In laboratorio..come sarebbe potuta andare

Scritto da , il 2021-03-05, genere etero


Cominciammo a parlare mentre stavo lavando la vetreria.
Solite cose, “come va a casa” “fai i servizi anche li”.

Non ti ho mai raccontato quello che pensai veramente in quel momento.
Nella mia mente andò più o meno così:

Ti offri di lavare quelli rimasti e senza aspettare risposta ti metti tra me e il lavandino e cominci a lavare.
Nell’abbassarti per prendere i beker inavvertitamente i nostri corpi entrano in contatto.
Io resto di sasso e tu continui come se niente fosse.

Ti ho sempre osservata in laboratorio chiedendomi se sotto il camice avevi la maglia o direttamente il reggiseno.
Quel gg avevi una gonna a ginocchio e una maglia leggera. Era quasi estate e cominciava a fare caldo.
Il tecnico era occupato al telefono.

“va tutto bene e perchè hai smesso di parlare?”

Ovvio, ho smesso perchè sono rimasto di sasso sentendoti attaccata a me e perchè li nelle parti basse chiaramente qualcuno si è svegliato e ho paura che tu possa accorgertene.

“posso parlare da qui oppure non mi senti?”
“tranquillo, ti sento bene”
“a casa metto meno sapone, ho sempre paura che possano cadere dalle mani”
e mi sporgo verso il lavandino per prendere un beker attaccandomi ancora di più.
“attento che così ti bagni anche tu. Finisco io, non preoccuparti.
Asciugati sul mio camice”

Mi asciugo partendo da metà camice e inavveritamente arrivo sotto il seno.
Ti abbassi un poco di più per prendere il penultimo beker rimasto e la mia mano finisce tra i bottoni sentendo la maglia e il calore dell’incavo dei seni.
“fa caldo, credevo non mettessi la maglia sotto il camice”
“hai ragione, fa molto caldo ma ho quasi finito qui. Manca poco e poi devo tronare di la”
“posso sbottonarti i bottoni del camice così sei più libera di muoverti”
“Hai ragione”
Ti sbottono tutti i bottoni e ti apro il camice, non posso vederti ma sento tutto il calore del corpo sotto le mani.
“Sei un fuoco”
“si, te l’ho detto che ho caldo. Accidenti mi sono bagnata la maglia”
“ti asciugo io”
prendo un pezzo di carta e la infilo sotto la maglia
“hai le mani fredde”
“posso raffreddarti”
“un poco di fresco non farebbe male”
“ecco, qui (fianchi) e anche qui (parte alta della pancia) e qui sei davvero caldissima (tra i seni mi fermo)”
“qui fa davvero molto caldo”
“ti rinfresco io (e comincio a salire prendendo nella mano tutto il seno). E’ anche tutto questo tessuto che ti fa scaldare così”
“si ma non si può togliere”
“hai ragione ma se lo spostiamo solo un poco” e mentre sto per spostare il reggiseno mi fermi con la mano e ti giri
“ho finito di lavare i beker”
“finalmente”
e ti bacio.


ormai siamo partiti e intanto la telefonata di la continua.
Ci spostiamo dal lavandino al tavolino.

Ti infilo la mano nella maglia e risalgo la schiena. Fai lo stesso
Scendo con le mani e ti afferro il culo tra le mani. Fai lo stesso
Abbasso le mani al ginocchio e ti tiro su la gonna. Sposti le mani sul davanti e mi sbottoni la cinta e i pantaloni.

Cambio, ti alzo la maglia e tiro giù il reggiseno. Finalmente vedo il seno nudo, le aureole e i capezzoli irrigiditi. Non resisto e te li prendo in bocca. Soffochi un gemito e infili la mano nei pantaloni stringendo con forza il cazzo ancora bloccato dagli slip. Più succhio e mordo e più stringi.

Hai un reggisono bianco e una brasiliana nera semi trasparente.
Mentre continuo a martoriarti i capezzoli scendo con la mano tra le gambe e ti prendo la fica ancora coperta dalla mutandina tra le mani. E’ rovente.
Mi sposti la testa e ricominciamo a baciarci mentre ci massaggiamo a vicenda.

Ti sposto la mutandina e infilo due dita tra le labbra della fica. E’ calda e bagnata. Tu infili la mano negli slip e partendo dalla punta lo accarezzi fino alle palle.

Ci masturbiamo a vicenda con forza. Sento la tua mano fare su e giù mentre le mie dita afferrano il tuo bottoncino, lo stringo.
Devo sentirti dentro e senza pensarci ti infilo due dita su per fica fino a dove riesco a comincio a muoverle. Sussulti forte.
“ti ho fatto male?”
“no”
“sei caldissima e bagnatissima”
“sei duro”
“sei tu che me lo fai diventare così, non è la prima volta”
“lo so, lo avevo notato”

e continuiamo a masturbarci a vicenda, io a massaggiarti dentro sentendoti sbrodolare sulle mie mani e tu facendo su e giù con le mani.

(io) “si?”
(tu) “non lo so, qui? è rischioso”
(io) “si, ma non resisto ancora molto”
(tu) “sei giovane, devi resistere”
(io) “la fai facile tu”
(tu) “si”
(io) “si cosa?”
(tu) “si” e mi abbassi lo slip mentre sfilo le dita da dentro e ti sposto la brasiliana di lato

E’ un attimo, ti appoggi al tavolo, struscio la cappella sulle labbra e piano scivolo con tutto il cazzo nella tua fica. Sono dentro, fino all’utero. Sobbalzi di nuovo

“ti fa male?”
“no”

e ci muoviamo..io su e giù, tu ondeggiando i fianchi…

“sei caldissima”
“sei durissimo”
“ti sento”
“anche io”

e ti sento davvero. Quando sto su ben impiantato dentro di te sento che mi stringi il cazzo con la fica. E’ una sensazione strana, nuova. Mi piace. Anche troppo
Sento la cappella sbattere contro qualcosa, mi dirai dopo che è la spirale.

ti prendo il culo tra le mani per tenerti più su e entrare ancora di più dentro di te.
Accellero. Siamo sudatissimi. Lo sentiamo. Comincio ad andare più veloce.
Mi dici “piano” ma non mi fermi. Mi infili le ughie nella schiena ad ogni spinta.

“posso venirti dentro?”
“si”

le ultime spinte ti fanno saltare da terra. Più dentro di così non posso.

“non ce la faccio più”
“vieni, non trattenerti”

Soffoco un urlo sul tuo collo. fai lo stesso mentre mi senti esplodere dentro. Senti ogni pulsazione mentre ti riempo.

“cazzo”
“cazzo”
“dobbiamo rivestirci”
“ci avranno sentito?”
“chi?”
“come chi?”
“non possono, è solo un sogno”
“ah, peccato”

Questo racconto di è stato letto 1 8 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.