Segreti svelati

Scritto da , il 2021-03-22, genere incesti

Questo è il mio primo racconto su questo sito, anzi, realmente è la prima volta che condivido questa avventura accaduta tantissimo tempo fa ma che ancora rivivo nella mente e che qualche volta torna a farmi compagnia.
Era una normale estate come tante altre, aspettavo con ansia i giorni in cui sarei andato dai miei parenti nella loro casa al mare dove sapevo avrei trascorso giornate divertentissime, soprattutto in compagnia dei miei cuginetti Walter e Chiara.
Dalla mia abitazione in città, alla casa dei miei sogni, ci separavano molti chilometri e quasi 10 ore di viaggio, ma non stavo più nella pelle e per tutto il viaggio fui all'apice della frenesia.
Finalmente arrivato alla stazione vidi mia zia, una donna sulla quarantina molto affascinante, capelli castano chiari e fisico snello, in lontananza che mi aspettava e con cui avrei macinato in macchina la poca distanza rimasta.
"Finalmente sei arrivato, com'é stato il viaggio?" mi disse la zia felice di vedermi.
"Pesante devo dire, ma tranquillo tutto sommato."
Risposi allegramente.
"Walter e Chiara?" aggiunsi immediatamente
"Ti aspettano a casa, quando sono uscita non erano ancora tornati dal mare."
Ci rimasi un po' male, mi aspettavo che sarebbero stati i primi a ricevermi alla stazione, ma poco importava, ormai era questione di poco.
Qualche minuto dopo, passate le stupende venature della zona e saliti oltre per le stradine che sormontavano le scogliere, finalmente superammo il cancello principale da cui potevo intravedere la grande casa.
Mia zia scaricò la valigia portandomi subito su in camera per mostrarmi dove avrei dormito per le notti da lì in avanti. Ero convinto si trattasse della solita camera riservata agli ospiti... Ma non fu così, appena entrati riconobbi la camera dei miei cugini.
"dormirai nel letto di Walter, abbiamo avuto problemi di umidità nelle altre stanze, dividerete tutti e tre la stessa camera".
"zia, ma qui ci sono solo due letti!?"
"il divano diventa letto, Walter starà lì, ne abbiamo già parlato!"
Non obbiettai oltre, anche se non volevo recare disturbo mia zia era una persona con cui le decisioni prese erano inequivocabili, inutile contraddire, ma non ci pensai nemmeno, in quello stesso istante rientrarono i miei cugini.
Walter corse subito a salutarmi e subito inventammo mille progetti per la giornata seguente, Chiara mi salutò con tranquillità, era una bella ragazza ma molto riservata.
Walter all'epoca aveva 14 anni, ricordo che piaceva molto alle ragazze e sapeva come farsi una fidanzata diversa ogni giorno, non nascondo che provavo una certa invidia.
Chiara aveva 13 anni, capelli lisci tra il castano ed il rosso e occhi verdi, viso dolce e fisico magrolino ma con un seno che già si stava adattando al suo aspetto, poco più alta di me era la ragazza di cui ti potevi innamorare solo a vederla, ciò che davvero non poteva che diventare tempo dopo una bellissima donna.
Tutto procedeva come da iter preimpostato, la giornata scorreva serenamente tra le nostre risate e tutto mi sembrava perfetto, se non una cosa a cui all'inizio feci poco caso, ma che piano piano si faceva sempre poi evidente. I due cugini interagivano origliandosi all'orecchio cose che chiaramente non volevano io ascoltassi.
Riuscii ad afferrare solo poche parole, qualcosa che riguardava la notte stessa, a questo si aggiunge un cenno di Walter ad indicare a Chiara che era d'accordo inclinando solo la testa.
A nulla valse sapere cosa si stavano dicendo, cambiarono discorso e la cosa finì lì.
Finita la cena e passata qualche altra ora con loro la zia ci impose di correre a letto, io ero stanchissimo, ma anche per loro la giornata era andata avanti abbastanza.
Chiara andò in bagno mentre io e Walter andammo subito nei letti che la zia ci aveva preparato sotto la sua stessa sorveglianza.
"Mi raccomando, non mettetevi a fare chiacchiere e dormite subito, domani si esce presto"
Detto questo spense la luce lasciandoci totalmente al buio.
Qualche minuto dopo entrò in camera Chiara che velocemente si infilò nel suo letto alla destra del mio divisi solo dal comodino nel mezzo.
Non ci volle molto perché prendessi sonno, ero stremato dal viaggio anche se durante quelle ore non lo davo a intendere.
Passarono forse un paio d'ore e seppur nel sonno sentivo che qualcosa stava succedendo.
Sentii che la leggera lenzuola si alzava dal lato e qualcosa si infilava dentro.
Ero troppo assonato per svegliarmi, in quello stato era come se fossi cosciente ma impotente di muovermi. Tutto accadeva nel pieno silenzio e, da lì a poco, sentii un profondo calore immergermi nelle parti basse.
Quello fu per me un tremendo campanello d'allarme.
"cazzo" pensai tra me e me "vuoi vedere che me la sono fatta addosso!??"
"che figura ci faccio con i cugini e la zia!!"
Mille pensieri si accavallavano nella mia mente sperando che la situazione non fosse tragica come immaginavo.
Abbassai le mani verso la zona incriminata sperando sempre più che fosse solo una sensazione e nulla più...fino a quando mi resi conto che qualcosa si muoveva.
Toccai con spavento ma al contempo con curiosità sentendo che si trattava di qualcos'altro, sentivo i capelli e riconobbi al tatto le orecchie, sentivo che si muoveva su e giù e che ogni volta il calore mi portava piacere.
Non riuscivo a capire ma già sapevo cosa potesse essere, ne avevo sentito parlare e visto qualche giornaletto con gli amici, solo che non avevo mai provato.
Sentivo la lingua muoversi e la mano tirare e lasciare come se cercasse di spremere tutto ciò che c'era.
Non so come feci a non urlare, o a lasciare nemmeno che un singolo suono uscisse dalla mia bocca, ero estasiato e bloccato da quella situazione.
Tenevo i suoi capelli lunghi con una mano mentre con l'altra stringevo le lenzuola. Riconobbi in penombra la sua figura quasi distesa al bordo del mio letto, ogni attimo durava per me un'eternità e sentirla succhiare mi faceva impazzire.
Lo faceva come se non avesse mai fatto altro, non capivo come avesse potuto avere tanto coraggio nel farlo a me in una nottata qualsiasi, ma non me ne fregava nulla, era troppo bello sentire il mio membro nella sua delicata bocca.
Si fermò un attimo continuando a masturbarmi ma non ebbe tempo di riprendere che ebbi il mio primo orgasmo.
Non mi era mai capitato, fu qualcosa di incredibile, una sensazione che mai più avrei provato allo stesso modo.
Cercò di leccare tutto muovendo la lingua e infilandoselo in bocca ripetutamente, ma la maggior parte finì sulla mia maglietta.
Da lì a poco, probabilmente appagata da quanto era successo, rimise il mio pene dentro gli slip e piano piano si strusciò fuori dal letto tornandosene al suo nel completo silenzio.
Rimasi per altre 4 o 5 ore... in realtà non so dire per quanto tempo, con gli occhi sbarrati, incredulo a ciò che era accaduto.
La mattina seguente la zia venne a svegliarci, Walter si alzò come se nulla fosse andandosene tranquillamente in bagno, ma una cosa non dimenticherò mai, quella che fu la prima frase di mia Cugina Chiara...
"tu.... lì??? Ma quando vi siete scambiati di letto????"
Continua.




Questo racconto di è stato letto 9 4 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.