Ex modella

di
genere
prime esperienze

Mi chiamo sara ho 24 annido fatto la modella sono calabrese, ho vinto pure un importante titolo regionale, non so perche ho deciso di raccontarvi qualcosa di me, della mia vita, della mia carriera, non lo so, ho scoperto questo sito per caso, ho letto qualcosa di vostro, e ho deciso, forse pure come valvola di sfogo per quello che mi è successo di raccontarvi qualcosa di mio, di cosa mi è successo davvero.
Mi è sempre piaciuto e ho sempre sognato di fare la modella, fino a quando a 18 anni ho vinto un importante titolo nella mia regione, che mi ha aperto qualche porta nel mondo della moda, anche se con un conseguente trasferimento a Milano, anche perche in Calabria sarebbe stato impossibile andare oltre.
Trasferita a milano ho fatto la modella con un paio di agenzie per due anni, poi causa covid, sono dovuta rientrare nella mia città in Calabria, e li attendere la fine della pandemia.
Quando finalmente tutto è finito ho cercato di riprendere i contatti per tornare a Milano a fare la modella, ma qualcosa era cambiato, la crisi, il mondo spietato della moda che cerca sempre ragazze nuove e fresche, mi sono ritrovata a lavorare sempre meno fino a non essere chiamata più e non potendomi mantenere a Milano, sono dovuta ritornare in Calabria, nello stesso tempo alla seconda classificata dia audo vinsi il titolo regionale era andata meglio, lei a Milano lavorava, e lavora tuttora che io sto scrivendo questa mia avventura.
A distanza da 4 anni della mia vittoria del titolo di miss, ormai, il mio telefono squillava sempre meno fino a quando iniziarono ad arrivarmi strane proposte, proposte hard, se ero disposta a fare provini porno.
Ho sempre rifiutato, ma per un anno intero le uniche proposte che mi arrivavano erano solo quelle, una produzione di Caserta, cosi si presentavano al telefono, dove insistevano a rendermi curiosa dicendomi che mi invitavano in produzione anche solo per curiosità senza impegno.
Decisi circa un anno fa proprio senza impegno di accettare questo invito e andare a vedere di persona questo mondo cosi strano ai miei occhi.
Mi vennero a prendere alla stazione di Caserta, ma quella che loro chiamavano locali della produzione, era una casa con adiacente una specie di capannone, a Mondragone vicino Caserta.
Nel viaggio i due che vennero in stazione a prendermi si presentarono, facendomi molti complimenti per il mio aspetto, dicendomi che ero molto bella e mi chiamavano miss, per il titolo che avevo vinto 5 anni prima, non andai vestita in modo strano avevo dei jeans e una canotta.
Arrivati, sempre con modi gentili mi spiegarono questo mondo come funziona dicendomi che le cose prodotte da loro vanno solo all’estero che se il mio problema era la vergogna era una cosa facilmente superabile, facendo riferimento al fatto che come modella quante volte mi ero dovuta spogliare o uscire in reggiseno e mutande.
Andai in un ufficio camera con uno dei due tipi, mi ha offerta da bere, spiegandomi che non sono l’unica che prova questo mondo che hanno avuto altre modelle.
Ci stava una telecamera su un cavalletto, mi fece sedere sul letto di fronte e mi fece una specie di intervista, praticamente:
…mi chiamo sara e dissi pure il mio cognome, ho 24 anni, a 18 anni sono stata miss e ho fatto la modella a Milano.
Poi lui mi disse:
Sara perche non ti togli la canotta e i jeans? Togli pure le scarpe, fai la modella, come sei abituata resta in reggiseno e mutandine.
Ho fatto come ha detto lui, mi chiedeva altre cose di esperienza di vita, mi chiese se ero vergine dissi di no, poi mi disse:
…dai miss fammi vedere quanto sei bella togli il reggiseno e le mutandine,
risposi che mi vergognavo.
…chi ruba si deve vergognare no tu.
Mi vergognavo, ma complice questo fatto mi ero imbambolata, mi disse ti paghiamo bene qua anche solo per questa intervista ci sono 2000 euro per te dai.
Mi sono alzata e mi sono calata le mutandine, e tolta il reggiseno e mi sono rimessa a sedere.
…nooo non sederti subito resta un po in piedi gira su te stessa.
Io con le mani mi coprivo con una mano il seno e con l’altra le parti intime.
…togli le mani sara sei una modella una miss non ti vergognare,
Ho fatto come voleva mi sono girata su me stessa e con molta vergogna mi sono piegata pure un po in avanti di spalle quando me lo ha chiesto, poi mi sono seduta.
…sei bellissima miss …apri un po le gambe.
Aveva quell’accento campano, lui non aveva più di 30 anni di eta fisico normale, capelli rasati dei tatuaggi al collo.
Si è avvicinato a me dicendomi che mi suggeriva come stare seduta, mi ha massa una mano dietro la testa e si è seduto accanto a me, io mi vergognavo lui mi disse che non dovevo vergognarmi che sono cose normali e che la gente doveva godere della mia bellezza, mi ha sfiorata un capezzolo, ho avuto la pelle d’oca, ripeto mi vergognavo.
…facciamo vedere a tutti quanto è bella miss c…
Mi prese un seno nella mano e ha iniziato a baciarmi in bocca , la sua lingua la sentivo in ogni angolo della mia bocca, mentre la sua mano, quella che aveva sul mio seno è scesa giu, nelle mie parti intime senza protezione delle mutandine, allargandomi prima un po la gamba, poi un suo dito a sfiorarmi in mezzo alle labbra della fica.
Avevo il fittone mi sentivo le guance in fiamme ero rossissima in viso, mi vergognavo anche se il mio corpo a detta sua diceva altro, quando ha infilato il dito in fica, e poi subito 2 dita e io con la sua lingua in bocca ho preso a ansimare, mentre lui mandava su e giu le sue dita nella mia fica, tolse la lingua dalla mia bocca ho potuto ansimare con la bocca libera, mentre lui mordendomi il lobo dell’orecchio mi disse.
…come sei bagnata miss c…sei un lago
Tolse le dita dalla mia fica bagnatissime e se le è asciugare sulla mia pancia.
Mi fece coricare, si è alzato a spostare la telecamera e inginocchiato al letto mi ha allargato le gambe, io ero coricata sul letto ma con i piedi che toccavano sul pavimento, lui mi ha alzata le gambe, per farmi poggiare i piedi sul letto e allargandomi le gambe prese a leccarmi la fica davanti la telecamera che intanto stava riprendendo tutto, quando mi ha allargata le labbra della fica per leccarmela ho avuto la pelle d’oca, la vergogna mi è salita a 1000 mi sentivo il viso prendere fuoco, ansimavo mi sentivo colare liquido da dentro la fica sentivo proprio il bagnarmi il colare qualcosa da dentro di me fuori dalla mia fica, poi mentre me la leccava con le mani mi strinse tutti e due i seni, io non riuscivo a tenere le gambe aperte per quanto ero bagnata, mi tremavano.
Mi fece i complimenti.
…brava saretta,brava, e come ti bagni sei un lago…
Io ero mezza rincoglionita coricata con le gambe nella posizione che me le aveva messe lui, avevo avuto un orgasmo , mi vergognavo ad alzare il viso verso le telecamera che intanto stava riprendendo tutto, mi sento allargare le labbra della fica con le dita e poi sento la sua parlata il suo accento campano che rivolto verso la telecamera dice
…ragazzi questa è la fica di miss c…guardate che bella, guardate, miss c. Mica si bagna, si piscia proprio addosso, brava miss c.
Io ero ancora stesa in quel modo morta dalla vergogna per quello che era successo e per quello che aveva detto alla telecamera, lui invece si era tolto i pantaloni e la maglia, via pure le mutande, mi ha fatta rimettere seduta sul letto, aiutandomi ad alzarmi tirandomi da un braccio e mi ha detto:
…vai sara fammi vedere quanto sei brava
E io:…no davanti la telecamera dai
Lui…ma fino a mo ti ha ripresa la telecamera a cosce aperte dai fai la brava
Mi ha messa il cazzo in bocca, io ho iniziato a leccarlo cercavo di nascondermi la faccia mettendomi in posizione sfavorevole alla telecamera ma lui, mi prese dai miei capelli sciolti e come se mi tenesse dalla coda ha scoperto tutto il mio viso mentre glielo succhiavo e mi dava il rito con la mano, mentre avevo il cazzo in bocca i miei occhi andavano al suo tatuaggio proprio nel basso ventre sopra il cazzo, quel tatuaggio, una scritta…troia…
Io succhiavo al ritmo che mi dava lui, il suo cazzo era grosso, venoso durissimo, lui con la mano libera mi scingeva un capezzolo, parlandomi dicendomi
…brava sara cosi, vedi che sei brava, leccami le palle miss c
E mi mise le palle davanti la bocca, sentivo di essere bagnata, ma ero anche piena di vergogna, io ex miss a fare quella cosa davanti la telecamera, prima che potessi realizzare, mi fece girare sul letto a pecora, ho pensato che mi stava per penetrare e invece no, mi ha infilata due dita di nuovo in fica e tenendomi dai capelli come prima mentre gli facevo il bocchino, e prese a infilare le dita veloci su e giu dentro di me, sentivo il rumore dei miei liquidi mentre le sue dita mi penetravano veloce, io ansimavo la mia voce si sentiva non riuscivo a trattenermi
…ahhhh mmmm ahhhhh ….ahhhhhhh
Tolse quelle dita dalla mia fica bagnatissime e me le mise in boccale le fece leccare e sempre col suo accento marcato campano mi disse
…senti, lecca i tuoi liquidi, ti piacciono miss c?
Non ho risposto niente, ho sentito il suo cazzo entrare in fica, sono rimasta con la bocca aperta, mentre lui prese subito il movimento e rivolto alla telecamera ancora una volta ripetendo il mio titolo quello che avevo vinto disse come se si stesse rivolgendo al pubblico
…mamma come è entrato bene tutto ragazzi sta propio bagnatissima la nostra ex miss c, fino alle palle gli entra ragazzi
Mi ha scopata cosi per un po, poi mi ha fatta girare con la faccia rivolta alla telecamera sempre nella stessa posizione a pecora, ma vedermi quella telecamera che mi riprendeva in viso, mi disturbava, mi vergognavo da morire e mentre lui mi scopava io stavo a testa bassa ansimando anche per le dimensioni del suo cazzo, lui parlava
…ti piace il mio cazzo sarà?
E io a testa bassa ho detto si, ma a lui non bastava, mi prese dai capelli come prima e tirandomeli un po indietro per forza dovevo stare in posizione naturale con la testa alzata e il viso proprio davanti la telecamera, ansimavo e guardavo quell’obbiettivo della telecamera, ero consapevole che in quel momento tutti mi avrebbero potuta vedere benissimo in viso e lui fai nuovo
…ti piace il mio cazzone sara
E io ansimavo ma non ho risposto e lui in dialetto campano
…rispunn miss c. ti piace il mio cazzone?
Io …si.
Lui …brava accussì mi piaci miss c.
E mi ha dato uno schiaffo su una natica
…non fare la timida che non sei più miss c. Ormai
So solo che a parte la vergogna sentivo la mia fica gocciolare il rumore dei miei liquidi un altro orgasmo la pelle d’oca rossa in viso un mio grido …ahhhhhh, in contemporanea mi ha tolto il cazzo dalla fica e davanti la bocca non ho fatto in tempo ad aprire come lui voleva e mi sono arrivati 3 schizzoni di sperma sulla faccia chiudendo in tempo un occhio perche uno schizzo mi è finito sull’occhio sinistro mentre gli altri due mi hanno imbrattata la faccia e sporcato i capelli.
Avevo le gambe molli ero sfatta sporca di sperma bagnata dei miei liquidi, lui che è andato a spegnere la telecamera , ero stordita non ero andata la per fare questo, avevo fatto un casting porno in piena regola, mi disse qua ci sono i soldi per il casting erano 2000 come aveva detto, mi disse di firmargli un foglio, la liberatoria, poi mi ha mandata a fare la doccia.

Se volete commentarmi saramodel2000@outlook.it
di
scritto il
2024-04-14
5 . 2 K
visite
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.