Avventure di una famiglia - Capitolo 3: Nuovi arrivi

Scritto da , il 2021-07-01, genere incesti

Quando venne il giorno del diciottesimo compleanno di Marina, facemmo una piccola festicciola pomeridiana; la sera, poi, ella uscì per una festa con tutti i suoi compagni di classe.

Ovviamente, io e le gemelle approfittammo della casa libera per invitare sei uomini e goderci i loro cazzi.

La mattina dopo, feci colazione con le mie figlie. Io ero ancora vestita come la sera precedente: da puttana di lusso. Quando Marina mi vide, commentò:

“Ah, immagino ti sei divertita ieri sera, mamma.”
“E non solo io.” risposi alludendo alle gemelle.

Ora che era maggiorenne, non c’era ragione di nascondere a Marina le nostre tresche.

“E tu, sorellina, non ti sei goduta qualche maschio per i tuoi diciotto anni?” chiese Laura.
“Non solo uno”

Tutte e tre eravamo molto interessate.

“Non mi sono fatta scopare… ho usato la bocca.” disse Marina schioccando un bacetto.
“E su chi?” chiese ancora Laura.
“Beh… i miei compagni di classe maschi sono diciotto, e io ho fatto diciotto anni, quindi…”
“Ma che troietta!” commentò Chiara sorridente.

Dopo la colazione, tornata in camera mia non resistetti e dovetti masturbarmi pensando a quanto avevo sentito. Più tardi, nel pomeriggio, Marina uscì per andare a studiare da una compagna, ma prima di farlo ci disse che, visto che eravamo tanto interessate a quanto era successo, potevamo guardare il video che aveva fatto. Che maialina! Non solo aveva fatto diciotto pompini, ma si era anche fatta riprendere! Mi sentii bagnare immediatamente la figa a saperlo.

Quando Marina uscì, io e le gemelle non perdemmo tempo. Ci sedemmo sul divano del salotto, collegammo il nostro grande televisore al computer e mettemmo su il video che Marina ci aveva mandato.

La qualità era molto scarsa, ma riuscivamo a vedere bene il contenuto. Marina era in ginocchio davanti a un compagno di classe, gli sbottonava i pantaloni e tirava fuori il cazzo per poi imboccarlo.

“Che gran succhiacazzi.” commentò Laura.
“Sì, si vede che le piace.” risposi io.

Altri compagni di Marina, coi cazzi di fuori, la raggiunsero. Alla vista del volto della mia figliola circondato da cazzi, sentii accaldarmi, dovetti spogliarmi nuda in quel momento. Le gemelle mi imitarono.

“Ma guardate che troia!” disse una delle due, mentre la vedevamo saltare da un cazzo all’altro con passione.

I ragazzi nel video cominciarono a sborrare, ricoprendo il volto e i capelli di Marina. Com’era bella, così insozzata di sborra. E come si vedeva quanto le piacesse.

Mi masturbai furiosamente a gambe larghe, venendo in un orgasmo esplosivo. Guardai alla mia destra, e scoprii Chiara e Laura che si davano un intenso bacio.

Si staccarono per un attimo dal bacio, poi Chiara mi guardò intensamente negli occhi e incominciò a baciare anche me, che risposi senza tirarmi indietro. Laura si unì a noi in un triplo bacio lesbico. “Andiamo a letto!” suggerii io.

Correndo andammo nel mio letto, quando mi sdraiai, Laura mi assalì immediatamente la figa, leccandola con ardore. Chiara prese per sé la figa della gemella. Allora, io feci quello che mi sembrava naturale, lavorandomi la figa di Chiara.

Rimanemmo almeno per un’ora in quella posizione, leccandoci le fighe in cerchio, e tutte e tre venimmo più volte.

Da quel giorno in poi, nella mia famiglia non ci fu più alcuna vergogna: ogni volta che volevamo, portavamo a casa qualche maschio da cui farci scopare. Rigorosamente con le porte delle camere aperte, oppure anche sul divano del salotto, senza problemi a farci guardare. Insomma, eravamo diventate una vera famiglia di troie, e non potevamo esserne più felici.

Questo racconto di è stato letto 3 3 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.