La figlia della cugina di mia madre. Prima parte.

Scritto da , il 2021-02-21, genere incesti

E’ sabato, poco prima di pranzo squilla il telefono, mia madre va a rispondere. -Pronto ?-, qualche secondo di silenzio poi sento mia madre rispondere -Ciao come va ?- dall’altra parte del telefono qualcuno risponde a sua volta, poi pochi secondi dopo sento mia madre formulare questa domanda: -Verso le due va bene ?-, attimi di attesa quindi mamma chiude la telefonata con un -D’accordo ci vediamo dopo !-.
Una volta a tavola mamma informa me e mio padre che sua cugina Elena ha invitato tutti e tre ad andare a bere il caffè. Papà, poco propenso ad accettare questo tipo di inviti ringrazia e con la scusa di aver da fare ci invita ad andare da soli.
Alle due e qualche minuto mamma suona il campanello della porta di casa di sua cugina Elena. Nonostante abitiamo a poco meno di duecento metri da casa sua mamma non è solita frequentare sua cugina.
Elena ha una figlia, Paola, di circa un anno e mezzo più piccola di me. Nemmeno io, nonostante la vicinanza e il grado di parentele, sono solito frequentarla.
Tre secondi dopo aver suonato il campanello della porta questa viene aperta proprio da Paola. Subito dopo i saluti di rito Paola ci invita ad accomodarci in soggiorno. Appena mi avvicino a Paola mi sorride, quindi mi stampa un bacio con le labbra sulla guancia sinistra. E’ un bacio umido e caldo. Per rifilarmi il bacio sulla guancia Paola deve mettersi sulle punte. Così facendo, senza volerlo, noto che sotto la canotta che indossa non porta il reggiseno. Paola ha due grosse pere che invogliano a toccarle.
Probabilmente Paola si è accorta che stavo guardando nella sua scollatura perché dopo avermi fatto un sorriso un po malizioso volge il proprio sguardo sul suo seno.
Ci sediamo sul divano. Paola si siede sulla poltrona posta davanti al divano dove sono seduto io accavallando le gambe. Quel suo gesto, così all’apparenza spontaneo, in realtà cela un suo progetto.
Paola nota che il mio sguardo si posa sulle sue cosce così poco dopo ella scavalla le gambe quindi dopo aver appoggiato i piedi nudi a terra divarica le gambe fino ad appoggiare entrambe le ginocchia sui braccioli della poltrona. Il mio sguardo cade inevitabilmente in mezzo alle sue gambe coperte da un paio di pantaloncini di una taglia abbondante rispetto a quella che dovrebbe portare. Dopo aver divaricato le gambe Paola volta lo sguardo vero mia madre e sua madre sedute alla mia sinistra.
Dopo aver sorseggiato un buon caffè mamma e sua cugina cominciano a chiacchierare di fatti loro così qualche secondo dopo Paola mi invita a seguirla in giardino.
Una volta in giardino Paola mi invita a sedermi con lei sul dondolo. Mi siedo per primo posizionandomi sul lato sinistro. Paola si siede alla mia destra qualche secondo dopo. Sedendosi accanto a me Paola appoggia il palmo aperto della sua mano sulla mia coscia, proprio all’altezza del mio pube. Le sue dita affusolate (il dito medio) è solo a due tre centimetri dal mio pacco.
Paola sembra aver studiato attentamente la mossa perché mi guarda e mi fa un sorrisetto malizioso. -Che caldo che fa oggi !- esclama poco dopo. -Vero !- rispondo io aggiungendo subito dopo con una battuta che lei è fortunata perché indossa solo una maglietta e un paio di pantaloncini, mentre io ho indosso i pantaloni lunghi (oltre alla maglietta ovviamente)-. -Se hai così caldo puoi anche spogliarti nudo !- mi fa eco lei immediatamente dopo. Le sorrido. A quel punto le gira leggermente il busto verso sinistra tornando ad accavallare la gamba sinistra che, a causa della mia presenza proprio sul suo fianco sinistro, la costringe ad appoggiare la coscia sopra la mia coscia. Inevitabilmente seguendo con lo sguardo quella sua mossa noto con la coda dell’occhio che i pantaloncini che indossa sono abbondantemente più grandi della taglia che dovrebbe indossare e che, soprattutto, mi permettono di notare che sotto quei pantaloncini Paola non indossa l’intimo. A quel punto abbassando lo sguardo vedo chiaramente la peluria pubica. E’ rada, segno che comunque è solita rasarsi la figa.
Paola si accorge subito che la sto guardando proprio li, ma non fa nulla per coprirsi anzi, portando indietro il busto per appoggiarsi con la schiena sul poggiolo del dondolo mi permette (in modo (con un gesto più o meno volontario) di guardarla meglio.
Il mio sguardo è attratto dai suoi genitali (Ora vedo chiaramente il suo grande labbro destro) come il ferro da una calamita. Paola mi riporta all’ordine poco dopo tornando ad appoggiare il palmo della sua mano sulla mia coscia, proprio lì dove si era adagiata poco prima.
Come in un battito di ciglia rivolgo il mio sguardo nei suoi occhi grandi e neri. Paola mi sorride maliziosamente modenesi il labbro inferiore. Improvvisamente non so che fare. Ho paura che qualsiasi mossa faccia sia la mossa sbagliata. Così poco dopo rivolgo lo sguardo davanti a me. Paola però pochi attimi dopo fa scivolare la sua mano appoggiata sulla mia coscia sempre più vicina al mio pacco. Quella sua mossa è per mè come il colpo di pistola di uno starter. Senza nemmeno guardarla in faccia appoggio la mia mano destra sulla sua coscia sinistra, attendo due secondi quindi faccio scivolare le dita sotto il lembo di stoffa aperto dei suoi pantaloncini che copre il suo pube quindi due secondi dopo con l’indice e il medio plano su i suoi genitali. Continuando a rivolgere lo sguardo davanti a me inizio a sgrillettarla.
Quando qualche secondo dopo la sua figa comincia a bagnarsi sotto lo sgrillettio delle le mie dita, avvertendo contemporaneamente i suoi primi gemiti di piacere torno a rivolgere lo sguardo sul suo volto. Paola mi guarda, sorride, quindi chiudendo gli occhi appoggia la sua mano destra sopra il suo pube, in corrispondenza della mia mano, quindi premendo forte su di essa mi fa capire che vuole che continui a toccarla in quel modo.
Una manciata di secondi dopo Paola torna a chiudere gli occhi.
Ho le dita completamente bagnate, come tutta la sua figa grondante di umori femminili. Mentre Paola continua a gemere sempre più forte senza la minima paura di essere sentita da sua madre, e dalla mia, come in trans avverto forte dentro di me il bisogno di penetrarla.
Penetro Paola contemporaneamente con il medio e l’indice fino a farla impazzire in un orgasmo liberatorio.
Subito dopo essere venuta Paola afferra la mia mano e mi obbliga ad abbandonare la sua figa. Paola mette una forza in quel gesto che mi sorprende. Dopo aver sfilato le mie dita bagnate dei suoi umori dalla sua figa Paola se le infila in bocca e si mette a succhiarle.
Dopo averle succhiate Paola mi si avvicina e mi bacia sulla bocca. Mentre mi bacia avverto la sua mano destra appoggiarsi prepotentemente sul mio pacco che nasconde la mia erezione mentre con l’altra mano inizia ad abbassare la cerniera dei pantaloni. Poco prima di aver fatto scendere completamente la cerniera dei pantaloni Paola mi ha già messo la lingua in bocca.
Ad un tratto avverto la sua mano infilarsi prepotentemente dentro le mie mutande, afferrare la mia erezione e stringerla forte nel suo pugno.
Allontano la mia bocca dalla sua rivolgendo lo sguardo sulla sua mano che stringe forte la mia erezione. A quel punto Paola volge lo sguardo sul mio cazzo duro poi comincia a segarmi. E’ una sega prepotente, talmente prepotente che provocandomi dolore mi obbliga a dirle di smetterla.
Paola non mi ascolta quindi mi obbliga a fermarla afferrando la sua mano con la mia mano. Paola sembra irritata dalla mia mossa tanto che avverto una stretta ancora maggiore sul mio cazzo che mi provoca dolore. -Piano !- esclamo. -Scusa, pensavo ti piacesse !- esclama a sua volta con un sorriso da ebete. Detto questo Paola spostala mia mano quindi lascia libera la mia erezione.
Paola osserva divertita la mia erezione per qualche secondo poi appoggiando l’indice della sua mano sul suo pollice lo fa scattare andando picchiettare il mio glande più volte come se dovesse tirare una biglia. -Cazzo piano mi fai male così !- orno a ripeterle. -Scusa !- mi risponde con un tono di voce languido. Detto questo due secondi dopo con una mossa a sorpresa Paola plana con la bocca aperta sulla mia erezione ingoiandola completamente.
Paola prende a farmi un pompino celestiale come mai nessuna ragazza mi aveva fatto prima senza un attimo di sosta. Succhia, lecca tutto il mio cazzo, risucchia e torna a leccare dal glande alla base del mio cazzo ininterrottamente fino a quando non le sborro in bocca tutto il mio imprevisto orgasmo. Tutto questo solo un minuto prima di rivedere comparire davanti a noi due mia mamma e sua mamma.

Questo racconto di è stato letto 8 0 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.