Pipì alle Maldive

Scritto da , il 2015-10-19, genere pissing

I commenti sono graditissimi in quanto ci aiutano a migliorare e ci stimolano a scrivere di più, quindi commentate!

Pipì alle Maldive

Erano le prime ore di un pomeriggio estivo e nel cielo brillava un sole dispotico. Le temperature erano perfette e permettevano un abbigliamento molto ridotto.
Sebastiano aprì gli occhi. Era sdraiato su un letto in una stanza del Kuredu Island Resort, alle Maldive. I raggi di sole che filtravano attraverso le tendine di fronte al letto scaldavano la sua pelle e sembravano invitarlo ad alzarsi. Le onde del mare e la brezza salata, poi, completavano quel paradiso esotico.
Sebastiano poggiò i piedi sul caldo parquet, inspirò a pieni polmoni la brezza e si alzò. Essendo completamente nudo, cercò un paio di mutande e le indossò. Poi si avvicinò alla finestra e aprì le tendine. Dopo un attimo di accecamento, il paradiso si mostrò in tutta la sua bellezza: palme, sabbia e mare si mescolavano armoniosamente in uno scenario spettacolare. Lasciò le tendine spalancate per abituarsi alla luce e si diresse verso l’armadio. Selezionò allora dei bermuda a tema floreale e una maglietta a maniche corte e si vestì. Indossò poi un paio di occhiali da sole e varcò la soglia della porta: i suoi piedi passarono direttamente dalla rigidità del parquet alla morbidezza della sabbia. La sua residenza alle Bermuda, infatti, non era vicina alla spiaggia, ma sulla spiaggia stessa.
A quell’ora, la costa dell’isola -Kuredu- era soprattutto popolata da belle ragazze in bikini. Sebastiano diede un’occhiata in giro e decise di dirigersi verso il bar coperto da un ombrellone di palma di fianco alla sua residenza.
“Mi prepari una spremuta?” chiese al barista. Si sedette poi su uno sgabello fra due ragazze.
“Come la vuoi?”
“Arancia è perfetto.”
Si tastò poi le tasche dei bermuda ed estrasse un pacchetto di cigarillos Villiger. Ne tirò fuori uno, se lo mise in bocca, e lo accese con un accendino preso dall’altra tasca. La ragazza alla sua destra si girò verso di lui.
“Succo di frutta? Cosa sei, astemio?” chiese.
Sebastiano rise.
“No, no… è solo che mi sono appena svegliato.” disse.
Il barista gli porse il succo e disse:
“A te, rattèhi.”
“Shukuria.” rispose Sebastiano. Quel poco di maldiviano che si era studiato stava tornando utile.
Bevve un sorso di spremuta e si sentì pervadere dal buon umore. Il sole sulla pelle, il gusto amaro del tabacco e quello esotico del succo, il profumo della brezza che proveniva sia dal mare dietro di lui che dalla pelle delle ragazze accanto a lui: era in paradiso.
“Hey… mi presteresti l’accendino?” chiese la ragazza accanto a lui. Aveva occhi azzurri come il mare e una sigaretta pendente alle labbra carnose.
“Certamente” rispose Sebastiano, e le porse il suo Zippo.
Lei fece partire la fiammella, lo avvicinò alla punta della Marlboro, prese una boccata e soffiò il fumo sul viso di Sebastiano. Poi rise.
Era una ragazza di una bellezza deliziosa: aveva capelli rossi, guance cosparse di lentiggini e un viso armonioso. Il suo corpo, poi, era di una voluttuosità incredibile. Le sue poppe generose e sode riempivano alla perfezione i suoi bikini. Era da molto che non vedeva delle tette così prorompenti e invitanti, e ora che le aveva ad appena un metro di distanza, la sua immaginazione cominciò a cavalcare. Avrebbe voluto accarezzarle, toccarle, palparle, per poi magari infilare il pene dritto in quel generoso décolleté e sborrarci dentro. Abbassò lo sguardo all’addome della ragazza: era piatto, leggermente scolpito e aveva un invitante piercing bananabell all’ombelico…
Improvvisamente, il pisello di Sebastiano si drizzò come un palo nei suoi bermuda. Cercò di camuffarlo, ma fu completamente inutile.
“Oddio! Hai un’erezione!” strepitò la ragazza.
Sebastiano fu travolto dalla vergogna. Non sapeva cosa dire: cercare di giustificarsi avrebbe solo allungato l’imbarazzo. Cercò quindi di evitare gli occhi della ragazza. Lei, però, non aveva intenzione di ignorarlo.
“Vuoi vedere qualcosa d’interessante?” chiese la ragazza rivolgendo un sorriso malizioso a Sebastiano.
“Cosa vuoi dire?”
“Be’… tu mi hai fatto vedere qualcosa di tuo e ora è il mio turno.”
Sebastiano volse lo sguardo alla ragazza e vide che aveva divaricato le gambe mostrando il suo frutto proibito.
“Ti piace quello che vedi, vero?” chiese la ragazza.
“Molto.” rispose Sebastiano.
“Allora ho una sorpresina per te.”
Improvvisamente la ragazza contrasse l’addome e, cogliendo completamente di sorpresa Sebastiano, spinse un lungo spruzzo di pipì fuori dalla sua magnifica passera. Il getto d’urina usciva dalla passera, formava un arco dorato in aria e atterrava proprio addosso a Sebastiano. La ragazza quindi non solo si stava bagnando le mutandine dei bikini, ma spruzzava pipì anche sui bermuda del ragazzo. Sebastiano era sorpreso, imbarazzato ma molto arrapato. Gli stava facendo la pipì addosso! Assurdo! Sentiva la tiepida temperatura della pipì della ragazza proprio sul pisello, che s’induriva sempre di più. La completa nonchalance con cui la ragazza stava spruzzando pipì dappertutto, poi, era incredibile. Non si preoccupava né della reazione che avrebbe potuto avere Sebastiano e nemmeno degli sguardi sconcertati degli altri clienti del bar: l’unica cosa che sembrava importarle era liberarsi di tutta quella pipì.
Dopo un intero minuto, la pirotecnica pisciata si arrestò. Lo spettacolo, però, non era ancora finito.
“Togliti i vestiti.” ordinò la ragazza.
“Come?” Sebastiano era disorientato da quella richiesta.
“Hai sentito bene, togliti i vestiti.” Ripeté lei.
Persuaso dalla convinzione della ragazza, Sebastiano eseguì gli ordini. Si tolse seduta stante infradito, maglietta, bermuda e mutande. Ora, nudo e con il cazzo duro che puntava verso il cielo, Sebastiano era nelle mani della ragazza.
Lei si alzò dallo sgabello e s’inginocchiò davanti a lui. Poi appoggiò le mani sui suoi glutei e, senza alcun preavviso, si mise in bocca tutto il suo pisello. Con la bocca piena guardò con occhi da cerbiatta in alto, verso di lui. Le piaceva il suo pisello. Sebastiano ricambiò lo sguardo. La ragazza cominciò allora a succhiargli il cazzo. Succhiava, leccava e ingoiava con una passione selvaggia. Si stava godendo il pisello di Sebastiano come un ghiacciolo nel deserto. Con le sue labbra carnose percorreva tutta la lunghezza del pene, dalla punta della cappella fino giù alla base del pene e la passione con cui lo faceva era spettacolare. Si vedeva chiaramente che non stava facendo solo un favore a Sebastiano, ma anche a se stessa. La ragazza, infatti, amava con tutta se stessa fare pompini. Adorava il cazzo: il suo gusto, la sua forma, la sua consistenza…
“Mmm… buono” disse guardando negli occhi Sebastiano.
I capezzoli della ragazza erano eretti come chiodi sulle sue prorompenti poppe. Era un’opera d’arte vivente, una bellezza selvaggia. Aveva forme voluttuose, provocanti, morbide … Le sue mammelle erano grosse e sode, il suo culo rotondo e compatto. Era una creatura di una sensualità esplosiva e ora era completamente arrapata. Il cazzo di Sebastiano era dritto come un palo e duro come un sasso, e la ragazza lo stava succhiando come Chupa Chups. E più la ragazza succhiava il suo cazzo, più il pisello si induriva… Oddio… Sebastiano non ce la faceva più…
“Devo sborrare!!”
La ragazza si tolse il pisello di Sebastiano di bocca e lo tenne a qualche centimetro di distanza dal viso. Poi spinse l’addome all’indentro e dalla sua figa uscì un getto di calda e intensa pipì. E proprio mentre la pipì usciva dalla figa della ragazza, tre getti densi, lunghi e intensi di sborra uscirono dalla punta del pisello di Sebastiano e atterrarono sulla faccia sorridente della ragazza. Stava sborrando mentre la ragazza faceva pipì!
Fu l’orgasmo più intenso che Sebastiano aveva mai provato. Sborrare nell’esatto istante in cui un getto di pipì usciva dalla figa di un’incantevole ragazza era un piacere di un’intensità indescrivibile.

Questo racconto di è stato letto 1 1 1 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.