Erotici Racconti

Figa matura e stallone giovane

Scritto da , il 2015-08-25, genere etero

Senza il cazzo non vivo. Ho voglia sempre di nuovi maschioni pronti per me. Voglio essere scopata alla pecorina o contro il muro, in piedi. E voglio dei cazzoni belli grossi, altrimenti non godo. Finalmente ho lasciato quel cornuto di mio marito e mi posso finalmente dedicare liberamente alla mia attività preferita: FARMI TROMBARE. Sono una donna piacente, in carne e bella formosa, labbra da pompinara e corpo da cavallona. Non sono neanche tanto vecchia, ho solo 45 anni infondo! Qui voglio raccontarvi l'ultima esperienza che ho avuto, con un ragazzo molto più giovane di me. Sono la direttrice di un grande centro estetico, frequentato anche da uomini, molti dei quali mi sono trombata. L'altro giorno si presenta un bel ragazzetto atletico, moro con gli occhi azzurri, e mi chiede appuntamento per una ceretta. Glielo fisso per il giorno dopo, intenzionata a fargliela personalmente. Il giorno dopo il ragazzo arriva puntuale, gli preparo la saletta, gli dico di spogliarsi e gli porgo le trasparenti mutandine di carta. Quando rientro rimango a bocca spalancata vedendo in trasparenza quel bel cazzone trattenuto a stento dalle mutandine. Mi sono messa la divisa bianca bella aderente con le tettone in mostra, non porto neanche le mutande. Mentre inizio a cerettarlo cerco sempre una scusa per toccarlo nell'interno coscia e per far sballonzolare le mie tettone, che il ragazzo fissa a bocca aperta. A quel punto mi accorgo che al ragazzo sta venendo duro, lo fisso e lui mi dice, di aiutarlo a farlo rizzare meglio. Musica per le mie orecchie. Lui si strappa le mutandine di carta e si mette in piedi, mi fa inginocchiare e me lo schiaffa in bocca. Che bel sapore di maschio, finalmente, glielo succhio tutto, lo lecco, me lo infilo in bocca fino alle palle e lui sembra gradire. Mi sento la figa sbrodolare al pensiero di quel bel cazzone in bocca. Lui mi prende per i capelli e mi scopa la bocca per bene. Dopo di che mi alzo mi spoglio e gli mostro le mie tettone, gli faccio una bella spagnola con leccata finale mentre lui continua a dirmi quanto sono troia. Si amore sono una gran troia!!! Mi strizza i capezzoloni e mi fa godere come una matta. Ma adesso voglio che me lo infili. Mi metto a pecorina sul lettino e mi faccio montare dal mio stallone, mentre mi schiaffeggia le chiappe. Me lo sbatte per bene nella figa e continua a ripetermi che sono una vaccona slabbrata e mi eccito ancora di più, tant'è che devo sditalinarmi mentre lui mi scopa e ho un primo orgasmo da paura! Dopo questa folle cavalcata mi alzo, prendo l'olio dei massaggi e mi faccio lubrificare il buchetto.. si lo voglio anche nel culo!! Mi sodomizza che è una bellezza, sono sdraiata sul lettino con lui sopra e il suo bel bastone nel culo mentre mi infilo la bottiglietta dell'olio dei massaggi nella fica. Che troione che sei, che zoccola!!! Questo linguaggio scurrile mi fa venire di nuovo in un attimo, mi fa gridare mi piacere mentre lo stallone mi sborra nel culo. Voglio assaggiare la sua sborrata calda, così mi metto un dito nel culo e me lo succhio davanti a lui. Dio che buona!! La prossima volta mi vieni in bocca eh bel maschione!!! CHE BEL POMERIGGIO DI LAVORO!!!!

Questo racconto di è stato letto 7 6 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.