P

Scritto da , il 2016-03-07, genere pissing

Oramai sono vecchio e non avrei più motivo alcuno di preoccuparmi. Comunque,non a caso uso il condizionale,perchè non so effettivamente se sia vero o no. Nulla è certo alla mia età,erezione compresa.
Dunque per questo racconto utilizzerò solo le iniziali dei protagonisti.
Sono J.
Penso di aver sognato ogni singolo giorno della mia vita ciò che mi accadde quel fatidico pomeriggio del 1796 ma,solo adesso che lo sto scrivendo mi rendo conto che non avevo la più pallida idea,fino ad allora,di quello che avrebbe comportato.

Sedevo nel salone del palazzo di Lady P,io,suo cicisbeo preferito.
Parlavamo di C,suo marito,il quale,a sua detta,non riusciva a soddisfare ogni suo...capriccio. Egli era:
"Assente! C è così dannatamente assente che oramai l'erotismo è cosa assai rara per me" continuava a ripetere
"Costernato,milady" concludevo io.
E fumavo,sì allora fumavo ancora,lunghe boccate di tabacco West Virginia,e nelle grigie volute del fumo inalato anche i miei pensieri vagavano e fluttuavano,sulle più profonde perversioni erotiche che aleggiavano nella mia testa per qualche secondo,poi,con qualche voluta si disperdevano,come trasportate via da una folata di vento per trasformarsi in eccitanti visioni con P come protagonista,il suo vestito un pallido fantasma sul pavimento della sua camera da letto,le gambe aperte e la sua aulentissima rosa nera,origine del mondo e destinazione della mia bocca,gonfia di umori del profumo del sesso e rossa come un papavero. Grondava piacere.
Ella parlava parlava parlava,ma ogni singola cellula del mio corpo era volata in quella fantasia.
Era ormai certo ciò che sarebbe stato fatto:
"...FORNICARE!" aveva concluso P.
"Mi perdoni milady,ero distratto,può ripetere?"
"FORNICARE! Solo questo ciò di cui ho bisogno,Dio non ci si metta anche lei! Sono isterica e oramai conoscerà bene dopo questo discorso la causa di tanto isterismo. Dannata astinenza,che il Signore lo fulmini".
"Potrebbe provare con qualche afrodisiaco,magari versandone una piccola parte nel whisky che beve ogni sera prima di coricarsi."
"E' proprio questo il problema",ruggì Lady P. "Non fa altro che bere e bere e l'alcol,si sa,accende il piacere ma spegne i mezzi per raggiungerlo."
"ahimè,destino infausto milady" ironizzai. Pessimo errore. o no?
"non provare neanche per sogno a prenderti gioco di me,schiavo".
"no..mil...padrona".
"come mi hai chiamato?"
Qualcosa nel suo viso era cambiato. Sir C sembrava come svanito dai suoi pensieri,un lieve rossore le aveva acceso le gote e avrei giurato di intravvedere le ombre dei suoi capezzoli sulla biancheria vittoriana,inturgiditi a quelle mie semplici parole.
Il suo sguardo ebbe un sussulto,come il mio d'altronde,quando mi accinsi a risponderle:
"nulla,pad...milady".
"No,ripetimelo,per favore"
"padrona".
La sua mano sinistra cominciò a strofinare il suo morbido seno destro e,non mi ero sbagliato,i suoi capezzoli ormai marmorei mi puntavano come due baionette,pronte a infilzare il mio petto,che palpitava di stupore.
P cominciò ad avanzare verso di me,sempre strofinando quel seno,che nel frattempo era uscito dalla seta che lo avvolgeva e giaceva nudo,sempre più vicino alla mia bocca.
Un'ondata,calda e potente come il mare di Agosto in burrasca inondò la mia testa quando le mie labbra si posarono sull'areola e cominciarono a succhiare e mordicchiare il capezzolo; ella gemeva di piacere a ogni mio movimento e accarezzava la mia testa,sempre più sudata e sempre più audace sul suo corpo,divenuto bollente.
Veloce come un ghepardo della savana,la mia mano cominciò a correre sotto la sua sottana e non appena sfiorai la sua sottoveste sentii una sensazione di umidità sulla mia mano. La rosa delle mie fantasie stava sbocciando,e con essa anche il mio sesso cominciò a crescere sempre più.
Infilai solo un dito sul suo petalo più bello,e più piccolo,e cominciai ad accarezzarlo,prima piano e poi sempre più veemente.
P muggiva e ad ogni ripetizione di quel movimento,la sua vagina si bagnava sempre di più del suo piacere liquido,che colava tra le gambe.
Fu la goccia che fece traboccare il vaso.
Mi alzai,perchè ero ancora seduto e sollevai tutta la sua veste,lasciandola completamente nuda. Ansimava.
Cominciò a toccarsi entrambi i capezzoli e a sfiorarsi il clitoride ormai sommerso di umori,poi con violenza afferrò la mia testa e la pose in mezzo alle sue gambe e cominciò a dettarmi ordini:
"leccami,schiavo"
"si padrona"
"aaah" una scarica percorse il suo corpo quando sentì quell'appellativo e subito dopo una seconda,quando la mia lingua cominciò a sfregare l'origine del suo piacere sessuale.
La mia bocca in quel momento era al suo totale servizio e presto cominciò a scendere,sempre più in profondità,fino a leccare la sua vagina dall'interno,e P cominciò ad urlare di piacere.
Quando cominciò a ondeggiare il bacino,sapevo che il parossismo era assai vicino e aumentai la velocità e la veemenza della mia lingua,bagnata dei suoi liquidi,frutto del piacere che provava la mia padrona.
Arrivata al culmine del godimento allontanò all'istante la mia testa e cominciò a venire,in lunghi e profondi spasmi che partivano dalle gambe e si prolungavano fino alla vagina e al clitoride che cominciarono a pulsare,due,tre,quattro volte.
Era del color del tramonto,e ansimava e tremava da capo a piedi e il suo sguardo era un misto di odio,amore e gratitudine per ciò che le avevo fatto.
Non si rivestì subito,ma sembrò leggermi nel pensiero quando mi disse di stendermi e di spogliarmi. Si posizionò a cavalcioni sopra la mia testa.
La sua urina mi inondò tutto il corpo,dalla testa sino ai piedi e mentre strofinava il tronco caldo e duro in cui si era trasformato il mio pene,la mia erezione eruttò in un fiotto caldo di sperma,che raggiunse il suo seno; P rise e cominciò a leccare via il mio piacere dalle sue mammelle,gonfie e turgide.
Rimasi lì,su quel tappeto per quasi un'ora,a pensare a quanto era appena accaduto.
Quando mi alzai lei non c'era più,aveva raggiunto C,nelle sue camere.
Una nota giaceva lì,accanto al mio corpo appagato e piacevolmente esausto.
"Grazie."

Questo racconto di è stato letto 6 1 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.