Magie ferragostane

Scritto da , il 2015-08-13, genere sentimentali

Oggi è il 13 agosto, sto solo in casa e la mente torna ad ferragosto di tanti anni fa, ad una storia estiva, una come tante. Ero il leader riconosciuto di un gruppo di ragazzetti perennemente affamati di sesso, ero considerato uno di quelli che aveva visto davvero la figa e non solo sui giornaletti porno. Ci tenevo alla mia aurea di mistero e quest'aura mi attirava una certa popolarità tra le ragazze. Una sera apparve lei, l'anno prima mi aveva invitato alla festa dei suoi 18 anni, ovviamente ero rimasto mezz'ora per poi fuggire in una discoteca con gli amici, ora me la ritrovavo li, sempre davanti, gelosa quando guardavo altre ragazze, eppure sfuggente. Cominciò a tartassarmi con una lunga serie di squilli al telefono, poi messaggi e poi e-mail, l'estate successiva ci ritrovammo insieme, sembrava la classica storiella in stile "Grease", il bullo e la ragazzina viziata, invece, già dai primi momenti qualcosa prese una piega strana. Iniziarono i primi baci, le prime carezze spinte, la prima leccata ai capezzoli, piccoli ma turgidi, lei ansimava, sbuffava, accarezzava il mio pacco perennemente in tiro, poi, quando la mano sbottonava i jeans blocco totale, si faceva cupa e finivano le coccole. Mi lasciava spesso così, a spararmi delle seghe clamorose, oppure a cercare qualche amica zoccoletta che placasse i miei bollenti spiriti. Diventò una questione di principio, ci misi tutta la mia scienza seduttiva, cene romantiche, musiche soft, regalini costosi, ma niente di niente, non se ne veniva fuori, appena sentiva la mano aprire davanti diventa buio pesto, mi scansava e per giorni interi non mi parlava più. Un giorno ebbi un lampo di genio, tra un bacio e una leccatina le infilai una mano dietro, scansai le mutandine ed iniziai un lento palpeggiamento sui glutei, poi, piano piano, la mano si fece più intraprendente, finchè, con il dito medio, non trovai il buchino del culo. Già mi aspettavo una sberla, invece, con mia somma eccitazione e soddisfazione, non diede segno di fastidio. Da quel giorno, senza forzare, ogni volta che era possibile le infilavo la mano nei pantaloni, a cercare quell'anellino di carne, sempre pulito e sempre tremendamente eccitante, mi inumidivo le dita con la saliva, lo penetravo con una o due falangi e facevo partire un lento ditalino, quasi subito la sentivo ansimare, sbuffare ed andare in estasi, in preda ad orgasmi anali ripetuti, sentivo il buchino pulsare ed i suoi baci farsi ardenti di passione mentre la sua mano andava su e giù sul mio uccello e mi accarezzava le palle, ma appena aprivo davanti ricominciava il blocco. Un giorno decisi che non mi andava più di tradirla, ma neanche di farmi seghe a vita, iniziai ad allontanarmi ed alla fine la lasciai, senza rimorsi e senza rimpianti. Dopo anni l'ho rivista, ora siamo entrambi sposati, non ci salutiamo nemmeno, ripeto non ho rimpianti, non ho rimorsi, ma il solo ricordo di quel buchetto ha ancora il potere, magia dell'estate, di farmelo diventare di pietra.

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.