Tradimento

Scritto da , il 2021-10-10, genere tradimenti

Siamo una coppia cinquantenne Walter e Laura. Mia moglie una bella biondina 170 una terza piena è un culo fantastico. Io alto 180 fisico normale ed una buona dotazione. Non siamo santi ed ogni tanto ci piace trasgredire con altre persone oppure in qualche club, ma sempre insieme e senza mentirci mai.
Laura ha una sorella, Patrizia, simile a lei solo con una folta chioma nera ed è una gran troia: passa da un maschio ad un altro senza nessun problema e lo dice senza pudore. Vive con la vecchia madre, vedova è un po’ rincoglionita. Ci incontravamo nei pranzi di famiglia ed in altre rare occasioni, ma non abbiamo mai familiarizzato molto, poi all’improvviso è cambiato tutto, me la ritrovavo sempre intorno, veniva a casa mia spesso e non perdeva occasione per strusciarsi su di me. Per un po’ feci finta di nulla, poi una sera che aveva cenato a casa nostra non resistetti ai suoi attacchi e la baciai con foga. Lei si abbandonò tra le mie braccia ricambiando il e, dopo averle sollevato la gonna e scostato il perizoma, la scopai con mia moglie nella stanza a fianco che lavava i piatti. Fu una scopata rapida e silenziosa, ma molto appagante. Da quella sera almeno una volta alla settimana mi incontravo con Patrizia in casa mia se libera oppure casa sua con la madre che non era in grado di capire che stesse succedendo. Mia cognata era una dea del pompino: aveva una tecnica che mi faceva impazzire, prendeva la cappella in bocca e sapeva massaggiarla con la lingua in un modo fantastico, e con le mani accarezzava palle e buco del culo. Roba da infarto. Altra cosa che mi piaceva era il modo in cui godeva quando la inculavo, gemeva forte e tremava tutta. Mia moglie raramente mi dava il culo e poterlo sfondare a Patrizia era il paradiso.
La tresca continuava con mio grande piacere e mi eccitava anche rispondere alle domande di mia cognata di come era Laura a letto, cosa la eccitava, se era porca, se dava il culo e via dicendo. Non capivo che le interessasse, ma era intrigante parlare della moglie con l’amante.
Dopo alcuni mesi un pomeriggio Patrizia mi portò in un piccolo appartamento, un monolocale con un grande letto ed una tv enorme dicendo che era di un’amica.Appena arrivati ci spogliammo ed appena ebbi il cazzo duro mi propose un giochetto, che subito accettai. Mi ammanettò mani e piadi ai 4 angoli del letto e mi bendò, iniziando a farmi uno dei suoi deliziosi pompini. Ero eccitatissimo, quasi sul punto di sborrarle in bocca che lei smise e mi tolse la benda. Rimasi un attimo sconcertato guardandola con espressione interrogativa, ma lei mi disse calma di guardare la tv ed io lo feci.
Si vedeva un monolocale simile a quello dove eravamo noi, ma senza letto ed un grande divano, con molte locandine cinematografiche ed un televisore con un buon sistema audio, che seppi in seguito registrava anche. Non c’era nessuno e per un paio di minuti non capivo, credevo fosse un altro giochetto erotico, poi vidi entrare un uomo di circa 40 anni, belloccio, seguito da mia moglie.feci per dire qualcosa, ma Patrizia mi fece segno di stare zitto e guardare come tua moglie si sarebbe fatta sbattere. Dovete sapere che Laura è appassionata di cinema, iscritta al cineforum della nostra città ed assidua frequentatrice alle proiezioni pallose di film d’autore. Per comodità scriverò come se stessi ancora ascoltandoli.
L oohhh quante locandine, sei un vero appassionato di cinema
U si adoro i film d’autore, vuoi bere qualcosa, fa caldo qui.
L un bicchiere d’acqua, grazie
Vidi lui che fece cadere un a pastiglietta nel bicchiere che diede a Laura
Si sedettero sul divano ed iniziarono a commentare le foto. Lui si avvicinò e mise il braccio sullo schienale e dopo poco le accarezzò una ciocca di capelli. Per alcuni secondi Laura non disse nulla, poi gli intimò di smetterla, era sposata e felice. L’uomo smise e verso ancora acqua nel bicchiere di mia moglie e naturalmente un’altra pastiglia. Vedevo che non riusciva a stare ferma, continuava ad accavallare le gambe e si accarezza e viso e collo sempre più frequentemente. Lui si riavvicinò e ricominciò ad accarezzarle i capelli. No vedendo reazione iniziò un lento massaggio sul collo e sulla nuca, infilando le dita nei capelli. Cose che sapevo la facevano eccitare. Laura era bloccata e respirava pesantemente. Le scostò una ciocca e la baciò sul collo, passando poi a leccarle l’orecchio, al che lei si abbandonò sul divano con un sonoro sospiro. Ormai era sua ed ora capivo perché Patrizia mi faceva tutte quelle domande su cosa piaceva a Laura e lui aveva fatto tutto bene: le stava succhiando alternativamente i capezzoli pastrugnando le tette con delicatezza. Non stava sbagliando nulla e poteva fare di lei la sua puttana. Le sue mani scendevano e lei allargava le cosce, ma lui risaliva sulle tette e le infilava la lingua nell’orecchio e poi in bocca.
Io ero annichilito, ma anche con il cazzo in tiro. Mia cognata mi segava lentamente stringendomi ogni tanto le palle per non farmi venire e diceva:
Guarda quella porca di mia sorella come gode, vedrai che tra un po’ lo pregherà di scoparla.
Io cosa le avete dato?
P un eccitante un po’ più forte di quello che ho dato a te
Intanto l’uomo le aveva sfilato scarpe e jeans lasciandola con le sole mutandine ed ora si stava spogliando lui. Devo ammettere che era ben fornito, in lunghezza era come il mio, ma un po’ più largo. Laura si passava la lingua sulle labbra con gli occhi fissi su quel cazzo. Lui lo avvicinava ora al viso ora al seno, ma le impediva di toccarlo. Poi si inginocchiò e le strappò le mutandine lasciandola nuda, semi sdraiata sul divano con le gambe larghe ed iniziò a leccarle la figa.era molto bravo perché Laura non riusciva a stare ferma e gli spingeva la testa contro la sua figa e geme e continuamente
L oooohhhh Ssssssiiii Continua Sei bravissimo, mi fai godere Ancora Ancora Vengo ora ssssiiiiiii. Il suo bacino si muoveva in modo scomposto, ma lui continuava a leccare e lei a venire
Patrizia hai visto che troia è tua moglie? Si farà rompere anche il culo, che tu non vuoi farle, e vedrai che poi sarà pronta a farsi sbattere da tutti quelli che la vorranno, sotto la mia guida e tu non romperai i coglioni. Io cominciavo ad incazzarmi, le urlai di liberarmi o l’avrebbe pagata cara, ma lei iniziò a succhiarmi il cazzo ed io, drogato, iniziavo a godere.
L’uomo iniziò a strofinarle il cazzo sul clitoride
U lo sentì? Ti piace? Lo vuoi?
L si, si mettimelo dentro
U no, devi chiedermelo per piacere
Laura smaniava ma non diceva nulla
U se lo vuoi chiedimelo per favore altrimenti smetto
L per favore, scopami, per favore fammi godere
Lui lo spinse in avanti con forza, ma senza violenza, quando entrò tutto Laura piegò la testa indietro e venne su quel cazzo che la penetrava incessantemente. La fece godere molte volte, ormai credo non sapesse neppure dove fosse, era un continuo sborrare. Poi lui la mise a pecora e le infilò prime due dita in figa muovendole avanti ed indietro leccandole il culo. Le dita divennero 3 poi 4, finché rinfilò il cazzo e sposto le dita nel culo, una, due poi tre. Mia moglie continuava a venire sul suo cazzone, mormorando frasi senza senso.
U ora ti romperò il culetto magnifico che hai, sentirai un po’ di dolore, ma passerà presto
L no, no ti prego non farlo……aaarrgghhhhh…….aaahhhiiiiaaa
Lui spinse fino a sbattere le palle sulla figa, si fermò per farla abituare, poi cominciò a sbatterla con decisione. Laura aveva le unghie piantate nel divano e il viso sprofondato nel cuscino per non urlare, ma non si ritraeva. Piano piano i gemiti divennero di piacere
L si,si,si…..continua, mi piace, mi piace…..dai, dai, dai….dammi il tuo cazzo che voglio godere con il culo
Lui uscì dal suo culo e si sdraiò
U vieni su di me ed impalati
Lei gli sali sopra, imboccò il cazzo sul culo e vi si lasciò cadere. Ebbe una specie di convulsione quando fu tutto dentro dall’orgasmo che ebbe. Continuò a scoparlo per una decina di minuti, poi con un ultimo grido di piacere si sdraiò sulla schiena.
L basta non ce la faccio più
Lui le infilò il cazzo in bocca e con pochi colpi le sborro’ tutto in gola. Lei ingoiò e sorrise a quell’uomo che l’aveva fatta godere come mai., poi sì addormento sfinita. Lui andò in bagno si vestì e lasciò un biglietto dicendole che è stata grande e di tirare la porta quando esce.
Io non capivo più niente, ero incazzato ed eccitato ed in più Patrizia mi stava facendo venire con una sega meravigliosa. Sborrai una quantità enorme di seme e rimasi senza forze sdraiato sul letto.
Patrizia mi aveva liberato la mano sinistra, e quando me ne resi conto lei era già dalla porta
P in quel mazzo ci sono le 4 chiavi delle manette, quando ti libererai io sarò lontano, ciao e ricorda che ho quella registrazione e se non volete essere sputtanati accetta quello che succederà, ne avrai la tua dose di piacere. E uscì. Mi liberai, vestii, e cercai Patrizia, ma ormai non c’era più.

Continua

Questo racconto di è stato letto 5 8 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.