I segreti di Silvia (parte 4)

Scritto da , il 2016-03-22, genere tradimenti

Col nuovo lavoro, la vita di Silvia a Ibiza cambió abbastanza. Per lo meno le abitudini dei primi 2 mesi. La cosa piú dolorsa fu rinunciare ai pomeriggio in spiaggia, ma i turni non era piú massacranti.
In realtà il suo lavoro era piú vicino a addetta di callcenter che di receptionist classica, tant'é che raramente aveva a che fare con clienti, tranne qualche italiano che aveva bisogno di informazioni urgenti.
Aveva nuovi colleghi e colleghe, con un rapporto piú freddo rispetto agli altri colleghi camerieri.
Fernando si fece sentire due giorni dopo per invitarla a cena a casa sua.
Era la conferma che non era stata solo una scopata ma che lui voleva vederla di nuovo e la cosa riempí di felicità Silvia.
A voler interpretare la testolina maliziosa di lei, non era l'unica cosa di cui voleva essere riempita, ormai si era chiarita totalmente le idee sul fatto che voleva godersi questi mesi fino in fondo, senza piú limiti, solo cercando di divertirsi.
Andò a casa di Fernando con un bel vestitino scuro, sempre abbastanza corto e senza reggiseno, indumento che ormai usava pochissimo.
La domanda che molti si faranno ora è quanto le durarono addosso le mutandine quella sera.
Poco, pochissimo, volarono via quasi tutto, non vedeva l'ora di sentire di nuovo il suo pene dentro.
Lui le disse che era fuoco a letto e lei ne fu lusingata. Lo prese i varie posizioni, prima e dopo cena e lui si fece promettere che avrebbero proseguito assieme questa storia rovente di sesso.
Lei non desiderava altro, l'asticella del desiderio cresceva vertiginosamente, se prima con Juan si accontentava di sesso orale e carezze, ora voleva solamente essere sbattuta per bene.
Sentí come se fossero passati 10 anni dal primo giorno a Ibiza e si sentiva piú grande, piú matura. Pensando ai colleghi camerieri giovani e sempre pronti alla palpatina al mare, si sentiva in un altro livello.
Si era fatta toccare le tette e il culetto praticamente da tutti, ma con nessuno, tranne Juan, c'era stato dell'altro, in pochissimi la avevano vista completamente nuda.
Ora si sentiva diversa, piú grande, non piú per giochini scemi, ma per sfruttare il sesso con piú decisione e consapevolezza.
Viveva nello stesso appartamento di prima, con le amiche Amelie e Noelia, ma il cambio di orari aveva fatto in modo che si vedessero molto meno. Una sera decisero di organizzare una festa assieme, nell'appartamento, con colleghi e amici e a lei sembrò carino partecipare, per ricordare un passato che in fondo era recentissimo.
Venne anche Juan, che per sopresa di Silvia era con la sua nuova fidanzata. Pensó che erano passate poche settimane da quando avevano smesso di fare i loro giochini erotici e già si era trovato una ragazza. La cosa non le piacque per niente, non per gelosia, ma per una sorta di egocentrismo che la stava invadendo. Si salutarono freddamente, soprattutto lui imbarazzato dalla situazione, ma sempre vigile e vicino alla sua fidanzata.
Certo che Silvia, consapevolmente o no, aveva una capacità incredibile di attirare gli sguardi e soprattuto i pensieri maliziosi. Aveva una deliziosa mini in jeans e una canottiera, abbigliamento semplice, ma abbinato al suo fisico e al suo soriso, erano un'attrazione per tutti. Forse il fatto che fosse vestita fu paradossalmente piú provocante di quando la vedevano semi nuda in spiaggia.
Inutile dire che direttamente o indirettamente tutti i maschietti le videro le mutandine e meno male che le aveva, perchè mentre si cambiava per un momento aveva pensato stare senza. Lo faceva spesso a lavoro, ma la gonna che indossava era piú lunga, quindi non correva pericolo.
Attaccarono bottone tutti con lei, chiedendole del nuovo lavoro. Capitò anche di scambiare qualche parola con la fidanzata di Juan, che dagli sguardi non sembrava fosse a conoscenza dei giochini erotici. Vedendoli insieme poi ebbe il dubbio che stessero assieme già da prima, il chè la rincuoró abbastanza e anzi fu lusingata dal fatto che per un po' avesse desiderato stare con lei. Nei loro torridi pomeriggi segreti, quando lei ancora non voleva essere penetrata, mentre ora non vedeva l'ora di fare sesso con Fernando.
Anzi avrebbe fatto sesso anche in quel momento, si sentì osservata e desiderata e si eccitò un po'. Avrebbe fatto sesso con uno qualsiasi di quelli che erano alla festa, ne aveva voglia, ma non avrebbe mai fatto il primo passo con nessuno, non era il suo stile e anzi l'idea la disturbava, lei era quella che doveva essere preda degli sguardi e del desiderio.
Lei avrebbe dovuto solo fare finta di resistere un po' all'inizio ma poi era pronta a sfilarsi le mutandine per prendere un altro bel pene.
Ma quella sera non andó come voleva lei, finì senza mutandine, ma da sola nel suo letto. Di solito dormiva con un perizomino, ma quella volta si sveglio durante la notte, si filó le mutandine, si masturbó e si sveglio così la mattina dopo per andare a lavoro.
Rimase qualche giorno in balia dei suoi alti e bassi, della sua autostima che a volte raggiungeva la stelle e a volte crollava.
Erano vari giorni che Fernando non la chiamava e a parte la voglia di sesso, non sapeva come interpretare quel silenzio. E così tornò la Silvia insicura di un tempo. L'unica sicurezza era che non lo avrebbe cercato, quello mai, quello era segno di debolezza ed era per lei inaccettabile.
Ma poi la chiamata arrivó e l'ennesimo invito a casa sua, che lei accettò felice, come liberandosi di un peso.
Mentre si preparava per l'appuntamento, sotto la doccia si accarezzava dolcemente la fighetta, preparandola per prendere il pene di Fernando e poco dopo arrivò a casa sua, tutta carina e profumata.
Ma come stava andando il rapporto col suo fidanzato? Lei sinceramente ci teneva ancora, si sentivano ogni giorno, lei era riuscita a separare completamente la sua storia con quello che le stava succedendo a Ibiza. Lo strano equilibrio reggeva ancora e in nessuno momento aveva pensato di lasciare il ragazzo, ma ora stava andando da Fernando e niente e nessuno poteva impedirglielo, neppure i rimorsi.
Quando arrivó lui era al telefono, sembrava indaffarato e all'inizio sembrava quasi distaccato, quando finì con le chiamate le disse:
-"Ho una sorpresa per te".
Lei spalancó gli occhi, non sapeva cosa potesse essere, ma adorava le sorprese.
Fu un attimo, sentì un rumore venire dal bagno, la porta aprirsi e un ragazzo con addosso solo l'asciugamano sorridente la salutò.
Si girò sempre piú confusa verso Fernando ed esclamó "e questo cos'é?"
-"Come cos'é? E' un ragazzo, à una sorpresa per te"
A lei batteva forte il cuore, era nervosa, non era sicurissima di aver capito, e nel frattempo vide l'altro che l'asciugamano lo aveva tolto ed era completamente nudo e fu colpita dal pene depilato e spettacolare che aveva intravisto.
-"Non era una tua fantasia?", chiese Fernando.
Lei non disse nulla, perchè non aveva mai detto che quella era una sua fantasia, nè forse in realtà era arrivata a pensarlo, però da quel momento sì, era diventata all'istante una sua fantasia. Fernando aveva letto bene nella sua testa maliziosa e interpretato vari segnali.
Una ragazza che si sfila le mutandine al colloquio e mostra la bella passerina senza problemi, ha molte fantasie di questo tipo.
-"So che ti piace essere guardata, quindi magari possiamo aumentare il livello dei nostri incontri e magari ti guardo un po' io oggi, che ne pensi? E' un amico tranquilla".
Ma lei era tranquilla, inquieta ma tranquilla. Non solo, ma non ebbe la forza di resistere e cominció ad accarezzare il pene dell'altro, senza neppure chiedere permesso.
-"Ah vedo che sei già a tuo agio", disse Fernando ridendo, al che anche Silvia rise, nonostante avesse un bel impedimento in bocca, l'altro che si chiamava Sergi, si limitava ad aggiungere qualche parolina e a ridere a sua volta.
Silvia adorava i bei cazzi, ormai lo sapete e ormai non lo negava neppure a se stessa.
Sergi le tolse il vestito e le scostó le mutandine, mettendole un ditino nella passerina, lei vibrava e si faceva fare tutto. Fernando si spoglió e mentre guardava la scena sorrideva e si masturbava.
Poi si alzó, cominciarono a baciarla entrambi, con ancora le mutandine addosso, la presero per mano e la condussero sopra, dove c'era il letto, lei non capiva piú nulla.
Sergi la spinse forte sul letto, si fiondó addosso a lei e le strappó letteralmente le mutandine, lei continuava a spalancare gli occhi e a fremere, finchè non sentì il cazzo di lui entrare con decisione e cominció a urlare dal piacere.
Con la stessa forza lui la girò e le scopó la passerina da dietro tenendola per i capelli, sculacciandola e cavalcandola con forza.
Lei in estasi totale, sentì le palle di lui sbattere sul suo culetto, ebbe la forza di scuotere un po' il capo e dire "vengo, ragazzi, vengo"; fece in tempo a sentire il cazzo in bocca di Fernando e poi esplose nel piú intenso orgasmo della sua vita. Fu come perdere i sensi per qualche istante, fu un'esplosione devastante.
Rimase lì nel letto per una decina di minuti, non si accorse di niente, sentiva il battito del suo cuore e il suo respiro, ma non si accorgeva di niente, finchè piano piano tornò in sè, si guardó intorno e si accorse di essere sola. Non aveva nessuna voglia di alzarsi, stava bene così, strusciando un po' la passerina nel letto, ma poi scese giù per vedere dov'erano gli altri, che nel frattempo si era già docciati.
La salutarono con un sorriso enorme, lei era tutta spettinata, nuda, sporca di sperma, ma ormai talmente felice per aver toccato un altro livello. E non aveva nessuna intenzione di tornare indietro, voleva salire sempre di piú.
Si fece la doccia, ma aveva addosso ancora quel dolce e selvaggio piacere dell'orgasmo. Ci pensava, poi smise di pensarci, si asciugó, si avvolse con l'asciugamano. Vide che nel suo cellulare c'erano dei messaggi del suo ragazzo, uno diceva 'mi manchi', e lei rispose rapidamente 'mi manchi anche tu', ma poi tornó da Fernando e Sergi.
-"Hai fame, Silvia?"
-"No, ora mi scopate di nuovo", disse sicura lei.
Silvietta che poco tempo prima succhiava il pene di Juan, come massima espressione di trasgressione, ora era con due maschietti e gestiva la situazione come se fosse la cosa piú naturale del mondo e la sua parola preferita era diventata 'ancora'.

Questo racconto di è stato letto 3 7 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.