La mia educazione sessuale - Cap. 2

Scritto da , il 2021-03-02, genere incesti

Mi voltai immediatamente verso la porta, mentre l'acqua del rubinetto mi scorreva tra le dita rinfrescandomi i polsi. Sulla soglia c'era Roberto, completamente nudo e incuriosito più che imbarazzato dalla mia presenza. Il suo corpo grasso e vecchio era ben diverso da quello di Giacomo.
Lo sguardo mi cadde tra le sue gambe: lo stesso organo che da vicino avevo ammirato inturgidirsi tra le cosce di mio fratello era floscio tra le sue.
Roberto se lo toccò brevemente mentre fissava i suoi occhi sul mio volto. Mi ricordai allora di quel liquido bianco con cui Giacomo mi aveva sporcata. Mi portai una mano alla guancia e cercai di nascondermi il viso. Ma era troppo tardi.
- Scusa - bofonchiò Roberto, e lasciò il bagno. Sulle sue labbra, sotto i baffi scuri, aveva dipinto un sorriso compiaciuto.
Tornai in cameretta piuttosto preoccupata, ma non dissi nulla a Giacomo e provai a dormire.

La mattina seguente la mamma uscì presto, come ogni giorno, per andare ad aprire la tabaccheria in cui lavorava. Giacomo e io stavamo facendo colazione quando Roberto lo chiamò insolitamente da parte. Non so cosa si dissero, ma da allora mio fratello si dimostrò assai più conciliante nei suoi confronti.
Era sabato: Giacomo si affrettò verso la fermata dell'autobus, mentre io non avevo lezione. Ero contenta fossero gli ultimi giorni di scuola prima delle vacanze estive: amavo l'estate, i vestiti leggeri, le spalle scottate, i sandali pieni di polvere.
Roberto mi chiese se volessi andare a fare una passeggiata in campagna con Blackie, il nostro cane. Risposi entusiasta di sì.
Ci facemmo una bella camminata: il sole ci picchiava sulla nuca sfiancandoci, ma era una stanchezza felice. Dopo aver controllato che in giro non ci fosse nessuno sganciai il guinzaglio a Blackie per farlo scorrazzare liberamente: era un piacere veder luccicare il suo bel manto nero in mezzo ai campi.
- Ho parlato con Giacomo di quello che avete fatto ieri sera. - esordì Roberto. Mi guardava così intensamente, in modo così penetrante e beffardo da indurmi ad abbassare gli occhi.
- Dovete stare più attenti. La mamma non deve scoprirlo, o si arrabbia. Però è giusto sperimentare alla vostra età. -
- Perché la mamma si arrabbia? -
Roberto si strinse nelle spalle.
- Laura, lo sai come siete voi donne: basta poco a ferire la vostra vanità. La mamma vuole essere la più brava a fare quelle cose, così ti toglie dall'equazione per non competere con te. È come se barasse, ma solo perché sa che potresti essere un talento in erba. -
Mi fece l'occhiolino. Ansimava un po', forse per il caldo, e di tanto in tanto lo vedevo massaggiarsi i pantaloni.
Restai in silenzio, poi bofonchiai:
- Io non so come si fanno quelle cose, Giacomo non mi ha spiegato praticamente nulla. -
- Ed ecco perché avresti dovuto venire da me: sono più grande, me ne intendo di più. Mi sono scopato più donne. -
- Che vuol dire? -
- Ho tanti anni, no? Ho messo il mio seme in più donne di Giacomo. -
Indovinai che si stava riferendo a quel liquido bianco che mi ero lavata via dal viso la notte prima.
- Dentro più donne? -
Roberto si arrestò. Ero visibilmente confusa. Lui mi afferrò un braccio e mi condusse gentilmente a sé. Mentre una sua mano mi tratteneva avvolgendosi intorno al gomito, l'altra si posò sul mio pube coperto dalla tuta. Roberto mi scostò i pantaloncini in felpa leggera, dopodiché con due dita si mise a fare avanti e indietro lungo la fessura che avevo tra le gambe. Quello strofinìo attraverso il cotone delle mie mutandine e il contatto con la pancia prominente di Roberto mi provocarono una nuova sensazione: mi sentivo estremamente bagnata là sotto, come se mi fossi fatta la pipì addosso.
-  Qui hai un buco. - disse, sottovoce, - Agli uomini piace da impazzire farci scivolare dentro il cazzo. Ma non solo agli uomini. È un forte afrodisiaco, guarda. -
Con un gesto esperto si infilò oltre il bordo delle mutandine, prelevando un po' di umori con i polpastrelli e facendomi sussultare. Si allontanò, richiamò Blackie e si inginocchiò per fargli leccare quanto aveva raccolto con le dita.
Blackie si avvicinò scodinzolante: passò la sua lunga lingua ruvida sui polpastrelli di Roberto. Quando ebbe finito, Roberto mi venne di nuovo incontro: ora lo vedevo bene, aveva un rigonfiamento nei pantaloni. Accostandosi a me, lo appoggiò al mio bassoventre: riuscivo a sentirlo distintamente contro la mia pelle. Era più grosso, più largo di quello di mio fratello.
- Ho chiesto a Giacomo di essere più meticoloso la prossima volta. Però è importante che ti insegni bene. Non sarai una donna fino a quando non avrai imparato tutto quello che c'è da imparare sul sesso. Alcune femmine rimangono ragazzine acerbe per tutta la vita. Non vogliamo questo, no? -
Scossi la testa. Mi sentivo il viso e il collo in fiamme, così tornammo verso casa.

Questo racconto di è stato letto 5 9 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.