Erotici Racconti

Voglio vederti scopare

Scritto da , il 2016-08-18, genere scambio di coppia

- "Eri a quattro zampe, al centro del letto, tutti mi chiedevano come ti chiamavi.
Luisa, dicevo, si chiama Luisa. Tutti dicevano che cavalcavi alla grande, mentre a turno ti scopavano. Gli altri rimanevano a guardare la scena e a masturbarsi".
Mentre lui le raccontava del sogno che aveva fatto, lei ascoltava in silenzio, notando l'erezione del marito.
- "Poi alla fine anch'io mi sono masturbato e sono venuto addosso a te".
Era la prima volta che Marco raccontava a Luisa un sogno del genere, lei lo guardava senza fiatare, non che le dispiacesse, anzi la stava eccitando al massimo, ma era sorpresa.
Quando una donna sposata supera i 40 anni, si ritrova con una miriade di fantasie che non è mai riuscita a concretizzare quando avrebbe potuto.
Con le amiche si raccontavano spesso fantasie erotiche, una forma forse di congelare il tempo e fare con la mente tutto quello che avrebbero potuto fare anni prima, ma che non avevano avuto il coraggio di provare.
Era una specie di battaglia col passato con l'aggiunta che in questo caso era il marito a raccontarle una fantasia che a lei eccitava da morire.
- "Ma davvero ti eccita pensare a uomini che mi scopano?", disse Luisa, nascondendo la sua eccitazione.
Marco non rispose, forse per la vergogna, ma fu così che iniziò tutto.
perché per Luisa fu come aprire la porta a fantasie che aveva sempre in mente, ma che teneva nascoste perché pensava che non poteva compartirle con nessuno, se non con le sue amiche, donne mature che in realtà sognavano di abbandonare per un po' il loro ruolo di madri e mogli devote, per scopare come adolescenti, senza freni e senza inibizioni.
Marco si era vergognato persino a raccontarle quel sogno, figuriamoci se avrebbe osato andare oltre, fu lei a prendere in mano la situazione, piano piano, per cercare di migliorare la loro relazione che si trovava in un naturale punto morto.
Cominciarono a organizzare qualche fine settimana fuori città, da soli, in paesini tranquilli e sconosciuti, in piccoli hotel o in case in affitto, lontani dai figli e dalla quotidianità.
- "Ho trovato una casa in campagna, in provincia di Venezia, in un paesino che non avevo mai sentito, ha persino la Jacuzzi, cosa ne pensi?", propose un giorno lei, che ormai si era calata nel ruolo di manager dei fine settimana di sesso.
- "Per me va bene, fai tu", rispose lui, col suo solito distacco, mentre giocava a qualche gioco online.
- "Andiamo in auto o in treno?", proseguì lei, mentre si cambiava in camera, sapendo che avrebbe ricevuto la solita risposta interlocutoria e proseguì "Se andiamo in treno credo che mi scoperò tutti i passeggeri e anche il capotreno", urlò per essere sicura di farsi ascoltare.
La risposta fu il solito silenzio, ma questa volta faceva più rumore. In attesa della risposta, sorrideva contenta, sapendo che quella domanda era più di una battutina scema. Infatti decisero di andare in auto.
Fu il giorno dopo che la storia ebbe un cambio brusco e inaspettato.
- "Che te ne pare se vengono con noi anche Antonio e Mara?", disse lui col suo solito tono insicuro.
Antonio era un suo amico e Luisa sapeva benissimo che lei, la moglie, Mara, si era scopata due amici single del marito.
La temperatura del sangue di Luisa cominciò a salire e non era propriamente per l'eccitazione.
Aveva parlato col suo amico dei loro fine settimana di sesso e ora se ne usciva con questa uscita a quattro, con questa Mara, che si scopava impunemente tutti i loro amici. Voleva rovinare le loro fughe sessuali con questi due e per giunta si voleva scopare quella troia di Mara?
- "Mi ha chiamato oggi e me l'ha proposto, mi ero dimenticato di dirtelo", cercò di giustificarsi lui.
Lei andò via dalla stanza senza parlare, prese un suo libro e in totale silenzio si stese sul divano del soggiorno cercando di leggere.
Lui dopo qualche minuto la raggiunse.
- "Amore, fidati di me. So benissimo che la nostra vita sessuale deve migliorare e anche molto. Non voglio tradirti ed andare con un'altra. Da tempo ho la fantasia di vederti con altri uomini, con ti scopano con forza."
E continuò con la confessione, lasciandosi andare a particolari che mai si era sognato di raccontare.
Luisa impietrita cercava di ascoltare, senza rispondere, finché non riuscì a resistere e scoppiò a piangere.
- "Ma ti rendi conto dello sforzo che sto facendo per tenere in piedi la nostra vita sessuale e tu ne vieni fuori con questa troia di Mara, che ti vuoi scopare e fai finta che sia per noi due?".
Il giorno dopo non andò neppure a lavorare, era nervosa, sentiva che dentro di lei tutto era cambiato. Da un lato la voglia di essere moglie e amante ideale, dall'altro tutte le fantasie represse che da un po' la avevano invasa. Nel mezzo le fantasie del marito che non sapeva a cosa puntavano. Pensò di andare via di casa, di scappare senza dire niente, di andare da un avvocato per chiedere il divorzio.
Il cellulare continuava a squillare ma lei non rispondeva: mai lui si era preoccupato cosi tanto per lei.
Poi la sera, a casa, a letto, prima di dormire decise quasi d'impulso che bisognava agire, si abbassò le mutandine e di fronte a lui cominciò a masturbarsi, quasi selvaggiamento, come se fosse una punizione. Fu intensissimo, ci mise pochi secondi a venire.
Poi senza rivestirsi, si mise di fianco a pensare. Lui la raggiunse e rimasero abbracciati in quella posizione a lungo, senza dirsi niente.
Per la prima volta in 40 anni, anche se solo per qualche secondo, aveva abbandonato tutti i tabú e le costrizioni mentali.
- "Eri uno spettacolo", disse lui, sorridendo.
- "Sei un voyeur ora?", rispose lei, felice per la sua reazione.
- "Davvero non vuoi scoparti Mara?"
- "Forse pensi che Mara sia solo una troia, ma guarda che quando si è scopata quei due, Antonio era consenziente, avevano organizzato tutto".
- "Quindi lui è un porco come te? Avete le stesse fantasie", disse ancora una volta pietrificata, ma questa volta la reazione era più gradevole, la notizia le aveva anche creato una certa eccitazione, tanto che con la mano tornò ad accarezzarsi la fica.
- "Va bene, accetto, proviamo".
Durante il viaggio lei era nervosa, cercava costantemente lo sguardo di suo marito, si sentiva indifesa, aveva bisogno di lui.
All'arrivo, aprendo la parta di quella casa in campagna, i nervi erano quasi scomparsi.
Mara, la aiutò, le disse di non preoccuparsi, che per loro non era la prima volta e le disse di fidarsi, perché avrebbe passato una splendida serata assieme.
Gli uomini pensarono ai vini, le due donne andarono a cambiarsi. Mara aveva comprato anche per Luisa alcuni indumenti intimi sexy e di alta qualità.
Mentre si cambiavano, Luisa vide il corpo nudo della nuova amica, segnato dagli anni, un seno cadente, ma un fisico attraente, accompagnato da un viso particolare.
Quando si presentarono in abbigliamento intimo sexy, fu Antonio il primo a complimentarsi e Luisa sentì lo sguardo di lui sul suo corpo.
Chiesero a Luisa di andare nel letto e mettersi a quattro zampe, come se avessero già stabilito in precedenza questo dettaglio.
Il marito di Luisa rimase seduto in una sedia a guardare, Mara si inginocchiò, gli abbassò i boxer e cominciò a giocare col suo pene.
Luisa vide che Antonio si era spogliato, vide il suo cazzo, mentre Mara continuava a muoversi e a succhiare quello di Marco.
Antonio si avvicinò al letto e Luisa vide da vicino il suo cazzo eretto, era decisamente più grande di quello di suo marito Marco.
- "Cominci tu o devo cominciare io?", disse Antonio a Luisa.
- "Fallo tu, Antonio", ordinò Marco dalla sedia.
Persero la nozione del tempo.
Antonio scopò Luisa con forza, mentre Marco si godeva la scena, poi si unì anche lui e la penetrarono entrambi, mentre sullo sfondo Mara si masturbava guardando la scena.
Era quello che il marito di Luisa aveva sognato da tempo e che lei non immaginava potesse essere così piacevole.

Questo racconto di è stato letto 1 1 5 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.