Maledetta vacanza

Scritto da , il 2021-07-21, genere tradimenti

Ciao a tutti, sono Paola, ho 26 anni. Studio a Milano e convivo con Marco, il mio ragazzo, che é più grande di me di una decina di anni, e fa lo scrittore e lo sceneggiatore teatrale. Facciamo una vita felice e impegnata nel sociale, siamo molto attivi nel volontariato e nelle battaglie civili. Vengo infatti da una famiglia molto acculturata e impegnata, che mi ha trasmesso questi valori. Allo stesso tempo tengo molto al mio corpo, mangio cose sane, amo andare a correre nei prati e fare escursioni nei boschi. Mi tengo molto in forma e amo il mio essere in pace con me stessa e il mio corpo. Il mio fidanzato é il tipico uomo intellettuale, genere di uomini che mi piacciono da sempre, magari non ama l esercizio fisico come me, e infatti spesso devo convincerlo. La nostra vita procede felice, lo amo da morire, e spero in una famiglia quando io mi sarò laureata, anche grazie al suo sostegno nello studio. Il problema é che da 3 anni convivo con un senso di colpa opprimente, di quelli che non mi fanno dormire. Sono riuscita a dimenticare per un po', ora é ritornato più forte di prima. Ho assoluto bisogno di scriverlo in forma anonima e di sfogarmi. Perdonami amore mio.

Avevamo prenotato una vacanza a Santo Domingo in un villaggio, noi siamo restii a questo tipo di vacanze, ci sono sempre sembrate vacanze per stupidi, vacanze vuote, senza approfondimenti culturali, ma solo per fare casino. Tuttavia mia sorella ci aveva regalato questa vacanza, decidemmo di farla lo stesso, ci saremmo fatti due settimane di relax e letture in spiaggia.
Se non fosse che Marco, a due settimane dalla partenza, ebbe il lavoro della vita, e di conseguenza insistette per farmi andare insieme alla mia mica Sonia, visto che ci aveva regalato il viaggio.

Sull aereo Sonia fece un paio di battute del tipo "Oh ma lo sa Marco che si sono gli animatori che ci provano con tutte, e molte vanno li per fare avventure erotiche..", io ridevo e gli facevo notare quando fosse squallida la cosa. Ovviamente mi piace il sesso, ma in privato e col mio uomo.
Arrivate al Villaggio volevamo subito andare in spiaggia. Così dopo esserci cambiate nel Bungalow,ci avviammo sul sentiero della pineta. Ci imbattemmo in due ragazzoni del posto, più giovani di noi, avranno avuto massimo 21 anni. Si fecero riconoscere come insegnanti di sub, si chiamavano Eddy e Nelson e ci invitarono ad andare con loro il giorno dopo. Io non volevo assolutamente, Sonia insistette, così prendemmo appuntamento. Il giorno dopo Sonia non stava bene per via di un insolazione, io decisi di andare comunque per correttezza con l appuntamento preso.
Errore madornale.
Mi trovai su una barchetta a motore con Nelson ed Eddy, che mi mangiavano letteralmente con gli occhi. Capii immediatamente che loro erano convinti che io li avessi assoldati per fare sesso e che fossimo in gita di turismo sessuale. Fermamente e con tranquillità, cercai di far capire a Nelson, che parlava meglio inglese, che si erano sbagliati, che ero lì solo per fare qualche immersione. Se non fosse che Eddy si era già alzato in piedi, abbassato il costume, e sfoderato un pene enorme, almeno sui 24 cm, con due testicoli grandi come noci di cocco, mai in vita mia avevo visto degli attributi del genere in un uomo. Non so bene cosa successe, ancora adesso ho i flashback perché la mia mente rifiuta il ricordo, ma in realtà so tutto. Mi trovai in 30 secondi attaccata a due mani su quel membro prepotente e duro, mentre gli leccavo gli addominali scolpiti, e cominciai a leccare l'asta in lungo e in largo. Ancora oggi non so cosa mi sia preso, ma in quel momento sentivo di averne un gran bisogno. Succhiavo il glande enorme e scuroe scendevo lungo il pene. Dopo la cappella l'asta si allargava ulteriormente facendo risaltare delle venature scure e pulsanti. Prendevo in bocca i testicoli grossi come pesche, li leccavo e succhiavo avidamente lasciando dei fili di saliva attaccata allo scroto che si collegavano alla mia bocca, e che io trasportavo sulla cappella, succhiando e leccandola tutta. Ad un certo punto mentre stavo leccando le palle, scesi ancora più sotto, e non resistendo a quel giovane corpo da stallone mulatto cominciai a leccargli il buco del culo, cosa che a Marco non avevo mai fatto nemmeno da ubriaca. Leccavo l'ano e intanto segavo quello enorme cazzone duro, mentre il mio giovane stallone grugniva dal piacere. Io, una ragazza lombarda universitaria, con la faccia in mezzo alle natiche di un ragazzone possente, su una barca un mezzo al mare. Alternavo leccate di culo e di palle, poi risalivo sull asta fino a ricacciarmi la cappella in bocca. Ogni tanto mi alzavo in piedi e mentre lo segavo gli leccavo addominali e petto, per poi riabbassarli ed avventarmi di nuovo su quel cazzo duro. In tutto questo Nelson mi guardava e rideva, e mi dava delle pacche sul culo. Ad un certo punto capii che il ragazzino stava per venire, pensai che ormai tanto valeva farlo fino in fondo, e ingoiai tutto. Eddy venne copiosamente nella mia bocca, bevvi tutto quanto, poi guardai il suo viso stupito, tirai fuori il suo arnese dalla mia bocca, gli sputai sulla cappella, e gliela ripulii di nuovo fino anche non fu pulita e lucida.
Non feci nemmeno in tempo a vergognarmi di me, che Nelson si era anche lui tirato giù il costume, e pretendeva lo stesso trattamento. Avevo la vagina fradicia, ma gli chiarii immediatamente che glielo avrei succhiato anche a lui, e poi basta. E così, mi avventai a svuotare anche le palle del secondo stallone,che feci urlare dal piacere, leccandolo e succhiandolo ovunque, facendomi poi venire copiosamente sul viso.
Gli dissi che la cosa finiva qui, mi feci riportare a riva, mi feci un bagno. Tornai in stanza da Sonia che stava leggendo un libro, gli dissi che era stata una lezione stancante e che avevi bisogno di riposare. Mi sono sentita un verme per tutta la vacanza, ogni volta che uscivo e vedevo i due maschioni facevo finta di niente ma non potevo fare in modo di passare gli occhi sui loro costumi.
Non so cosa mi abbia preso su quella barca, perdonami amore mio.


Questo racconto di è stato letto 5 4 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.