Le mie prime volte

Scritto da , il 2015-12-10, genere sentimentali




- Notte in piazza : le mani e le bocche

La cena è andata bene, ma ora che siamo risaliti in auto e la serata si avvia alla conclusione, mi sembra che tra noi ci sia una strana tensione che non riesco a interpretare. Imbarazzo?
Lui mi piace ancora di più di persona. Quando ci siamo visti per la prima volta, qualche ora fa, ci siamo stretti la mano e sfiorati le guance con un bacetto di rito. La sua mano, calda e asciutta e la sua barba ruvida , che mi ha graffiato piacevolmente la pelle, mi hanno provocato una leggera stretta alla bocca dello stomaco. ANNI CHE NON LA SENTIVO!
E poi è alto ( adoro gli uomini alti) e ha delle spalle così sexy …però il fatto che lui mi attragga fisicamente non significa che la stessa cosa valga per lui.
Magari gli faccio schifo, mi trova grassa , tettona e vecchia . Si sa che gli uomini dopo i 30 le vogliono appena maggiorenni, giusto per evitare problemi con la legge.
Se non mi fossi presa una cotta per corrispondenza, come un’idiota, adesso non avrei così tanta paura di vederlo sparire stasera e per sempre dalla mia vita. Ma se così sarà, che posso farci?
In fondo lui è sposato, in teoria non avrei neppure dovuto considerarlo un uomo: gli sposati non sono uomini, ma esseri asessuati… anch’io. Dio santo, come si fa a pensare una cosa del genere? Ale, a volte ti dici delle stronzate., che faresti meglio a darti una botta in testa!
Però è sacrosanto : siamo sposati entrambi. Per me la cosa è solo nominale da tempo , ma di lui che ne so? Sì, ha dei problemi a casa, questo è chiaro…ho letto quello che scrive, mi sono innamorata di lui per questo, ma che vuol dire, magari sono momenti di sconforto ma in fondo ama sua moglie.
Quanto vorrei accarezzargli il viso, proprio adesso, mentre guida e mi parla, ma se istintivamente si ritraesse o mi guardasse come per dire : “ Giù le mani…” Non potrei sopportarlo, lasciamo le cose come stanno. Alla peggio mi rimarrà la chance della buona amica/confidente e non lo perderò del tutto.
Siamo arrivati in Piazza Failla, alla mia auto; mancano solo i saluti di congedo e sarà finita. Probabilmente non lo rivedrò più, del resto lui di Roma, io di Torino, conosciuti su internet, cosa si poteva sperare.
Avverto fortissima la sensazione di poco fa, quell’imbarazzo tra noi. C’è qualcosa di legnoso nei nostri movimenti mentre ci scambiamo i libri che ci eravamo promessi chissà in quale chat.
Forse è una mia impressione ma la mia voce suona troppo acuta, troppo fasulla mentre lo saluto e faccio finta che vada tutto bene. Non è vero. Io so che tra pochi minuti ci sarà l’ultimo “ciao”.
Ecco, il momento è arrivato, non ci sono più libri, non ci sono più scuse per restare ancora lì in mezzo ad una strada a mezzanotte passata.
Lui è di fronte a me, mi guarda negli occhi, io sono appoggiata con la schiena alla sua auto e cerco disperatamente di decifrare il suo sguardo. Mai stata brava in questo!
Non ci sono più parole e non c’è più tempo.
Tutte le nostre chat, le mail, le cose che ci siamo detti in questi mesi mi vorticano in testa, disordinatamente. Non è possibile che mi sia sbagliata così, non è possibile che lui non abbia capito che.. Gli butto le braccia al collo e sprofondo il viso nello spazio morbido tra la sua spalla e il collo. Per un attimo, solo per sentire il suo odore e il suo calore, solo per fargli capire che per me tutte le parole tra noi non sono volate via.
E succede il miracolo!
Sto per staccarmi da lui ma le sue braccia mi stringono così forte che sento le costole flettere, sento le sue labbra scivolare sulla mia guancia e cercarmi la bocca.
Le lingue si trovano, si assaggiano, si succhiano.
Lui mi stringe ancora di più, mi piega all’indietro, senza staccare la bocca, la sua saliva scorre nella mia gola, le sue labbra non si staccano dalle mie: non sono mai stata baciata così.
E’ incredibilmente eccitante, sento i capezzoli irrigidirsi, sento una fitta che dallo stomaco scende fino all’inguine. Il mio clito drizza la testa e pulsa, preme, spinge. Piccolo svergognato, che darebbe per essere strofinato fino a piangere tutte le sue lacrime!
Non ricordavo quasi più quella sensazione di urgenza del mio corpo, quel bisogno di essere toccata…mi stringo a lui, faccio aderire il mio bacino al suo e lo sento chiaramente sotto la tela dei pantaloni il suo sesso, pronto per me.
Mi alzo in punta di piedi, mi allungo, cerco di aderire al suo corpo, voglio che mi senta, voglio sentirlo.
La sua bocca non si ferma, solo un attimo si stacca, prende il viso tra le mani e mi dice “ Sei bellissima!” Lo dice con il sorriso negli occhi, come se fosse stupito, ma non capisco perché. Poi si rituffa sulla mia bocca. Mi toglie il respiro.
Sento che la sua mano destra si stacca dalla mia schiena, mi prende un seno, lo stringe rapido, lo assaggia. Mi sfugge un gemito che si perde nella foga del momento. Immagino i miei capezzoli lunghi e duri con la pelle rosa scuro corrugata prigionieri delle sue labbra, tormentati ai suoi denti e una fitta di piacere mi trafigge lo stomaco.
La sua mano non si ferma, s’infila prepotente sotto la mia gonna, risale l’esterno della mia coscia dal ginocchio su, su fino a incontrare il pizzo delle mie calze autoreggenti e poi la pelle nuda.
Il contatto della sua mano con la mia pelle mi dà i brividi e quando mi infila la mano sotto le mutandine e mi afferra la natica stringendola con forza, quasi mi si piegano le ginocchia.
Sono sorpresa, non so come reagire, non mi sono mai trovata in una situazione come quella: in mezzo alla strada con la lingua di un uomo in bocca e la sua mano sul mio sedere. Penso che forse dovremmo fermarci un attimo e prendere fiato, invece dico qualcosa di cretino che dovrebbe essere spiritoso, per cercare di ricompormi. Ma è uno solo un breve sprazzo di razionalità, perché la verità è che quella mano che mi tocca mi piace, mi eccita. Sento la mia voglia bagnarmi le mutandine, passare attraverso il tessuto sottile e colare sull’interno delle cosce. Vorrei che lui mi facesse salire in macchina adesso, vorrei sbottonargli i pantaloni, prendere il suo sesso in mano e guidarlo dentro di me, subito, senza aspettare un minuto di più. Vorrei sedermi su di lui, sentire il suo uccello penetrarmi profondamente, cavalcarlo, usarlo per soddisfare la mia voglia che sta diventando insopportabile e poi farlo godere a mia volta.
“ Chiedimelo, chiedimelo, chiedimelo” ripeto nella mia testa sperando, chissà perché, che il messaggio telepatico arrivi anche a lui. Ma non succede e io non ho il coraggio di proporlo apertamente.
Si è fermato Mi guarda, sembra quasi che abbia il fiato corto, ancora non riesco a decifrare il suo sguardo. Forse per questa sera è meglio lasciare le cose così, non andare oltre e non dire niente. Mi accompagna alla mia auto, che è solo dall’altro lato della strada, quando alzo gli occhi verso i suoi, mi blocco per un attimo: ha uno sguardo che mi fa pensare a un lupo affamato. Gli giro le spalle per aprire lo sportello dell’auto e lo sento alle mie spalle, mi blocca contro l’auto , preme contro di me il peso del suo corpo, non mi posso quasi muovere e realizzo che, anche se ho paura, mi piace sentirmi così, impotente nelle sue mani.
M’insinua nuovamente la mano sotto l’abito, ma questa volta va dritto allo scopo e mi infila le dita nella fica.
Le sento scivolare dentro senza fatica: avanti e indietro. Mi muovo contro di lui, sfrego il sedere sul suo pene. Sento la mia voce arrochita dal piacere chiedergli cosa stia facendo, vorrei sentirglielo dire. Sto per avere un orgasmo in mezzo alla strada, questo pensiero mi provoca una contrazione al basso ventre. “ Cosa sto facendo, secondo te?” risponde lui chino su di me, parlandomi nell’orecchio insinuante. L’unica risposta che mi viene in mente è : “ Mi stai scopando”, ma non esce dalla mia bocca, lascio cadere la domanda e mi concentro sulle sue dita. Me le immagino lucide e viscose, grondanti dei miei umori farsi strada nella mia passerina che cinguetta per attirarle sempre più a fondo. L’orgasmo mi sorprende, mi prende la testa, lo stomaco, il sesso, finalmente appagato, e arriva nei recessi più oscuri delle mie viscere, dove esplode più intenso, prima di spegnersi.
Spero che lui mi abbia sentito godere, che la mia vagina gli abbia stretto le dita mentre lui la esplorava come una terra sconosciuta. Mi chiedo se sia venuto anche lui, mi piacerebbe sapere se ha goduto con me, ma non ho il coraggio di chiederglielo.
Incongruenza tipicamente femminile o forse solo mia.


- Autogrill: le parole e le dita

Ci sono frasi assolutamente normali che cambiano la vita
Il giorno successivo all’eruzione vulcanica di Piazza Failla, ci siamo incontrati in un autogrill per un ultimo saluto, prima della sua partenza.
Seduti nella mia auto, mentre parliamo del più e del meno, mi infila la mano tra le cosce e le sue dita prendono nuovamente possesso della mia Signora, che non si lamenta del trattamento.
Le dita di un uomo sono uno strumento di sesso meraviglioso, se ben usate: possono accarezzare, divaricare, penetrare, pizzicare, frugare e sono tante...mi crogiolo nella fantasia di lui me le fa succhiare una per una prima di infilarle e mentre lo fa mi dice esattamente come lo sta facendo:” questo è l’indice, te lo infilo piano piano, fino in fondo…lo senti ? E adesso sei pronta per il medio? E’ più grosso e più lungo è IL DITO, lo vuoi? Lo mando a far compagnia al fratello..” e avanti così… fino a che sono invasa dalle sue dita, allora gli chiedo di non muoversi: voglio farlo da sola, cercare da sola il mio ritmo, la posizione migliore per godermele tutte …annullo queste visoni pazzesche , mi sta masturbando lentamente, distrattamente quasi, incurante del tizio nella macchina nel parcheggio accanto che, secondo me, si è accorto di qualcosa. Glielo dico e lui risponde, senza il minimo imbarazzo :” Lascialo crepare d’invidia.” E’ stupendo quest’uomo, così diverso da tutti!
“ Ci tengo a lasciare un buon ricordo di me “ dice continuando a masturbarmi. Mi sento sciogliere per lui. Sono persa nelle sensazioni che mi donano le sue dita: una carezza bollente che mi confonde.
Quasi mi sento abbandonata quando toglie la mano.
“Senti – mi dice serio a un certo punto – io ti vorrei rivedere”.
E’ in assoluto la più bella notizia che ricevo da molto tempo, quelle poche parole mi hanno cambiato
la vita.

- Hotel: i nidi e l’ uccellino

Il tempo trascorso dal nostro primo incontro mi è sembrato eterno e ora, i pochi chilometri che ci separano, non finiscono mai.
Ho pensato a lui ogni giorno, incessantemente, con un’ intensità che mi sorprende. Mille volte ho ripassato nella memoria le nostre poche ore insieme, tanto che le immagini hanno assunto la consistenza nebulosa di una vecchia pellicola, ma le sensazioni che ho provato, quelle, sono ben chiare: mi bruciano ancora la pelle, mi fanno battere più forte il cuore e fremere i capezzoli, che ora spingono sotto il pizzo del reggiseno, che indosso solo per lui.
Certe notti, dopo aver giocato con lui in chat a fare l’amore, eccitata dalle sue parole al punto di percepire l’odore di muschio umido del mio sesso, tormentata dal suo pulsare, mi sono masturbata per lui e con lui. Godendo nel descrivergli quello che mi stavo facendo quanto nel farlo.
“ Mi sto accarezzando l’interno delle cosce, lentamente…adesso passo un dito intorno alle grandi labbra, è tutta calda e bagnata. Ora sono sul clitoride, comincio ad accarezzarlo piano con due dita, su e giù, poi più veloce, premendo più forte…”
A volte lui mi chiede di penetrarmi da sola immaginando che siano le sue dita a farlo, mi fa impazzire quando lo fa, quando mi guida, mi dice cosa vuole che faccia…farei qualunque cosa in quei momenti e vorrei che lui mi guardasse mentre lo faccio.
Prima di lui, molto di rado avevo sentito il bisogno di accarezzarmi. Semplicemente, per molto tempo, ho mandato il mio cuore e il mio sesso in clausura volontaria, senza troppi problemi in realtà. Ma quest’uomo quasi sconosciuto, piombato per caso nella mia vita, m’ ispira sesso, me lo fa desiderare, sognare, desiderare in tutte le sue forme. E’ l’uomo più “sessuale” nel quale mi sia imbattuta: è pura libidine.
Stasera finalmente lo rivedrò e lo avrò, completamente. Al solo pensiero che tra poco sarò di fronte a lui sento il desiderio crescere in me, premere per uscire dal mio corpo ed esplodere.
Siamo soli, nella stanza d’albergo che sarà la nostra isola che non c’è, per questa notte. Non ci siamo dati tempo: appena richiusa la porta alle nostre spalle ci siamo abbracciati, avvinghiati, come quella prima volta in strada.
Cerco la sua bocca, assaporo la sua lingua: è morbida, umida, carezzevole, insinuante. La sento intrecciarsi alla mia, succhiarla avidamente. Le sue mani sono ovunque su di me, mi stringe il seno, mi tasta le natiche , mi solleva l’abito e m’ insinua la mano sotto le mutandine. La passa aperta su tutta la lunghezza del mio sesso entrando appena con le dita per poi uscire subito. Sembra quasi voler controllare che tutto sia al suo posto.
Ci spogliamo a vicenda, gli abiti volano via. Lui è un uomo grande, ha spalle ampie, braccia forti, il
petto è ricoperto di peli fitti e soffici che scendono al ventre e all’inguine. Intreccio le dita ai peli del suo petto, lo accarezzo, lo bacio. Mi chiedo se anche il mio corpo gli piacerà, se mi troverà desiderabile come io trovo desiderabile lui.
Un attimo dopo mi rovescia sul letto, è sopra di me, il mio reggiseno è volato via. Le sue mani mi afferrano i seni, li stringono, li impastano, afferra i miei capezzoli tra pollice e indice e li tira verso l’alto. Osservo la pelle rosata mutare consistenza e colore sotto il suo tocco. Prende un capezzolo già turgido in bocca e comincia succhiarlo con forza. Lo morde leggermente, mentre continua a tormentare l’altro con le dita. Comincio a sentire un calore umido invadermi il ventre. Sento il peso del suo corpo solido schiacciarmi, il suo sesso preme sulla mia gamba, istintivamente inarco i fianchi, per chiamarlo, per invitarlo ad entrare. Ma non è ancora venuto il momento.
Smette di succhiarmi le tette quando sono sull’orlo dell’orgasmo e mi sfila le mutandine. Mi guarda negli occhi mentre la sua mano corre sul mio corpo, mi accarezza i fianchi, il ventre e poi scende tra le mie gambe. Mi sta eccitando oltre il limite, non ce la faccio più, voglio che soddisfi la mia fica che ormai supplica di essere nutrita. Sto per chiedergli di entrare, di prendermi ma sento che le sue dita entrano con forza, togliendomi il fiato per qualche istante. “ Come sei calda” mi dice. Mi sta esplorando, scava nella mia intimità, spingo i fianchi verso l’alto per sentirlo di più, perché entri a fondo. Ancora più a fondo.
Cerco con la mano il suo sesso, lo accarezzo graffiandolo appena con le unghie, ne tasto la consistenza, il calore poi lo prendo e cominci a far scorrere la mano su e giù per la lunghezza del fusto. La sensazione della pelle liscia e sottile che si sposta è esaltante, non posso fare meno di immaginarlo entrare e uscire dal mio corpo, sempre più veloce. Toccare tutti i punti del mio piacere, farmi godere al limite del sopportabile.
“ Prendimi, prendimi adesso” penso. Sono a un passo dall’orgasmo, lo sento montare, prepararsi ad esplodere .
Forse lui lo ha percepito, forse le sue dita affondate dentro di me hanno sentito le prime contrazioni che precedono il piacere, non sono molto lucida quando lo sento spostare il peso del corpo e guidare il suo sesso nel mio. Sono bagnata, già aperta dalle sue dita, il suo uccello prende possesso del mio nido caldo senza sforzo. Sollevo le ginocchia, le piego verso il petto per accoglierlo, per sentire meglio i suoi colpi.
Con piacere mi accorgo che ci accoppiamo perfettamente, il suo sesso riempie perfettamente la mia fica, arriva a sfiorare il clito, non ho più scampo, il piacere mi prende, all’inizio è come un colpo di frusta sui reni, quasi doloroso, poi migra verso il basso, vagina e ano si contraggono. Alla fine mi esplode in testa. Se potessi griderei per liberare la tensione.
Per alcuni minuti sono quasi instupidita, sento il corpo scosso da brividi: non ho mai provato una sensazione di piacere così intensa e totale.
Sento la sua presenza accanto a me, il suo corpo emana un calore intensissimo, la sua pelle ha l’odore del mare.
Lo amo.
Sono ancora persa nelle mie sensazioni e nei miei pensieri quando lo vedo inginocchiarsi accanto alla mia testa. Ora il suo sesso è all’altezza della mia bocca, vicinissimo alle mie labbra.
Il suo odore mescolato a quello dei miei succhi, dove è stato immerso fino a pochi minuti fa, mi accarezzano l’olfatto.
“Vieni “ mi dice offrendomi il suo pene. Lo ricevo nella mia bocca per la prima volta.
La pelle che lo avvolge è fine, di una morbidezza impalpabile. La mia lingua lo avvolge, lo assapora. Le mie labbra lo circondano con delicatezza, per accarezzarlo Lo sento grande nella mia bocca, piacevolmente invadente. Lo succhio con piacere, tirando la pelle e rilasciandola.
Lui comincia a spingerlo nella mia bocca, ho un pensiero fugace, “ Mi sta scopando la bocca” e questo mi eccita, cerco di seguire i suoi movimenti che si fanno sempre più concitati, mi sento mugolare di piacere… Dio potrei venire anche così, con il suo cazzo in bocca…sto perdendo il controllo.
Quando mi afferra i capelli, li tira con forza e quasi mi costringe a prenderlo ancora più in profondità, sento nuovamente il ventre contrarsi.
Lui mi esplode in bocca. Lunghi fiotti di seme caldo: uno, due, tre… lo bevo e godo nel farlo, sento che dalla mia fica cola tra le cosce un liquido caldo e denso. Avverto il desiderio feroce di essere penetrata ancora e subito, in qualunque modo. Ma non posso chiedere nulla. Lui si sdraia accanto a me,. In pace.












Ancora hotel: nuove tane per il lupo

Credevo che avrei sentito meno la sua mancanza. Invece la voglia di lui mi perseguita : poterlo guardare, toccare, respirare il suo odore, nutrirmi del suo corpo.
E’ passato forse un mese dal nostro battesimo, dalla nostra prima volta . Abbiamo trascorso questa lunga separazione in agonia. Almeno, io di certo.
Ora è finita, lui è tornato e io mi sento rinata: viva.
Il numero della camera è cambiato, ma l’arredamento è identico, così mi sento quasi a casa.
Il nostro incontro precedente mi ha lasciato sotto la pelle la sensazione di fuoco leggero che si alimenta immediatamente e divampa non appena ripenso alle sue mani su sul mio corpo, alla sua bocca, al suo sesso.
Così ora, non appena mi stringo a lui sento una fitta al basso ventre. Aspiro forte per contrastarla mentre cerco di aderirgli il più possibile. La sua bocca, le sue mani impazienti, il suo corpo solido mi cancellano i pensieri.
Non so né come né quando lui mi ha spogliata, o forse l’ho fatto io, so solo che ora sono sdraiata sul letto, completamente offerta, come un sacrificio pagano, bagnata e pulsante e prego perché lui mi ridia quel piacere che cancella ogni cosa, portandomi oltre me stessa.
La sento la sua bocca, è avida e rapida sui miei capezzoli, ma la sua meta è un’altra stasera.
Mi respira sul seno, sul ventre, è un soffio caldo accompagnato dalla carezza ruvida del sua barba.
Avvita la lingua nel mio ombelico e poi la usa come un pennello per percorrere la linea immaginaria che scende verso la mia micia.
Infila dentro tutto il naso, mi aspira letteralmente. Ora la sua testa e fra le mie cosce, con le mani afferra le mie grandi labbra e le apre al massimo.
Mi soffia nella fica, poi la ripassa a lungo con la lingua tenuta dura e dritta come un piccolo cazzo: La infila dentro, fino in fondo, sento con i denti mi morde leggermente.
Sono eccitata, perdo ogni freno, mi succhio le dita e comincio a strofinarmi i capezzoli, so che la mia fica riceverà il segnale e comincerà a pulsare a colare sulla sua lingua, nella sua bocca.
L’immagine di lui che mi beve, mi manda fuori controllo, non riesco a non muovere i fianchi: li sollevo, li ruoto senza smettere di tirarmi le tette, di impastarle.
I miei capezzoli sono sempre stati un punto meravigliosamente sensibile, talvolta sono venuta solo lavorando su quelli e sono stati orgasmi da urlo. Per farlo mi sedevo sui talloni, nuda sul letto con le ginocchia molto divaricate, lo specchio davanti a me. Cominciavo a passare i palmi aperti delle mani sui capezzoli ancora rilassati, lo facevo a lungo, aumentando l’intensità della carezza. Loro ubbidienti si sollevavano, poi crescevano, cambiavano il loro colore rosa in un bel rosso cupo e io cominciavo a sentire la passera pulsare, chiedere…la ignoravo, ma prendevo i capezzoli duri come pietre tra il pollice e l’indice e cominciavo a tirarli e stringerli, sempre più forte, guardandomi nello specchi come se guardassi un film.
Il sesso pulsava da impazzire , ma più lui chiedeva più io stringevo i capezzoli, desideravo di sentire dolore in quel momento perché sapevo che sarebbe seguito il piacere. Andavo avanti così fino a che l’orgasmo mi scuoteva dai denti alla pancia, solo allora mi concedevo un ditalino:m’ infilavo due, tre dita nella vagina pulsante, già mezza chiusa dall’orgasmo, la forzavo a riaprirsi a ridarsi e godevo.
Ricordando quei momenti devo essermi scatenata perché lui tira fuori la testa dalle mie cosce e mi guarda sorpreso. “ Sei un lago”
Ho voglia di venire subito e voglio che mi scopi con la lingua. Glielo dico, gli chiedo di farmi urlare.
Si rituffa nel mio lago, ma questa volta m’infila due dita, le muove a stantuffo velocissime, mi apre, mi riempie, mi fotte senza pietà per un po’, poi le ferma le lascia lì, ferme, un tappo di carne calda e bagnata. Con quella sua lingua a cazzo mi trova il clito e lo lecca, lo lecca, lo lecca.
Reggo poco: le dita dentro, la sua lingua come un mantra su di me. Stringo le mani sulle lenzuola mi ci aggrappo come ad un ancora di salvezza e godo, godo come la prima donna al mondo e come l’ultima.



Questo racconto di è stato letto 4 0 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.