Un amore di zia - Capitolo 1 - In vino veritas

Scritto da , il 2010-10-24, genere incesti

Racconto di fantasia -fatti e riferimenti a persone reali sono puramente casuali-




Non riuscivo a chiudere occhio. Mi rigiravo nel letto, mentre le lenzuola si attorcigliavano attorno al mio corpo. Poche ore prima era successo quello che da anni, da quando ero ragazzino, sognavo: una cosa improvvisa, inattesa…quella sera avevo baciato la zia. A quel pensiero mi rigirai ancora, e rimasi a guardare la luce della luna filtrare attraverso le tende della mia stanza.

Abitavo con la zia ormai da qualche mese. Avevo quasi completato l’università prima del previsto e cominciavo il mio percorso lavorativo con stage e apprendistati, e la zia avevo accettato di ospitarmi fino a quando non avessi trovato una sistemazione adeguata. Tra noi due non c’era una vera relazione di sangue, visto che è mio zio il parente a cui sono legato. Fatto sta che comunque decisi di trasferirmi in città e di passare qualche tempo qui con lei fino a quando non ci fosse stato l’opportunità di trovare un posticino per me. Lei abitava da sola: mio zio aveva molti affari all’estero e quindi faceva lunghe trasferte, di mesi e mesi. Fu ben felice di accogliermi, disse che portavo una ventata di giovinezza nella sua casa sempre troppo vuota.

La zia nonostante avesse cinquantadue anni, rimaneva una bellissima donna: non altissima, ma con un bellissimo e abbondante seno, una quinta piena ad occhio, una linea da far invidiare ad una ragazzetta, un corpo stupendo…spesso la prendevo in giro per la sua bellezza, chiedendole di dirmi dove avesse preso l’elisir di eterna giovinezza.
Durante quei mesi, mentre mi ambientavo in città, avevamo passato un sacco di tempo insieme: mi piaceva stare con lei, perché oltre ad essere una bellissima donna, è anche una persona molto intelligente e affabile. Spesso siamo andati a teatro insieme, al cinema, a mostre di pittura, di fotografia.

Quella sera proprio eravamo appena tornati da teatro. Aprii la porta dell’appartamento e lascia entrare prima la zia. Lei mi sorrise. Aveva un lungo vestito nero, che le fasciava benissimo le forme. Il seno era velato da una trasparenza mentre uno spacco le arrivava fin sopra il ginocchio. I capelli raccolti da un fermaglio d’argento a forma di sole.
“Sei un vero gentleman” mi disse.
Sorrisi e chiusi la porta. “Che ne dici di prenderci qualcosa da bere zia, per brindare alla bella serata”.
“Si, perché no” rispose .
Presi una bottiglia di vino dalla cucina, e la stappai mentre la zia si accomodava su uno sgabello vicino. Riempii due bicchieri, gliene porsi uno.
“Alla bella serata che abbiamo trascorso” dissi toccando delicatamente il suo bicchiere.
“All’ennesima bella serata aggiungerei - disse la zia - da quando sei qui mi hai regalato tante di quelle bellissime esperienze che non so come ringraziarti”.
Arrossii leggermente, non aspettandomi un complimento del genere .
“Dai zia, che dici. Sono io che dovrei ringraziarti per ospitarmi in questi mesi” le dissi guardandola dritta negli occhi.
La zia sorrise, abbassò lo sguardo, e bevve in un sol colpo il vino presente nel calice.
“Non so davvero come ringraziarti zia per tutto quello che hai fatto per me - dissi mentre riempievo i bicchieri - E non parlo solo dell’ospitalità, ma parlo anche di tutto quello che mi hai permesso di fare con te…sei una donna unica, e lo zio è fortunato ad averti affianco”.
Quest’ultime parole fecero comparire sul volto della zia una vena di tristezza...però poi sorrise, leggermente arrossita, e disse: “Qui l’unico speciale sei tu nipotino. Io sono solo una donna di una certa età ed erano anni che non facevo quello che ho fatto con te in questi mesi. Sono io che ringrazio te”.
Si sporse verso di me per toccare il mio bicchiere, ma nello sporgersi incespicò è un fiotto di vino colpì la mia camicia proprio sul colletto.
“Oddio, mi dispiace” si scusò la zia. Preso un tovagliolo dal tavolo e cominciò ad asciugarmi la camicia. Avevo il viso della zia a pochi centimetri, sentivo il suo respiro sul mio collo. Potevo sentire l’odore dei suoi capelli.
Chiusi gli occhi.

Li riaprii e fermai la mano della zia. Ci guardammo negli occhi in degli istanti di silenzio che parvero secoli. La mano della zia mi accarezzò il collo, mi avvicinai a lei, e ci baciammo.
Fu un bacio breve, ma appassionato. Però in men che non si dica sentii le labbra della zia venire meno, e scostarsi da me. Si girò e si allontanò di qualche metro, e si appoggiò al divano mentre con una mano si teneva il volto.
Dopo qualche secondo la zia interruppe il silenzio: “Ti prego, vai nella tua stanza”
Presi la giacca e mi diressi verso la mia stanza. E ora sono qui, che cerco di prendere sonno ma non ci riesco.

Questo racconto di è stato letto 1 0 0 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.