Una moglie troia incestuosa, un marito cornuto, incesto di gruppo - Fine

Scritto da , il 2014-08-18, genere incesti

Premessa-

Mi scuso con i lettori che hanno apprezzato questa storia per averla interrotta in modo affrettato ed incompleto.

In realtà nell'ultimo capitolo che avrebbe dovuto essere quello conclusivo per la fretta di chiudere il racconto,avevo omesso alcuni importanti dettagli dei miei primi 2 giorni di luna di miele-La prima notte col suocero e la seconda con suo figlio mio legittimo sposo-.

Avevo poi omesso di descrivere tutto quelle che era successo nei mesi e negli anni successivi che per il loro contenuto altamente trasgressivo e dissacrante di certi pseudo valori avevo deciso di non raccontare.

Mi scuso e vi offro quanto omesso:

-------------------------------------------
6°capitolo

I miei preparativi in bagno si erano alquanto dilungati a causa del fatto che mi ero trattenuta più del dovuto sotto la doccia per dare tregua alla mia martoriata passerina(si fa per dire in quanto dopo lo squartamento subito a causa del cazzo di mio suocero era diventata una vera ficona slabbrata)ed anche per fare un profondo clistere ricordandomi del desiderio da lui espresso al ristorante di voler assaggiare anche la mia semi vergine rosellina.

Naturalmente molti cazzi avevano varcato la soglia del mio sfintere anale ma rispetto a quello che mi aspettava da mio suocero posso ben dire che ero "quasi vergine"

Dopo i preparativi sul corpo ero passata al trucco.

Lui mi voleva fatale e dunque avevo dovuto usare tutta la mia abilità per assumere anche nell'aspetto le sembianze della mangiatrice di uomini.

Dopo aver indossato anche l'intimo nero mi sentivo pronta ad affrontare il toro scatenato che mi aspettava eccitato ed impaziente.

Nonostante le sue sollecitazioni i miei preparativi erano durati più di un ora e dunque la cena che si era raffreddata era stata mandata indietro e sostituita ma soprattutto,sapevo che il Viagra aveva già fatto il suo effetto e dunque avrei trovato il mio inquieto spasimante già armato e infoiato.

Il mio ingresso nel salottino era stato accolto da un sibilo di stupore seguito dal mio wow alla vista dell'arnese che,vivo come un animale,cresceva davanti ai miei occhi ad una velocità incredibile sino ad acquisire solo dopo pochi secondi tutta la sua virile consistenza ed una posizione eretta che gli faceva superare l'ombelico di quasi di una spanna.

Mentre coll'espressione visibilmente soddisfatta si accarezzava gli enormi testicoli ricoperti da una folta pelliccia nera con la voce già alterata dal respiro appesantito dall'eccitazione mi aveva detto:

-Bambina mia...sei bellissima...sfila un po' per me...girati....e passami vicino che voglio ubriacarmi del tuo profumo...-

Lusingata da quelle parole e dall'effetto che la mia comparsa aveva fatto sulla sua impressionante verga, avevo sfilato come una vera modella ed ogni volta che gli passavo accanto mi chinavo e con la lingua gli pennellavo la lucida cappella.

Ci siamo corteggiati così come fenicotteri in amore per diversi minuti prima di sederci a tavola per consumare la cena a base di frutti di mare e frutta fresca.

Naturalmente abbiamo annaffiato il tutto con una bottiglia di Kristal.

Alla fine della cena aveva voluto che mi inginocchiassi sotto il tavolo per leccargli il cazzo ed i testicoli.

Mentre lo pennellavo con la lingua faceva colare sul mio viso e sul glande rivoli di champagne che leccavo e succhiavo al ritmo delle sue contrazioni come fossi una gattina che insegue il suo gioco preferito.

Con gli occhi chiusi mi gustavo quel cocktail erotico al sapore dello champagne e delle goccioline che sgorgavano copiose dal buchino sulla cappella emanando un irresistibile afrore di maschio.

Anche la mia fica reagiva a quella intrigante situazione contraendosi smaniosa ed irrorandosi di caldi umori.

Alle mie appassionate e smaniose attenzioni la pompa di mio suocero aveva cominciato a contrarsi ed a scuotersi minaccioso rischiando di raggiungere il punto di non ritorno ed esplodere coi suoi potenti spruzzi.

Pochi istanti prima che ciò avvenisse lui mi aveva allontanato da se e dopo avermi fatta emergere da sotto al tavolo mi aveva fatta distendere sul tappeto dicendomi:

-Tesoro...con la tua boccuccia d'oro mi hai portato in paradiso e stavi per farmi sborrare ora devo ricambiarti il favore...:

Mettendosi in ginocchio davanti a me si era portato le mie gambe sulle spalle e tirandomi a se aveva avvicinato la mia fica aperta alla sua bocca.

A quel punto col collo della bottiglia di Kristal appoggiato alle labbra della mia vagina facendomi tenere con le mie stesse dita l'accesso ben aperto, aveva cominciato a farne colare dentro lo spumeggiante contenuto.

Quando dalla mia fica ormai colama,tra uno zampillare di bollicine lo champagne aveva cominciato a defluire,lui vi aveva attaccato le labbra ed aveva cominciato a leccarmi la gonfia clitoride ed a succhiarmi le grandi e le piccole labbra.

Leccava,succhiava ed ingoiava rumorosamente per darmi una prova concreta della sua soddisfazione.

Il mio primo orgasmo era esploso improvviso e devastante spruzzando come una fontanella champagne e umori vaginali che avevano annaffiato il viso del mio amante e tutto il suo corpo.

Come se nulla fosse successo aveva continuato a leccarmi e versarmi dentro tutto il residuo della bottiglia sino a portarmi ad un nuovo sconvolgente piacere.

Solo dopo il secondo orgasmo mio suocero dopo aver deciso che era giunta l'ora di fare l'amore,mi aveva presa tra le braccia e conducendomi come se fossi davvero la sua sposa,mi aveva adagiata sull'accogliente talamo nuziale.

Di fronte a me dentro un grande vaso vi era un enorme bouquet di rose rosse con un cartello che recitava "Benvenuto alla sposa!"

Da quel momento pareva trasformato e dall'uomo rude e dai metodi brutali era diventato un amante dolcissimo.

Avevamo assunto quasi tutte le posizioni dell'amore.

Nei preliminari era dolcissimo ed anche quando eravamo congiunti nel sessantanove mi veniva spontaneo e senza forzature succhiarlo e leccargli il buco del culo che esploravo penetrandolo anche con le dita come piaceva a lui.

Devo confessare che la penetrazione era piacevole e corposa come se affondassi le dita in una torta alla crema,

L'unica vera differenza erano le contrazioni dello sfintere anale che pareva volermi risucchiare dentro l'intera mano.

Naturalmente le mie attenzioni venivano ricambiate con una cura ed una perizia sicuramente superiori.

Leccargli i coglioni in quella postura e sentire nel contempo la sua lingua dentro la mia fica e nel mio buco del culo mi dava sensazioni sublimi.

In quei momenti avrei desiderato che mi sborrasse ancora in bocca anche se sapevo che quella notte si sarebbe limitato ad irrorarmi esclusivamente l'utero nel tentativo di ingravidarmi.

E inseguendo quel sogno,mi aveva dato il cazzo in ogni posizione facendomi godere come mai prima e godendomi lui stesso per due volte tenendomi con il bacino sollevato affinché ogni goccia del suo seme andasse ad irrorare la cervice uterina.

Dopo ogni sborrata rimaneva dentro di me per un tempo lunghissimo tempestandomi di baci e di parole dolci.

Davvero mi faceva sentire come se quella fosse la mia luna di miele col mio sposo che in realtà ignaro, dormiva nella stanza accanto.

-Tesoro...adesso ti farò un po' male...spero che mi perdonerai...-

Mi aveva bisbigliato in un orecchio nel momento in cui aveva deciso era l'ora di prendersi anche il mio culo.

Mi aveva fatta girare a pecorina ed aveva cominciato a leccarmi il buchetto già ben aperto ma sicuramente non pronto per il calibro che lui aveva tra le gambe.

Inizialmente ero un po' tesa e col corpo tremante.

I suoi modi gentili e le sue parole rassicuranti mi avevano fatta rilassare:

-Tesoro rilassati e lasciati andare vedrai che sarà piacevole anche per te!-

Mi aveva sussurrato dopo avermi ben umettata ed allargata infilandoci dentro tre dita.

Poi dopo avermi lubrificata con una crema speciale ed essersi lui stesso spalmato,mi aveva puntato la cappella sul buchetto pulsante e mentre iniziava a forzarmi l'accesso mi incitava a spingere come se dovessi evacuare.

Naturalmente conoscevo bene quella tecnica avendola sperimentata già da adolescente coi miei amichetti ed essendomi poi perfezionata con mio padre e mio fratello.

Miracolosamente ed in modo del tutto inaspettato,la bestia era scivolata in me senza difficoltà e senza alcun dolore.

Gli unici segni evidenti di quella impresa erano le gocce di sudore che dalla fronte di mio suocero colavano sulla mia schiena ed il mio corpo che benché mi fossi calmata continuava a tremare con brividi incontrollabili.

Era dentro di me con le mani stretta ai miei fianchi quando prima di iniziare a pomparmi mi aveva ghignato:

-Puttanella...sei proprio sfondata....nessuna mi aveva mai ingoiato così...senza un grido...un lamento....per questo mi piaci...sei proprio una troietta...-

Mentre mi montava come fossi la sua cagna sbuffava e con una mano mi massaggiava la fica portandomi ad un vero delirio dei sensi.

Ansimavo...gridavo...lo incitavo a sfondarmi ed avevo orgasmi a raffica.

Nel momento in cui sentivo che anche lui stava per godere già mi aspettavo che mi avrebbe infiammato il retto col suo getto bollente ed invece,grugnendo e sbuffando come una vera bestia,si era sfilato dal mio culo fiondando dentro la fica andando schiantarsi sul mio già martoriato utero per scaricare la sua inesauribile riserva di sborra.

Dopo quell'ennesima raffica di orgasmi,ero caduta spossata in un sonno profondo e mentre dormivo avevo la sensazione,come in un bellissimo sogno,che lui continuasse a chiavarmi riempiendomi ancora col suo caldo seme mentre mi sussurrava "amore".

Erano già le otto del mattino quando mi aveva svegliata con la colazione già in tavola.

-Amore...io devo andare...mangia qualcosa e se hai ancora sonno vai a coricarti accanto al tuo sposo..-

Mi aveva detto prima di inginocchiarsi davanti a me per un ultima leccata di fica:

-Sei ancora piena e profumata.....brava sposina così mi piaci!-
Dopo che lui era uscito,mi ero rivestita indossando l'abito da sposa senza niente sotto e per andare nella stanza dove era mio marito avevo usato la porta interna nella speranza inconscia che lui capisse che avevo passato la nostra prima notte di nozze con un altro uomo.

Lui era a letto e dormiva ancora.

Quando l'avevo svegliato si era seduto sul bordo del letto e mentre mi guardava con gli occhi ancora carichi di sonno,senza neanche chiedermi dove fossi stata si era subito lamentato per le urla ed i rumori della coppia della stanza attigua che;"avevano fatto casino per tutta la notte nonostante le mie proteste" e non l'avevano fatto dormire.

Non aveva neanche notato che il mio abito da sposa era tutto stazzonato e pieno di vistose macchie di sborra.

Io avevo il trucco disfatto,il rossetto sbavato ed i capelli completamente arruffati ed il suo unico commento era stato:

-Anche tu sei stanca amore?!-

L'avevo lasciato dormire per tutto il giorno ed ero andata nella piscina dell'albergo dove avevo fatto il bagno col tanga e mi ero distesa sul lettino nuda con un telo addosso.

Non era stato difficile ritrovarmi in uno spogliatoio col ragazzo della piscina che mi aveva chiavata sul pavimento sborrandomi anche lui dentro senza preservativo.

Lui era uscito dal piccolo box prima di me e mentre mi riassettavo sono entrati altri due ragazzi che avevo dovuto accontentare con la bocca.

Devo dire che la cosa non mi era dispiaciuta in quanto essendo molto giovani avevano lo sperma particolarmente gustoso.

Anche a loro avevo detto:

-Ragazzi...non dimenticate questo momento....avete goduto nella bocca di una sposina al suo secondo giorno di nozze!-


La notte con mio marito era stata davvero penosa.

Era la prima volta che vedevo il suo cazzetto e ne ero rimasta davvero impressionata.

D'altra parte anche lui non avendone mai fatto uso era assolutamente incosciente della sua inconsistenza.

Per non parlare dei drammatici e grotteschi tentativi di fargli indossare il preservativo o di infilarmelo dentro la fica.

Tenendolo in bocca nel tentativo di animarlo avevo più l'impressione di masticare una gomma piuttosto che un membro virile.

Dopo non poca fatica e dopo avergli anche fatto leccare la fica che ancora conteneva i residui della sborra del bagnino nei miei tentativi di farlo eccitare,ero riuscita a farglielo diventare quasi duro ma non ad infilargli il preservativo e tanto meno farmelo mettere dentro dove ballava come un dito in un bicchiere.

A quel punto con la pazienza di una maestrina gli avevo insegnato e leccarmi la fica e lo avevo aiutato con le mani a farsi una sega.

Godendo aveva emesso un sibilo sottile come il lamento di un bambino e dalla sua cappella sono fuoruscite due gocce liquide che non avrebbero potuto fecondare nemmeno un canarino.

Al ritorno dal "viaggio di nozze" il nostro menage familiare si andava improntando sempre più sulla mia assoluta libertà e sulla sua sempre più pregnante sottomissione.

Neanche la notizia della mia gravidanza pareva averlo stupito e man mano che la pancia cresceva,aumantava la sua dedizione nei miei confronti e della creatura che portavo in grembo e che già considerava suo figlio.

Per tutto il periodo di gestazione non avevo mai smesso di incontrare mio padre e mio fratello che mi chiavavano con passione che cresceva di pari passo con la mia pancia.

Entrambi avevano scoperto il piacere di chiavare una femmina gravida ed io con loro mi scioglievo alla sola idea che mi avrebbero presa insieme.

I trattamenti poi ai quali mi sottoponeva mio suocero mi avevano allargato la fica come una caverna e quei maiali di mio padre e mio fratello si divertivano moltissimo ad infilarmi insieme i due cazzi dentro la fica e sborrarci contemporaneamente.

Quanto a mio suocero in quel periodo veniva a farmi visita sempre quando suo figlio era al lavoro.

Se capitava però che mio marito fosse in casa o rientrasse mentre eravamo insieme lui,alla vista del padre,senza parlare usciva per tornare alcune ore più tardi.

Chissà se vi era un accordo tra lui e suo padre oppure se quella discrezione era una sua spontanea iniziativa dovuta ai miei metodi educativi.

Sta di fatto però che dopo ogni visita del padre voleva leccarmi la fica che trovava sempre piena ed ancora calda.

Avevo da poco partorito il quarto figlio e grazie alla frequentazione della palestra dove avevo l'attenzione dei due maestri e di un giovanotto del quale non avevo mai saputo il nome,mi ero splendidamente ripresa.

Frequentavo quella palestra tra giorni a settimana e con la puntualità di un orologio svizzero trovavo fuori sempre mio marito che veniva a riprendermi ed appena in casa,mi scostava il perizoma imbrattato(se lo indossavo)e mi leccava la fica con tutto il suo gustoso contenuto.

Francamente credo che mio marito non abbia mai saputo quale fosse il profumo ed il sapore dei miei umori vaginali giacché già dalla prima volta durante la nostra luna di miele,mi aveva leccata con dentro lo sperma di qualche maschio.

Un giorno mio suocero aveva invitato a cena mio padre e mio fratello oltre che me e mio marito per quella che sembrava una cena in famiglia.

Certo era strano il fatto che ci avesse raccomandato di non farne cenno a mia madre.

All'ora di cena ci siamo resi conto che il parentado era stato allargato anche alla sorella di mia suocera col rispettivo marito(il cornuto).

La cosa che aveva stupito tutti però,era il fatto che,tra gli invitati vi fossero anche il proprietario dell'atelier dove avevamo comperato l'abito da sposa ed il suo aiutante nero.

Dopo cena con la sapiente regia di mio suocero,la serata si era trasformata in una orgia sfrenata in cui ogni tipo di accoppiamento e promiscuità era lecito.

Gli unici che partecipavano in un ruolo da vojeur assolutamente passivo erano mio marito ed il "cornuto" entrambi infatti all'inizio erano seduti e mentre gli scambi di partner avvenivano nella più assoluta normalità,assistevano impassibili masturbandosi gli improbabili cazzetti.

Più tardi anche mio marito era stato coinvolto dalla madre la quale si era fatta leccare la fica per prepararla al primo affondo del ragazzo di colore.

Il sarto senza tanto successo aveva cercato di succhiare tutti i cazzi a portata di bocca ed infine si era dovuto accontentare di essere inculato dal suo aiutante nero e di ripulire alcuni cazzi dopo che avevano sborrato in un buco di qualche troia...me compresa naturalmente.

Le femmine invece avevano avuto tutte le loro abbondanti razioni di cazzo.

Certo io ero stata privilegiata giacché tutti almeno una volta avevano sborrato nella mia fica.

L'avevano fatto mio padre e mio fratello ma mi aveva goduto dentro anche mio suocero mentre il nero oltre che avermi inculata mi aveva sborrato nella fica per ben due volte.

Il marito della sorella di mia suocera era già un cornuto conclamato quanto a mio marito,quella sera aveva avuto per la prima volta un quadretto completo della perversione della sua famiglia e il definitivo imprimatur sulle sue immense corna.

Quanto a me,ero felice di aver dato la prova a mio marito di quanto troia fosse sua moglie e per battezzarlo pubblicamente mio "cuckold" lo avevo baciato travasandogli in bocca la sborra che suo padre mi aveva scaricato dopo un pompino fattogli davanti ai suoi occhi.

-Succhia cocco di papà....succhia dalle labbra di tua moglie il succo del cazzo del tuo genitore!-

Altre due cose erano avvenute quella sera ad illuminarmi sulle oscure realtà della famiglia colla quale mi ero imparentata.

Mio suocero rivelandosi un perfetto bisex aveva mostrato di non disdegnare una adeguata cura di cazzo per il suo culo e quindi si era fatto ripassare da tutti i cazzi presenti ad esclusione dal sarto frocio e impotente.

Mio padre e mio fratello l'avevano inculato con particolare vigore credendo così di esercitare una vendetta covata da tempo.

In realtà con la loro foga avevano fatto godere davvero molto mio suocero che più tardi occupandosi di me mi aveva chiavata col cazzo durissimo in modo meraviglioso.

Il cornuto che per tutto il tempo era rimasto silenzioso col cazzetto moscio in mano ad un certo punto della serata rivolgendosi alla moglie le aveva detto:

-Tesoro...perché non mostri ai nostri ospiti quello che sai fare?-

La donna senza rispondere con la fica ed il buco del culo grondanti di sborra si era inginocchiata a terra sollevando il culo come per una pecorina.

Sua sorella le si era avvicinata e dopo aver indossato dei guanti di lattice leggero si era spalmata di crema e le aveva infilato nel culo prima una mano,poi l'altra ed infine entrambe insieme.

L'eccezionale fisting era stato accompagnato da un lungo applauso mentre sul volto del cornuto si apriva uno smagliante sorriso di soddisfazione.

Tutto questo era successo solo pochi mesi fa ed il bimbo che porto in grembo ne è il frutto.

Ricordo che in quei giorni ero fertile e che tutti mi avevano sborrato dentro vi è dunque anche la probabilità che il bambino sia nero.

Anche la sorella di mia suocera nonostante l'età(sulla quarantina)è rimasta incinta col mio stesso problema.

Abbiamo già fatto alcune riunioni di famiglia per decidere il da farsi.

Quasi tutti sono d'accordo a che la gravidanza venga portata avanti consapevoli di quel rischio.

D'altra parte era oramai noto a tutti all'interno della famiglia ed anche fuori il nostro stile di vita ed il fatto che vi fossero due cornuti e tre troie.

Devo dire che con un trasporto commovente il più convinto a che io corra questo rischio è proprio mio marito che impazzisce all'idea di avere un figlio nero.

Per l'altro cornuto invece la cosa è del tutto indifferente giacché sua moglie aveva già partorito un negretto che hanno fatto crescere ad una famiglia all'estero e che presto adotteranno.

Anche per mio padre e mio fratello la cosa è indifferente!

Per loro l'importante è che si siano chiarite tutte le cose e che mi possano incontrare quando vogliono alla luce del sole.

Rimane il problema di mia madre:

Come spiegarle un nipotino nero?

fine









Questo racconto di è stato letto 1 1 2 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.