Le Fantasie Diventano Realtà

Scritto da , il 2021-10-14, genere incesti

Ciao a tutti molto piacere mi chiamo Simone ho 20 anni (classe 2001) nato a lecce ma attualmente vivo con i miei a torino vicino il centro zona molto commerciale ed è una movida ogni weekend quindi sempre molta gente in giro.
Sono una persona molto socievole, dicono anche divertente e molto carino dai complimenti che mi vengono fatti.
Sono alto 1,72 cm e peso 69 kg fisico atletico, mi piace stare sempre in movimento, pratico molto sport tra qui il nuoto e gioco in una squadra di calcio, mi alleno due volte a settimana in palestra con il mio istruttore.
Ho le spalle larghe, muscoli evidenti sul torace e una bella tartaruga visibile anche quando non faccio sforzi.
Ho i capelli neri, corti, con il ciuffo tirato all'indietro, occhi verdastri, quindi non sono la perfezione ma faccio la mia bella figura.
Mi piace curarmi, quindi creme per la pelle, massaggi rassodanti e vado una volta al mese dall'estetista per farmi fare la ceretta e dare una sistemata alle sopracciglia.
Ad esempio sull'inguine e sui testicoli dove non lo fanno, me ne occupo io quando faccio la doccia ogni settimana, quindi sono sempre liscio anche per una questione di igiene.
Innanzitutto vi ringrazio per aver trovato il tempo di leggere il mio racconto, vi anticipo già da subito che questa storia è vera perché sono fatti accaduti realmente e li ho vissuti sulla mia pelle ed è anche per questo che cortesemente vi chiedo di non insultare le persone presenti nel racconto con commenti fuori luogo, grazie in anticipo e ora inizio il mio racconto…
Buona lettura a tutti!

Ricordo che era una domenica, ed era il 6 gennaio del 2019, un mese abbondante prima che il covid arrivasse in Italia.
Io avevo 18 anni compiuti esattamente il primo dell'anno.
Quella domenica ero a casa mia con mio padre, mia mamma, mia sorella e avevamo invitato la sorella di mia mamma quindi mia zia con suo marito e la loro figlia nonché mia cugina, di nome Monica più grande di me di un anno quasi, nata nel 21 marzo del 2000.
Ve la descrivo: È alta 1,62 cm, bionda naturale con i capelli mossi, occhi azzurri come l'oceano, mani sempre ben curate avendo la mamma che fa l'estetista, quindi unghie diverse ogni settimana e con un fisico spettacolare, magrolina, ma ha le forme perfette, un culetto alto e un seno sodo anche se non troppo grande, direi che potrebbe portare una terza ecco.
È una di quelle ragazze che si vedono in giro, molto bella e graziosa e se ne vanta abbastanza di questa cosa, quindi non è una preda facile per i maschietti, è molto intelligente e non si lascia prendere in giro, e il suo sogno non è trovare il principe azzurro, sposarsi e avere dei figli, certo non gli dispiacerebbe in un futuro ma ora come ora lei vorrebbe solo girare il mondo, conoscere tante persone e non perdersi niente che la vita gli dona.
Io sono sempre stato attratto da lei ma credo sia normale non gli manca niente, e molto simpatica, ironica, carismatica e poi è una gran bella ragazza, con quel tono di voce raffinato, simile a quella delle attrici di PornHub, quindi anche molto sensuale.
È la tipica ragazza che tutti i boys vorrebbero al loro fianco, a volte rompe tanto i coglioni e vuole avere ragione su tutto e tutto deve essere come dice lei, però dai sinceramente quale altra donna non è così? Ma oltre a questo lei è speciale ed ha un cuore grande, sa ricevere e donare il doppio, ed è una vera amica per me oltre che una cugina fantastica.
Ma torniamo a quel giorno, ricordo il pranzo tutti insieme, un pranzo completo che stavo per esplodere. I miei poi decisero nel pomeriggio di fare una gita in montagna esattamente ad aosta per staccare un pò dalla città, e passare un pomeriggio diverso con la famiglia visitando la Valle D'Aosta.
Ma io detto sinceramente dopo aver mangiato così mi venne una sonnolenza che non avevo proprio voglia neanche di uscire di casa, gliel'ho dissi che non sarei andato, infatti non insistirono più di tanto.
Ma mia cugina Monica non era così d'accordo che loro andavano comunque a passare una bella giornata e che io stavo da solo in casa magari a dormire tutto il giorno o comunque ad annoiarmi, quindi Monica decise di stare a casa con me e chi aveva il coraggio di contraddirla?
A me faceva solo piacere di passare un po di tempo con lei e gliel'ho anche detto, e mi rispose per il mio cugino numero uno questo è il minimo.
La ringraziai e rientrammo in casa dopo aver salutato gli altri, diretti in salotto ci accomodammo sul divano seduti e accendemmo la tv.
Non c'era nulla di bello da vedere e ci stavamo annoiando, tanto che le dissi che sarei andato un po in camera mia a fare una video con i miei amici.
Mi guardò e mi chiese: amici o amiche?
Sorridendo le risposi entrambi.
Lei aggiunse… si certo come se preferisci i maschi alle femmine, voi maschi cercate sempre le femmine perché avete un pensiero fisso.
Io gli dissi ok può essere ma anche voi femmine cercate sempre i maschi alla fine la natura è questa.
Mi disse vai vai ci vediamo dopo, risposi va bene a dopo e fai come se fosse casa tua.

Ed ecco la verità… volevo andare in camera mia per un semplice motivo, avevo voglia di sfogarmi, stare da solo in casa con mia cugina, che è tanto figa e super sexy che mi stimola in modo particolare, mi ha fatto venire la voglia di prenderla e spogliarla, ma è sempre mia cugina non la mia fidanzata quindi non potendo avverare quei desideri mi chiusi in camera, mi sdraiai sul letto appoggiando il portatile sulle gambe e ovviamente sono subito andato su PornHub nella categoria dove fanno sesso con la cugina.
Cliccai su un video amatoriale quindi due cugini veramente hanno fatto sesso filmandosi, mentre lo guardavo ero molto concentrato e non nascondo che immaginavo io e monica in quelle scene.
Pochi minuti sono passati, e già sentivo di avere una leggera erezione, vedevo la patta della tuta prendere forma e gonfiarsi sempre di più.
Dopo qualche altro minuto lo sentivo proprio tirato e mi faceva male perché era imprigionato nei boxer, a quel punto con una mano entrai sotto i pantaloni e scostai le mutande per farlo uscire almeno era libero anche se sempre dentro la tuta.
In piena erezione tanto da puntare sul pantalone e mettersi in evidenza di tutta la sua forma e lunghezza.
Super eccitato com'ero che si notavano chiaramente le pulsazioni cattive che aveva.
Il video mi stava mandando fuori di testa, il mio pene di 23 cm spesso come il salame da tagliare e quei testicoli gonfi, tanto pieni da troppo tempo ormai, era giunto il momento di svuotarmi, dovevo per forza sfogarmi in qualche modo, dovevo spararmi una sega, Immaginando che in quel video eravamo io e Monica.
Abbassai leggermente i pantaloni della tuta e i boxer e liberai la bestia dalla gabbia, molleggiò fuori con dei sussulti in tutta la sua piena erezione, ormai già scappellato e le vene in sforzo che pulsavano talmente era duro.
Oscillava a mezz'aria, più continuavo a guardare il video e più mi autostimolavo senza neanche toccarlo, sentivo tutta quella voglia calda intorno alla cappella, quel senso di sborrare che mi solleticava il filetto, ormai ero andato del tutto ed era giunto il momento di scoparmi mia cugina anche se solo nella mia testa.

Fisso con lo sguardo sul porno, e con una mano iniziai a toccarmi le palle, a massaggiarle, e mi provocava un'eccitazione ancora più forte, poi con un dito mi solleticai il filetto sotto la cappella, provocai dei sussulti prepotenti, a quel punto non ci vidi più lo presi e lo strinsi dentro la mia mano, e iniziai a fare su e giù lentamente, i brividi mi passarono per tutto il corpo, nel video la cugina lo stava spompinando, lo prendeva in bocca fino alle palle, poi si mette a pecora e lo prende tutto nel culo, io in quelle scene aumentai la velocità della sega, e godevo cazzo se godevo, ansimavo a bassa voce, mugolavo di piacere e stavo anche iniziando a sudare.
Volevo godermi a pieno quel momento chiusi gli occhi Immaginando che sopra di me ci fosse Monica, e continuavo a scappellarmi totalmente ad un ritmo frenetico e fuori controllo.
Dopo una mezz'ora sentivo che stavo per venire finalmente stavo liberando la mia voglia, sentivo quella sensazione in arrivo quella dell'orgasmo.
Ho percepito le prime gocce uscire e appiccicarsi tra le dita, e anche il cazzo farsi ancor più duro, ancora con gli occhi chiusi perso nel segarmi di colpo sentí il cazzo vibrare, tanto da spostarmi tutta la mano in direzione dei suoi sussulti.
Ecco sentivo il liquido salire dalle palle, lungo tutto il cazzo, passando dalla vena sotto che stringevo con la mano, fino ad arrivare sulla punta ed ecco che di colpo spruzzai, stavo sborrando, sentivo tutto il liquido scivolarmi sulla mano fino al braccio, uno schizzo dopo l'altro che volava a mezz'aria fino a cadere sulla maglietta.
Gemevo, e i miei versi erano già più acuti, continuavo a segarmi con violenza e dopo 5...6 schizzate belle spesse mi ritrovai pieno del mio stesso sperma, e con il cazzo ancora in piena erezione.
Ancora su e giù qualche altra volta tirando bene la pelle fino a far rimanere fuori la carne cruda, ormai diventata quasi rossa con i capillari evidenti per l'estrema erezione ancora viva, le ultime strizzate per far uscire l'ultimo liquido rimanente, e dopo essermi svuotato del tutto continuavo comunque ad avere il cazzo in piena erezione ricoperto anche esso di sperma ancora bollente.
Rimasto senza forze con ancora il fiatone in gola riaprii lentamente gli occhi, guardando il cazzo completamente bianco ma ancora così duro che ancora pulsava.

Mentre torno alla realtà e comincio a riprendermi prendo il portatile e lo appoggio sul comodino, mi rigiro alzo lo sguardo e noto una presenza sulla soglia della porta della mia camera,
Di colpo aumentarono le palpitazioni, perché io ero li ancora sul letto in piena erezione e ricoperto di sperma, mi presi male e iniziai a sudare freddo.
Alzai lo sguardo mettendo a fuoco e non ci potevo credere, era mia cugina, mi guardò e sorrise, come per prendermi in giro.
Le dissi Monica ma cosa ci fai qui? (Mentre mi coprivo con il lenzuolo per nascondere l'evidenza)
Smise di ridere e rispose : Scusa simo ero venuta solo a chiederti se volevi un po di gelato.
Simone: E non potevi bussare prima di entrare?
Monica: Lo so hai ragione scusami ma non credevo di trovare mio cugino in camera in questo stato
Simone: Ma è la mia camera io qui posso fare cosa voglio e per curiosità da quanto tempo che sei qui?
Monica: Quanto basta Simo, diciamo dai tuoi orgasmi, ma stai tranquillo non lo dirò a nessuno
Simone: Ma cazzo Moni non ti ho proprio sentita entrare, scusa se hai dovuto assistere a tale scena, ma veramente non ti ho proprio sentita neanche aprire la porta
Monica: No scusami tu Simo dovevo bussare la prossima volta lo farò, e comunque non mi è dispiaciuto guardarti mentre ti masturbavi, tra virgolette anche di nascosto perché tu non lo sapevi, e puoi credermi è la prima volta che vedo un uomo autostimolarsi fino all'orgasmo e non è stato male, eccitante direi.
Simone: Moni io non so cosa dire, ma oltre ad essere in imbarazzo mi sento anche un povero sfigato a vent'anni segarmi ancora guardando i porno ed essere sorpreso pure da mia cugina, cazzo che figura di merda.
Monica: Tranquillo cugi, se devo dirti la verità mi è piaciuto e mi ero presa bene, poco prima che cominciavi a sborrare che intuí dai tuoi versi, mi portai una mano dentro i leggings e le mutande e iniziai a toccarmi il clitoride, e me la lisciavo da sotto a sopra, era eccitante vedere il tuo cazzo duro, tanto da essermi bagnata, ancora adesso lo sono, quindi tranquillo finisce qui la cosa.
Simone: Ok, grazie cugi, ti voglio bene. Però sai una cosa… tu mi piaci!
Monica: Cosa? In che senso?
Simone: Si Moni, io mi sono segato guardando un porno tra cugino e cugina, ho chiuso gli occhi per immaginare che al posto della mia mano c'eri tu. Mi dispiace Monica ma tu mi piaci e mi ecciti, sei mia cugina lo so ma non ci posso fare niente, mi provochi qualcosa dentro, che mi porta a fare questo.
Monica: Cazzo, e perché non me l'hai mai detto? Sono perplessa adesso, così mi lasci sorpresa e incredula… ma mio dio!
Sai… siamo cugini ok, ma anche io ho sempre avuto una cotta per te, sei figo e sei molto divertente, e hai sto fisico che mi attrae e ti ripeto mi sono eccitata prima, e vedere il cazzo duro di mio cugino non è cosa da tutti i giorni, me ne sono anche approfittata iniziando un ditalino, ero e sono tutta fradicia e ancora adesso sono qui a parlarti con il fuoco acceso, e sapere che sotto quel lenzuolo si nasconde il tuo cazzo pulsante grazie a me, provoca ancor più emozione in me tanto da voler fare una grossa cazzata.
Simone: Non te l'ho detto semplicemente per vergogna e perché non è una cosa giusta tra cugini piacersi. E puoi credermi, tieni! (Mostrandogli il video sul portatile) Guarda!
E cosa pensi adesso di me?
E cosa mi dici su ciò che hai visto?
Da ragazza, sincera… ti piace il mio cazzo?
E poi come fai a sapere che in questo momento sta pulsando?
Monica: Non sarà una cosa giusta Simo ma è per questo che esistono i segreti.
No ma ci credo, anche perché quando prima eravamo di la sul divano ho visto che mi guardavi in modo diverso e anche se non te l'ho fatto notare, ho visto un gonfiore sulla tua patta simile a quella di un cazzo che stava prendendo forma, ma non ci pensai più di tanto.
E cosa penso? Te l'ho già detto, mi fa piacere sta cosa di piacerti ed è una cosa reciproca quindi penso che sia normale ciò che hai fatto e non te ne devi vergognare.
E su quello che ho visto be… avrei tanto voluto sentire quei fiotti potenti e caldi scivolare tra le mie mani, sentire la crema spalmarsi sul mio corpo.
E so che sta pulsando semplicemente perché si nota dal lenzuolo, che si gonfia e si sgonfia, quindi è sicuramente il tuo cazzo che ci batte contro.
E per capire se mi piace veramente il tuo cazzo, forse dovrei vederlo ancora una volta.
Simone: Ho capito… si un segreto deve rimanere per forza su questo siamo d'accordo.
Se sul serio dici la verità allora non mi devo più preoccupare di niente, mi sembra di sognare…

A quel punto scostai il lenzuolo da una parte rimanendo scoperto con mezzo cazzo in erezione quasi scappellato del tutto che spuntava dalla tuta.
Mi sfilai i pantaloni e i boxer rimanendo completamente nudo nella parte inferiore.
Così che mostrai a mia cugina per intero ciò che mi chiese di poter vedere ancora una volta.
Era durissimo, ora anche di più avendo mia cugina davanti a me che me lo guardava.
Continuava a pulsare, mentre con una mano mi palpavo le palle, a quel punto le chiesi a Monica e Allora?
Monica rispose persa nei suoi pensieri…
E allora cugi niente, non saprei cosa rispondere… è davvero grosso, e… e… cosi lungo… disse con la voce tremante.
Mentre Monica cercava di tornare in sé, mi presi il cazzo con il pollice e l'indice poco sopra i coglioni stringendo abbastanza da far gonfiare le vene, intanto la cappella stava diventando violacea, ma io volevo attrarre ancor di più mia cugina, in quella stessa posizione iniziai a sventolare il duro membro scuotendolo e facendolo venire ancora più duro da iniziare a pulsare da solo.
Mia cugina continua a guardarmi e poi mi dice: mamma mia che cazzone cugi… e intanto si morse le labbra cambiando lo sguardo, era più profondo, più serio, come se volesse ciò che stava fissando.
In quell'istante le dissi: cugi, perché non provi ad avvicinarti? Vieni dai mica ti mangio… mentre sorrisi.
Dopo qualche secondo rispose, io vengo solo che poi se vengo questa giornata la ricorderemo per tutta la vita io e te caro cugino…
La guardai come per dirle per me va benissimo…
E intanto puntavo lo sguardo diretto in mezzo alle sue gambe ammirandola dalla testa ai piedi soffermandomi molto sul suo seno sodo e prosperoso e molto sulle labbra carnose che si notavano così bene dai leggings che prendevano tutta la loro forma perfetta.
Mi stavo eccitando ancora di più, intrappolai il cazzo durissimo tra il pollice e l'indice, cominciando lentamente a farmi una sega partendo dalla cappella fino a scendere fino in fondo tirando bene la pelle fino a scappellarlo totalmente, era proprio nudo e crudo con tutte le vene in pulsione.
La guardai negli occhi e le dissi…
Monica sei proprio una gran figa, sei perfetta… cazzo… ti voglio scopare.
Intanto lei si avvicinò a passo lento, e intanto si stava sfilando la maglietta, nello strusciare contro i capezzoli gli erano venuti durissimi si vedevano proprio puntare contro il tessuto fino a che vidi spuntare la forma impeccabile del suo seno, subito dopo ecco i capezzoli, non tanto grandi, nella loro tondezza ristretta ma che da duri era molto sporgenti.
Tolta completamente la maglietta la gettò a terra e ormai era arrivata sul ciglio del mio letto era li davanti a me con le tette al vento con il cazzo che continuava ad avere pulsazioni.
Si appoggiò al letto con le braccia e strisciò verso di me come una tigre in agguato, io la guardai con tutta la voglia che avevo di lei.
Ero così arrapato che le dissi… vieni ti sto aspettando… sono tutto per te.
Lei non distolse per un secondo lo sguardo dai miei occhi e rispose… non mi devi più aspettare, ora ti farò passare attimi che non dimenticherai mai ed emozioni che non hai mai provato in questa vita.
Era arrivata con la testa sopra il cazzo in piena erezione, con una mano iniziò ad accarezzarmi una coscia, era così morbida… vellutata e calda…
E intanto saliva con la mano… arrivando alle palle, avendo un leggero contatto che mi rabbrividí, poi le palpò più decisa riempendosi la mano con le mie palle lisce, depilate, bollenti e piene… tanto piene.
Poi andò anvora più in basso con la testa quasi a toccare il letto, alzando il culo e incurvando la schiena, quella posizione di quando si fa la pecorina.
Arrivò con la testa in mezzo alle mie gambe, e iniziai a sentire una bella sensazione…
Mi stava leccando le palle, e le forti vibrazioni del mio cazzo erano la conferma di quanto mi piacesse.
Sentii poi che ne risucchiò una dentro la sua bocca, poi anche l'altra, fino a riempirsi la bocca con tutte e due le palle, se le gustava, le ciucciava come fosse un ghiacciolo.
Quando smise che si staccò vidi la sbava che si portava mia sulla sua bocca che era ancora attaccata alle palle.
Con due dita prese il cazzo come per tenerlo fermo, si avvicinò ancora di più verso di me per essere più comoda, si abbassò con la testa e iniziò a leccarmi la cappella, prima sul buco poi tutto intorno a 360 gradi con la parte prima superiore della lingua e poi con quella inferiore.
Lo spinse all'insù per cominciare a leccarlo da sotto, lungo tutta la vena inferiore e quindi ritornando alla cappella, che prese stavolta totalmente in bocca, iniziando a succhiare, spingendo in giù con la testa per imboccarsi il cazzo iniziando così un vero e proprio pompino.
Lo prendeva quasi tutto, pochi centimetri dalle palle con la bocca, si stava soffocando con il mio cazzo, emettendo suoni di saliva, e di risucchi trattenendo il respiro.
Mia cugina mi stava spompinando, le portai una mano sulla testa per accompagnare i suoi movimenti e farle capire che volevo un ritmo più deciso, più veloce.
Io godevo, emettendo versi di sforzo e di piacere e a guardarla mi eccitavo sempre di più, ero fuori di me, non riuscivo più a ragionare, volevo solo godere, godere con mia cugina.
Dopo qualche minuto si fermò e alzò la testa guardandomi… e disse…
Lo voglio… ficcamelo dentro…
Io allora la presi dal bacino con le mani e con forza la girai così da ritrovarmi sopra di lei.
Iniziai a baciarla con passione, gli mordevo le labbra, gli ficcavo la lingua in bocca, era proprio una limonata sentimentale.
Intanto con le mani gli palpavo le tette, gli strizzavo i capezzoli con due dita. Gli avevo solo alzato la maglietta e me le sono ritrovate praticamente in faccia, e sempre senza reggiseno.
Iniziai a baciarla sul collo, scendendo in mezzo ai suoi seni, poi sulle tette, quasi a succhiare come per lasciargli il segno.
Arrivando al capezzolo, così duro che lo leccai, me lo risucchiai in bocca, poi lo leccai molto velocemente…
E sentii che stava avendo i suoi primi orgasmi, stava godendo, e allora passai all'altro capezzolo, lo morsi anche, ma senza fargli male. I suoi versi, stavano diventando orgasmi, si muoveva con il corpo era fuori di sè anche lei.
Tornai su con la testa continuando a baciarle il corpo, intanto con una mano mi toccai le palle dando tre, quattro colpi decisi di una sega.
Poi un una mano entrai nei sui leggings fin dentro le mutandine fino ad arrivare alla figa e scoprire che era fradicia e pizzicando il clitoride tra due dita la sentivo anche pulsare.
In quel momento non ci capii più niente il mio cazzo sventolava a mezz'aria duro come il ferro e la cappella così gonfia da non riuscir più a trattenere la voglia…
Portai le mani sui suoi fianchi, strinsi tra le mani leggings e mutandine e gli sfilai via tutto quanto, subito dopo anche la maglietta e mentre io mi denudavo il pezzo sopra lei mi tolse tutto di sotto, rimanendo completamente nudi.
Ripresi la posizione al comando sopra di lei e ripresi a baciarla, strinsi il cazzo con una mano iniziando nuovamente a segarlo, e dopo qualche scappellata, in tutta la sua lunghezza e spessore gliel'ho feci battere sulla figa.
Con l'altra mano le strizzai una tetta e con due dita le pizzicavo il capezzolo.
In quel momento con il cazzo ancora in mano mentre ancora me la limonavo, con un colpo secco lo infilai dentro, poco più oltre la cappella, il secondo colpo arrivò a metà stecca e con il terzo ancora più deciso gliel'ha sfondai battendo le palle sulle labbra.
Li iniziò il vero godimento, dentro e fuori tra baci, leccate e orgasmi decisi.
Dopo qualche minuto è lei a voler andare al comando mettendosi sopra di me, continuava a saltarmi sul cazzo mentre mi ficcava la lingua in bocca quasi con cattiveria.
Ad un certo punto si ferma, e con il cazzo tutto dentro si girò completamente dandomi la schiena.
Si alzò con il bacino e si sfilò il cazzo completamente zuppo dai suoi umori.
Con la figa a mezz'aria e il cazzo stretto nella sua mano la vidi scendere con il culo, ad un certo punto non vidi più la cappella e sentii il calore del suo ano spingere contro la punta del cazzo…
Subito percepí una specie di dolorino, continuava a scendere delicatamente con il culo fino a sentire un brivido, sentii la cappella entrare nel suo culo e subito dopo si siflò tenendo sempre stretto nella sua mano la mia verga smisurata.
E poi di nuovo giù con il culo, entra la cappella e stavolta spinge ancora facendo penetrare tutta l'asta nel suo culo. Io portai le mani sul suo culo e seguirlo nei suoi movimenti, era bello sodo, morbido ed eccitante fino a farmi perdere il controllo.
La stanza era un concerto di orgasmi e di schiaffi che gli davo sulle chiappe.
Io ero fuori del tutto e lei continuava a farsi inculcare, era presa bene e aumentò il ritmo così come gli orgasmi.
Mi mandava fuori ma a lei anche di più, gli piaceva e forse più dietro che davanti.
All'improvviso le dissi: ci sono Monica, devo venire!
Lei rispose: godi cuginetto mio godi fino in fondo…
Io aggiunsi: si lo sto facendo Monica, godi con me… prendi tutto il cazzo…
E lei: il tuo cazzo mi fa impazzire, mi stai sfondando come nessuno è mai stato capace di farlo… continua cazzo…
E io: ci sono Moni… ahh ahh… devo sborrare… cazzo, sono al limite… non resisto…
In quel momento si fermò e si siflò, si rigirò verso me e guardandomi negli occhi me lo prese in bocca.
Alla prima ciucciata sentivo già l'orgasmo, poi con una mano fermò il cazzo che puntava in alto e mi leccò le palle fino a prenderle in bocca, poi con la lingua partí dalla palle e salí lungo tutta la stecca, passando sotto la cappella proprio sopra il filetto fino ad imboccarsi tutta la testa ingoiando tutto il muscolo.
Io non riuscì più a trattenermi e quando risalí con la bocca io percepí di aver già perdo le gocce della pre-sborrata e come inizia il movimento di scendere di nuovo io finí la resistenza, non arriva neanche a metà del cazzo che io cominciai a sborrare, riuscivo a sentire i fiotti schizzare fuori dal cazzo mentre mia cugina continuava a spompinarmi. Non riuscivo a credere come riuscisse a trattenere tutto quel liquido, io sentivo ancora di godere e di schizzare, 7 forse 8 fiotti di sborra sparati nel sua bocca. Quando capii che avevo finito, lo tolse dalla bocca e vidi il liquido bianco uscire dalla sua bocca, che aprí per mostrarmi che il mio sperma era tutto nella sua bocca e mentre mi guardò negli occhi mandò giù tutto e con le dite si riportò in bocca quello che era uscito ingoiando anche quello.
Poi riprese il cazzo con una mano e lo segò due, tre volte per far uscire tutto, si riavvicinò con la bocca e leccò tutta la cappella intorno, e se lo riprese in bocca spompinandomi ancora due, tre volte.
Lo sfilò dalla bocca e guardandomi mi disse : bravo Simo, mi hai fatto godere e il tuo cazzo è mostruoso mi hai spaccata in due.
Io risposi: anche io ho goduto troppo Moni, sembrava un sogno e per questo ti ringrazio. Non sei solo una strafiga ma sei anche una porca così tanto da non poterti resistere, cazzo che scopata ci siamo fatti.
E lei: ne avevamo bisogno entrambi, lo volevamo entrambi, sarà il nostro segreto.
Io: Guardandola e sorridendogli...si sarà il nostro segreto…

Questa è la mia storia, spero vi sia piaciuta, e forse ne arriveranno anche altre… che siano vere o inventate, voglio solo riuscire a trasportarvi con l'immaginazione e ad arrivare anche a farvi godere…
Ancora grazie, saluti a tutti!

Questo racconto di è stato letto 1 2 6 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.