Ai laghetti

Scritto da , il 2021-03-04, genere etero

Ci passiamo quasi dieci anni. Io poco più di trenta. Lei poco più di venti.
Ci conosciamo da poco. Ci frequentiamo da pochissimo. Ma è come se fossimo amici da sempre.
Amici, amanti. È stato un attimo. Siamo diversamente simili. Alla lunga so che ci autodistruggeremo. Ora, però, è uno spasso.
Sono quasi certo che nessuno conosca questo posto; piuttosto sicuro che quelli che lo conoscono non sono più in grado di raggiungerlo. Questo posto è mio. E ora suo. Ma la cosa non mi preoccupa.
Il laghetto è piccolo, pochi metri di larghezza e una settantina di centimetri scarsi di profondità. Le rocce sono frastagliate e scomode ad eccezione di uno scoglietto piatto che sfiora la superficie dell’acqua. L’unica pezza di pietrisco dove potersi sdraiare è spesso umida. Non è un granché. Però, ribadisco, è il mio posto.
Tempo cinque minuti e lei è già in acqua, nuda. Appendo lo zaino a un ramo e ne tiro fuori la vecchia macchina fotografica. Ho fatto centinaia di foto in quel posto e so esattamente come catturare la giusta esposizione. Carico la macchina, faccio scorrere il rullino e premo il pulsante di scatto: L’otturatore si apre e si chiude in una frazione di secondo immortalando per sempre quell’istante.
“Vieni?”, mi domanda dondolando il sedere nella mia direzione. Scatto.
“Faccio ancora un paio di foto e arrivo”, le rispondo guardandola.
Esplora minuziosamente ogni antro di quel piccolo idillo. E io esploro lei, ogni suo antro, con lo sguardo. Da dove sono posso vedere ogni centimetro del suo culo: la fica rasata, le grandi labbra carnose e la sottilissima linguetta di pelle che racchiudono, l’ano scuro.
Mi spoglio e mi immergo. L’acqua è fredda ma l’erezione resiste.
Lei è uscita. È sdraiata a gambe aperte sul piccolo scoglio a sfioro. Nuoto sott’acqua e riemergo davanti alla sua fica. Faccio scorrere le braccia sotto alle sue gambe. Le afferro i fianchi. La bacio sulle grandi labbra. Sussulta ma non si muove. Continuo a baciarla, inizio a darle dei piccoli morsi. Mi afferra la testa con una mano. La violo con la lingua. La penetro delicatamente. Ripasso i contorni della sua fica. Salgo, quasi fino al clitoride. Torno giù. Muove lentamente il bacino cercando quello che non le sto dando. Alla fine mi arrendo. Faccio schioccare la lingua sul clitoride. La sento gemere. Lambisco quella parte del suo corpo. Solleva la testa. Ci guardiamo. Probabilmente non riesce a vederlo ma io sto ridendo. Viene quando la penetro con un dito e lo muovo dentro di lei. Stringe le gambe intorno alla mia testa. Gode. Cerca di allontanarmi. Prova a spingermi via. Non mollo. Continuo a fare quello che stavo facendo.
Sono eccitatissimo. Mi alzo in piedi. Ho il cazzo all’altezza giusta per penetrarla. La sfioro con la cappella. Gliela faccio assaggiare e subito mi ritraggo. Una, due, tre volte. Affondo facilmente sempre un poco di più. Voglio scoparla. Resto in lei. Ho le mani sui suoi fianchi. I piedi artigliano il fondo della pozza. Mi afferra gli avambracci. Sono tutto dentro. Le faccio sentire ogni centimetro del mio cazzo: avanti e indietro. Cambio ritmo: ritraggo piano, affondo deciso. Accelero. Perdo, lentamente, il controllo.
“Scopami”, dice digrignando i denti.
La fotto forte e veloce. Sono al limite. Decelero ma lei viene. E le sue contrazioni fanno venire anche me. Con una mano mi afferra la barba e mi tira a sé. Ci baciamo mentre gli ultimi schizzi di sperma la riempiono.

Questo racconto di è stato letto 3 5 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.