Mi benedica padre

Scritto da , il 2021-07-15, genere gay

“Mi benedica padre perché ho peccato.”
“Da quanto tempo non ti confessi figliolo?”
“Da tanto tempo, padre...”
“E che cosa ti ha spinto a venirlo a fare oggi?”
“Perché ho commesso atti di cui provo tanta vergogna.”
Avevo incrociato don Tiziano, il nuovo giovane parroco, pochi giorni prima, al bar. Mi aveva colpito per la sua bellezza ed eleganza ma non avevo capito si trattasse di un prete, era stato il barista a informarmi e a dirmi il suo nome. Comunque dal quel giorno non riuscivo più a togliermelo dalla testa e, pur di poterlo avvicinare e conoscere, avevo deciso di andare a confessarmi.
“Parla pure liberamente,” disse don Tiziano.
“Ho fatto sesso con più uomini, padre.”
“Con più uomini contemporaneamente?”
“Sì, padre, con tre.”
Lo sentii schiarirsi la voce e quando parlò questa aveva un tono leggermente più basso.
“E sei stato posseduto da tutto e tre?”
“No, padre, solo da due... ma ho succhiato i peni di tutti e tre...”
Attraverso i forellini della grata mi sembrò di vedere della saliva formarsi agli angoli della bocca. E Infatti, un attimo prima di parlare di nuovo, si passo le dita in quel punto.
“E hai ingoiato il loro sperma?”
“Sì, padre, l'ho ingoiato... e con ingordigia.”
“Bravo, hai fatto benissimo... sai, anticamente si pensava che lo sperma fosse la parte più pura e preziosa del sangue dell'uomo, e io ho sempre sostenuto che sprecarlo, disperdendolo... ecco, quello sì che sarebbe un vero peccato! Come ti chiami, figliolo.”
“Nicola, padre.”
“Bene, Nicola, io ti assolvo dai tuoi peccati, però stasera, prima di andare a dormire, recita dieci atto di dolore.... e adesso seguimi.”
Don Tiziano uscì dal confessionale e io lo imitai. Non disse nulla, mi girò le spalle e si diresse verso l'altare. Io lo seguii con le gambe che mi tremavano. Superato l'altare svoltò verso destra e imboccò un corridoio. In fondo al corridoio una porta in legno massiccio a due battute. Attraversata la porta ci trovammo in canonica, ovvero la sua abitazione. Poi si diresse verso un'altra porta di una certa importanza che scoprii un attimo dopo essere quella del suo studio. Entrammo e si richiuse la porta alle spalle. Alle pareti scaffali carichi di libri di ogni tipo.
“Inginocchiati,” mi ordinò.
Quasi caddi sulle ginocchia, che però incontrarono una soffice e spessa moquette.
Con un gesto elegante don Tiziano afferrò due lembi della sua tunica, la alzò e la fece roteare leggermente per poi farla scendere sopra di me. Mi ritrovai quasi completamente al buio, in una sorta di bolla che si era riempita dell'odore inebriante dei sui fluidi corporei. Un istante dopo il suo grosso glande bagnato colpì le mie labbra. Il cazzo di don Tiziano mi scivolò in bocca e mi attraversò la gola. Non feci quasi neppure in tempo a godermelo che il parroco iniziò a eiaculare come una fontana e io lo seguii in quell'improvviso e devastante orgasmo senza neppure venire sfiorato. Lui urlava di piacere e con le mani spingeva la mia testa coperta dalla tunica contro di sé, attraversandomi ancora più volte la gola. Durò un eternità e al tempo stesso troppo poco. Poi sentii il suo bel cazzo sgonfiarsi dentro alla mia bocca e un attimo dopo fece un passo indietro, liberandomi. Andò a sedersi a gambe larghe su una delle sedie poste davanti alla scrivania, molto provato. Io rimasi al mio posto, in ginocchio, la macchia del mio stesso sperma che si allargava attraverso la stoffa leggera dei pantaloni. Dopo alcuni minuti don Tiziano riprese fiato.
“Probabilmente prima ti sei inventato una bella storiellina in confessionale.”
Non dissi nulla. In fondo avevo fatto sesso più di una volta con due o tre uomini, ma non ero certo andato da lui per confessare i miei peccati. Vedendo che non dicevo nulla riprese a parlare.
“Comunque, storiellina o no, andiamocene in camera mia.”
“Sì, padre.”

Questo racconto di è stato letto 4 8 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.