Adele fa il bagno col datore di lavoro di suo marito

Scritto da , il 2021-04-04, genere tradimenti

Luca aveva 22 anni, sua madre Adele 48 e suo padre Mario 49. Era una mattina d'estate ed erano andati al mare, a prendere un po' di sole. In spiaggia, dopo circa un'ora dal loro arrivo, giunse Riccardo, il datore di lavoro di Mario. Aveva 52 anni, era single, molto esuberante e sempre con la battuta pronta. Quando si accorse della presenza di Mario, si avvicinò all'ombrellone e lo andò a salutare. "Anche tu qui...che bella sorpresa!" e mentre lo diceva, guardò i seni prosperosi di Adele. Mario lo salutò, facendo finta di non accorgersi della direzione verso cui erano rivolti gli sguardi del suo capo. Adele ricambiò anche lei con cortesia il saluto, e fece finta di non rendersi conto che Riccardo le stesse fissando le tette. Ma gliele stava fissando eccome...e a Luca la cosa dava molto, molto fastidio. Non disse nulla, ma era molto contrariato. Riccardo si fermò sotto l'ombrellone a chiacchierare, e la mattina trascorse veloce e allegra, ma non senza qualche imbarazzo, per via di quello sguardo che ogni tanto scivolava impertinente sulle tette di Adele. Aveva due bei meloni, Adele...una quarta abbondante, che non passava inosservata. Ad un certo punto, Riccardo propose di andare a fare un bagno, e Mario rispose che non sapeva nuotare. Adele confermò "sì, è vero, Mario al massimo si bagna i piedi a riva. Ha paura dell'acqua e non ha mai voluto imparare a nuotare". Riccardo, sornione, "Mario non sa nuotare, e tu invece?", rivolgendosi ad Adele. Lei, arrossendo, "io sì...". "Beh, allora andiamo a farci il bagno, ho proprio voglia di una bella nuotata", disse Riccardo. Luca, che come suo padre non sapeva nuotare, sentì un brivido corrergli lungo la schiena. Adele guardò Mario, cercando un segnale in quel momento di smarrimento. Mario non disse niente, strinse le spalle, e intanto Riccardo incalzò "su su, giusto una rinfrescata. Oggi l'acqua sembra stupenda". Mario, facendosi coraggio e cercando di superare qualsiasi istintiva gelosia, disse a sua moglie "ma sì, giusto una rinfrescata...". La voce gli uscì flebile e un po' tremante, ma tanto bastò per tranquillizzare Adele, che si alzò e si diresse verso riva con Riccardo. Mentre entravano in acqua, Luca, incredulo, disse al padre "ma non ti sembra inopportuno che lui faccia il bagno con la mamma?" e Mario rispose "non dire stupidaggini!". In acqua, Riccardo disse "andiamo un po' al largo...l'acqua è meravigliosa, voglio farmi una bella nuotata". Adele era molto in imbarazzo, ma accettò. Iniziarono a nuotare, allontanandosi sempre di più, rendendosi irraggiungibili dagli sguardi di Luca e Mario. Luca notò che non erano più visibili e disse "papà, si sono allontanati..." e Mario, mentre leggeva nervosamente un quotidiano, "e allora? Stanno nuotando". Luca, nel sentire quella risposta nervosa, ebbe una strana eccitazione, che sovrastò il disagio che stava provando. Quando furono abbastanza lontani, in un luogo appartato, Riccardo smise di nuotare. Adele disse "torniamo indietro?" e lui "no...senti, vorrei chiederti una cortesia...". Adele arrossì e chiese di cosa si trattasse. E lui "qui siamo lontani da occhi indiscreti. Volevo dare una sbirciata alle tette". Adele rimase incredula. "Ma...cosa...cosa dici?" rispose con un filo di voce. Era imbarazzatissima, ma stranamente non arrabbiata o contrariata. Riccardo prese ulteriormente coraggio, percependo una reazione migliore di quella che aveva temuto. "Scusa se te lo dico, ma stai davvero messa bene. Qui non ci vede nessuno. Fammi guardare un po', su...". Adele, sorpresa ma tremendamente incuriosita da quelle attenzioni così spudorate, si guardò attorno. Effettivamente non c'era nessuno. Riccardo disse "che ti costa, giusto una sbirciatina...". Adele prese coraggio e si slacciò il pezzo di sopra del costume, mostrando i suoi seni al datore di lavoro di suo marito. Riccardo, estasiato, commentò "urca, che cocomeri!". Adele arrossì e coprì i seni con le mani, ma Riccardo disse "no, no...fai vedere, fai vedere...". Adele, imbarazzatissima, "hai visto già", e lui "ho visto poco, fai vedere..." e lei tolse le mani, sempre più rossa in volto. Lui si gustò la scena. "Quanta salute, complimenti..." e continuò a guardarla allupato. Ad un certo punto disse "senti Adele...io ho proprio bisogno di toccare...". "E no, ora basta!" rispose Adele. Riccardo replicò "dò una bella promozione a tuo marito, con un bell'aumento di stipendio, se ti lasci palpeggiare...". Adele rimase profondamente spiazzata. Se da un lato la proposta poteva sembrare offensiva, dall'altro la intrigava. Era sempre stata una moglie fedele, ma dinanzi ad una proposta che poteva concretamente migliorare le condizioni economiche della sua famiglia, si sentì vacillare. Riccardo se ne accorse e si avvicinò, allungando le mani sui seni di Adele. "Ehi! Non ho ancora..." disse lei, e lui, con voce cavernosa ed eccitata "pro...mo...zione...e...au...au...men...", non finì la frase, tanto era eccitato durante il palpeggiamento. Adele si guardò attorno, continuava a non esserci nessuno. Le mani di Riccardo erano decise e voraci. Lei, vergognandosi non poco delle parole che stava pronunciando, disse "un bell'aumento di stipendio, giuramelo". Non era certo fiera di sè, in quel momento, ma ormai l'aveva detto. Riccardo emise un "sì" simile a un grugnito. Era durissimo e disse "fammi andare fino in fondo". Adele lo guardò smarrita e piena di vergogna. Lui, con voce sempre più cavernosa, disse "gli alzo lo stipendio...". Adele deglutì imbarazzata e annuì, pensando che in fondo, dopo 24 anni di matrimonio, un errore poteva capitare. Riccardo le scostò il pezzo di sotto del costume e la penetrò. Durò pochi secondi, il tempo di sentirgli grugnire un paio di "ah, sì...ah, sì..." dopo che aveva accompagnato l'atto della penetrazione con un "brava, fammi fare...". Laddove quel "fare", evidentemente, non stava solo a significare la prosecuzione di un certo tipo di situazione. Stava anche ad indicare l'atto del "chiavare", "scopare", "fottere", "bombare". Per Riccardo, quell'atto era, semplicemente "fare", tanto primordiale e ancestrale era stata la manifestazione del suo desiderio. Venne subito, Riccardo, e si staccò da Adele soddisfatto e compiaciuto. Lei si ricompose incredula, accertandosi che nessuno avesse visto. Tornarono a riva e si diressero sotto l'ombrellone, facendo finta di niente. Non avrebbero mai più parlato di quell'episodio. Mario e Luca erano piuttosto inquieti, ma nessuno dei due disse niente. Certo, quell'attesa per loro era stata molto snervante. Nei giorni successivi, Luca pensò spesso e quella mattina. Aveva tanti dubbi. Mario cercò di non pensarci, ma quando a settembre arrivò una inaspettata promozione (con un cospicuo aumento di stipendio), i dubbi iniziarono ad assalirlo. Non chiese mai niente a sua moglie. Non ne ebbe il coraggio. Dall'estate successiva, però, decise che avrebbero cambiato spiaggia.

Questo racconto di è stato letto 9 4 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.