Erotici Racconti

Il Ribelle - Il comandante delle SS -

Scritto da , il 2016-04-14, genere pulp

Seduto dietro la fredda e spoglia scrivania immerso in una nuvola di fumo, gli occhialini tondi risplendevano lanciando brevi lampi che riflettevano la luce del faro.
La stanza era fredda e piena di ombre, fuori due guardie nei loro elmi luccicanti con al lato il fregio delle “SS” sembravano di marmo. Felix era un ufficiale che in breve tempo grazie alla sua famiglia influente nel partito del Reich, aveva scalato i ranghi dell’esercito personale del Fùhrer. Amava il suo grado non tanto per il rispetto con il quale era considerato ma per la facilità con cui, vista la sua posizione, poteva compiacere i suoi “particolari” gusti. La pratica che preferiva era quella di legare con corde le sue vittime, interrogarle e una volta terminato l’interrogatorio godersi in disparte lo spettacolo. La giovane ragazza nella stanza si era rifiutata di dare i nomi dei suoi compagni di lotta, aveva un labbro sanguinante e le corde le arrossavano le giunture. Era esile e seminuda, capelli castani fino al collo, gonna al ginocchio. Era seduta nel centro della stanza con il capo reclinato esausta, all’ordine secco di Felix entrarono nella stanza sei prigionieri che si disposero a ferro di cavallo. Lei si guardò intorno mettendosi a piangere, cercò invano di liberarsi. L’ufficiale fece loro cenno di cominciare e distesosi appoggiò i lucidi stivali neri sullo scrittoio. I prigionieri si avvicinarono sfilando dai pantaloni i loro peni, cominciarono a masturbarsi e a palpeggiare i seni e le gambe della ragazza. Sotto minaccia di percosse ella non si oppose e piangendo in silenzio si lasciò violentare. Con la forza fu costretta a prendere in bocca i loro piselli, un paio, poco dopo, le riempirono la bocca di sperma facendolo colare lungo la bocca ed il collo e cadere sulle sue cosce. I più resistenti la fecero alzare dalla sedia e sciolta dalle corde la distesero a terra, impalandola su di un prigioniero. Un altro prigioniero la penetrò analmente facendola gridare dal dolore, urlò fin quando la sua bocca non venne invasa da un pene turgido. Il viso di Felix venne deturpato da un ghigno sadico, si godeva la foga che quei prigionieri stavano riversando sulla giovane ragazza. Era felice dei suoi metodi di interrogazione, e quasi sempre otteneva le informazioni che pretendeva. I prigionieri a turno svuotarono i loro testicoli negli orifizi della ragazza, chi nella vagina chi negli intestini o nella gola. La ragazza era stremata e imbrattata del loro seme. Fatti rivestire e allontanare i prigionieri Felix le si avvicinò, lei era a terra sul gelido pavimento. Si fece dolce, le porse un fazzoletto e altrettanto dolcemente riprese a farle domande. Al rifiutò di lei le ricordò che nelle celle sottostanti c’erano 80 prigionieri, tutti maschi. I passi dei suoi stivali echeggiarono nella stanza, tornò dietro alla scrivania ed alzò la cornetta, due ordini secchi e la risposta all’altro capo del telefono. Entrò una guardia con un secchio d’acqua gelida che rovesciò sulla poveretta, dopo 5 minuti altri 10 prigionieri entrarono nella stanza. Il riflesso del portasigarette mostrava un ragazzo giovane, biondo occhi di ghiaccio. Il viso rispondeva ai più alti canoni dell’esemplare di razza ariana dell’ideologia nazista. Il fisico atletico e muscoloso era fasciato nell’uniforme nera delle “SS”, Felix ora stava fissando fuori dalla piccola finestra sbarrata da inferriate. L’arrivo di un autocarro scortato da una pattuglia italiana richiamò la sua attenzione. Fermo in mezzo al cortile vide scendere tre uomini e due ragazze, una era messa proprio male, abiti laceri e sporchi di sangue. Vide Miriam e la osservò mentre attraversava con gli altri occupanti la piazza polverosa alla luce dell’imbrunire. C’era qualcosa in quella giovane donna che lo attirava, e preso il telefono diede ordine di farla condurre al suo ufficio. I 10 uomini erano in attesa intorno a quella ragazza, alcuni di loro erano palesemente eccitati, l’erezione era evidente sotto i loro pigiami a righe. Rifece rapidamente le domande alla prigioniera e lei rispose a tutte, chiamò il suo subalterno e gli impartì l’ordine di mettere per iscritto l’interrogatorio della ragazza. Con un cenno del capo fece allontanare i prigionieri delusi e senza degnare di uno sguardo la ragazza uscì dalla piccola stanzetta recandosi nel suo ufficio.

Un grande ritratto del Fùhrer campeggiava in mezzo alla carta da parati beige, sotto c’era un imponente scrivania di mogano e una poltrona in pelle verde, un enorme tappeto rosso in mezzo alla stanza, un candelabro a 5 candele sul lato della scrivania. Accese la sigaretta avvicinandosi ad una candela e fece accomodare Miriam davanti alla sua scrivania. Lei evidentemente intimorita teneva lo sguardo fisso sul tappeto ai suoi piedi, lui si sedette ammaliato dalla bellezza di lei. Si vedeva che non era giovanissima, ma il viso di lei era ipnotico. Le sue ciglia, gli zigomi, le guance, la linea delle labbra, il taglio degli occhi erano un miscuglio tale da catturare l’attenzione di Felix. Aveva visto ed “interrogato” quasi un centinaio di ragazze, dalla Francia alla Polonia aveva osservato lineamenti d’ogni genere, delicati oppure grezzi, ma mai prima d’ora era stato così stregato. I capelli castani e mossi di lei incorniciavano quel viso facendo trasparire la carnagione scura ed abbronzata. Miriam a differenza della sua sorellina Ariel era formosa ma aggraziata, la vita era stretta ed i seni formosi. Felix sentì uno strano disagio a starle di fronte, il suo battito si fece più rapido ed il colletto dell’uniforme lo soffocava. Dubitò della sua autorità e del suo ruolo di dominatore e in pochi sguardi Miriam se ne accorse. Quando i loro occhi si incrociavano lo sguardo di Felix vacillava, si stupì a sudare mentre le faceva domande. Al rifiuto di lei su alcune domande di natura personale tentennò incerto sul da farsi, gli sarebbe bastato alzare il telefono ma stranamente quella volta non lo fece.
Si sbottonò il colletto con una mano mentre con l’altra sfilava la sigaretta di bocca sbuffando fumo, la spense e sporgendosi in avanti allungò il suo portasigarette a Miriam. Lei lo prese in mano ed aprendolo si soffermò sul incisione all’interno dello sportello, una scritta in tedesco (che lei conosceva) riportava la dedica: a Felix, Heinrich.Himmler. Prese la sigaretta e riconsegnò il portasigarette all’ufficiale, lo richiuse e accese la sigaretta alla donna. Rifece le domande e lei ferma non rispose, spegnendo la sigaretta scocciata dopo poche tirate.
Felix preferì riflettere sul da farsi ed alzato il telefono chiamò una guardia. Entrata la sentinella l’ufficiale salutò la sua nuova ospite baciandole il palmo della mano e mentre lei usciva dalla stanza si riaccese un'altra sigaretta.
Mentre fumava in silenzio ripensava a quella donna tanto intrigante da averlo scosso. Era così immerso a rivivere la conversazione fatta con lei, che a un tratto si sorprese. Senza accorgersi aveva aperto il cassetto alla sua destra della scrivania e le dita poggiavano ora sulla ruvida corda intrecciata.

Continua…

Questo racconto di è stato letto 5 3 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.