Erotici Racconti

Laura

Scritto da , il 2014-01-25, genere prime esperienze

Laura aveva solo 16 anni.

Ma a differenza delle sue coetanee compagne di scuola non aveva alcuna esperienza in fatto di sesso.
Era cresciuta con l’educazione della nonna, soffocando dentro se' qualunque fantasia potesse gemmare dalla sua mente ancora acerba, e dal turgore dei suoi seni, che crescevano ogni giorno di piu’.

Con tempo una vasta chioma di capelli castani e riccioluti ornava la sua testa, la pelle bianca, cosi bianca che da bambina faceva impressione, ora appariva rinvigorita da sensuali velature di rosa incarnato, e perlacee luminescenze che facevano risplendere il suo collo. Una vena sensuale e generosa di sangue, le appariva fra quelle pieghe sinuose e sensuali che partivano dal collo, per attraversarle uno dei due seni, oramai generosi.

Ma sebbene il corpo di Laura esternasse i sintomi di una trasformazione epocale, tutto, nella sua giovane mente, le appariva coartato da uno strano alone di mistero e di confusione.
E in buona sostanza, non le riusciva di interpretare il silenzioso e imperscrutabile mondo degli uomini: un mondo che a lei era negato, per via di quella educazione subita.

E anche se poteva vagamente percepire il desiderio del bidello, che lascivamente le incollava gli occhi addosso, tutte le mattine andando a scuola, Laura tentava di detonare gli effetti di ogni possibile provocazione, nascondendo il suo volto nel colletto della giacca, salendo nevroticamente su per la rampa di scale che portavano alle classi. Non fosse mai, che la Madonnina, oppure qualche Santo, potessero dall’alto accorgersi di quanto stesse accadendo all’interno del suo sangue. Del suo respiro.

Al piano di sopra dell’abitazione in cui Laura e la sua famiglia vivevano, lavorava un vecchio medico. Un uomo sulla sessantina. Non poteva certo definirsi un bell’uomo, ma aveva il fascino della persona vissuta. Lui era il medico dei condomini e di gran parte degli abitanti del paese.

Poteva capitare che Laura, per guadagnarsi qualche soldo, su suggerimento della mamma, facesse alcune commissioni. Fra queste, quella di portare il pranzo al Dottore, che non aveva mai il tempo, e nemmeno le capacita’, forse, di cucinarsi ogni giorno qualcosa.

Cosi la mamma di Laura, che poi era la panificatrice del paese, tutti i giorni preparava un piatto di pasta ed una forma di pane per il dottore.
Ci pensava Laura a portarglielo in casa, e a ritirare il profitto e un po’ di mancia per se’.

Tutte le volte che Laura andava a casa del Dottore, la porta era aperta e lei non si preoccupava nemmeno di bussare, data la confidenza accordata, fra lei e il vecchio medico.

Laura entrava saltellando nello studio, salutava il dottore con il suo sorriso soave, poggiava il fagotto, con dentro il pranzo, sopra lo scrittoio in legno del medico accanto al ricettario, e salutando educatamente se ne tornava a casa.

La Natura spesso chiama a se’ i suoi giovani agnelli.

Ben presto Laura cominciava a scoprire il perche dei turbamenti che il suo giovane corpo generava presso gli animi dei suoi compagni di classe.
Nel corso di quell’estate, durante una gita al fiume, una Domenica Laura fu agganciata da Tommy, un suo compagno e vecchio amico di infanzia. Tommy quel giorno le diede un bacio. E da quel momento Laura cesso’ di essere la bambina che fino a quel giorno era stata.
Quel bacio aveva suscitato in Tommy il giusto scombussolamento.
Mentre il ragazzo stringeva a se’ Laura, il suo pene si induriva, e Laura pote’ percepire la consistenza di quella trasformazione.

Nei giorni che seguirono Laura era sempre piu’ incuriosita dai cambiamenti di Tommy. Ma il ragazzo non riusciva ad esternare il suo desiderio. Forse inibito dall’educazione di Laura.

In piu’ c’era che Laura avrebbe voluto qualcosa per se stessa. O per lo meno avrebbe voluto trovare le risposte a qualche domanda. Tutte le volte che Tommy la stringeva a se’, le sembrava che un giovane cagnolino volesse solamente strusciarsi sulle sue gambe, ignorando con il corpo e con la mente, la possibilita’ di poter ricambiare quelle sensazioni.
Questa cosa rendeva insoddisfatta la ragazza. Ma ben presto Laura si rassegno’, e comincio’ a pensare che in fondo “tutto questo sesso” non doveva esser poi cosi interessante come molti volevano far intendere.

Trascorse l’estate, e le domande di Laura rimasero insolute.
Il rapporto con Tommy era rientrato nella normalita’ di un’amicizia. E presto con il ritorno ai banchi di scuola molte domande finirono per prendere il posto ai problemi di matematica e di storia.

Un pomeriggio Laura, dopo la scuola si ritrovo' a casa del medico per portargli il solito fagotto del pranzo.
Sulla scrivania dominava, aperto in tutto la sua accademica fascinosita’, un Atlante di Anatomia Umana Normale.
Il dottore era in bagno, e Laura approfitto’ di quel momento di assenza del medico, per sfogliare il grosso libro. Immagini di corpi nudi, senza la pelle, di organi dissezionati nella loro primitiva essenza, affollavano le pagine.
In una si soffermo’ lo sguardo incuriosito della ragazza: l'immagine di un uomo e di una donna, nell’atto dell'accoppiamento.

Laura rimase a guardare. E guardo’ studio’ bene ogni particolare.
I conti nella sua mente tornavano. Il ricordi di Tommy, l'indurimento del suo membro, tutta quella… quella energia in potenza ma non in atto.

Il medico entro’ improvvisamente. Vide la ragazza con il capo chino, assorta, sul suo atlante.. Ma quando Laura si accorse di essere stata vista, colta di sorpresa a momenti fuggiva per l’imbarazzo..

“Ma no, aspetta, dove corri?” erano le parole del medico, che tentava di afferrarla per un braccio.. “Fermati almeno per darti i soldi!”

La ragazza si fermo’ sull’uscio. Si giro’ verso il dottore, e chiedendogli scusa, quasi con ossequiosa riverenza, si avvicino’ a lui per prendere i soldi..

“Mi scusi, dottore, non volevo curiosare… ma ho visto quelle immagini colorate.. sono cosi… cosi vere.. come dire.. cosi reali..”

“Ma non devi scusarti Laura. La curiosita’ e’ una prerogativa delle persone intelligenti!”

Vedendo lo sguardo rilassato e sorridente del vecchio medico, Laura si rassereno’..

“C’e’ qualcosa, qualche curiosita’ che io possa colmare, Laura? Vuoi chiedermi qualcosa e non hai il coraggio eh?”

La ragazza si sedette. Portava una canotta scollata, che lasciava intravedere il suo delizioso balconcino. Le braccia nude erano madide di sudore. Le ascelle avevano bagnato la parte inferiore delle bretelle della canotta.
Un gonnellino sintetico copriva le sue cosce, coperte da un paio di calze bianche e un po’ spesse.

Il medico la guardava. Ne era incantato. Per un momento si era reso conto della meravigliosa visione che si realizzava davanti ai suoi occhi. Sapeva che qualunque cosa avrebbe detto, questa sarebbe stata Verbo per quella giovane mente.

Da diverso tempo aveva osservato il corpo di Laura. Lo aveva desiderato, persino fotografato dalla finestra, mentre la fanciulla attraversava la strada, all’uscita dello stabile.
Di nascosto, persino alla sua coscienza, nel buio di quella stanza, troppe volte si era abbassato i pantaloni, ingrandendo le foto di Laura ritratta con il suo cellulare, masturbandosi come non mai.

“Cosa vuoi chiedermi Laura? Ti percepisco piena di curiosita’ sull’argomento “Sesso”. C'era qualche informazione che stavi cercando di carpire dal mio atlante?”

Laura con vistoso imbarazzo fece un respiro profondo e comincio’ a comunicare le sue perplessita’.

“Dottore, lei ha ragione, e d’altra parte credo lei sia anche la persona giusta a cui poter fare simili domande…Anzi, come e’ che non ci ho pensato prima! Ecco vede… io questa estate mi sono diciamo cosi, fidanzata con Tommaso, un mio compagno di classe. Ora, io non so cosa sia capitato a me. Ma so per certo cosa sia capitato a lui.. Capisce cosa voglio dire?”

“Si, credo di capire..”

“E’ come se un certo desiderio che avrei potuto provare, ad un certo punto non si manifestava… E non me lo spiego! Mi sento in colpa per il fatto di aver pensato queste cose, ma sta il fatto che per tutta l’estate mi sono trovata davanti un ragazzo eccitato, senza riuscire a poter “prendere” nulla.. nulla per me..”

Il medico si avvicino’ a Laura, prese una sedia, e la mise davanti a lei. E su questa si sedette.

“Capisco perfettamente Laura. Le tue domande sono assolutamente lecite. E tu sai dirmi cosa avresti voluto prendere da quella situazione?”

“Oh dottore, non pensi male, nulla di che.. Magari qualche accorgimento, qualche coccola per me. E invece niente.”

“Beh sei una ragazzina di 16 anni, qualche carezza sarebbe bastata per provare un po’ di tenerezza, non trovi? E’ normale che a 16 anni tu possa pretendere di sperimentare certe sensazioni..”

Laura sorrise. Il medico era stato carino e candido nella sua affermazione. Si sentiva a casa, finalmente capita. In fondo sarebbe bastato solo chiedere il parere ad un uomo qualche decennio piu’ grande di lei! Ma la sua educazione, la sua coazione psicologica non glielo avrebbe permesso. E se quel pomeriggio di fine estate Laura non avesse sfogliato distrattamente le pagine di quell’Atlante, quell’occasione non si sarebbe mai presentata.

“Qualche carezza, si.. perche’ no dottore?”

Risero per qualche secondo.

Poi il medico si senti sicuro della sua iniziativa. Prese le gambe di Laura dalle caviglie e le porto’ sulle sue gambe, giacche’ egli era seduto davanti a lei.

“Dottore cosa fa?” chiese lei preoccupata.

“Non allarmarti Laura. Vorrei farti sentire una cosa.. ti fidi di me?”

Laura annui. Lo fece con il capo, con lo sguardo addolcito dalla situazione. Una situazione in cui si sentiva debole, ignorante, inferiore.

Il medico le sfilo una calza. Poi l’altra. Lo fece piano. Delicatamente. Percepiva il battito cardiaco della ragazza. Dalle calze proveniva un odore acre, buono, di sudore dolce, di ormoni. Odore di pelle calda, di giovani gambe affaticata. Odore di scuola. L’uomo inizio ad accarezzare le caviglie e le gambe della ragazza, lo fece con dolcezza, con estrema delicatezza.

Nessuna donna avrebbe resistito a tanta dolcezza. Nemmeno Laura, che non aveva provato mai una cosa simile.
Le carezze del medico non erano quelle della mamma, erano carezze diverse. La mano dell’uomo per quanto leggera si faceva sentire… larga, calda, decisa e dolce al tempo stesso.
La ragazza chiuse gli occhi. La lingua passo’ due o tre volte sulle labbra, rosse e carnose come due ciliegie.. In segno di godimento e di apprezzamento per quanto stesse provando.
I talloni della fanciulla pero’ si trovavano all’altezza del membro del medico. E questo comincio’ a gonfiarsi a dismisura sotto la patta, dando segni inequivocabili di eccitazione. Laura senti’ quel rigonfiamento con i talloni e i polpastrelli. Ma non ebbe ne’ il coraggio, ne’ la voglia di sottrarsi al quel rituale.
Anzi li per li, non trovandoci nulla di male, istintivamente porto’ in avanti i suoi piedi, quasi a voler massaggiare un po’ il membro del dottore. La cosa non le dava fastidio, anzi, le piaceva. Trovava piacevole, e si vergognava allo stesso tempo, di sentire il calore del pene dell’uomo, sulle piante dei suoi piedi.

Il dottore, allora tolse del tutto le calze, e con stupore di Laura, che oramai non riusciva piu’ a sottrarsi a quel magnetismo, comincio' a succhiare una ad una le dieci dita della ragazzina.

Il dottore succhiava, deglutiva.. assaggiava, mangiava con vorace appetito. Gustava il sapore e l’essenza di quei piedi… e piano piano la sua lingua saliva lungo i polpacci, sulle ginocchia, piano sulle cosce di Laura.
Fu un lavorio lento, ma preciso.. Il medico si impegnava a procurarle estremo piacere.

Assaggiava, deglutiva, mangiava.. Divorava ogni essenza davanti agli occhi increduli della ragazza..

Poi con estrema velocita’ afferro' le mutandine di Laura e le lacero’ con forza. Fu uno strappo deciso, forte, che fece sobbalzare la ragazzina.
La quale cominciava a capire cosa stesse accadendo al suo corpo. Inorridiva all ‘idea che questa cosa stesse accadendo con un uomo 40 anni piu ‘ vecchio di lei.. Ma non le riusciva di sottrarsi allo sguardo magnetico e famelico di quel vecchio.

Il medico allora le allargo' le cosce. Come una gallinella, Laura si ritrovo’ a gambe completamente divaricate, intrappolata dalla sua stessa gonnella, nei momvimenti e nella possibilita’ di una fuga.. Ma avrebbe voluto veramente fuggire?

Ora che piano piano, il nettare del suo sesso sgorgava copioso dalla sua giovane vagina, ed un calore fortissimo pervadeva il suo basso ventre, sapeva che quel vecchio si stava nutrendo di lei, penetrando con la sua lingua famelica l’uscio della sua vagina… Con un gioco dentale e labiale, il medico maiale non si fece mancare la possibilita’ di massaggiarle il clitoride. E questo si induriva, giovane e fresco e ricco di deliziose secrezioni.

Lui si che sapeva cosa fare, cosa toccare dove succhiare… mentre la ragazza gemeva senza fermarsi un attimo, cedendo a quel godimento..
Intanto il porco usava le mani e tutta la sua arte di movimentazioni, per accarezzare sotto le ascelle e lungo i capezzoli la fanciulla, capezzoli che andava tormentando con pizzichi sussultori, mentre Laura colava di burro, giovane e freschissimo burro buono e nutriente, che il dottore non si risparmiava di divorare.

Come un cane in preda all’istinto piu’ profondo, e insaziabile e affetto da una malattia inguaribile, il medico portava a compimento il suo fine erotico… Solleticando il perineo di Laura e suzzicandole il buco del sedere, mentre la lingua lambiva ogni angolo della suo sesso..

E Laura venne, copiosamente nella bocca del medico. Fu lei stessa a farlo, aggrappandosi con le mani alla testa del vecchio e spingendola fra le cosce, per godere al massimo. Dal profondo del suo essere il suo gemito riempi la stanza.
Non le importava piu’ che fosse un vecchio, anzi, avrebbe voluto essere sua per sempre. Al confronto con le emozioni vissute con Tommy, aveva finalmente davanti alla sua fica la fonte del suo piu’ recondito piacere: quell'uomo, sottovalutato, entrato dal nulla nella sua vita, solerte come un demonio in preda al desiderio, affetto da una fame atavica era diventato il suo predatore. E lei era la preda.

“Urla, urla e godi come la Troia che sei! Come la porca che hai scoperto di essere oggi!”

Laura godette e gemette. Si senti’ eccitata a quelle parole. Fu un urlo liberatorio. La femmina che era in lei sepolta si era finalmente svegliata. Da quel momento non sarebbe stata piu’ la stessa Laura di sempre.. In fondo nel suo cuore, lei aveva sempre saputo di essere una gran Troia. E ora quell’uomo le aveva dato l’occasione di scoprirlo.

Improvvisamente, fra un gemito e l'altro Laura si ritrovo il pene del vecchio davanti agli occhi. Era un membro enorme, possente. La cappella era rigonfia e larga come i funghi che Laura aveva raccolto nel bosco.
Sulle prime provo' disgusto per quell'immagine. L'uomo aveva il volto trasfigurato, era quasi irriconoscibile

"Io lo so che lo vuoi piccola zoccola famelica, so che vuoi succhiarlo e ancora non lo sai!"

"La prego dottore" Supplicava lei, " non mi costringa a farlo!"

Ma in men che non si dica il dottore spinse a forza il suo membro nella bocca di Laura, raggiungendo con l'aiuto delle mani sulla sua testa, la gola della fanciulla.

"Tu hai goduto, porca che non sei altro! Adesso fai godere me!!"

Laura sentiva di non poter respirare. Quel grosso pene ficcato nella sua gola le toglieva il respiro.
Furono attimi intensi, violenti ma meravigliosi.. e nei minuti successivi Laura comprese cosa farne di quella roba che aveva in bocca.
Prese a succhiare a muovere per istinto il collo ad usare la lingua, e persino i denti...

Difronte a tanto godimento, prodotto da quell giovanissima ma gia' esperta bocca, il vecchio dottore cedette. In un attimo la bocca di Laura si riempi di sborra..
Il vecchio non perse occasione e la costrinse in quella posizione fino a quando non si sarebbe svuotato del tutto..

"Bevimi troia! dei berla tutta la mia sborra, e' buona vedrai!"

La sborra del medico colava dagli angoli della bocca della fanciulla.
Raggiunse la sua maglietta, i suoi seni, colava sulle sue cosce.

Con grande sopresa del medico, Laura continuava a succhiare con estremo appetito il cazzo del medico. La sborra le piacque moltissimo.
Si sentiva rinvigorita ed eccitata, nella scoperta di quel sapore.

Quel giorno Laura, ritorno’ a casa con il sorriso sulle labbra e camminando sulle nuvole. La scoperta della sua sessualita’ avrebbe segnato l’inizio di una nuova era. Uscendo dal palazzo adocchio’ la finestra del medico. Mando’ lui un bacio con la mano ed un sorriso.

Addosso, sulla sua maglietta, fra le gambe, sui capelli, v'erano le tracce di quella iniziazione.

Sarebbe tornata da lui. Oramai era sua.


Questo racconto di è stato letto 8 1 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.