Erotici Racconti

Fradici

Scritto da , il 2016-03-05, genere pissing

.....non credevo alle mie orecchie. Per un attimo rimasi quasi stordito da quelle parole. Era passato tanto tempo e finalmente sentii cio' che non avrei pensato di ascoltare mai. Va bene, disse lei, te la faccio bere!!! Erano passati diversi anni da quando, per la prima volta, le dissi che mi sarebbe piaciuto....anzi mi sarei eccitato mostrosuamente se lei mi avesse pisciato in bocca e me l'avesse fatta bere. Non c'era mai stato nulla da fare. La risposta era sempre stata no. E non sarebbe cambiato in futuro. Era una pratica che lei non capiva e non le piaceva. Che piacere ci trovi? Mi ripeteva. Inoltre, mi diceva sempre che non le sarebbe uscita pensando di avermi di fronte. In bagno lei preferiva sempre star sola in quei momenti. E cosi', con il passare del tempo, le mie battutine o le richieste esplicite affinché fossi bagnato e dissetato dal suo liquido dorato, si fecero sempre piu' rare fino a scomparire del tutto. Fino a quel lunedi mattina. Avevo la mattina libera. Avrei lavorato nel pomeriggio. Per lei invece era il giorno libero. Io ero in cucina a prendere un caffè. Lei si avvicinò fino a sfiorarmi con la sua mano la mia non impegnata a tenere la tazzina. Mi guardò negli occhi e disse dunque che avrebbe voluto riempirmi la bocca di urina. La guardai intensamente. Le gambe mi tremavano. Il cuore batteva a mille. Mi avvicinai al suo viso e la baciai come forse non mi era mai capitato. Un mix di tenerezza e gratitudine per la sua concessione, e di selvaggia perversione per ciò che avremmo fatto tra qualche minuto. La mia lingua penetrava la sua bocca come un un cazzo penetra una fica che non vede da anni. La saliva cominciò a uscire da entrambe le bocche . Il fiato si fece sempre più accelerato. Senza dire una parola cominciammo a spogliarci, senza staccare le nostre lingue. In un attimo eravamo nudi e ci dirigemmo in bagno quasi fossimo in trans. Il mio cazzo stava esplondendo. Pulsava a ripetizione. Era completamente bagnato e le gocce colavano lungo il glande fin quasi a raggiungere le palle. Lei se ne accorse lo tocco'. Lo masturbo' per fare uscire ancora piu' luiqido e in un attimo lo aveva tutto in bocca succhiando e bevendo il denso liquido. Liquido che mi fece poi assaggiare biaciandomi voracemente. Contemporaneamente le toccai la fica. Mi impressionai nel constatare che era completamente innondata di umori. Non l'avevo mai sentita così bagnata. Mi inginocchiai e leccai come un disperato. Più leccavo, più grondavano umori e più lei godeva come una cagna. La lingua esplorava ogni piega, ogni curva, ogni cavita' del suo sesso. Entrava e usciva cercando di raccogliere ogni singola goccia del suo piace. Lei cominciò a gridare come un ossessa implornadomi di chiavarla immediatamente ma io continuavo imperterrito fino a quando la spinsi dentro la vasca da bagno. Io mi sdraiai, lei si mise sopra di me con la fica vicino alla mia bocca. Le gambe leggermente piegate facilitavano la vicinanza dell suo sesso al mio naso. Sentivo tutti gli odori che emanvano dal quel buco di piacere. BEVI ADESSO !!! Senza sprecare una goccia ribadi'lei. All'improviso cominciarono ad uscire le prime gocce, prima lentamente poi sempre più rapide e forti. La mia bocca si riempi' in un attimo e con la stessa velocità ingoiai il primo fiottto. Il sapore era sublime. Umori, piscio, ammoniaca, si miscelavano in un perfetto succo da assaporare. Ancora, ancora, ancora le chiesi. Lei non si fece pregare. Mi innondava il viso sempre più affannosamente. Non riusscii a berla tutta, e pian piano mi bagnai completamente dalla testa ai piedi. Era veramente tanta. Non immaginavo. Appena lei si fermò e le ultime gocce cominciarono a colarle lungo le gambe, avendo perso la gettata sufficente a raggiungermi, si accorse delle mie umide condizioni. Gli occhi brillarono intensamente. Un sorrisino le spunto' in bocca. Si avvicino' e, cominciando a baciarmi, le sue mani si misero alla ricerca di piscio sparso sul mio corpo, in testa, sulle braccia.....massaggiava il mio corpo e si spalmava il piscio sul suo, fino a portare le mani in booca per assaggiare il suo nettare dorato. Il tutto duro' quasi 10 minuti fin quando mi asciugo' quasi del tutto. D'un tratto si fermò e con un viso stravolto dal piacere mi ordinò: piscia tu adesso!! Fammela bere! Ho sete! Per la seconda volta in pochi minuti non credevo alle mie orecchie. LEI voleva berla! Anche lei era diventata perversa come me. Mi alzai di scatto, lei si inginocchiò, apri la bocca, chiuse gli occhi e aspetto' la mia cascata dorata. Questa non si fece attendere. Avendo il cazzo completamente duro e pulsante il mio getto fu come quello di una fontana. Prima in alto e poi cadeva verso la sua bocca. Lei si accorse che non tutto riusciva a intercettare così si alzo' leggermente fino a infilarsi la cappella in bocca che si gonfiava a causa della mia urina. Lei bevve veramente tanto, e più beveva più si eccitava e ne chiedeva ancora e ancora. Esausta si sedette sulla vasca su cui il colore prevalente era il giallo del nostro piscio. Appoggiò la sua testa sulla mia spalla e respirò profondamente. Ebbe un ultimo sprazzo di perversione quando si accorse che una certa quantità di urina era rimasta sulla vasca. Non era uscita infatti dallo scarico. Avvicinò la bocca chiudendola a forma di U e succhio', bevendo l'ultimo sorso. Non contenta, ripete' l'operazione ma questa volta mi passo' il liquido nella mia bocca e anche io bevvi avidamente,
Ovviamente, ma questa è un'altra storia, il mio cazzo nel frattempo si riempi' di sborra. La sua fica pulsava ininterrottamente e la nostra mattinata fini' in una chiavata che magari vi racconterò un'altra volta.


Questo racconto di è stato letto 1 2 4 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.