Una moglie integerrima chiede consigli

Scritto da , il 2021-11-25, genere tradimenti

Storia come sempre vera. Le fantasie le vivo non le scrivo.

Una mia cara amica sposata con uno, scusatemi, stronzo che non la considera, spesso si confessa con me per cercare di resistere alla tentazione di lasciarlo.

Visto che hanno un figlio cerco sempre di farla ragionare e al limite di essere più comprensiva nei suoi confronti visto che fa un lavoro duro, ma onestamente lei ha tutte le ragioni di questo mondo ed inoltre lui mi era già profondamente antipatico fin da giovane.

Questa vicenda nasce da un viaggio che i due avevano programmato senza il figlio per cercare di ritrovarsi.

Detto che questa donna ha sempre avuto una particolare simpatia per me fin dai tempi della compagnia giovanile e difatti è stata lei a chiedermi di rimanere in contatto
anche da sposati anche con vite e amicizie oggi non più in comune, credo che questa volta sia uscita la mia anima direi bastarda.

“Ciao Bruno, come sai la settimana prossima partiamo da soli per Minorca, non è ho la minima voglia”

“Simona cerca invece di trovare il lato buono, magari vi serve. Perché ad esempio non vai a comprare qualcosa di bello per il viaggio?””

“Avessi il tempo , inoltre non ho voglia di comprare qualcosa che poi collegherò sempre a quei giorni”

“Il tempo lo si trova amica mia, se vuoi ti aiuto nella scelta, mi sembra di ricordare che consideravi molto i miei giudizi”

“Vero, beh questo mi piace e si può fare.. dai ti scrivo domani mattina , prendo un paio d’ore di permesso al lavoro”

Alle 12 mi arriva sulla mia pagina mail una sua foto che la ritrae con un completo intimo che secondo me non la valorizza, le rispondo subito.

“Sincero? Ti dona, però scusami, è un po’ troppo scialbo, soprattutto nel modello”

“Cosa intendi Bruno?”

“Secondo me dovresti osare di più, cavolo guarda che cosce che hai, sii più audace, più sexy.”

“Ti piacciono le mie cosce? ma dai, davvero?”

“Sono spettacolose e quindi devi valorizzarle, penso ad una brasiliana che va di moda, sarebbe più indicata”

“Scherzi vero? ho 42 anni, si vedrebbe tutto, non sono mica una ragazzina in cerca di fidanzato!”

“Simona con quell’intimo sono convinto che lui avrebbe sguardi solo per il tuo culo. Hai un culo che se non smetto di guardare.. cambiamo discorso che è meglio”

“Il problema è che mi vergogno un sacco”

“Insomma ti lamenti sempre che non ti guarda, che ti senti invisibile davanti a lui. Allora eccitalo, fagli tirare il cazzo come sta accadendo a me ora”

“Bruno!! ma che cosa dici.. ci devo pensare. Ora devo andare, ci torno alle 1630 dopo il lavoro”

Ero eccitato da matti, sapendo che lei era davvero morigerata e casta nel vestirsi, il solo fatto che le stavo installando dei dubbi faceva crescere dosi massicce di adrenalina dentro di me.

Nel pomeriggio stavo lavorando nel mio ufficio quando vedo arrivare una seconda foto.

Guardo l’orologio: 1635… Non aveva perso tempo e difatti
la foto la ritraeva in un camerino con un intimo brasiliano a modellarle il culo e un reggiseno che realmente è una seconda pelle tanto è attillato

“Ehm mi vergogno da matti, intendevi questo Bruno?”

“Simona se non fossi tuo amico , ti raggiungerei in quel camerino e ti aprirei in due …sei una figa da urlo”

Lo era davvero.. e avevo notato che di sicuro era passata da casa in quanto aveva indossate scarpe con tacco alto e non più tipo ballerine come in mattinata.

“Bruno! Sono sposata, non ti facevo cosi porco!! E poi è troppo audace per me ”

“Finiscila Simona, da giovane ricordo bene che amavi farti vedere e provocare, inoltre è per lui non per me…”

“Sei convinto che davvero io lo possa indossare?”

“Eccome. E ti consiglio di prenderne uno simile per la spiaggia. Ti immagino sdraiata sul lettino, gli sguardi di mariti e fidanzati sconosciuti, che ammirano il tuo essere una gran figa, mentre lo stronzo legge la Gazzetta, senza farsi notare da mogli e fidanzate fantasticando su cosa farebbero a quel culo perfetto.”

“Ora ti chiamo cosi te ne dico due” vedo il suo numero che appare

“Allora la pianti con queste stupidate Bruno?” lo dice decisa, ma la sua voce tradisce un filo di eccitazione.

“Stupidate? è allora come mai mogliettina fedele prima di tornare al negozio ti sei cambiata le scarpe? Forse per avere una forma più slanciata che evidenziasse ancora meglio il suo bel culo e quindi farmi tirare il cazzo?”

So di averla colta di sorpresa, biascica qualche mezza parola

“Ma… non è come ..cre ..di”

“Invece è cosi Simona….quindi ora cerca un costume che mi piaccia.. hai tempo 5 minuti”

“Per cosa?

“Per mandarmi una foto e farmi vedere quanto esalta quel tuo bel culetto!”

“Che dici, ma per chi mi prendi!!”

Senza dire nulla chiudo la telefonata

Il tempo scorre lento, ma inesorabile, non appena trascorsi i 5 minuti vedo comparire un suo post. Indossa un costume ridotto che esalta la sua femminilità.

La chiamo

“Brava Simona… il riflesso dello specchio alle tue spalle…mmmm lascia che io lo ammiri… a lungo”

“Oddio ma allora sei proprio un depravato, mi fai sentire nuda mamma mia!”

“Se ben ricordo ti piace ballare , lo indosserai una sera in un locale. Farai in modo che durante la danza la gonna salga per mostrarlo a chi ti guarda e…
ricorda di pettinarti bene la figa quella sera.. in quanto si vedono dei graziosi peletti che fuoriescono.”

“Ma…madonna santa, ma tu pensi davvero che io possa fare quello davanti a lui?”

Avevo notato che stavolta non vi era stato un no come prima, ma solo il dubbio della presenza del marito. Capivo che stavo vincendo a poco a poco le sue ritrosie.

“Simona un culo come il tuo non deve essere nascosto e vedrai che anche lui ti guarderà e non solo… Sentirai sguardi eccitati e arrapati, ti sentirai voluta e nuda”

“Smettila mi stai facendo vergognare.”

“Ma dai, ti lamenti sempre che lui non ti guarda più, ora con i miei consigli hai l’occasione giusta per rivitalizzare il tuo rapporto.”

“Sei un stronzo, ma ok mi hai convinto prendo anche questo.”

“Brava Simona scommetto che quando lo metterai nella confezione…profumerà della tua figa eccitata”

“Ma…ma …. piantala Bruno altrimenti la chiudo qui….” la sua voce tradisce altro

Senza nemmeno considerare le sue parole le dico

“Ora manca un bel vestitino per una serata romantica e piccante”

“Si ciao, romantica con quello, me la sogno da anni una cosa simile”

“Simo, lo stato della tua figa ora…dice che hai bisogno di altro non di romanticismo. Dice che hai bisogno di sguardi, di attenzioni pesanti, di complimenti audaci,
di mani sul tuo corpo che non siano le sue”

“Dio Bruno…ma questi sono pensieri da donne di strada…”

“No sono i pensieri di una donna che vuole tornare a vivere e a farsi giustamente desiderare, su ora esegui che non ho tempo da perdere”

“Ehm si.. si.. dammi qualche minuto”

Passano circa 15 minuti e mi arriva la solita mail con allegato.

Sorrido non appena la apro, sorrido come uno che è un filo bastardo dentro.

Indossa un vestitino a pezzo unico con gonna al ginocchio con spacco davanti che nella foto lei evidenzia con la posizione di una gamba, spalline sottile e bottoni sul petto

Per alcuni istanti non rispondo alla mail e difatti ne arriva subito un’altra stizzita

“Insomma mi dici di fare in fretta e poi sparisci?”

“Scusami ma ci vuole del tempo per assaporare la visione di uno spettacolo che mi costringe ad aprire la lampo dei pantaloni..”

“Cazzo Bruno dai non fare lo scemo”

Come se non avesse detto nulla

“E prendermelo in mano partendo dal basso con movimento lento, ma continuo in quanto quello che vedo è uno degli spettacoli più arrapanti che io abbia visto”

Passano due minuti e vedo apparire il suo numero sul cellulare.

“Sei un porco, bastardo…. ma i complimenti mi piacciono….mi trovi cosi….sens..uale? ”

“Ti rispondo solo se ora porti una delle tue manine curate, da perfettina, nello spacco….e la passi sopra lo slip”

“Ma Bru..no non..posso…dai… sono spo..sata”

“Ci tieni al mio giudizio mi pare e finora ti è stato utile vedo… dimostrami quanto”

“Od..dio ma che co..sa sto facendo… mmmm la mia mano….non riesco…a ferma..la”

“Brava piccola… cosi passala lenta… pensa all’effetto che farai a lui e a chi ti guarda in questa vacanza”

“mmmm cos..a mi fai fare…. mi sto eccita..ndo ..è assu..rdo”

“No SImona ne hai bisogno…. lo vuoi…. vuoi sentirti bramata, usata, degna di attenzioni.. di tutti i tipi, sfrega il clito sotto lo slip”

“mmmmmm si mmmmm Dio che bello… non l’ho mai fatto, è tutta colpa della tua voce da bastardo…”

“Non è vero Simona… la tua voce dice che hai voglia di sentirti troia… di uscire dagli schemi… di eccitare”

“mmmmm lo sto face..ndo…. non riesco…a respirare bene…. ho brivi..di ovunque… mmmm porco”

“Vero Simona lo sono e non sai quanto… ora lasciati andare…lascia che l’orgasmo ti prenda con forza…. la mia mano..è umida..per te”

“aagggghhh siii mmmmmm vengo…oooo mio Dio… vengoooo ”

La sento ansimare senza riuscire a parlare per diversi istanti

“Bruno…è stato… è stato emplicemente…pazzesco….non mi accadeva cosi da un’eternità”

“Bene Simona… ne sono felice…. ora riprenditi e domani penseremo alle scarpe”

Logicamente non finì qui, se vedo che questo racconto piace, lo continuerò con piacere visto che ricordare momenti eccitanti

lo sia come poche altre cose nella vita

Quella sera stavo guardando la televisione quando mi arriva un messaggio

“Scusami Bruno se ti disturbo, ma… ma continuo a pensare a oggi”

“Nessun problema e a cosa pensi dolce mogliettina?”

“A quanto è successo, alla tua voce che mi penetrava, a quello che ho fatto, lontano anni luce dalle mie consuetudini”

“Sei bagnata Simona”

La immagino sorpresa e difatti cercando di cambiare discorso, lei passa a quello che ancora mancava da acquistare l’indomani

“Verso che ora sei libero domani per darmi qualche consiglio sulle scarpe?”

“Sei bagnata… ammettilo”

“Io potrei verso le 1130, avrei due ore”

“Sei un lago tra le cosce mentre mi scrivi, o lo ammetti o puoi scrivermi 100 sms che non ti rispondo più”

Passano due lunghi minuti poi un suo sms, laconico, una resa

“Vero, sono fradicia, sei un bastardo”

“Lo sei perché so leggerti dentro Simona. Perché hai bisogno di me e non solo come amico…da oggi..”

“Cosa vuoi dire con queste parole?”

Senza darle retta

“Dove è quello stronzo di tuo marito?”

“Dove vuoi che sia, in salotto a guardare calcio, se propongo altro si litiga sempre, il bimbo invece già dorme”

“Bene ora vai sul divano con lui… indossa una tuta, ma sotto sarai completamente nuda”

“Ma sei pazzo? non lo farò mai. Tanto poi non mi guarderebbe lo stesso”

“Oh si che lo farai mammina, ti senti tanto troietta con la figa allagata e sei curiosa di sapere cosa ho in mente. Dieci minuti per scrivermi”

“Neanche per idea, visto che fai cosi vorrà dire che da domani tornerò a fare le mie spese da sola. Ciao”

Non le rispondo. Comincio a toccarmi lentamente mentre mia moglie continua a guardare la fiction di Rai Uno senza accorgersene.

Il tempo trascorre, un minuto, tre, cinque, dieci. Nulla. Il mio fallo è in ogni caso di marmo per la situazione che mi eccita da matti.

Dopo circa 15 minuti..

“Sono accanto a lui sul divano… nuda sotto…bagnata…. calda….. come non lo ero da tempo immemore”

“Stai composta sul divano Simona, sapevo avresti scritto”

“Ho lottato per non farlo, più volte ho cominciato a scrivere quel sms per poi cancellarlo, ma… mi sei dentro, sento la tua voce di oggi, mi scopa lentamente”

“Senza farti vedere dal cornuto metti una mano sopra la tuta all’altezza della figa e stimola il clito”

“Non permetterti non è un cornuto!! non l’ho mai tradito, mai!”

“Sei fradicia per me da oggi, stai per eseguire i miei ordini nuda senza che lui lo sappia”

“Hai ragione su questo, ma non è un cornuto”

“Lo sarà presto Simona, sei nervosa nelle tue reazioni perché stai provando per la prima volta delle sensazioni nuove con prospettive.. diverse”

“Sei pazzo io non lo tradirò mai anche se mi guarda poco e ancora meno mi considera”

“Rispondi cosi perché il tuo corpo dice altro, la tua mente comincia a lottare una battaglia nuova. Perché ti senti un’altra”

Passano due tre minuti

“Vero, tu mi stai regalando sensazioni nuove, che non nascondo mi eccitano, ma mai arriverò a fargli le corna”

“Toccati… ORA”

Altra lunga pausa, la immagino combattuta, sa che sta perdendo e che se obbedirà ora , forse avrà già perso

“mmmm lo sto facendo…. porco”

“ti vedo … i capezzoli cominciano a spingere contro la maglietta.. tra poco si vedranno in quanto sono grossi e sensibili”

“ma.. ma come fai a sapere come sono i miei capezzoli…”

“cosa pensi che guardavo nelle foto che mi hai inviato ieri e nel pomeriggio troietta”

“che maiale…. ed io che ti facevo amico… e non chiamarmi cosi”

“come devo chiamare una mogliettina che si pensa fedele e che è nuda accanto al marito inconscio che si sta toccando per un altro”

“che stronzo.. cosa mi fai fare … ma non riesco a fermare la mano…. sto colando è assurdo”

Volutamente mi fermo e non le scrivo più per alcuni minuti

Dopo circa 7/8 minuti mi riscrive

“ti prego Bruno… non lasciarmi… scrivimi… ho voglia delle tue parole… dei tuoi ordini…. non lo pensavo possibile, ma è cosi”

“con la mente lo stai già facendo cornuto vero Simona?”

passa un lungo minuto, una risposta che potrebbe cambiare le cose per le e tra di noi

poi una sola parola che credo sofferta per le conseguenze che potrebbe generare

” si ”

“la tua figa si sta contraendo e pulsa impazzita a contatto con la tua mano vero mogliettina”

” si ”

“e si contrae per che cosa Simona”

“perché mi ecciti, da morire, mi stai scavando dentro e trovando una Simona che non credo sia mai esistita”

“due dita”

“co.. cosa Bruno?”

“hai capito bene…. due dita….”

“ma… e se mi vede o capisce…è qui accanto a me..”

“chi ti è accanto Simona?”

“che domande, mio marito, il bimbo dorme te l’ho già detto”

“lo ripeterò una sola volta Simona, chi ti è accanto?”

passano due tre minuti poi la risposta che in cuor mio sapevo sarebbe arrivata

“ho accanto il cornuto”

“scopati….lentamente…. pensa alla mia voce….”

“mmmmmm mi fa impazzire….calda…bassa… mmmmm ”

“sempre lenta Simona.. assapora quello che stai provando….. il piacere.. la tensione erotica con il cornuto accanto…”

“Dio mio sei incredibile….mmmmm….. ho le dita fradicie… lui guarda la partita e manco si accorge di sua moglie cosi”

“Cosa pensi sia un uomo simile oltre che uno stronzo?”

“Un cornuto mmmmmm si voglio farlo ..cor..nuto mmmmm sto per venire …non esiste..”

“Invece esiste Simona… da oggi non sono più solo uno dei tuoi migliori amici…. vero Simona?”

“mmmmmm si Bruno…. sei un bastardo…. ma mi stai domando…cambiando… mmmm che bello..”

“ora tre colpi secchi…con forza…. scopati da vera troia”

“mmmmm si cazzo mi stai trasformando in una troia… mmmmm ”

“la mia troia mogliettina”

“porco…. due giorni fai ti avrei mandato a quel paese…ora sentirmi chiamare troia..mmmmmm vengooo mamma ….”

La lascio riprendersi senza scrivere

Dopo qualche istante mi scrive ancora

“Bruno non hai idea dell’orgasmo che mi ha preso…. ho morso il tessuto del divano per non mugolare o peggio”

“sei stata brava….. domani mattina alle 7.30 guarda il cellulare, ti manderò istruzioni su come vestirti al lavoro e per le scarpe”

“Va bene porco, ma non esagerare ti prego”

“Osi mettere in dubbio un mio programma? scusati subito”

Non lo fa immediatamente, probabilmente capisce che è ad un punto di non ritorno, ma dopo qualche istante

“scusami, eseguirò i tuoi desideri…”

“brava mogliettina e ora non pulirti ne lavarti, a letto ci andrai esattamente come sei…”

Anche in questo caso non scrive immediatamente ma dopo un paio di minuti

“sei un porco bastardo… ma mi piace da morire tutto questo quindi… va bene…. notte Bruno”

La notte scorre meno tranquilla di quel che pensavo.

Ammetto che l’aver scoperto la natura nascosta di una mia cara amica, conosciuta da sempre come un altro tipo di donna, mi eccita molto.

La immagino nel letto dopo la serata davanti alla televisione a porsi mille domande su quanto accaduto nelle ultime 48 ore della sua vita

Sono spesso duro ad immaginarla stesa accanto a quello che una volta non avrebbe mai pensato come a un possibile cornuto.

Mi domando se la mattina dopo la ritroverò come l’ho salutata poche ore prima.

Quando alle 7.30 accendo il mio cellulare, immediatamente me ne vengono scaricati due suoi mandati in precedenza.

Ore 2.45 “non riesco a dormire, continuo a toccarmi, sono un lago, non vedo l’ora sia giorno”

Ore 7.15 “mio marito, anzi il cornuto, è uscito con mio figlio, sono sola, aspetto i tuoi ordini”

continua

mastermind1755@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 4 8 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.