Erotici Racconti

Nel mio culo è entrato di tutto, anche il cane Parte 2 (Incontro con Varenne - 1)

Scritto da , il 2016-08-11, genere gay

Salve, sono sempre io, Carlo, lo sfigato che a diciotto anni compiuti non ha ancora preso un cazzo in culo, a parte quello del suo cane.
Beh, vi ho già raccontato di come, dalle scuole medie, abbia imparato a stimolarmi analmente con qualsiasi oggetto di uso comune e ortaggi, continuando sempre a preferire le dita per penetrarmi e godere; fino a quando Ben, il mio meticcio di taglia medio grande non mi ha montato, facendo di me la sua cagna lussuriosa. Dio, quanto ho goduto con la sua minchia nel culo e ho continuato a provare questo piacere a lungo.
Ho sempre desiderato un uomo con il cazzo grosso che mi aprisse in due come una pesca. Il mio tipo ideale è quello che in gergo viene definito “Orso”: grosso, rude, peloso. Solo a pensarci mi sembra di bagnarmi come una fregna.
Purtroppo, vivo in un piccolo centro di provincia dove le occasioni di incontro gay sono a livello zero. Così, per anni, mi sono eccitato guardando foto porno al pc e torturando il mio buchino con qualsiasi cosa mi venisse a tiro. Ho persino pensato a me come a un animo femminile, desideroso di essere posseduto e fottuto fino allo sfinimento. Il mio orgasmo ideale è quello che sento dentro, dalla prostata, che poi provoca anche una eiaculazione, ma riesco a venire anche senza menarmi il cazzo. Se vengo posseduto e sento qualcosa che risale il mio intestino e mi riempie tutto, godo come una troia.
Ma, ahimè, niente cazzo, a parte la cippa di un cane.
Oh, non fraintendetemi, adoro Ben e mi piace considerarmi la sua cagna, la sua verga è grande e mi soddisfa e io sono sottomesso a lui.
Spesso, mi pretende. Mi viene dietro e spinge quel tartufone umido contro il mio culo, mentre con la zampa raspa una mia gamba, pretendendo ciò che è suo.
Non sempre riesco ad accontentarlo subito. Se c'è qualcuno in casa, dobbiamo rimandare ed è una sofferenza per entrambi, ma anche un accumulo di desiderio che poi accresce il piacere finale.
Il solo sentir premere contro la mia fessura tra le chiappe, mi rende voglioso, facendomi venire il cazzo duro e sentir fremere all'inguine. Il culo comanda tutto il mio essere: l'ano è il mio cervello.
Ben me la fa pagare quando lo faccio aspettare: mi scopa con ancor più vigore, il suo cazzo diventa un martello pneumatico e il nodo ci mette molto più tempo a sgonfiarsi, tenendomi legato a lui per un'infinità. Per non parlare della sborra: mi riempie completamente e mi sento gonfio e pesante, come un otre. La pancia si gonfia proprio: è bellissimo, mi pare di essere gravido!
Una volta, ho provato tre orgasmi da quando ha posato la sua lingua tra le mie chiappe, fin quando il suo cazzo è uscito dal mio culo. Sublime, potrei pensare di diventare la sua cagna per sempre, visto che lui pretende soddisfazione giornalmente. Spesso, ho dovuto farlo all'aperto, quando l'ho portato a fare una passeggiata. È la fregatura di abitare con i genitori.
Però, non ho mai abbandonato l'idea di trovare un uomo che mi chiavi come non mai, persino più selvaggiamente di un cane. Così, ho conosciuto il mondo delle chat erotiche. Un po' tardi, lo confesso, ma sono sempre stato un po' ingenuo nello scoprire queste cose.
La cosa è cominciata gradualmente. Prima, con ammiccamenti spinti nella home pubblica, poi in privato. Con alcuni mi sono messo a gambe larghe a farmi un ditaculo colossale, mentre loro si segavano le nerchie possenti, che alla sola vista mi procuravano fremiti profondi. È diverso guardare un porno dal vedere una persona vera che si eccita alla vista del tuo buco aperto e voglioso. Somiglia a un rapporto, anche se non lo era.
Spesso ci si sentiva anche al cellulare per poter condividere ansimi ed espressioni di piacere.
Addirittura, certi hanno preteso di guardare mentre Ben mi inculava. Ho posizionato la web cam nel modo migliore possibile e mi sono fatto ingroppare dal mio cane, mentre loro godevano come porci. La sola idea di eccitare qualcuno, accresceva la potenza dei miei orgasmi e mi faceva urlare oscenità di ogni tipo.
“Sono una cagna in calore, siiii, stantuffami per bene che il mio buco del culo non è abbastanza slabrato. Vaaaiii, Ben, ho bisogno di un cazzo grosso che mi arrivi fino all'ombelico...”
Una sera, mentre chattavo, avevo conosciuto un tipo simpatico di nome Varenne. Eravamo entrati subito in chat privata e lui, mentre digitava, si accarezzava il membro già eretto, facendomi capire il perché del nickname.
Anch'io mi ero spogliato e gli avevo mostrato il buco del culo, infilandoci dentro le dita per fargli vedere quanto fossi voglioso: prima una, poi due e, alla fine, tre, facendo un fuori e dentro lento e godurioso. Mi consigliò di girare le dita attorno, come a mescolare l'ano, per renderlo ancora più elastico e allargarlo. Scrisse che voleva vedere quanto riuscissi ad allargarmelo e trovai la sfida super eccitante.
Ci eravamo scambiati subito i numeri e la nostra conversazione era diventata bollente.
Mi piaceva quando mi proponeva posizioni e ritmi più serrati, accompagnati da mimiche inequivocabili.
Oddio, volevo il cazzo di Varenne dritto nel mio culo a riempirmi totalmente e rompermi in due. Giravo le dita nel buco, tirando di tanto in tanto verso l'esterno, per fargli vedere quanto riuscissi a dilatarmi. Quanto fossi pronto per lui.
Ad un certo punto, mentre eravamo ansimanti e prossimi all'orgasmo, mi fece:
“Ma, sul serio, ti sei fatto trombare dal cane?”
Ed io, continuando a penetrarmi con le dita fino in fondo:
“Uhhhh, siii, il cazzo del cane può essere più lungo di quello dell'uomo e il suo ritmo è fre-ne-ti-cooo.”
Raggiunsi il secondo orgasmo a quel punto, ma continuai con il siparietto in suo favore.
“Ma non ti piacerebbe provare di più? Molto di più?”
Me lo sbatteva in faccia, contro il monitor, quel cazzone enorme che avrei voluto infilarmi fino all'ugola, prima di farmi finalmente impalare di brutto.
“Sì, sì, sì, lo voglio!!! Voglio sentire il mio culo squarciato. Ti prego, fottimi a sangue!!!”
Rise e sborrò copiosamente. Mi diede appuntamento da lui, in centro. Abitava in una cittadina a mezz'ora dalla mia e ci mettemmo d'accordo di trovarci in piazza.
Ero entusiasta, finalmente sarei stato posseduto da un uomo e, quella sera, approfittando che i miei non fossero a casa, continuai a godere grazie al cazzo del mio cane. Ma pensavo già a quello stallone di Varenne e al suo membro enorme.
Il sabato pomeriggio ero nella piazza di quella piccola città mai vista. Mi ero lavato bene il buchino: fatto un clistere e inondato d'acqua il più possibile. Ero vuoto, pulito ed eccitato. Mancava solo il mio Varenne a riempirmi.
Una macchina si fermò a poca distanza da me e lo riconobbi, ci eravamo scambiati delle foto. Mi precipitai da lui con un balzo.
“Ciao” lo salutai entusiasta.
Se avessi avuto la coda, sarebbe stata bella alzata e scodinzolante. Il mio animo di cagna in calore non si smentiva mai.
“Ciaoo” rispose ammiccando e squadrandomi da capo a piedi.
Senza attendere un invito, aprii lo sportello e mi accomodai accanto a lui.
Varenne partì subito, senza parlare. Non conoscevamo i rispettivi nomi: lui era Varenne e io Cagna95. Lo vidi premersi il pacco e la cosa mi emozionò un casino, tanto che mi venne duro all'istante. Ma era il culo a trasmettermi scosse di desiderio. Come ho già detto, comanda lui!
“Non vuoi succhiarlo? Sono quasi venti minuti di strada, possiamo approfittare per far conoscenza.”
Fece lui, gioviale. Io non mi feci ripetere l'invito: il mio primo pompino.
Avevo visto tanti di quei video che ormai ero un esperto.
Slacciai i bottoncini e lo feci svettare all'aperto, ammirandolo con reverenza. Lo annusai e mi sentii rabbrividire per quell'odore di pelle un po' acida. Poi, goloso, con la bocca che colava la mia acquolina, lo ingollai tutto. Rischiai di soffocare, ma capii presto il ritmo giusto e iniziai a lambirlo e succhiarlo, come se la mia bocca fosse una fighetta umida, aiutandomi con la mano.
Mi piaceva un casino e anche lui godeva del mio trattamento.
“Sei un ciuccia cazzi d'eccellenza. Bravo!”
Non smentii, mi piaceva che lui pensasse a me come a una bagascia che fa le pompe a chiunque. Mentre, fin'ora, l'avevo ciucciato solo al cane, ma era tutta un'altra cosa.
Mi piaceva apparire porca, volevo essere la sua puttana.
D'altra parte, non poteva avere una grande considerazione di uno che si faceva riempire dal cane. Me lo aveva anche detto che gli piacevo perché ero osceno, immorale e sporco.
Scoprii un'altra cosa di cui avevo già il sospetto: volevo essere servile, sottomesso, sodomizzato. Il sesso per me era un modo per sentirmi usato. Niente di più bello.
La sua cappella era enorme, quando la ingoiavo, mi gonfiava le guance e che goduria quando spingeva verso l'ugola. Lui mi imponeva di rallentare, per non sborrare troppo presto, ma quella situazione era troppo eccitante per me, mi sentivo frenetico, ansioso di scoprire di più, di gustare quell'uccello svettante fino in fondo. Anche se era impossibile farlo penetrare totalmente nella mia bocca: ci provai un paio di volte, ma non riuscii a farne entrare neppure metà.
Intanto, allungava ogni tanto una mano, accarezzandomi la coscia e l'inguine. Il mio cazzo stava esplodendo nei pantaloni e la stoffa di jeans mi faceva male, imprigionandolo.
Quando sborrò nella mia bocca, cercai di trattenere più sperma possibile e poi leccai e succhiai finché non lo ebbi ripulito per bene. La lingua scorreva lungo l'asta, catturando tutti i rivoli che colavano, sublime! Trovai la sborra umana meno acida di quella del cane. Non volevo farmi scappare neppure una goccia: lappavo avidamente, girando con la lingua tutt'intorno alla mazza ancora parzialmente eretta (anche così incuteva un certo rispetto per la sua stazza).
“Ohhh, siii, cagnetta, bevi il mio nettare. Ingoia tutto, brava” Mi incitava, mentre mi esaltavo per quella nuova esperienza.
“Ti è piaciuto?” si informò, ridendo, rendendosi conto da solo che ero più che soddisfatto.
“Sì, mi piace, ne voglio ancora!”
“Non ti preoccupare, ciucciacazzi, ne avrai quanta ne vuoi. Ma dammi tregua, che voglio riempire il tuo culetto!”
Sentivo caldo in tutto il corpo, quelle sole parole erano capaci di farmi fremere. Ero infoiato come una bestia e non ce la facevo ad aspettare.
Finalmente, arrivammo a casa sua, in aperta campagna. Mi aveva detto di abitare in una fattoria e mi fece scendere per entrare nell'edificio centrale.
“Ti prego” uggiolai. “Non perdiamo tempo, penseremo dopo a tutto il resto, il mio culo è in fiamme, pretende di sentire la tua mazza in tutta la sua lunghezza.”
Lui rise come un matto, dovevo sembrargli pazzo, o patetico, o forse tutte e due le cose perché mentre dicevo così tremavo tutto.
“Non è solo lungo, ti sei accorto di quanto è grosso, no?” Mi ammonì, continuando a ridere.
“Sì, sì. Voglio che mi apra tutto!”
Avevo iniziato a slacciarmi i pantaloni, desideroso di liberarmi di quella costrizione sempre più dolorosa e lui mi guidò in camera da letto.
Ci spogliammo e io mi distesi a gambe larghe sul bordo del letto, come una donna a una visita ginecologica. Mugolavo e divaricavo le ginocchia più possibile, mentre con le dita mi allargavo le chiappe per mostrargli la mia voragine affamata.
“Devi avere cura del tuo corpo” mi rimproverò, continuando a ridere. “Anche se sei in calore, certe cose vanno preparate, altrimenti rischi di farti male.”
Ricordo come la mia prima esperienza con il cane Ben, sebbene fosse stata super eccitante e appagante, mi avesse lasciato con il culo in fiamme per giorni, perché non avevo pensato a lubrificarmi.
Annuii, non potendone più e iniziando a infilarmi le dita dentro. Il culo era caldo e bisognoso di contatto, era troppo tempo che non mi toccavo e con quello che avevo visto e provato, la voglia era incontenibile.
“Sei davvero un gran porco, non ce la fai proprio a contenerti.” Continuò a canzonarmi, andando a cercare chissà che cosa.
“Porca, dì porca. O cagna. Mi piace fare la femmina!” lo corressi con la voce stridula.
Lui tornò ai piedi del letto, mostrandomi un tubetto di lubrificante.
“Questo ci servirà, ma prima vediamo cosa c'è da fare qui sotto, per aiutare questa bambina lasciva.”
Oh sì, aveva accettato di riferirsi a me come a una femmina, bellissimo, sì, accresceva ancor di più l'eccitazione.
Si inginocchiò davanti a me e iniziò a toccarmi, mentre io mi inarcavo dal piacere. Cristo! Non solo il suo cazzo era enorme, quelle dita ruvide e callose erano grosse come salsicce. Io potevo infilare nel mio culo fino a tre dita, ma una sola delle sue riusciva a riempirmi.
Si protese in avanti e continuò a infilare quel ditone nel mio traforo personale, girando, come mi aveva insegnato e il movimento era veramente piacevole. Continuò un po' così, poi infilò la testa tra le mie gambe e unì la lingua al dito. Dio, che goduria. Urlavo, gemevo, lo incitavo. Mi bruciava la gola per quanto casino stessi facendo. Lui mi aveva assicurato che non c'erano vicini che potessero venir disturbati dalle mie espressioni di piacere ed effettivamente non avevo visto altre case nei dintorni.
Quando tolse il dito, protestai, ma lui mi impose di aspettare e mi fece vedere che stava semplicemente mettendo il gel lubrificante su indice e medio. Due dita. Oh sì.
Si fece strada lentamente, sempre con movimento circolare ma, in poco tempo, il mio culo le reclamò, inghiottendole. Allora Varenne si scatenò e iniziò a scoparmi con la mano.
“Prendi porca, riempiti, godi!”
“Siiii, oh siii, sono la tua scrofa grufolante di piacere. Fottimi fino in fondo!”
“Sei proprio una gran maiala!”
Più mi insultava, continuando a pompare con la mano, più mi sentivo gioioso. Mi provocò un orgasmo, solo stantuffandomi con i suoi ditoni, che di sicuro avevano allargato l'ano abbastanza da far entrare la sua nerchia.
“Voglio il tuo cazzo nel culo, ti prego, possiedimi, sottomettimi.”
Si alzò e vidi che era di nuovo in tiro e la cosa mi inebriò. Finalmente avrei provato il vero cazzo di un uomo e Varenne era proprio il mio tipo: era altissimo, robusto e pieno di peli neri. Il classico boscaiolo, il partner che ho sempre sognato.
“A terra.” Ordinò. “Visto che sei così troia, mettiti a quattro zampe, voglio sodomizzarti da cagna, quale sei.”
Feci delle risatine eccitate, felice di ciò che mi stava chiedendo e mi posizionai a terra, a pecora, con le gambe larghe.
Lui tastò ancora un attimo il mio buco con la punta del pollice, forse per assicurarsi che fossi sufficientemente lubrificato per accogliere quella bestia che teneva in mezzo alle gambe.
Altri brividi di piacere in tutto il corpo quando posizionò la cappella sull'apertura. Spinsi il culo verso di lui, per incitarlo e Varenne iniziò a farsi strada nel mio corpo.
La cappella mi squarciò e urlai, ma più il dolore era intenso, più lo volevo.
“Spaccami il culo, così, vai. Sono la tua puledra da monta, Varenne, godoooo!”
Con un colpo secco me lo ficcò dentro e io venni sbalzato in avanti. Non scherzo, saltai sui miei appoggi a terra, come sollevato da quella lunghezza spropositata. Era la cosa più grande che fosse entrata nelle mie viscere ed era calda e pulsante. Il paradiso.
I primi movimenti del mio partner furono lenti e profondi, per far adattare la mia membrana interna all'uccellone svettante. Era un amante esperto, non voleva causarmi danno, anche se io continuavo a chiedergli di aprirmi in due senza pietà.
Gli affondi cominciarono a farsi sempre più veloci e, dopo un po', la monta si fece serrata. Varenne mi fotteva con un ritmo sostenuto, provocandomi un piacere unico. Dopo l'orgasmo durante i preliminari, ne erano seguiti altri: la prima volta ero venuto con i primi colpi, poi un secondo orgasmo mi aveva squassato mentre la cappella spingeva sulla prostata e, quando stava per raggiungere l'apice, lui cominciò a segarmi, per venire assieme.
“Ti faccio un bel clistere di sborra, piccola. Ti riempio tutta.”
Ringhiò al mio orecchio, prima di iniziare a schizzare nel mio intestino.
Rimanemmo un po' così, con il cazzo di Varenne che si ammosciava dentro il mio culo, come facevo con il cane, solo che quello aveva il nodo, il mio compagno voleva semplicemente prolungare il nostro contatto.
Il pavimento era un disastro: un lago di sborra che colava dalle mie gambe. Il mio culo continuava a fiottare sperma, era bellissimo.
Lui si alzò e mi sollevò da terra di peso, io non ce la facevo a reggermi sulle gambe, ero allo stremo delle forze. Mi distese sul letto, incurante di sporcare le lenzuola e mi si mise accanto, sollevandomi le ginocchia. Poi mi prese la mano e me la portò in basso.
“Senti” sussurrò. “Senti come sei larga. Qua in mezzo ci passa un'autostrada!”
Era vero, avrei potuto quasi infilarci la mano intera. Non ce la facevo più a smettere di toccare, mi piaceva avere il culo ridotto come una vecchia ciabatta. Bruciava, mentre passavo le dita, tirando la pelle per allargarlo il più possibile, ma era quello il bello.
Ripresi a gemere e, per la prima volta, Varenne mi ficcò la lingua in bocca, iniziando a muoverla velocemente.
“Mhmmm” risposi al bacio meglio che riuscii, ricominciando a fremere. “Ma ficcami le dita nel culo, mentre mi baci.”
Lui rise, ma soddisfò la mia richiesta, riprendendo a martoriarmi l'ano.
Avevo detto a mia madre che sarei andato un paio di giorni a casa di un compagno di classe, perciò non avevamo fretta, quella era stata solamente la prima di una serie di scopate che mi attendevano nel weekend.
“È stato bellissimo” biascicai nella sua bocca. “Ne voglio ancora. Di più, di più.”
Rise ancora, la sua risata era veramente piacevole da sentire, profonda e sincera.
“Vedrai, baldracca, saprò farti godere più e più volte e allargheremo quel culo tanto che non lo immagini neppure.”
“Sì, voglio provare di tutto, sentirmi piena di qualunque cosa.”
“Attenta a quel che desideri, perché io ho molte sorprese nascoste che potrebbero piacere a quel culo mai sazio.”
Non avevo mai sentito parole più melodiose, anche se non avevo idea di quanto ci saremmo spinti in là. Io avevo trovato l'uomo giusto per me, ma anche Varenne aveva trovato la persona adatta per sfogare tutte le sue fantasie più nascoste e non avevo veramente idea di quanto quella frase sibillina fosse veritiera.

Questo racconto di è stato letto 5 7 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.