Erotici Racconti

Giulia perversa 14

Scritto da , il 2015-06-28, genere pissing

PIOGGIA DORATA IN ESTSTE:
Sono appena uscita dalla casa dello Zio di Gaia,oggi è una bella giornata estiva anche se è stata dura lavorare,ho dovuto sistemare e archiviare un infinitá di documenti,fare fotocopie tutta la mattinata e infine soddisfare il mio padrone come avviene ormai da cinque mesi abbondanti,oggi lo Zio di Gaia, mi ha fatto portare gli ultimi documenti a quattro zampe,facendomi tenere i fogli in bocca a denti stretti e obbligandomi ogni volta che me lo chiedeva ad abbaiare e l'unica volta che ho risposto parlando,facendolo ovviamente apposta,mi ha legata al tavolo da biliardo a gambe aperte ricevendo una serie di colpi tra le gambe che mi hanno portata a piangere prima e venire poi,adesso ho il mio sesso in fiamme e le grandi labbra a dir poco provate,ma mi piace,ormai sento il bisogno di soddisfare il mio padrone ed essere punita ogni giorno!.Finalmente a casa,Gaia non c'è perché è al lavoro e Fernando che si è trasferito da noi momentaneamente sta dormendo sul divano dopo aver fatto il turno di notte al suo nuovo lavoro,stiamo ormai insieme dalla notte di Capodanno,dopo averlo fatto venire davanti a tutti,e le cose vanno bene anche se non è a conoscenza di cosa faccia io esattamente al lavoro,poso la borsa sul tavolo della cucina e vado in camera,tolgo subito la camicia e mi sfilo la gonna alta dopo aver buttato via quei maledetti tacchi,il mio padrone nel contratto ha specificato come vestirmi e ogni mattina prima di svegliarmi mi aggiorna su cosa indossare ed io da brava schiavetta devo obbedire,rimango in reggiseno e tanga nero di pizzo trasparente,mi guardo allo specchio e mi sciolgo i capelli,abbasso il tanga per vedere in che condizioni è la mia povera passerotta,non c'è male,una doccia un po di crema e Fernando non si accorgerà di nulla anche se brucia ancora,sfilo il reggiseno buttandolo sul letto quando sento squillare il cellulare,mio fratello Mirko,rispondo e mi dice di andare su Skype,mi collego e dopo avermi chiesto velocemente come stavo mi chiede di accendere la Cam, "Sono praticamente nuda Mirko e stavo andando in doccia", insiste con quella sua vocina come a farmi pena," E dai sorellona perfavore non ci tocchiamo più insieme da tanto e ho bisogno di vederti dai perfavore!!ricordi come ci toccavamo e quando ti ho violentata?",mi sta sfinendo e decido di accendere la cam,"Dai presto che non sono sola e devo lavarmi",in poco tempo dopo essermi messa a gambe aperte prima mostrandogli la mia figa arrossata e a quattro zampe poi mostrandogli tutto il mio di dietro,lo vedo venire davanti al PC,"Sei la mia solita cagna sorellona mia,"le sue ultime parole prima di schizzare abbondantemente sulla scrivania e farmi vedere su un dito quanto corposo fosse il suo seme,velocemente lo saluto e vado in doccia,mi ha fatto eccitare quel porco di mio fratello ed ora ho voglia,di prendere Fernando e violentarlo completamente,inizio a toccarmi il seno,l'acqua scorre,gioco sui miei capezzoli,li stringo,inizio a tirarli e stringo il mio seno forte,divarico le gambe pronta a masturbarmi quando sento Fernando entrare in bagno,"Amò!stai in doccia??mi aspetti che entro pur io?",ritorno in me velocemente già pensando di assoparare il suo cazzo sotto la mia lingua,"Si si sono appena entrata amore entra entra",neanche finisco di dirlo che me lo ritrovo davanti già nudo,mi mordo il labbro vogliosa e inizio a farmi strofinare la schiena,mi lava,sento le sue mani sul mio corpo,l'acqua scorre mista a bagnoschiuma profumato e stando di schiena gilelo afferro con le mani tirandolo verso di me,ancora non è duro ma lo diventerà presto,"Che vuoi fare amo?",non rispondo neanche e inizio a masturbarlo con foga,lo stringo lo tiro glielo sbatto addosso e muovo la mano più veloce,inizia a mugugnare,sento che si gonfia fino a scappellarsi del tutto,l'erezione e quasi completa e mi infila un dito dentro,stringo i denti un attimo,brucia ancora, inizia a masturbarmi più veloce,il suo dito entra ed esce con più velocità,gemo a bocca aperta ora,l'acqua mi entra dritta dentro finendomi in gola dal getto e fuoriesce appena la sputo,penso allo sperma di mio fratello e alle punizione del padrone e mi bagno,"Due dita e poi tre fammi godere!",inizia a bruciarmi più forte,le mie grandi labbra si rigonfiano ancora mentre ora voglio sentirlo dentro!," Amò aspetta devo fa na cosa!,"non lo mollo e adesso mi spingo verso di lui sentendo il suo cazzo ormai duro addosso,"Scopami adesso e basta!",riesco a dire solo quello tra un sospiro e l'altro," Amo no aspetta devo pisciare!sará l'acqua non lo so",non ho alcuna intenzione di aspettare e direzione il suo membro contro il mio sesso pronto a farlo entrare spingo con le braccia contro il muro per fotterlo finalmente,ma si sposta iniziando a farla li in doccia,"Ma potevi aspettare!",ormai ha iniziato e sento degli schizzi colpirmi la schiena,"Ma mi pisci addosso oh!?,"un piccolo getto finisce proprio sulla mia figa bagnata e arrossata mentre cerca di spostarsi, "Scusa amo te lo avevo detto!",e in effetti aveva ragione,la sua urina a contatto col mio sesso ancora dolorante per le punizioni del padrone mi da sollievo!,"Fermo fermo continua!", lui non dice nulla e si lascia andare pisciandomi li,un piccolo getto colpisce la mia figa arrossata,mi da sollievo,è calda e mista all'acqua fredda mi piace,continua a pisciarmi tra le gambe,passo la mano tra le cosce restando ancora di schiena e la raccolgo per rinfrescarmi meglio,spinta da non so quale perversa eccitazione mi giro e glielo prendo in mano,direziono il suo cazzo duro come un idrante caldo verso la mia pancia e continua a pisciarmi addosso con un getto ora continuo e più potente,lui sembra rilassarsi e godere,lo tengo in tiro e sento l'odore acre della sua urina,mi piego e in un attimo ora schizzi di piscio caldo colpiscono il mio seno mentre lo stringo tra le mani eccitata da quella insolita situazione apro la bocca e lo direziono alzandolo,chiudo gli occhi e sento gli ultimi getti colpirmi il mento e le labbra,qualche schizzo finale mi entra in bocca ingerendolo del tutto,inizio a toccarmi mentre lui lo scrolla ormai vuoto inizio avidamente a succhiarglielo,lo avvolgo con la mia bocca,muovo la mia lingua sulla sua cappella ancora maleodorante di quel sapore acro e puntiglioso cercando ancora qualche ultima goccia,deve essersi eccitato tanto perché mi tiene la testa con entrambe le mani e inizia a scoparmi la bocca!,"Ti fai pisciare addosso eh e te pure piaciuto amo!sei na zozza!",l'acqua agevola il tutto e il suo cazzo gonfio e ancora impregnato di piscio caldo entra ed esce rapidamente, "Dai vieni in faccia alla tua zozza!dai dai amore mio sborrami addosso!",in poco viene schizzandomi in faccia appoggiandosi al muro,faccio scorrere l'acqua sul mio viso pulendomi assaporando il suo sperma caldo e denso misto al suo piscio con un dito, "Amo adesso fammi lavare davvero perché mi sono lavata si ma di altro!", esce dalla doccia e ancora eccitata continuo da sola ripensando a quella pioggia dorata,"Amore è lo Zio di Gaia rispondo? ",ho un sussulto pesante non avendo cancellato i messaggi dove mi diceva come vestirmi chiamandomi schiavetta," No lascia stare e molla il telefono!",cazzo se legge i messaggi!?.

Questo racconto di è stato letto 1 7 3 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.