Io, moglie troia

Scritto da , il 2010-10-17, genere trio

Mi chiamo Marika, ho ventisette anni e sono sposata da due con Gianluca. Il nostro è un matrimonio d'amore e ci siamo sempre piaciuti molto, scopando, sin dalla prima settimana del nostro incontro, come matti.
Gianluca è molto fantasioso e, nella nostra intimità, allestisce scenari forti che anche a me piacciono molto: mi dice che sono troia, che sono uno sborratoio, che sono una gran mignotta, poi insieme giochiamo alle fantasie del giorno. Spesso la sua fantasia è di vedermi a letto con un'altra donna o di vedermi scopare con un altro uomo mentre anche lui me lo dà nel buco rimasto libero.
Ultimamente, poi, il sesso si è fatto davvero frequente. Più volte al giorno scopiamo come matti, perché abbiamo deciso di avere un bambino. Solo che, da un anno a questa parte, di gravidanza non se ne parla. Io ho fatto tutte le prove e sono fertile. Il medico dice che dovremmo smettere di desiderarlo così tanto, rilassandoci.
Intanto scopiamo tantissimo.
L'altro weekend siamo andati a Montalcino. Amiamo molto il buon vino, entrambi. Così, dopo cena, bevuta la nostra bottiglia di rosso, ci siamo recati in albergo, fermandoci nel piano bar per un bicchierino della staffa. Ci si avvicina un'altra coppia di sposi. .Lei avrà avuto la mia età, lui poco di più. Iniziamo a parlare, poi cominciamo a ballare qualche lento. Solo che Gianluca invita questa tizia che si chiama Sonia e così io ballo con suo marito, Sandro, il quale, dopo pochi istanti mi tocca il culo pesantemente spingendo il mio bacino verso il suo cazzo in tiro. All'inizio vorrei che smettesse, ma dopo comincia a piacermi e, presa anche dall'euforia dell'alcol, lo lascio continuare, assecondandolo. Mi giro per guardare Gianluca e vedo che sta facendo la stessa cosa. Mi fa l'occhiolino e comincia a slinguazzare Sonia in bocca e sul collo. In breve cominciamo un pomiciamento che molti guardano male. Decidiamo di andare in stanza. Solo che ci dividiamo in modo assortito: io con Sandro e Gianluca con Sonia. Quando entro nella stanza di Sandro mi accorgo che quei due erano molto più porci e perversi di noi, perché il letto era un tappeto di oggetti sessuali: vibratori, manette, frusta ... Non faccio in tempo a chiedere spiegazioni che Sandro mi mette a novanta gradi, mi frusta sulle chiappe e, quando lo imploro di smettere, mi ficca il cazzo dritto dritto nella fica cominciando a stantuffarmi pesantemente. Naturalmente godo come una pazza e mi dimeno col bacino in cerca di un affondo sempre maggiore. Finalmente mi sborra dentro, senza neanche chiedermi se può. Si sfila e me lo fa ripulire con la lingua. Ora, sarà che sono molto brava a succhiare cazzi, ma il suo si rizza di nuovo in breve. Allora mi ammanetta alla spalliera del letto, mi allarga le gambe e mi mette un vibratore nella fica e me lo spinge tanto dentro da farmi urlare di piacere. Poi mi dice di alzare le gambe e fa la stessa cosa al mio culo, che, pur avvezzo a pratiche sessuali col cazzo di mio marito, non era certo abituato a ricevere una stanga tanto grossa come quella del vibra. Mi fa un male cane, ma mi impone di tacere schiaffeggiandomi le chiappe. Poi toglie il vibratore e mi incula lui, pesantemente per più di dieci minuti, fino a sborrarmi dentro, mentre mi strizza le tette, pizzicando i capezzoli duri.
Quando torno in camera non riesco neppure a camminare a gambe strette, tanto il culo mi fa male. Colo sborra sulle gambe, ma sono molto appagata. Entro nella stanza e Gianluca sta ancora finendosi la seconda con Sonia. La sta sbattendo come una troia, alla pecorina, dicendole che è un buco di merda. Sonia urla dal piacere.
"Vieni, tesoro. Entra" mi invita Gianluca.
Mi avvicino a lei.
"Senti questa zoccola come gode. Lo sai che è incinta? Pensa che gran mignotta!"
La guardo con invidia: lei era incinta mentre io non ci riuscivo. Mi incattivisco.
"Hai le palle gonfie, mio amore?" chiedo a Gianluca.
"Certo, gonfissime. Adesso le vengo dentro"
Mi sdraio sul letto vicino a loro, allargo le gambe e dico:
"Vieni qui, amore, sborrami dentro ..."
Lui non se lo fa ripetere due volte e mi sale sopra infilandomelo nella fica, già bella allargata e sporcata da Sandro.
"Sei una brutta maiala porca e sporca: sei larga come una galleria e coli sborra di un altro. Mignotta" e mi sputa in bocca. Accolgo il suo sputo e lo ingoio. Intanto Sonia, che vuole godere, mi sale sulla faccia e si fa leccare la fica. Al solo vedermi leccare una fica, Gianluca esplode di piacere.
"Ecco, godo, godo, brutta zoccola. Goso, maiala puttana di merda. Stai leccando una fica, te ne rendi conto? Sei una gran troia!"
Finita la scopata anche Sonia torna da suo marito. Io mi addormento tra le braccia di Gianluca, entrambi molto felici della strana piega che ha preso il weekend, complice il buon vinop toscano. Inutile dire che, quando siamo tornati, ho fatto il test di gravidanza e risulto incinta. Sarà stata quella scopata magnifica fatta in piena disinibizione, senza l'affanno di dover procreare (come dice il medico) o sarà stato il seme di Sandro? Gianluca non vuole pensarci e non vuole fare le analisi di paternità. Intanto io mi godo e mi godrò l'idea che mio figlio è principalmente mio, perché il padre potrebbe anche essere uno sconosciuto che mi ha ingroppato come una cagna, amman ettandomi, frustandomi e facendomi colare di piacere!

Questo racconto di è stato letto 2 4 7 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.