecchia

in quelle pieghette imposte dalla tua posizione strofino la cappella

"Sei consapevole almeno della situazione in cui vi siete ficcati vero?"

il bisogno di godere cosi del tuo piede mi porta a non tralasciare neppure un cm della sua forma
tendendomi un pò in avanti leggermente sulle punte riesco a strusciare anche i coglioni contro la pianta

"Si chiama sequestro di persona Sono almeno vent'anni lo sai stronzate se tu pensi di evitare il carcere per l'età lui se li fai tutti "

mmmm
lei sposta lo sguardo su di me osservando il modo con cui sto ricavando piacere te

Il contatto dei peli sulle mie piante nude mi provoca un po di solletico

è contenta appagata di questo suo regalo a me il suo figlioccio

"Si brutta cretina lui è fottuto "
"E sei tu che lo stai fottendo"

delle tue parole non si cura è tornata ad ignorarti come qualche minuto fa

"Ma te lo ripeto sei ancora in tempo "

la vedova gira intorno al tavolo osservando il tuo corpo ancora sotto la divisa e me ormai animale in calore tutto abbandonato ai propri istinti sessuali

"Dove cazzo vai stronza! Tu non ascolti! "

si avvicina nuovamente a me
bravo tesoro bravissimo
ma non credi sia meglio toglierle quei pantaloni ora?
la guardo come in attesa di un suo comando mi risponde con un benevole sorriso

Io sento e mi infiammo

senza rendermi conto che in quella posizione non potrei mai sfilarti i pantaloni mi sposto come volessi iniziare sfilandoti la cinta

"Che cazzo avete in mente! Brutti pervertiti di mer Non osate fare una cosa del genere! "

ma lei mi prende per un braccio
tesoro non penserai mica di toglierle i pantaloni cosi (sorride ma per quanto solo ora comprendo la stupidità di quanto stessi per fare il suo sorriso non è di quelli che imbarazzano)

Io cerco di re altri inutili strattoni alle cinghie

resto un attimo basito come se chiedessi e allora? come posso toglierle quei pantaloni?
e lei premurosa
caroti aiuterò io
e un cassetto estrae un grosso paio di forbici
vedi? ecco la soluzione tesoro

Io non vedo cosa stanno facendo
Li sento armeggiare con qualcosa ma non capisco cosa

la vista di quell'oggetto mi procura un lampo negli occhi si ecco la soluzione
tieni caro dice cedendomi le forbici
le impugno stando vanti a teti guardo cosi esposta vulnerabile eppure anche cosi sento la tua forzala tua sicurezza spavalda
i tesoro mi incita lei

Io adesso ti vedo
E vedo anche cosa hai in mano
Per un istante ho un brivido

avvicino le forbici alla caviglia impugnando con l'altra mano l'estremita del pantalone

Per la prima volta quando sono tornata cosciente
"Ohhh che cazzo fai! Non vorrai tagliare la divisa! "

con un movimento lento ma sicuro agevolato dalla perfetta efficienza dell’utensile inizio a sezionare la tua divisa

le forbici risalgono la tua gamba scoprendo attimo dopo attimo segreti di te
Sento il rumore del tessuto dei pantaloni della mia divisa che viene lacerato

il polpaccio sodo scolpito costanti esercizi fisici
e la tua pelle liscia setata

"Cristo ma siete pazzi! Con cosa me vado qui In mutande? "

riprendo a muovere le forbici dopo qualche istante di contemplazione
scoprendo cosi tutta la parte posteriore della tua coscia

Mi rivolgo alla vecchia
"Ehi stronza diglielo tu di fermarsi "

mmmm gemo anche solo nel vederla poche decine di cm me
a quel punto la voce ferma di lei che mi intima l'alt
ora l'altra gamba mio caro
è incredibile come riesca a manipolarmi ottenendo sempre la mia obbedienza
ma forse senza di lei non sarei qui ora a godere di te

"Troia mi hai sentita?"

eseguo senza esitare
ripetendo la stessa operazione con l'altra gamba

"Che cazzo avete in mente Che cazzo è questa idea di tagliarmi la divisa eh"

quando arrivo a livello dei glutei mi ferma di nuovo
va bene cosi tesoro e tendendomi la mano si fa restituire le forbici
come in una specie di rituale dove l'oggetto del potere è stato prima affidato e poi ripreso l legittimo titolare
ti piace vero?
si dico con voce tremante per l'emozione

Ormai i pantaloni sono anti definitivamente
Mer penso a come farò a tornare a casa

quasi temendo di suscitare le tue ire poso la mano dolcemente su uno dei tuoi polpacci
sento la tua pelle liscia come nel piu inebriante dei sogni erotici

Sento la tua mano che mi accarezza un polpaccio

è cosi sodo il muscolo tonico come nelle atlete

"Toglimi le mani di dosso dannato deficente"

muovo la mano lentamente salendo quasi timoroso verso la coscia

"E tu vecchia pazza pervertita che glielo permetti"

ne sento tutta la sensuale bellezza la tua carne fresca liscia e invitante
la palpo ricavandone un piacere indescrivibile

"Cazzo me la pagherete tutti e due"

mi chino su di te vicinissimo respiro il profumo della tua pelle
godo del tuo corpo di donna
un bacio
timido leggero
e poi un secondo
un terzo

"Mi senti puttana? A te in particolare per prima E poi al mongoloide"

distanziati di qualche cm l'un l'altro

La tua bocca sulla mia pelle nu

siil piacere del contatto delle labbra sulla tua pelle

Mi fa ribrezzo

i baci si fanno sempre piu fitti ravvicinati frequenti
cedendo poi alla lingua il compito di seguitare
percorre lenta la tua pelle

Cerco di muovermi ma il range è troppo limitato i bracciali collegati ai cavi

quasi solleticandola

Inarco la schiena cercando di guardare indietro

la lingua segue strani percorsi
ora longitudinali ora piu sinuosi finendo per stuzzicare le zone piu interne della coscia
è una specie di solletico condotto in punta di lingua

“Smettila è un ordine! "

che si spinge ora giu ora su fin quasi al limite consentito quel taglio di forbici

Ci provo

per tutta risposta senti un piu profondo tocco di lingua nella parte piu alta della coscia

Tento di usare la mia autorità su di te

come se cercassi di spingermi oltre il consentito
alla ricerca di qualcosa che al momento anche solo al pensiero mi farebbe impazzire
senti la lingua indugiare in quell'insistente tentativo di andare oltre
leccatine decise stimoli costanti
e poi ancora giu su di lato insaziabilmente
la vedova segue attenta e compiaciuta la passione con cui amo il tuo corpo
sei la mia amatala mia dea capisce che farei tutto per te ora
ma le piace vedere
e la appaga vedere te orgogliosa e arrogante inerme vanti a un uomo che intimamente sa bene essere totalmente privo tanto di carattere quanto di esperienza

Devo agire su di lei
Con te è tempo perso
Sei totalmente succube della strega

succube di lei e ipnotizzato l tuo corpo

"Ordinagli di smetterla subito o aggiungerò anche violenza sessuale alle accuse"

se non fosse perchè lei non me lo avrebbe mai permessoti avrei già slegata avrei ceduto alla decisione del tuo comando già la prima volta

"Cazzo non ti vuoi proprio rendere conto in che razza di guaio lo stai mettendo eh stronza"
Di nuovo a te

lo so mi avresti punito duramente un attimo dopo ma l'idea di essere obbligato a prostrarmi vanti ai tuoi piedi mi eccita in modo assurdo

"Fa come ti dico idiota Questa pazza ti sta rovinando"
"Mi ascolti scemo!"
Stavolta ti ho gridato addosso per vero

ti ti piace? ti chiedo stupidamente come farebbe un innamorato con la sua compagna
mi i la schiena ma la veemenza della tua voce è come se infliggesse continue frustate al mio corpo
"Mi piace? Ma vaffanculo coglione! Slegami subito cazzo! Altro che piacermi! Muoviti! "
mmmmm di nuovo la tua volgarità verbale mi provoca brividi di eccitazione

Sento che se premo su di te potresti mollare
Sei l'anello debole

godo al pensiero di sentirmi umiliato e deriso te
al ricordo di quando mi hai voluto ai tuoi piedi per farti leccare gli anfibi
e rivivo la scena con le varianti attuali
scalza il pantalone della divisa tagliato go tutta la lunghezza delle gambe
e io nudo inginocchiato a baciarti e leccarti le dita

"Cazzo non senti? Ti ho detto di slegarmi subito! !!"
Adesso sto gridando ordini in pre all'ira

guardo verso la vedova come se sperassi in un atto di indulgenza parte sua

Te li grido in faccia anche se non vedo la tua faccia
magari anche solo una gamba o un braccio cosi che stia piu comodo si non penso sarebbe male
ma la vedova stavolta è una statua di ghiaccio
mi fulmina con lo sguardo come delusa della mia richiesta
quello sguardo ha l'effetto di una lama che taglia in due il mio corpo timido e docile come in fondo mai mi era capitato in compagnia di lei comprendo che sono li solo perchè lei l'ha voluto
e tu sei il regalo che lei ha voluto offrirmi come segno della sua benevolenza

Cerco di cogliere i segnali di quel breve silenzio tra voi

ma basterebbe un nulla perchè tutto questo finisca ma questo la mia mente non vuole neanche pensarlo non ora non adesso non oggi
lei è padrona e regista del palcoscenico io solo un attore il cui copione ho solo l'illusione che sia un prodotto naturale della mia volontà
ma ciò che lei mi offre(te)è troppo inebriante
un attimo dopo lei è già tornata dolce e materna
sciocchino cosa pensavi di fare eh? mi un pizzicotto su una guancia come fossi il suo bambino e mi invita a continuare

Io digrigno i denti
Sono viola di rabbia
"Brutta stronza merdosa"
"Tu godi più di lui sei una schifosa mi fai vomitare "

vanti alle tue gambe ormai scoperte quasi impazzisco volendo far mille cose e tutte insieme
Tento un altra carta

riprendo a segarmi il cazzo quasi in cerca di ispirazione

"Ti avverto vecchia Io domaattina sono di turno Se in commissariato non mi vedranno arrivare inizieranno a cercarmi lo sai?"

io dopo il suo materno buffetto è come se avessi all'istante perso ogni ricordo della severità con cui solo pochi attimi prima mi aveva guadarto
torno a dedicarmi a te
mia signora e dea
sebbene legata su un tavolo impossibilitata a muoversi
ti adoro e mi eccita l'idea di farlo
mi eccita l'idea di sentirmi debole e meschino vanti a te

Sento di nuovo le tue mani e la bocca sulle parti nude del mio corpo
Cristo penso qualsiasi cosa dica non le fa effetto a questa stronza

ho ripreso a leccarti e carezzarti
e descrivere le emozioni che mi danno le tue cosce è impossibile
mmm quanto ti amo dico senza parlare mettendo tutto me stesso in ogni bacio ogni carezza

"Cazzo vecchia allora non mi stai a sentire Non vuoi capire ani saranno quante ne rendi conto? "

ma lei non si cura dei tuoi patetici tentativi di mutare la situazione
solo una cosa fauna sola
si avvicina a te abbassandosi quasi all'altezza del tuo viso cosi che tu possa vederla in voltoti sorride in modo beffardo e quasi sussurrandolo(cosi che io non possa sentire le sue parole)
e tu? ti rendi conto che non vedrai il giorno di ani bellezza?

Al momento non capisco esattamente le parole della vecchia

un attimo dopo averti gelata con quelle parole si rivolge a me

Sento il tuo contatto su di me

caro accompagnami di sopra ho delle cose prendere
Cerco di metabolizzare quello che la vecchia mi ha appena detto di dargli un senso

non preoccuparti per lei non credo deciderà di lasciarci vero ?

Ma poi sento che devono allontanarsi a prendere delle cose
Mi lasciano sola

e presomi per mano lasciamo la stanza lasciandoti sola legata e adesso con mille domande nella testa

Cerco con tutte le mie forze di strapparmi via i bracciali di cuoio
Approfitto subito della vostra assenza
"Mmmghhhh"
Ci metto tutta la mia forza ma

sono però legati ad arte l'arpia conosce bene l'arte dei nodi

niente fare

sto intanto camminando insieme a lei nudo il sesso ancora in erezione la mente agitata
Riprovo ancora

torniamo in cucina dove lei come in una giornata qualunque si offre di prepararmi un caffè

Devo farcela
niente fare

siedi caro non aver fretta di tornare lei avrai tutto il tempo per farlo

Non c'è speranza

non essere impaziente

Dove cazzo saranno anti penso
E a prendere cosa
Non mi piace
Non mi piace la piega che stanno prendendo le cose

mentre la caffettiera della moka è sul fuoco la sento rovistare in un cassetto

Quelle sue parole poi
Che cazzo intendeva quella vecchia pazza

vedo che ne estrae degli oggetti anche se non capisco a che possa servirle ora un accendino una candela uno stappa bottiglie e altri oggetti simili

Cosa voleva dire con "non vedrai il giorno di ani "

ad ogni modo non ci penso attendo di bere il suo caffè ansioso di tornare te
ho bisogno di te
un bisogno disperato ora
Non hanno senso

la vedova di tanto in tanto mi guarda sente la mia impazienza la mia ansia ma non dice nulla

Non possono avere un senso

anzi
lentamente seguita a cercare le sue cose
in attesa di servirmi il caffè

ani dovranno slegarmi per forza e allora verrà il mio momento

tieni
bevi mi dice servendomi il caffè nero caldofumante

Si penso, ha detto una cosa senza senso Una stronzata che le è uscita quella testa marcia che ha

bevo è una piacevole sensazione quella del caffè che percorre la mia bocca scivolando poi caldo in gola
benedice lei ora possiamo tornare dalla nostra ospite
e portandosi dietro una scatola con una dozzina di oggetti presi qua e là mi precede nel tragitto di ritorno

In un certo senso paradossalmente i miei ragionamenti mi hanno un po tranquillizzata

come un cagnolino fedele percorro i suoi passi obbediente alla sua volontà

Sento dei passi in corridoio
Stanno tornando
E io sono ancora qui maledizione

varchiamo la soglia della stanz aovviamente sei ancora li bloccata quei lacci braccia e gambe divaricate il corpo che giace contro la superficie del tavolo

Non dico una parola quando voi rientrate
Sto ancora pensando
Devo trovare un punto debole Una crepa tra di voi
Devo uscire di qui

mi basta vederti i tuoi piedi nudi le gambe parzialmente scoperte l pantalone tagliato
e mi torna duro

Tu sei l'anello debole della coppia Su questo non vi sono dubbi

la vedova mi spinge tesa quanto ti desideri
e non sbaglia quei pochi minuti di assenza mi sono sembrati secoli
ma ora sono di nuovo qui accanto a tee ti amo
la mano ti accarezza
percorrendo la tua pelle perfetta

Ma tu sei totalmente soggiogato al potere di quella arpia
E quella è una tosta

mmmmm gemo di voglia al solo contatto

Non sarà facile venirne fuori
Scelgo un altra strategia
Sempre puntando su di lei
Mentre sento di nuovo le tue mani sul mio corpo
Mi fa ribrezzo

ora baci carezze intense leccatine senti sulla pelle
ora suora giu
e di nuovo sui piedi sii tuoi piedi meravigliosi
quelli che mi hanno subito reso tuo

Giro la testa a cercare lo sguardo della vecchia
Lo trovo
si sono il tuo servo il tuo schiavo e tu la mia signora la mia dea
il pensiero di queste parole mi eccita follemente
riprendo a succhiare le tue dita

Sento la tua lingua intanto che lavora avi sulle pieghette della pelle delle piante dei miei piedi nudi

l minuscolo mignolo al robusto alluce
ne sono stregatolo sentilo capisci l modo con cui mi dedico ad essi

Chiamo la vecchia
Cristo come mi succhia le dita dei piedi questo intanto
"Hei nonna, vieni un attimo qui ti devo parlare "
Per la prima volta il mio tono è tranquillo O cmq non arrogante e prepotente

senza mostrarti particolari attenzioni lei si avvicina, non trascurando la tua richiesta
si le sto ciucciando saltando una all'altra senza sostac ome fossi avido di ciascuna di esse

Mi sta succhiando le dita come un idrovora
Questo è pazzo penso
La vecchia mi si è avvicinata

in effetti sis ono pazzo di te pazzo delle tue dita dei tuoi pied idelle tue cosce
ne sono geloso avidamente geloso
morbosamente geloso

"Prima quando ha detto quella cosa intendeva dire che avete intenzione di slegarmi qui prima di domattina giusto?"
"Io ho capito questo "
Mi sforzo di sorriderle

alle tue parole la vedova ride nelle tue parole ha sentito la paura e questo è dolce nettare per lei
non ti risponde ma prima di allontanarsi te ti regala una carezza che percorre i tuoi capelli

“Hei dico a te vecchia perché non rispondi Ho ragione vero? Ho indovinato "

di colpo sollevo la testa come se di colpo volessi capire cosa è accaduto tra voi
ma la vedova sta tornando a sedere non sembrano esserci elementi capaci di turbare la bellezza di questi momenti torno giu nuovamente dedicandomi a te

Sento che per un attimo ti sei interrotto
Allora ci provo con te
“Hei idiota chiediglielo tu alla nonna "
"Questo scherzo dura ancora poco giusto?"

incapace di ignorare le tue parole domando cosa devo chiederle?

"E cazzo smettila di leccarmi i piedi!"

quasi intimorito dalla tua voce perentoria mi irrigidisco interrompendomi

"Cristo! Chiedile cosa ha in mente! "
"Se mi vuole lasciare andare prima di domattina "

volgo lo sguardo verso di lei lei mi sta fissando come se volesse dirmi ebbene, anche ora hai intenzione di farti comandare lei?
esito

"Ha detto così prima non hai sentito coglione?"

indeciso su quale autorità riconoscere come rerimento

Ho alzato di nuovo la voce istintivamente

ogni volta che il tono della tua voce si innalza provo delle scosse scosse violente che scuotono profondamente l'intera mia persona
sono in balia di due donne due femminee non posso ignorare questa realtà ne sono schiacciato completamente soggiogato
ma finora la loro autorità non si è mai sovrapposta, per quanto tesa verso propositi completamente differenti
stavolta però è diversa
il potere di tela donna per la quale sono disposto a tutto e il potere di leila madre severa e comprensiva che ogni figlio vorrebbe avere

"Allora? Sto aspettando Glielo chiedi o no!"
Ho intuito il tuo momento di dficoltà e voglio approfittarne

io io non
ma alla fine cedo con un filo di voce, esile, timoroso, impaurito, provo a girarle la tua an psicologicamente confido piu sulla comprensione di lei superato l'iniziale disappunto

“Io io io" imito la tua voce tremolante

è la tua prima vittoria
seguiti a umiliarmi ma in realtà mi sproni
la vedova in silenzio ma intimamente furente che io abbia scelto di seguire il tuo volere anzichè il suo aspetta che io termini di formulare la risposta in modo disarticolato, frammentario, per certi versi incomprensibile se lei non conoscesse già perfettamente l'oggetto di quel quesito
ai suoi occhi sei sempre piu puttana ora una puttana insidiosa che dovrà star bene attenta a controllare, non potendo contare ciecamente sulla mia complicità
mi risponde con un sorriso gelido ipocrita che mi fa pesare tutta la sua delusione per quella mia scelta
ogni cosa a suo tempo mio caro
perchè pensare a ani quando hai tutto l'oggi vivere e godere?

Io attendo fiduciosa e

capisco che l'ho delusane soffro anche perchè in realtà non ottenendo lei la risposta che volevi ho deluso anche te rafforzando in lei il suo giudizio sprezzante su d ime

Resto maledettamente delusa quella risposta

mi sento un pò a disagio ora in piedi nudo davanti al tuo corpo esito a riprendere i miei giochi

"Sei solo una mer" ti dico

ma la voce della vedova mi scuote
mi chiama facendomi cenno di avvicinarmi a lei
obbedisco
mi prende per mano e mi accompagna fino a trovarmi vanti a te davanti al tuo viso tuoi occhi
lascia che ti guardi mio caro lascia che ve il tuo corpo nudo ora

Io ti guardo
Sostegno lo sguardo di entrambi

l'uccello è in totale erezione l'asta che pulsa dando ritmiche impennate

Lo ignoro volutamente

lascia che ti guardi tesoro e non temere le sue cattiverie non può altro del resto

Non voglio darti questa soddisfazione

hai girato la testa per evitare di guardarmi ma lei sa che non potrai restare a go in questa posizione tra poco sarai costretta a tornare alla visione centrale e allora dovrai fissare lo sguardo li
dovrai osservare il mio membro la sua erezione

Sono costretta a girare la testa

ti ritrovi il mio uccello vanti agli occhi
nudo e turgido completamente scappellato
che seguita a r piccole impennate

Dopo un po inizia a farmi male il collo
E sono costretta a guardare
Ma ne approfitto per attaccare

appena sento i tuoi occhi fissarmi l'uccello ho un fremito

"Ok bravo ti tira il cazzo E questo pensi che dovrebbe impressionarmi? Non è il primo uccello che vedo e non sarà nemmeno l'ultimo "
"Oltretutto ho visto di meglio "

mmmm la sfrontatezza del tuo commento rischia di farmi godere senza neppure toccarmelo

Continuo ad affondare d'istinto sto per allontanarmi li tornando dall'altra parte del tavolo ma la vedova non lo consente
Senza rendermi conto di ottenere l'effetto contrario
Rido
Mi viene ridere

bonariamente mi invita a restar li
insistendo sul fatto che debba continuare a mostrarti il cazzo

“Ahah cosa c'è sei deluso? Non devi sai mi hai sorpresa dico davvero pensavo veramente che a uno come te non gli tirasse nemmeno "

mi spinge anzi ancora piu vicino come se volesse che tu riuscissi a percepirne l'odore

Poi sposto il tiro sulla vecchia
"E a te cosa tira vecchia troia sfatta"
Le sorrido maliziosa

mmmm le tue ultime parole mi portano quasi al limite dell'orgasmo

"Scommetto che ti ecciti a guardare Dico bene?" Ahah"

se non avessi spostato il tiro su di lei probabilmente sarei esploso sborrando

Ormai sono convinta di avere fatto centro

ma rivolgendo tu l'attenzione su di lei mi consenti di recuperare
il cazzo però seguita a pulsare forte irrequieto

Sono convinta di avere capito il vostro gioco
"Si è così vero nonna? Lui fa e tu guardi ahahho indovinato eh?"

perchè non le accarezzi i capelli? dice improvvisamente la vedova
io

"Si bravo esegui gli ordini"

ancora una volta esito
come se un residuo di orgoglio mi impedisse di mostrare a te che sono succube del suo potere

"Avanti fatela finita ormai ho scoperto il vostro giocos iete due maniaci pervertiti ma siete innocui"
"Quindi levatemi ste corde e mettiamoci una pietra sopra "

stavolta tendo la man oraggiungendo i tuoi capelli lisci morbidi

"Diciamo che lo scherzetto vi è riuscito ok?"
Sono ottimista
Quasi divertita
Mi lascio accarezzare la testa
Sorridendo trionfante ad entrambi

li carezzo sognando di perdermi tra di essi
le dita sfiorano uno dei tuoi lobi
indugiando in sottili carezze

Come colei che ha risolto l'indovinello e adesso aspetta il premio
Mi lascio fare
Tanto ormai è questione di poco
Ne sono certa

le dita si muovono ora verso il viso sfiorando leggere guance e mento
poi le labbra

Sarei tentata di staccarti le dita con un morso improvviso

mossa pericolosa irresponsabilmente audace
senti i miei polpastrelli percorrere l'intera lunghezza delle tue labbra
le inferiori come le superiori
e nel farlo mi avvicino ancora a te

Se non stessi aspettando di essere liberata un momento all'altro lo farei
Ma mi trattengo
Rovinerei tutto

quasi senza rendermi conto che ora il cazzo è vicinissimo al tuo viso

Ci sarà tempo dopo per la mia vendetta

ti lasci carezzare mentre senti nel mio respiro tutta la mia emozione

Poi decido che ne ho abbastanza
"Va bene coglione hai avuto quello che volevi Adesso slegami"

io io

"Anche tu diglielo Vi siete divertiti Adesso basta"

mi blocco un attimo il cazzo cosi vicino al tuo viso come fosse un microfono
la vedova si avvicina ora vuole altro
caro ho dimenticato ago e filo nella stanza dei lavori ti spiace andare un attimo a prenderli?

La guardo avvicinarsi

un pò spiazzato lla an della quale non comprendo la finalità
eseguo cmq senza obiettare

Ago e filo che cazzo sta dicendo questa

lei aspetta che io lasci la stanza e si avvicina a te

La guardo dritta in faccia in attesa incuriosita
"Allora nonna?"
"Che hai deciso Che intenzioni hai"

ora ascoltami bene puttana adesso in poi sarà meglio per te che tu faccia solo ed esclusivamente ciò che ti dirò di fare ogni deviazione dalle mie direttive peggiorerà le tue condizioni sono stata chiara?

La guardo dura
"Che cazzo intendi dire"

so-no sta-ta chia-ra? ripete sillabando la an

"A che gioco stai giocando vecchia pazza Tanto lo sai che mi devi liberare quindi non peggiorare la situazione e fallo subito "
La fisso dura
"Tu e quel deficente di la avete esaurito le carte "

tira fuori dalla tasca l'accendino che aveva preso in cucinate lo avvicina al viso ndo un clic si far brillare la fiammella

"E io non eseguiro un cazzo di niente "

è incredibile come certe persone siano terribilmente stupide commenta

"Tu sei stupida Credi di potermi minacciare stronza?"

e inizia a muovere quell'accendino acceso a brevissima distanza l tuo volto
la fiammella quasi lambisce la tua pelle

"Ti sei dimenticata che sono una poliziotta?"

ne senti il calore sulla guancia

Cerco di spostare la testa di lato

avvicinarsi pericolosamente a un occhio

"Credi di farmi paura? Cazzo cosa pensi che farò una volta che mi avrete liberata"
"Toglimi quell'affare sotto "

sposta l'accendino appena sotto il mento indugiando qualche istante nella stessa posizione

Sento il calore

il calore raggiunge la tua carne ne senti l'effetto

Troppo
"Ahhh" mi scappa un breve grido

allontana la fiammella

"Troia di merda te lo infilero nel culo quell accendino ma che cazzo credi di fare"

scommetto che una troia come te a questi giochetti sia abituata

"Di intimorirmi con un accendino?"
Rido
"Ci vuole ben altro con me"

ah già ma tu preferisci farli agli altri magari a uomini indifesi e corretti come il mio piccolo (non essendo presente si sente libera di chiami come le verrebbe di fare)

"E prima di domattina quando mi avrete liberata"

la tua spavalderia la infastidisce torna a farti sentire la fiamma sotto il mento

"Si mi piace mi diverte e toglilo ahai cazzo brucia cretina!"
Cerco di spostarmi come posso

ma la fiamma ti insegue persistendo sulla stessa porzione di pelle

"Le pagherai tutte lo sai ahhhiaahhh cazzo!!!"
"Bruciaaa!!!"

si grida puttana fammi sentire la tua voce

"La sentirai meglio quando mi avrai liberata e ti starò rompendo le ossa"
Sono furiosa

la tua spavalderia la porta a indugiare tenendo ancora li la fiamma

"Mmghhhaahhh"
Stringo i denti cercando di spostare la testa come posso

cosa? non ho capito bene devi parlare in modo chiaro puttana capito?

Ti guardo durissima

vuole la tua resa una resa totale e incondizionata

"Ho detto che ti spacchero le ossa non appena mi liberi "

si si certo ma ora intanto voglio vedere come sai urlare
e ti avvicina ancora di piu la fiamma alla carne

Il calore adesso è troppo
"Ahhhgmmgh"

cosa c'è puttana? hai caldo?

Devo cedere per ora
Sto sudando
"Ok va bene va bene ok hai vinto tu ok adesso falla finita con quel cazzo di accendino però "

non ci siamo capiti ragazza se vuoi che smetta devi chiederlo in ben altro modo
la tua arroganza mi sta dando i nervi

Cristo

e potrei decidere di chiudere il gioco in anticipo

"Ok, va bene signora ho capito "
Chiudere il gioco in anticipo
Fraintendo le tue parole
"Siio direi che sarebbe il caso di chiuderlo in anticipo questo gioco "

allontana la fiamma spegnendola

Ti guardo quasi speranzosa

avvicina la mano al tuo viso le sue dita invecchiate gli anni
lecca

Con lo sguardo indico i bracciali dei polsi

vuole essere certa della tua obbedienza e quel comando è una prova

Maledizione devo obbedire forse ci siamo
Con uno sforzo sovrumano le lecco la mano

lei lascia che le sue dita siano raggiunte lla tua lingua

Pensando solo a quando verrà il mio momento

muovendo la mano cosi consentirti di leccare ovunque

Lecco per bene le dita e la mano della vecchia

brava cagna cosi

Alzo ls testa e la guardo
"Sarebbe questo il gioco? "

il suo sguardo è freddo indecrabile
succhia

"Rispondi"

puntando l'indice oltre le tue labbra
obbligandoti a succhiarlo

Continuo a succhiare

in quel momento io compaio nuovamente nella stanza e mi trovo vanti agli occhi te che le stai ciucciando il dito
lei mi sorride ah tesoro sei qui vieni vieni pure

Ti sento arrivare e smetto di colpo

ma lei ti fa sentire la pressione del dito nella bocca
è un ordine perentorio

Sono costretta a continuare
Cristo glielo vorrei staccare a morsi quel dito di mer

io sto liti vedo ciucciaree in quella scena è come se constatassi la piu forte

E io purtroppo me ne rendo conto
Anche se so dentro di me che la rivincita è solo rimandata

è un'immagine eccitante la seguo con occhi spalancati emozionato
è una strana situazione per certi versi una specie di braccio di ferro giocato tra voi due che sta decretando la vincitrice, mentre io mi sento come la posta in palio, pronto a riconoscere l'autorità di chi avrà la meglio

La tua presenza nella stanza mentre sono costretta a succhiare il dito della vecchia mi copre di imbarazzo Ma mi scatena anche una rabbia furiosa
Questa bastar è riuscita a ribaltare la situazione
Dovevo essere io nei miei programmi a dominare la scena

emotivamente, vederti in quella posizione che ciucci il dito di lei mi fa impazzire è il pensiero di te, cosi arrogante, spavalda, autoritaria e orgogliosa che alla fine pieghi il capo trovando qualcuno in grado di arti

E invece mi trovo al centro della scena
Ma dalla parte sbagliata
Mi sono fatta fregare come una principiante
Troppo troppo sicura di me stessa ho sottovalutato la megera

penso alla mia mascolinità, ai tanti discorsi uditi sino alla nausea negli anni della mia giovinezza sul sesso forte, sull'uomo e sul maschio provo vergogna disagio riconoscendo nei confronti di entrambe la mia assoluta inadeguatezza

E adesso sono qui legata su questo dannato tavolo alla mercé dei suoi capricci e delle sue perversioni in attesa che si stanchi e mi liberi

non trovo di meglio che masturbarmi davanti a voi due quasi riconoscendo la mia nullità

E per di più l'umiliazione di dovermi trovare in questa situazione di fronte a quel coglione
Dio che rabbia

di colpo lei sfila il dito dalla tua bocca lo spettacolo è finito ciò che doveva essere chiaro è ora cristallino a tea me

Smetto di succhiare il dito della vecchia Basta così cazzo
Ma ci pensa lei a sfilarlo via
Meglio ancora un minuto e glielo staccavo
La guardo con tutto l'odio che ho in corpo

mentre lei si allontana te io resto invece li in piedi leggermente defilato rispetto alla tua posizion eche continuo a toccarmi

"Sei soddisfatta brutta bagascia?"
Le mie parole sono un sibilo

nella mia mente pensare a te che succhi ha la forza di un uragano

"Possiamo farla finita adesso? "
"Dico a te stronza"
Sento che ti stai masturbando

caro ci pensi tu a farla tacere o devo farlo io? mi an senza neppure girarsi

"farmi tacere lui? Ma per favore è solo capace di leccarmi i piedi e masturbarsi tu piuttosto che cazzo aspetti a slegarmi"
"Avete avuto quello che volevate no? Umiliarmi Bene adesso il gioco è finito "

a quella an mi sento sprofondare io???? fa farla tacere ma io

Mi viene ridere "si dice a te coglione sfigato"
È più forte di me
Non riesco proprio a trattenermi

di colpo la vedova si gira verso di me e con uno sguardo tagliente come lama di spada mi dice
vuoi che rida di te? che creda tu sia solo un segaiolo?
(avvicinandosi a me) tesoro caro sii uomo mostrale cosa hai dentro di tela tua forza, falle sentire che non sei un cagnolino tenere al guinzaglio ma un vero uomo
e mi accarezza una guancia ora materna e benevola

"Ma fatemi il piacere e tiratemi via qui!"

mi sento accerchiato nessuna via d'uscita sperando di riuscire a cavarmela col minimo propongo di bendarti la bocca cosi impedirti di pronunciare altre frasi inopportune
ma lei è contrariata ah no, questo non risolverebbe affatto il problema mio caro

In quel momento mi rendo conto che la schiena inizia a farmi male Essendo le gambe piatte appoggiate al tavolo ma le braccia no sono sollevate un po rispetto al resto del corpo

non è cosi che devi metterla a tacere hai capito vero?

Trattenute un alto i bracciali
In questo modo la mia schiena è leggermente inarcata e adesso che sarà quasi un ora che sono in questa posizione inizio a sentirla
Schiena e spalle

si dico a me stesso ho capito ora si aspetta che ti colpisca riducendoti cosi al silenzio
ma il pensiero di colpire te mi intimorisce
si mi mette paura
la stessa che avrei se dovessi colpire con un bastone il corpo di una tigre

Sarei quasi tentata di dire alla vecchia di abbassarmi le braccia ma sarebbe un gesto di debolezza
Quindi sfrutto quel margine di movimento per cercare di sciogliere la muscolatura della schiena
Muovo un po le braccia per quello che posso

provo ad avvicinarmi a teal tuo viso che sprezzante guarda verso di me faccio di colpirti ma la mano resta bloccata a mezz'aria

Il bacino le spalle

io non non ce la faccia ammetto riconoscendo la mia impotenza

Movimenti minimi

anche in questo sono un fallito un debole

Ti lancio un occhiata patetica

e la vedova non lo tollera

E faccio una smorfia
Quasi inconsapevole

e sia resta pure li a segarti vanti a lei

Di disprezzo totale
"Ahah cosa credevi nonna"
"Che si trasformasse in un leone? "

possibile tu non abbia neppure un briciolo di virilità dentro di te?

"Quello mer è e mer morirà "

a quel punto si avvicina a me e senza nessun imbarazzo mi strappa l'uccello lle mani dicendo

Rido "Ti è anta male"

devi essere degno del sesso che porti

"Forse ci riesci meglio tu nonna ahah"

sento la sua mano muoversi sul mio cazzone sento la stretta

"Magari quando mi liberi te la faccio annusare te lo meriti "

ma cosi come ha iniziato di colpo termina

"Magari sei anche un po lesbica e ti piace pure"
Rido

e d'improvviso ti colpisce con una manata in pieno volto

Sono di nuovo sicura di me stessa
"Ahhvaffanculo troia!"

facendoti sanguinare dall'angolo delle labbra a causa dei suoi tre grossi anelli

Te le taglio quelle mani"
Mi lecco il sangue
Ha il sapore della mia vendetta che verrà
E che sto sognando un ora
"Brava nonna bel colpo"

mi guarda era cosi difficile? mi dice con tono deluso
su dai ora andiamo a mangiare qualcosa e tu troia non sentirti trascurata torneremo a trovarti presto
non potendo che obbedire la seguo mentre lascia la stanza lanciando un'ultima occhiata verso di te

"Che cazzo significa ante a mangiare! Hei non vorrete lasciarmi ancora qui!"
"Heiii" grido

ma la porta si chiude e tu resti sola
mentre noi dirigiamo verso la cucina

"Almeno abbassami le braccia putanaaa!"
"Cazzo cazzo cazzoooo!!"
Mi prende una furia incontrollabile

parole inutili gridate al vento le tue ormai siamo lontani e ad ogni modo sarebbero state vane cmq

Inizio a strattonare i bracciali con gambe e braccia
Facendomi solo del male

durante il pasto non oso prender la parola mangio in silenzio aspettando che lei dica qualcosa

Cristo ero convinta che stavano per liberarmi e invece dovrò aspettare ancora

ad un tratto mi fa e allora? che mi dici?

Mi devo rassegnare ad aspettare il loro ritorno
Non c'è altro fare


CONTINUA....

Questo racconto di è stato letto 2 3 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.