Giochino in tre: 33° atto "Io e G."

Scritto da , il 2022-06-18, genere orge

Giochino in tre: 33° atto “Io e G.”
Sono a casa, in bagno sul bidet e mi sto masturbando perché non ne posso più vista la giornata trascorsa tra lo scrivere e il leggere dei racconti erotici.
La porta si apre e entra G. a cui ho dato per ogni evenienza la mia chiave di casa.
Mi vede così e mi chiede perché non ci abbia chiamato e io ho risposto che è domenica e le ragazze sono andate al mare.
G. non mi dice nulla, mi tira su dal bidet, mi pulisce la fica con l’asciugamano da bidet e mi porta in camera e mi fa vedere quanto ce l’abbia duro.
Io dico che voglio essere presa alla pecorina così mi metto a bordo letto e lui inizia a penetrarmi con forza e vigore dicendomi che sperava di trovarmi sola perché proprio ne aveva tanta voglia. Certo poi bisognerà dirlo alle altre due che sicuramente si ingelosiranno di questo nostro incontro a due.
Io mi lascio andare come non mai anche se sono passati appena due giorni dall’ultima volta in cui l’ho fatto.
Non c’è nulla da fare, G. mi fa godere veramente molto e io vengo e lui sborra talmente tanto che la sua sborra mi va lungo le gambe.
Io allora mi metto a sedere e con aria birichina gli faccio vedere come assaporo la sua sborra che prendo con le mani.
G. mi dice che dobbiamo fare la doccia viste le mie condizioni così andiamo lui mi lava, mi accarezza, mi fa sospirare e lui capisce e si mette a leccarmela mentre nel frattempo abbiamo spento la doccia.
Si me la lecca con me in piedi in una posizione scomoda, ma in cui, provo davvero un piacere incredibile che esplode con un orgasmo veramente potente e animalesco.
Lui si ri è eccitato e lui mi fa capire a gesti che vuole la mia bocca e io me lo metto tutto in bocca, tutto tutto, facendolo godere come non mai con grugniti animaleschi.
E poi finalmente ho la sua sborra in bocca che assaporo un po’ e poi ingoio tutta come se fosse la più prelibata delle pietanze.
Ci finiamo di lavare e andiamo a letto dove ci mettiamo a cucchiaio con G. che mi accarezza il seno e con l’altra mano la fica finché non si mette a masturbarmi lentamente facendomi ulteriormente bagnare e venire con grida selvagge.
Sul culo mi fa sentire il suo cazzo durissimo e quindi gli dico che vorrei un rapporto anale e lui mi prepara il buchino del culo con della vaselina e poi in un solo colpo è dentro e poi si muove lentamente facendomi ancora venire mentre sento la sua sborrare dentro il buchino.
Gli dico che siamo veramente incorreggibili e lui mi risponde che non c’è nulla di male nei nostri giochi erotici e molte persone bacchettone, in realtà, vorrebbero scopare e godere quanto noi due e soprattutto quanto noi quattro.
Penso alle altre due e gli domando se ha goduto di più oggi o con tutte e tre. E mi risponde oggi perché così si è riposato. Però ci adora tutte e tre, siamo differenti, ma ugualmente eccitanti.
Quindi, ci mettiamo a riposare veramente, questa volta.

Questo racconto di è stato letto 8 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.