E' stato il mio primo pompino: l'ho fatto a mio cognato

Scritto da , il 2014-04-11, genere bisex

Questa è una storia realmente accaduta qualche anno fa, quando io e mio cognato eravamo poco più che maggiorenni. Ora siamo entrambi felicemente sposati. Dimenticavo, sono un uomo...Sono sempre stato eterosessuale, ma curioso: mi incuriosiva sapere delle dimensioni dei peni degli altri ragazzi, delle loro forme, delle loro fantasie. Facevo sempre domande indiscrete ai miei amici: chiedevo loro come si masturbavano, quante volte venivano in un giorno, di che consistenza era il loro sperma. Volevo sapere delle loro esperienze, delle loro posizioni preferite. Tutto questo mi faceva venire una strana voglia di masturbarmi. Ripeto che ero e sono eterosessuale ed all'epoca dei fatti ero fidanzato con la ragazza che con tanto amore avrei sposato qualche anno più tardi. Mia sorella era fidanzata con un ragazzo d'oro, gentile, ben educato e fisicamente perfetto. Sembrava un dio greco: alto 1,85, biondo, occhi verdi, con un fisico tonico e modellato dal calcio che così tanto praticava. Ogni volta, quando andavamo al mare insieme, con la mia solita curiosità, lo osservavo attentamente: aveva dei pettorali ben sviluppati, con pochi peletti biondi solo al centro, una tartaruga abbastanza visibile, le tipiche gambe possenti da calciatore, rese ancora più "maschie" dalla folta peluria bionda che le ricopriva, dei piedi ben curati taglia 44, mani grandi, braccia delicatamente pelose, bicipiti tonici. In spiaggia usava sempre un parigamba, quel costume a boxer attillato, che metteva in risalto i glutei che mia sorella diceva essere uguali a quelli dei bronzi di Riace. Quel vedo-non-vedo che creava il costume, specialmente se bagnato, sui "gioielli" del mio giovane e aitante cognatino, mi faceva incuriosire ancora di più, volevo sapere come fosse l'unica parte del suo corpo che non avevo ancora osservato, mi eccitava fantasticare sul pisello che penetrava la mia dolce sorellina. Tuttavia il nostro rapporto era molto superficiale, per cui non gli avrei mai potuto fare quelle domande intime che facevo ai miei amici, né avrei mai potuto coinvolgerlo nei giochini o nelle scommesse erotiche che facevamo con i miei compagni di classe. Se volevo vederlo nudo, insomma, dovevo studiare altri metodi: spiarlo, entrare di soppiatto mentre era in bagno, ecc... L'occasione si presentò sola: fummo invitati dal gruppo di cacciatori, di cui facevamo parte, ad una battuta di caccia in montagna. Ci dissero, però, che sarebbe durata per quattro giorni e che avremmo dormito tutti insieme in una baita. Dopo esserci consultati con le rispettive fidanzate, decidemmo di andarci. Eravamo i più giovani del gruppo, avevamo entrambi 18 anni, e, essendo cognati, ci era stata assegnata la stessa stanza, che era l'unica con il letto matrimoniale. Solo noi avremmo potuto dormire insieme in quel letto: secondo loro avevamo più confidenza e non ci sarebbero stati problemi. Lui non ne era felicissimo, perché gli ero sempre stato un po' antipatico, ma accettò. A me la cosa mi lasciava indifferente, non mi ero reso conto che finalmente avevo l'occasione che cercavo da tempo. Accettai. Quella sera, senza quasi rivolgerci la parola, ci diamo la buonanotte e ci infiliamo insieme nel letto, rigorosamente voltandoci le spalle. Io sono preso da mille pensieri, penso alla mia ragazza con cui ho scopato prima di partire, ho un'erezione. Penso a mio cognato che è dietro di me, immagino lui scopare con mia sorella, ho ancora l'erezione. Chissà se è dotato. Chissà se il suo pene è così diverso dal mio. Chissà se scopa bene. Sono confuso. Non riesco a dormire. Fa freddo. Lui ormai dorme, lo sento russare. Per il freddo mi unisco alla sua schiena, tanto lui non mi può sentire. Il contatto delle sue natiche sulle mie, il calore del suo corpo, mi danno una strana sensazione. Ho ancora una forte erezione. Resto attaccato a lui, ma mi giro a pancia in su. Con la mano sfioro il suo sedere. Ha ragione mia sorella: i suoi glutei sono marmorei, sodi. Non so per quale ragione lascio la mano ferma lì. Ho sempre visto altri maschi nudi, ho sempre avuto la curiosità di sapere o di guardare, ma mai avevo toccato: non m'interessava andare oltre. Quella notte qualcosa mi cambiò. Sono stato in questa posizione almeno un'ora, fino a quando lui non si mette sul mio fianco, anche lui a pancia in su. Ora la mia mano sfiora la sua. Succede qualcosa: ha un colpo di tosse, mi spavento. Si gira di colpo sul fianco, ma questa volta non mi dà le spalle. Con sorpresa noto che la mia mano è all'altezza del suo pacco, a pochi centimetri. Ora tocca a me scegliere: mi giro di spalle e vado a dormire spegnendo tutte queste stupide fantasie, oppure colgo un'occasione che non si ripeterà mai più? Che fare? Io sono etero, anche lui lo è. Il peggio è che è fidanzato ufficialmente con mia sorella. Ma che mi prende? Aspetto un po' così. Una volta che lui riprende a russare prendo la mia decisione: sposto la mano più in là e con il dorso della mano sfioro il suo pacco. RAGAZZI: HO LA MANO APPOGGIATA SUL CAZZO DI MIO COGNATO!!! Ho subito la sensazione di una cosa morbida e calda, non mai toccato un pene che non fosse il mio. tengo la mano qualche minuto così e quando sono sicuro che lui non se ne accorge giro la mano e inizio lentamente a tastare il pacco. Capisco subito che il pisello è posizionato verso il basso, con la cappella stretta sui testicoli. Tengo la mano immobile e muovo impercettibilmente solo i polpastrelli. Non mi basta più: con una mano tengo aperto l'elastico dei pantaloni del pigiama e delle mutande, in modo da farci scivolare dentro l'altra mano. Ora ho una percezione ancora più precisa. Ha una peluria folta, lunga e riccia, un pisello che sembra di notevoli dimensioni anche da moscio e dei testicoli morbidi consistenti e lisci. Ho dentro la mano il cazzo e le palle del mio cognatino. Con la punta del medio riesco addirittura a toccare la peluria del suo buchetto anale. Essendo io etero e abituato a sditalinare, quella peluria mi fa venire l'istinto di accarezzarla e stimolarla come fosse una fica. Succede l'inaspettato: nella mia mano sento crescere qualcosa. Mollo leggermente la presa perché non voglio fargli male ai testicoli per non farlo svegliare. Quando ha il cazzo completamente in tiro lascio i coglioni e gli afferro l'asta. La mia mano è sempre immobile perché temo di svegliarlo. Con il pollice gli esploro il prepuzio, la cappella che mi sembra essere bella tosta. Al tatto ho l'impressione che abbia un pisello più lungo del mio, ma più sottile. Inizio lentissimamente a segarlo. Preso da forze interiori che non conoscevo, mollo il tutto, afferro il cellulare sul comodino e mi metto sotto le coperte. Faccio luce col telefonino per ammirare ciò che poco prima stavo toccando. L'erezione è ben visibile dal pantalone, che subito abbasso. Vedo i suoi peli. Vedo l'attaccatura dell'asta. Abbasso ancora i pantaloni e schizza fuori dalle mutande un cazzo lungo, ricurvo verso il basso e la cappella non totalmente scoperta. Abbasso ulteriormente l'elastico dei pantaloni e lo posiziono sotto i coglioni. Ora la vista è completa ed è celestiale, uno spettacolo. Il suo cazzo che pulsa su è giù senza essere toccato e i coglioni pieni di nettare, morbidi, grandi. Immagino quel pene entrare e uscire dalla vagina di mia sorella. Quei coglioni che sbattono sulle natiche della mia sorellina mentre viene trombata. Immagino mia sorella che dopo una scopata gli fa un pompino per ringraziarlo. SORELLINA OGGI CI SONO IO AL TUO POSTO. Non so che mi prende: tutte queste fantasie mi fanno venir voglia di prenderglielo in bocca. Prima lo annuso, sento un forte odore di piscio e di maschio, il suo odore, gli bacio la cappella, gliela lecco. Scendo leccando tutta l'asta fino ad arrivare ai coglioni (come mi fa sempre la mia ragazza). Succhio i coglioni avidamente come piace che venga fatto a me. Lui è visibilmente eccitato, perché il suo cazzo ricurvo si muove e pulsa solo, sbattendomi ogni tanto contro gli occhi. Lascio le palle e mi dedico al cazzo vero e proprio. Attacco le labbra al suo pisello, sento la cappella toccarmi la gola, mi viene il vomito ma riesco subito a controllarlo. Succhio così forte che l'interno delle mie guance si attacca all'asta del mio cognatino tipo ventosa. Faccio due - tre volte in questo modo e lo sento pulsare più forte. Capisco che sta venendo. Continuo. Mi arriva in gola un liquido piuttosto denso, dal sapore un po' acidulo. Tre o quattro fiotti. Sto fermo così per prendermi anche le ultime gocce. Risucchio per pulirlo da eventuali residui. Chiudo i pantaloni. Lo bacio sul pube. Mi rimetto a dormire. Ho tanti dubbi: era sveglio o dormiva? Se ne sarà accorto? Gli sarà piaciuto? A giudicare dalla sborrata veloce e abbondante era sicuramente arrapato da matti. Quello che conta è solo che QUESTO E' STATO IL MIO PRIMO POMPINO, E L'HO FATTO A MIO COGNATO!
Quella è stata solo la prima sera...
SONO BEN ACCETTI COMMENTI E PARERI A RIGUARDO. FATEMI SAPERE SE VOLETE CONOSCERE IL SEGUITO DELLA STORIA!

Questo racconto di è stato letto 1 4 4 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.