Il sesso ipocrita

Scritto da , il 2021-10-15, genere pulp

Mi piacevi quando mi guardavi con quegli occhi incastonanti nella matita nera, enfatizzando il turgore delle tue labbra tinte di un rossetto che reclamava più che altro il cazzo con smorfie innaturali, la donna si autodetermina ed è giusto che usi le sue armi per reclamare il cazzo qualora ne abbia voglia.

Eri brillante, intelligente, mi tenevi testa, ma eri tanto, tanto ipocrita. Ciò che usciva dalla tua bocca aveva il sapore della tua capacità di distogliere l’attenzione dall’argomento sostenuto da chi ti contestava e lo facevi reclamando il cazzo, il che suscitava erezioni negli uomini e invidia nelle altre donne.

Sono sicuro che sia stato proprio questo che ti ha fatto decidere di volermi scopare, io ti avevo scoperto. Non facevo neanche troppa resistenza, casa tua casa mia, avevi un odore inebriante e movenze irresistibili, ti scopavo la fica e il culo e tu mi scopavi il cazzo, patto alla pari, io ti disprezzavo e tu nemmeno ti ponevi il problema.

Mentre ti scopavo la fica spesso l’erezione mi abbandonava perché riaffiorava, di tanto in tanto, la sensazione di fastidio che provavo quando ti sentivo parlare, quando sentivo sulla lingua il gusto metallico della tua ipocrisia, allora lo toglievo dalla fica e te lo mettevo nel culo, senza troppe remore, perché ti volevo punire, e a te piaceva. Godevi nel farti punire così perché forse era l’unico modo tutto sommato piacevole per espiare ciò che non perdonavi neanche a te stessa. Io ero ipocrita, tu altrettanto.

Questo racconto di è stato letto 7 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.