Ada, Luigi e Diego: storia di un tradimento

Scritto da , il 2021-10-08, genere tradimenti

Nota: Il racconto di una coppia e della loro fantasia del cuckolding, del tradimento consapevole, che diventa realtà. Questo racconto è stato inspirato da situazioni realmente accadute; per questo devo ringraziare "Luigi" che, dopo avermi contattato, mi ha raccontato tanti particolari che mi hanno consentito di conoscere meglio una sfaccettatura del variegato mondo dell'eros.
Per contattarmi scrivete a raccontidienea (chiocciola) gmail.com
N.B. I protagonisti si intendono maggiorenni e consenzienti

Il rumore della porta che si chiudeva, seguito da quello delle chiavi poggiate sul tavolino. Poi quello delle scarpe che scivolavano via dai suoi piedi e ancora la borsetta poggiata sul pavimento, accanto all'appendiabiti.

Era l'alba, Ada era appena rincasata.
Un turbine di pensieri e sensazioni agitava la sua testa al ricordo della notte brava appena passata.

Raccolse le scarpe, fece scivolare lentamente i suoi piedi sul parquet scuro in direzione della camera da letto, cercando di fare meno rumore possibile. Dopo avere indugiato qualche istante sulla porta, Ada prese un respiro profondo e aprì la porta; suo marito Luigi la stava aspettando, sonnecchiante, sul letto.

Alla sua vista gli si era illuminato il viso; Luigi sapeva che Ada aveva in serbo per lui tante deliziose novità.

Il volto di Ada piuttosto che essere felice era invece serio, quasi triste. Gli si avvicinò lentamente. Dopo aver posato le scarpe a terra ed essersi sfilata il vestito nero, era salita sul letto e si era seduta accanto a lui. Gli aveva dato poi un tenero bacio sulla bocca ed era rimasta a guardarlo in attesa che dicesse qualcosa.

Luigi nel frattempo con lo sguardo si era messo alla ricerca di eccitanti particolari sul corpo di lei. I capelli lunghi e neri erano completamente scompigliati. La pelle nuda, sotto al vestito che si era appena tolto, il collo e il suo piccolo seno, presentavano graffi evidenti. Sulle autoreggenti nere, che ancora indossava, facevano capolino qua e là dei piccoli aloni bianchi che, con molta probabilità, dovevano essere macchie di sperma ormai rinsecchito. Era rincasata senza mutandine, le aveva perse durante quella notte folle chissà dove.

Luigi tornò a guardarla negli occhi, felice di essere riuscito a coronare il sogno che da anni aveva inseguito: vederla godere tra le braccia di un'altro uomo. Aveva impiegato anni per convincerla: nel tentativo di dare una scossa al loro matrimonio avevano deciso dapprima di cercare una coppia che potesse andare bene per lo scambio. Poi, con il tempo, Luigi aveva provato a chiederle di realizzare una fantasia ancora più spinta: guardarla mentre un'altro uomo la possedeva. Avevano cercato a lungo un singolo che potesse andare bene, ma la ricerca non aveva portato i frutti sperati.

Adesso era lì, la sua splendida e amata moglie 36-enne, reduce da una notte brava con un uomo con cui era andata a letto e Luigi era elettrizzato all'idea di conoscere ogni particolare. Tuttaltro che eccitata sembrava essere Ada, la cui espressione lasciava trasparire sofferenza interiore.

Principiò il racconto, a partire dal momento in cui il suo amico dottore, Diego, un bel 58-enne brizzolato molto giovanile, era passato a prenderla per andare insieme a lei a quella festa di compleanno tra colleghi.

Diego, come sempre, si era dimostrato con lei sin da subito gentile e cortese. Ada, a differenza delle altre volte, piuttosto che rimanere sulle sue e accettare passivamente, quasi con indifferenza, quelle sue galanterie aveva iniziato a rispondergli dapprima con semplici grazie, poi, via via, con occhiate e sorrisi riconoscenti sempre più espliciti. Qualcosa di strano, di completamente nuovo, cominciava a girare nella sua testa: l'idea che Diego potesse essere un buon candidato a realizzare quello che per anni era stato il sogno di suo marito...e il suo. L'arrivo alla festa, il trambusto della musica, le chiacchiere con gli altri invitati, l'aveva distratta da quei pensieri. Entrambi, impegnati in conversazioni e risate con gli altri invitati e con il festeggiato, si erano limitati a incrociare gli sguardi di tanto in tanto, senza mai rivolgersi la parola. Galeotto fu il momento in cui un lento riuscì ad avvicinarli. Iniziarono a ballare occhi negli occhi, strusciandosi lentamente. Diego non aveva perso occasione di fare notare ad Ada quanto fosse eccitato, spingendo la sua erezione contro il suo ventre. Ada gradiva, si lasciava tenere stretta per i fianchi e con un sorriso sornione continuava a fissare Diego. Ad un certo punto Diego decise di osare: fece scorrere le mani sulla schiena della donna ed infine raggiunse e strinse tra le dita il suo sedere. Quel gesto ardito, davanti a tutti, la paura di essere notati dagli altri, il dubbio di essere spinta troppo in là senza il consenso del marito, avevano improvvisamente gettato nel panico Ada che aveva deciso di divincolarsi da Diego e rifugiarsi in bagno.

Ancora ansimante per quel vortice di emozioni appena provate, Ada aveva deciso di mandare un messaggio a Luigi: "Forse ho trovato chi mi può far girare la testa"
La risposta di Luigi non era tardata ad arrivare: "vai, emozionati ed emozionami!"

E così Ada, incoraggiata da quelle parole, dopo essersi aggiustata i capelli e aver rifatto il trucco, era uscita dal bagno alla ricerca di Diego. L'aveva trovato ad aspettarla fuori, aveva il viso serio e si era subito scusato per aver esagerato durante il ballo. Lei, in tutta risposta, gli si era avvicinata improvvisamente e gli aveva tappato la bocca con la sua, dandogli un bacio carico di passione.

Dopo qualche istante si era staccata da lui ed era fuggita nella festa, tra gli ospiti.

Cominciò un nuovo gioco di occhiate tra i due: sguardi maliziosi, frasi non dette, carezze furtive mentre si muovevano tra i colleghi. Ada si era fatta sempre più smaliziata. Ad un certo punto aveva preso Diego di spalle, sotto gli occhi ignari di tutti, aveva fatto scorrere la sua mano fino alla patta dei suoi pantaloni mentre con la bocca a pochi centimetri dal suo orecchio gli aveva sussurrato "Stasera sarò tua!".

Arrivata l'ora dei saluti, Ada lo seguì in macchina. Diego le aprì lo sportello, attendendo che entrasse. Lei, piuttosto che salire, tornò a cercare le sue labbra per un nuovo, appassionato bacio.

"Andiamo da te" - disse perentoria, dopo essersi staccata da lui.

Partirono immediatamente. Diego durante il viaggio e poi ancora a casa, non aveva smesso un attimo di comportarsi da gentleman: sempre carino in ogni momento, aveva riempito Ada di tante piccole attenzioni e di complimenti facendola sentire una regina. Arrivati in camera da letto avevano "fatto l'amore". Le parole di Ada non erano state casuali. Quella notte, tra le braccia di Diego, era accaduto qualcosa di più che semplice sesso. A quel punto del racconto Ada decise di liberarsi del peso che aveva dentro, confessando a Luigi che Diego l'aveva fatta sentire speciale, molto speciale. Aveva giocato con lei, le aveva fatto girare completamente la testa e infine l'aveva posseduta come mai nessun altro uomo aveva fatto. Tra le sue braccia si era sentita al sicuro, si era sentita amata. Sentiva di essersi legata a quell'uomo.

Scoppiò a piangere, portandosi le mani sul volto: "Sono confusa...è una cosa folle...io...io non capisco cosa mi fosse preso..." - disse singhiozzando.

Luigi restò in silenzio, aspettando che Ada si calmasse un po'. Poi le si avvicinò e scostate le mani dal viso le carezzò dolcemente le guance, asciugando le sue lacrime.

"Tu mi ami?" - le chiese quasi sottovoce.
"Ma certo che ti amo, stupido! Come potrei fare a meno di te, di noi?" - rispose Ada senza esitare guardandolo dritto negli occhi.

Si baciarono. Fu un lungo bacio, tenero all'inizio, appassionato e lussurioso man mano che le labbra di Ada e Luigi continuavano a lottare tra di loro.

Ada allungò la mano sul pacco di Luigi, trovandolo eccitato da morire. Sebbene il racconto non fosse stato ricco di particolari, l'idea di aver finalmente realizzato una loro fantasia proibita e di non averla persa aveva reso Luigi particolarmente eccitato. Non perse tempo Ada: senza staccarsi dalla sua bocca, gli si mise a cavalcioni e dopo aver puntato il suo pene all'imbocco della sua vagina spinse con forza per impalarsi su di lui. Cominciò a muoversi su di lui sempre più eccitata, decisa adesso a raccontargli i particolari più lussuriosi di quella notte appena trascorsa.

(continua sul mio blog gratuito raccontidienea.blogspot.com )

Questo racconto di è stato letto 2 1 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.