Un uomo nel buio

Scritto da , il 2021-04-29, genere dominazione

Sono immerso nel buio più completo. Buio prodotto da una spessa benda nera che mi ricopre gli occhi.
Sono sospeso da terra, appeso per i polsi da due cinghie in cuoio; le mie caviglie, legate insieme da un'altra cinghia, sono sollevate per circa trenta centimentri
dal pavimento. Queste cinghie, strette a tal punto da impedire quasi lo scorrere del sangue nelle vene, mi bloccano ogni movimento.
Il locale in cui mi trovo è maledettamente silenzioso e, probabilmente, freddo. Dico probabilmente perchè la tensione che ho in corpo è tale da falsare ogni mia
sensazione.
Sebbene completamente nudo, infatti, tutta la mia persona è ricoperta da gocce di sudore freddo, mentre internamente, il cuore che batte all'impazzata mi riscalda
come un fuoco.
Tremo. Tremo a causa di una incomprensibile paura.
Ad un tratto avverto un leggerissimo fruscio. Fruscio di oscura provenienza e natura.
Il mio cuore si ferma di colpo poi riprende a battere come un tamburo impazzito.
Tendo le orecchie per percepire un altro suono in grado di spezzare quell'incredibile silenzio, ma solo il mio respiro affannoso rompe la quiete.
Sempre nudo e immobilizzato attendo un nuovo segnale.
Passano parecchi minuti, forse ore ma nessun rumore interrompe quella pace irreale.
Improvvisamente sento un sibilo provocato da un oggetto scagliato nel vuoto.
In preda ad un panico improvviso e misterioso mi irrigidisco completamente in attesa di un nuovo stimolo.
Il tremore precedente si trasforma in spasmi violenti trattenuti dalle cinghie che mi legano sempre più stretto.
Attendo un paio di minuti calato in un terrore ignoto.
Poi un nuovo sibilo accompagnato da un dolore lancinante alla schiena mi fa quasi svenire.
Sebbene il colpo sia stato violentissimo non risento particolarmente per il dolore, ma piuttosto per l'orrore a lungo paventato.
Immediatamente dopo la staffilata sento un'arrogante risata Femminile.
-Ho voglia di divertirmi un pò, schiavo.
Nel buio mi immagino la mia Dea Dominatrice: una Donna perfetta, alta, snella, bellissima, superiore in tutto.
Il non poterLa vedere e quindi presagire le Sue mosse è angoscioso: l'attendere in un nero silenzio una Frustata, una puntura, un ustione da sigaretta oppure una
carezza o un bacio è una delle Torture psicologiche più crudeli ed atroci.
Lei, la mia Dea, lo sa e sa anche sfruttare al meglio questa mia condizione di soggezione.
Un ticchettio lento ma insistente invade la stanza e infrange il silenzio.
Nella mia mente eccitata si forma nitidissima l'immagine delle Scarpe della mia Divinità i cui Tacchi a spillo stanno producendo quell'inquietante battito. Mi sembra
quasi di vederLe, nel buio, quelle lucidissime Scarpe in vernice nera coi Tacchi altissimi a spillo camminare ai Piedi della mia Dea, Scarpe che infinite volte mi
sono dovuto chinare ad adorare.
Quell'assurdo rumore continua senza sosta a martellare il mio cervello.
Lo stress dell'attesa è durissimo: alcune volte l'arrivo del Supplizio e della Tortura permette di tirare un sospiro di sollievo liberandoti da quell'ansia
incredibile, ma la maggior parte delle volte la Punizione fisica è tale da essere il naturale seguito di quella psicologica.
Nel medesimo istante in cui i Tacchi smettono di battere un fischio mi annuncia l'inizio della prima Sevizia: in meno di un minuto la mia schiena viene colpita da
almeno una trentina di violentissime Frustate prodotte da un gatto a nove code.
In base al bruciore posso immaginare le ferite lasciate dalla Frusta nella mia carne: posso quasi vedere, oltre che sentire, i solchi sanguinanti che mi segnano
orribilmente il dorso.
L'orrenda sofferenza quasi non mi fa udire la sadica risata della mia Dea.
Stringendo i denti dal dolore ricado nel più paranoico silenzio.
Passano alcuni minuti e non percepisco più alcun suono: il mio corpo, la mia mente, il mio coraggio sperano in una liberazione ma quando, inesorabilmente, sento
qualcosa penetrarmi nella carne comprendo che non è finita.
Due spilli, o almeno credo che siano due spilli, mi hanno trafitto entrambi i capezzoli con una freddezza da chirurgo. Sebbene raccapricciante a vedersi questo
Supplizio non è particolarmente doloroso a parte il momento in cui gli spilli vengono conficcati nel corpo.
Di nuovo, poi, il silenzio.
Un urlo, improvvisamente, esce dalla mia gola: gli spilli hanno cominciato a emanare forti scariche elettriche che, implacabilmente, si propagano per tutto il mio
corpo.
Ad ogni scarica rispondo con un sussulto ed uno spasmo di dolore.
Le scosse provocano l'irrigidimento e quindi lo strazio di tutti i miei muscoli che vanno incontro a fortissimi crampi.
Cinque, dieci, venti, trenta scariche mi riducono a uno straccio.
Distrutto, spero che la mia Dea voglia concedermi la grazia, ma le mie speranze vengono spazzate via da un ennesimo Supplizio.
Sento infatti una fitta localizzata sul glande del mio pene: il bruciore si propaga sulla verga e sui testicoli facendomi gridare di dolore.
Dapprima non riesco a capire quello che sto subendo poi però comprendo cosa mi sta facendo la mia Dea: con un accendino si diverte, sadica, a ustionarmi il mio
organo sessuale.
Grido, grido come un forsennato, ma forse questo rende la mia Dea Dominatrice ancora più felice e crudele. Mentre esegue la disumana tortura La sento godere di
piacere emettendo gemiti e sospiri di eccitazione.
Mi pare quasi di vederLa: intanto che mi tortura si massaggia con la mano la Vulva in orgasmo.
Svengo per l'estrema sofferenza, ma, quando riesco a tornare in me scopro con orrore che la mia Dea sta completando la Sua Opera di distruzione fustigandomi senza
pietà su tutto il corpo.
Le staffilate continuano per parecchio tempo ed infine io, pur cosciente, non sono più in grado di comprendere quello che mi sta accadendo.
Un rumore metallico di catene fatte scorrere in una carrucola mi indicano la fine di quel massacro.
Ricado violentemente a terra, libero dalle cinghie.
La benda che ho sugli occhi mi viene tolta e la luce che fulminea mi inonda le pupille quasi mi acceca.
Appena riesco a mettere a fuoco vedo la punta di una Scarpa in vernice nera, lucidissima. Scarpa che con remissione estrema comincio ad adorare.

Questo racconto di è stato letto 1 6 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.