Bagno di vapore - parte 1

Scritto da , il 2021-03-05, genere esibizionismo

Ormai da più di un anno, la pandemia ci ha abituato a molte rinunce, ma quella da cui mi
risulta mi più difficile separarmi è la mia fuga in solitaria in Alto Adige. Nei mesi invernali ero
solito ritagliarmi una settimana in solitudine tra le vette, affittando un lodge in una struttura
servita da un ottimo ristorante e da un centro termale.
Quasi ogni sera dopo una faticosa giornata sugli sci o sulle ciaspole, mi concedevo una
lunga serata di relax nella spa. Come i frequentatori delle terme del Sud Tirolo sapranno, è
necessario accedere al centro senza indossare nessun tipo di costume. Inizialmente questa
pratica mi creava imbarazzo ma volta dopo volta avevo sempre più compreso quanto così
l'esperienza fosse più coinvolgente e appagante. Quel pomeriggio di un anno fa, il centro
rimaneva aperto fino alle ventidue ma quando entrai, tre ore prima della chiusura, la maggior
parte della gente stava uscendo per dirigersi al ristorante quindi mi sarei goduto il meritato
relax in pace assoluta. In tutto il complesso erano rimaste a dir tanto una dozzina di
persone. Mi spostai nella piscina allo scoperto appoggiai l'asciugamano sul bordo della
piccola piscina scavata nella pietra ed entrai nell'acqua bollente dal cui centro si ergeva un
isolotto su cui era posizionato un braciere acceso. La temperatura fuori era ampiamente
sotto lo zero e alcuni fiocchi di neve svolazzavano nell'aria posandosi sulla spessa coltre che
circondava la zona esterna. Immediatamente al di sotto della scaletta che conduceva nella
piscina vidi che si era posizionata una donna, sentii i suoi occhi squadrarmi per tutto il tempo
della discesa dalla scaletta, non ci feci troppo caso ma mi sembrò un comportamento
inusuale. Non appena fui immerso, trovai un angolo comodo di fronte a lei: mi accennò un
sorriso di saluto che ricambiai immediatamente. L'ambiente era buio, illuminato solo dalla
tenue luce della fiamma che ardeva nel braciere al centro della piscina, ma potevo
intravedere il bellissimo viso di una donna sui 45 anni, imperlato dal sudore provocato dai
vapori dell'acqua bollente, con una chioma di capelli neri mossi che le arrivavano poco sopra
le spalle. Guardai altrove ma sentivo che i suoi occhi azzurri non si distoglievano da me.
Dopo qualche minuto, incrociai nuovamente il suo sguardo, stava per abbandonare la
piscina, alzandosi in piedi sul fondo sassoso, il suo corpo tonico emerse dall'acqua fino
all'ombelico offrendomi la visione dei suoi seni tondi e sodi. Si sciacquò il volto e si passò le
dita tra i capelli, inforcò la scaletta uscendo sgrondando dalla vasca. Senza farmi notare
osservai il suo corpo lucido emergere dall'acqua godendomi il fantastico primo piano delle
gambe affusolate e del suo tonico culetto. Indossò l'accappatoio e si diresse verso l'interno
della spa andandosi a stendere su un lettino. La visione di quel corpo maturo ma curato
maniacalmente, dei suoi sguardi e delle sue movenze maliziose mi scatenò una cascata di
pensieri indecenti. Dovetti attendere qualche minuto finché l'erezione improvvisa mi
abbandonò. Quando mi fui calmato decisi di spostarmi nel bagno turco. Il centro era ormai
quasi vuoto, solo cinque o sei persone vagavano tra le varie stanze anche se mancavano
più di due ore alla chiusura. Senza preoccuparmi di indossare l'asciugamano passai davanti
ai lettini sui quali riposava la misteriosa osservatrice ed entrai nella stanza calda e piena di
vapore, con il doccino sciacquai l'ampio gradino sul quale ci si poteva sedere e mi adagiai.
Trascorse a malapena un minuto quando la porta si aprì e lei fece capolino, ebbi un sussulto
quando mi rivolse nuovamente un sorriso di circostanza e si sedette di fronte a me. Questa
volta non c'era l'acqua a mascherare il suo corpo ma solo un sottile velo di vapore
aromatizzato che aleggiava nell'aria. Si appoggiò delicatamente sul gradino con le gambe
chiuse e le ginocchia unite, i seni stretti tra le braccia tese lungo i fianchi. In pochi secondi il
suo corpo si coprì di un velo lucido di vapore acqueo e sudore illuminato dalla luce tenue.
Ero stregato, non riuscivo a staccarle gli occhi di dosso. Fu evidente che se ne accorse, lei
abbassò lo sguardo per rialzarlo in modo languido poco dopo, facendomi intuire che non era affatto dispiaciuta dalla mia attenzione. Da quel momento la situazione divenne paradossale.
Con un rumore di sfregamento di pelle bagnata mi pietrificai mentre la viti aprire lentamente
le gambe, fino ad offrirmi la visione del suo sesso accuratamente depilato. Le sue labbra
appoggiavano delicatamente sulle piastrelle umide e calde. Distese la schiena sulla parete e
sollevò un piede sul gradino per deliziarmi di una visione migliore del suo corpo umido. Ebbi
un’erezione improvvisa, sentii il mio membro farsi strada, crescendo rapidamente tra le mie
cosce. Non potei e non volli far nulla per nasconderlo, scostai leggermente le gambe
permettendogli di divincolarsi sbandierando all'insù. Uno sguardo stupito e divertito si
dipinse sul suo volto. Si passò la lingua sulle labbra dopodiché ruppe il silenzio.
"Ci avevo visto bene" disse senza staccare gli occhi dal mio membro "posso sedermi vicino
a te?"
Io annuii frastornato.
Lei fece come disse, sedendosi appoggiando il suo fianco al mio. Inclinò il busto verso di
me, e sentii il suo seno sfiorarmi il braccio.
Cercai di rilassarmi respirando, ma sentivo le tempie che martellavano incessantemente lei
avvicinò la bocca al mio orecchio:
"Non ti agitare, non è la prima volta che lo faccio" dopodiché mordendomi il lobo
dell'orecchio appoggiò la sua mano calda alla mia coscia. Lentamente salì facendosi strada
verso il punto in cui più desideravo essere toccato. Quando fu quasi lì si arrestò.
"Posso?" disse sottovoce
"Puoi tutto quello che vuoi" le risposi senza pensarci
La mano proseguì allora per la sua strada, facendomi tremare come una foglia quando
agguantò le mie palle, stringendole vigorosamente. Si voltò un attimo per controllare che
nessuno fosse nei paraggi poi con l'altra mano afferrò l'asta del membro e iniziò a farla
scorrere lentamente per tutta la sua lunghezza.
Mi accasciai sulla schiena mentre lei continuava il trattamento.
"Mi aspetto che ricambierai adeguatamente il favore, sia chiaro" mi disse senza fermarsi.
Pensai di venire solo sentendo quelle parole, pertanto cercai di divincolarmi con maestria
ma lei mi bloccò appoggiando una gamba sulle mie.
"Goditi il massaggio e non pensare a nulla". Con un’immensa maestria si fermò un istante
prima che esplodessi, lasciandomi un minuto per riprendere fiato.
Quando fui tornato in me, le chiesi cosa potevo fare per sdebitarmi. Lei si stese sdraiata sul
gradino appoggiando la testa sulle mie gambe, il mio pene sempre più eretto passò
attraverso la folta chioma nera fermandosi a pochi centimetri dal suo volto.
Appoggiai la mano sulle su clavicole e sentii il suo corpo fremere, la feci scorrere verso i
seni afferrandone uno, mentre lo massaggiavo delicatamente la sentii ansimare. Era tonico
e sodo, inumidito dal sudore e riempiva perfettamente il palmo della mia mano. Poi lo
abbandonai scendendo più in giù, scorrendo lentamente sul ventre lucido fino a raggiungere
la pelle candida del suo sesso. Massaggiai piano le labbra, fino a quando due dita
scivolarono agevolmente dentro di lei. La sua schiena si inarcò e lanciò un gridolino
soffocato. Iniziai a muovermi ritmicamente dentro di lei, una copiosa ondata di umori caldi
iniziò a riversarsi nella mia mano. Mentre continuavo a masturbarla si girò su un fianco e
muovendo appena la testa accolse il mio membro tra le sue labbra sottili e rosa. Trasportati
dal nostro piacere in quella contorsione inarrestabile, quasi non ci accorgemmo che la porta
si aprì.
[continua...]

Questo racconto di è stato letto 2 4 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.