Un mio alunno mi ha venduta.......anni dopo. Proseguo nel raccontare al mio "lui"

Scritto da , il 2021-01-14, genere dominazione

SannMoniFilos67@libero.it

Torniamo però, a episodi più recenti:
Sono poi arrivati i primi periodi della scuola in carcere. L'organizzazione ha richiesto: riunioni a scuola, in Provveditorato, in Tribunale e altri impegnativi Atti, prima di arrivare ad entrare nell'Istituto di pena per studiare le schede dei futuri alunni. Per me erano tali, per le guardie erano solo e sempre dei detenuti, Aggiungendo che qualche secondino non aveva problemi a definirli sempre “feccia umana”.

L'eccitazione per la nuova esperienza che stava nascendo sommata alla paura che la “uova Monica” non fosse in grado di gestire se stessa perché erano alimento per i ricordi di episodi per cui avrei potuto far finire qualcuno lì dentro, episodi che hanno messo a nudo il mio essere femmina diversa da come l'educazione familiare, l'ambiente che frequentavo, il dover rispondere a delle regole da accettare senza condizioni, hanno con il tempo costruito; ed è stata un po' questa la ragione che non mi ha portato a cercare giustizia, che non mi avrebbe certo ripagato, anzi … sarei stata al centro di uno scandalo che a macchia d'olio si sarebbe diffuso in città e oltre coinvolgendo non solo me. Non volevo certo questo.
L disagio, il senso di insicurezza, e perché no: la paura, aumentavano quando ad accompagnarmi dall'ingresso in cui lasciavamo gli oggetti personali fino allo stanzino in cui provvedevo a visionare le schede personali era una guardia in particolare Non mi staccava gli occhi di dosso.
Una delle volte che da sola mi sono recata in carcere, era proprio lui l'addetto alla consegna degli effetti personali. Durante la consegna degli oggetti, dopo alcuni istanti, mi sono resa conto che il suo sguardo puntava ad una catenina con medaglietta che avevo al collo e che poggiava sulla camicetta rosa che avevo indosso. Abbassando gli occhi mi sono accorta che un bottone era saltato e la scollatura permetteva di vedere una minuscola porzione del pizzo del reggiseno e una un po' più ampia del solco tra le tette, ma niente di importante.
Ho comunque sentito il leggero maggior calore sulle guance, segno che devo essere arrossita almeno un po', per risposta ho ricevuto da lui un sorriso di compiacimento. Non mi sono scomposta, non ho coperto subito la porzione di corpo causa di quello scambio di comunicazione senza parole, anche sforzandomi di contenere l'imbarazzo che ero sicura mi avrebbe colto e infatti è arrivato, ho continuato le operazioni di consegna firmando il modulo e mi sono sistemata meglio l'indumento mentre camminavo verso la “mia” stanza.

Già mentre consultavo quelle schede, il pensiero della mano del secondino che si infilava nella camicetta e dentro la coppa del reggiseno per lavorarmi e impastarmi la tetta, mi invadeva la mente.
Mi immaginavo in piedi, nel piccolo Ufficio all'ingresso, con un seno completamente fuori da camicia e reggiseno, gli davo la possibilità, non cercata da me, ma a cui non mi opponevo, di massaggiarmelo; succhiarmi il capezzolo portandosi con la bocca alla giusta altezza; farmi sentire leggermente i suoi denti mente la mano mi palpava le natiche, il polpastrello del medio ne percorreva il solco tra esse arrivando alla figa, infilandosi tra le cosce. La presenza dei pantaloni e i collant indumenti sicuramente più consoni per il luogo, piuttosto che autoreggenti e gonna, avrebbero solo posticipato il possibile inserimento delle dita in vagina.
Da lì, non era poi così assurda, impraticabile e distante la possibilità di scaricarsi della sborra della quale immaginavo avesse pieni i testicoli, dentro la mia figa o tra le mie natiche. Gli sarebbe bastato voltarmi facendomi schiacciare le tette sul muro, senza la necessità di sfilarmi completamente i pantaloni e i collant; senza necessariamente preoccuparsi delle mutandine di pizzo (un tocco di femminilità anche in un ambiente così austero e castigato) abbassandomeli il tanto giusto, farmi piegare il tanto giusto per potermi penetrare.
L'ingresso di un'altra guardia carceraria con altre schede da consultare, mi ha distolto da questi pensieri riportandomi alla realtà.

Lo sai che non mi reputo bella, ma stando a quanto da un po' di tempo mi succede, ho l'idea che sia aumentato il numero dei maschi sessualmente repressi, di qualsiasi età e, viste le esperienze, ci sia una maggior sfrontatezza negli adolescenti e maggior voglia di praticare sesso nei maschi avanti con l'età.

Sta di fatto che un sedere vistoso, che non vuol dire enorme, ma magari ben modellato, a quanto mi dicono coloro i quali se ne sono serviti nonostante le mie resistenze (e piace anche a te); un punto vita non più così fine e delle cosce che quando costrette in un paio di pantaloni non mostrano pienamente l'attrazione che provocano quando nude e in vista, e lo sai bene, fanno ancora indurire il maschio.
40 detenuti divisi in 6 classi del nostro Liceo, alcuni dei quali hanno terminato l’anno scolastico e affrontato l’esame di maturità con successo. Mi sento orgogliosa del mio essere insegnante.
Quell'ambiente, però, quella situazione, mi rendevano senza che io lo volessi, ancora più
desiderosa di un qualcosa che solo in quei momenti mi sono veramente resa conto tu, il mio uomo, padre di mia figlia eri incapace di darmi. Non per tua colpa, ma se ci sono femmine esigenti ci sono anche maschi capaci di soddisfarle pienamente e scoprirsi femmine esigente in occasione di rapporti con altri uomini anche se forzata o costretta e capire che nei rapporti con il proprio lui ci si è sempre accontentate senza rendersene conto, fa scattare una bufera tutta interna alla propria persona che manda a puttane l'organizzazione del quotidiano e della vita.

Questo era lo stato d'animo che mi caratterizzava praticamente ogni volta che mi recavo lì. Pur sapendo che è un ambiente talmente organizzato e controllato, che niente di quello che temevo (o che in fondo speravo mi accadesse) sarebbe potuto succedermi.
Così, in un normale giorno di scuola mi sono recata in carcere per sincerarmi che con i colleghi impegnati lì a lezione tutto filasse liscio e poi parlare con il direttore, mi sono vista davanti Simone, ormai maggiorenne, il ragazzino adolescente che come Responsabile di Casa-famiglia avevo accolto quando i Servizi Sociali ce l'avevano letteralmente scaricato sulla porta senza darci nessun dettaglio e nessuna informazione su chi fosse e perché fosse lì.
Tutto mi è ritornato alla mente come accaduto il giorno prima. Gli apprezzamenti volgari di lui nei confronti miei e della cuoca; il tentativo di stupro quando l'avevo accompagnato in camera sua a sistemarsi, così come il giorno che rientrando in casa famiglia accompagnati dal tizio incontrato in quel famigerato bar, avevo permesso al ragazzo e all'uomo di sfogare su me i loro istinti più feroci.
In effetti lui, Simone, era stato il primo, dopo gli avvenimenti da studentessa universitaria e dopo anni tranquilli di rapporti normali con te e menage quotidiano normalissimo, a riaccendere in me il “fuoco” diametralmente opposto rispetto al modo di vivere “ufficiale”. Moglie, mamma, professoressa attenta, severa ma leale come apparivo nella quotidianità.
Invece u a mandarmi in confusione basta una mano insistente che mi fruga tra le cosce, rendendomi conto che non è la tua dal tocco gentile, romantico e delicato, Sono cambiata e non ho mai avuto il coraggio di dirtelo, anche perché dopo essere stata soddisfatta in quel modo duro, rozzo, senza fronzoli, animalesco, mi sento sporca, colpevole, ma solo dopo, una volta soddisfatta; mentre prima, essendo eccitata è proprio quello di cui vado in cerca


Se da un lato mi faceva piacere rivedere Simone, dall'altro mi rendeva inquieta per quello che era stato, ma anche delusa e scoraggiata per non avergli saputo trasmettere valori diversi da quelli che lo avevano portato prima in casa famiglia e oggi in carcere. Segno che quella vita di soprusi, vendette, sopraffazioni e delinquenza aveva continuato ad essere la sua vita e oggi, dopo essere stato arrestato in varie altre località nazionali, me lo ritrovavo lì, nel carcere vicino alla nostra città, vicino alla sua famiglia che lo aveva educato alla prepotenza nel prendersi quel che voleva, comprese le donne, compresa me che da queste modalità avevo ricevuto estremo piacere e soddisfazione sessuale di intensità stupefacente.
Solo due anni prima ero stata venduta da un mio alunno e mi era piaciuto come i “compratori” mi avevano trattata. Anzi ero poi stata io a obbligare il ragazzino, sotto la minaccia della denuncia a farmi accompagnare di nuovo da loro.

L'incontro con Simone mi ha suggerito un'idea: chiedere al direttore del carcere di poter visitare la biblioteca per rendermi conto di quali testi contenesse, per sincerarmi su quello che potevamo utilizzare per gli insegnamenti delle varie discipline e che fosse già presente evitando di comprarlo. Permettendo che Simone mi aiutasse in questa sorta di censimento, idea pazza, rischiosa, volevo capire se il ragazzo fosse cambiato. Avesse maturato l'idea di Rispetto verso gli altri, verso le donne, Ma era davvero proprio quella l'intenzione vera?
Conoscevo già il ragazzo, lo conoscevo piuttosto bene visto quello che mi aveva fatto, ma avevo preferito avere lui a fianco anziché rischiare di restare da sola con quel secondino che mi metteva i brividi o con chissà chi altro. Certo, non avevo la garanzia sul differente comportamento del ragazzo, ma una sensazione mi suggeriva che era meglio così e da quella sensazione mi sono fatta guidare.

Era una stanza non grande, poco illuminata, ricordava le antiche biblioteche polverose in cui magari personaggi famosi del passato compivano le loro ricerche e i loro studi.
Tra gli scaffali devo dire ben forniti di quella biblioteca all'interno di una prigione, sono rimasta ancora più sorpresa e contenta scoprendo un buon numero di testi della mia materia: Filosofia.

Addirittura alcuni libri trattavano di argomenti specifici che lì, in quel contesto non mi aspettavo certo di vedere presenti.
Libri su estasi mistiche femminili e ricerca filosofica come "Filosofia erotica" di Franz von Baader. o "Il fenomeno erotico" di Jean Luc Marion; "Mistica della carne" di Hadjadj e, su tutti- "L'erotismo" e "Le lacrime di eros" di Georges Bataille.
Testi praticamente erotici, non certo porno, ma decisamente erotici e in un ambiente in cui il sesso è ufficialmente bandito, quelle letture mi sono apparse quantomeno anomale visto che comunque per qualcuno potevano essere alimento per certe fantasie, considerata la presenza all'interno di alcuni di quei volumi di immagini decisamente erotiche che Simone non ha certo perso l'occasione di mostrarmi, chiedendomi cosa ne pensassi,
Ho cercato di riportare il discorso sull'amore, sulla poesia e la sublime ricerca della felicità di due persone che si amano e si concedono completamente l'uno all'altro, ma lui, immediatamente con crudezza: - Monica anche tu ti sei concessa totalmente quando con Gianni ti abbiamo scopata in casa, non credo proprio te lo sia dimenticata. Certo, all'inizio non volevi, ci hai fatto faticare un casino per prenderti, ma ne è valsa la pena, Ti abbiamo sentita eccome mentre godevi, mentre non potevi fare a meno di venirci sul cazzo, eddaiiiiiii, si certo: amore, dolcezza. Ma con certe donne.... cazzo in figa, scopate forti e tutta goduria e tu, devi ammetterlo, sei tra queste donne. Una delle migliori, più calde e focose.
Ho mollato il libro e ho fatto per andarmene quando mi ha spinta al muro. Un attimo: la sua lingua in bocca, un braccio mi cingeva il punto vita un piede suo tra i miei mi faceva sentire il cazzo duro sulla coscia. L'altra sua mano a palparmi il seno, strizzarmelo da farmi male.
Mi ha lasciata per denudarsi il pene; sono scappata dalla biblioteca facendo finta di nulla.
Accorgendomi dell'alone sui miei indumenti mi sono legata in vita una giacchina che avevo con me, così da provare a coprire. Non so come ho fatto a far finta di nulla sopratutto all'uscita ritirando i miei effetti personali depositati all'ingresso. Il solito secondino, quello che mi metteva soggezione mi ha chiesto se fosse tutto a posto e al mio – si, si grazie-, mi guardava strano. - no! Impossibile che già sappia.
Un attimo di terrore... ho pensato ad una telecamera, ma no, Simone è si un delinquentello, ma non è stupido. Tremavo all'idea che mi sarei dovuta concedere anche a quell'essere per cui provavo vera repulsione.
La settimana dopo, Una mattina al mio arrivo mi veniva comunicato che Simone era stato male ed aveva passato la notte in infermeria. Me lo avevano detto sapendo appunto che mi aiutava nella ”sistemazione” della biblioteca
Ero affezionata a quel ragazzino, nonostante tutto e ho chiesto conoscendo però già la risposta negativa se fossi potuta andare a trovarlo per sincerarmi delle sue condizioni di salute.
Dopo alcuni minuti di attesa ecco presentarsi lui, la guardia carceraria che ero pronta a scommetterci non avrebbe voluto altro che portarmi in una cella, magari insonorizzata. In questo la mia fantasia galoppava. Le sue parole mi hanno tramortita: - Prof. Non si potrebbe... ma vista la situazione, per lei facciamo un'eccezione-.
Confusa, frastornata, non capivo. Le condizioni del ragazzo erano così gravi? Per me un'eccezione? Cosa voleva dire? Il Direttore era un'assoluta garanzia, ma gli altri? Quella guardia?
Mentre ti racconto ti avvicini, mi prendi per i capelli e mi fai inginocchiare davanti a te, mi fai male, mi lamento ma tu non senti ragioni, mi intimi di tirartelo fuori dai pantaloni e di succhiarti, dico no, ma tu tiri forte i capelli e con qualche schiaffetto mi costringi. Ubbidisco: lo tiro fuori e succhio. Effettivamente lo hai più duro del solito. Era da tanto che lo volevo così, Succhio, faccio roteare la lingua,ti lecco, mi hai sempre detto che ti faccio impazzire e ci provo ancora. Un po' di delusione quando lo tiri fuori dalla bocca. Mi stendi sul tavolo dopo avermi spogliata, conosci bene il mio corpo, mi impasti le tette, mi fai sentire i denti sui capezzoli, mi piace. Le tue dita già dentro la figa, stringo le cosce, so che ti piace.
Tu: con voce strozzata- Sei bollenteee!- Ti rispondo: - Calore di femmina eccitata-.
La tua testa tra le mie cosce, le tue labbra incollate a quelle della mia micia e la lingua lecca. Affonda, mi piacee sssiiiiiiiiii. Mi succhi il clitoride, me lo mordi leggermente, comincio a non capire più nulla.
Finalmente con mio marito!!! mi mordo il dito, poi il labbro inferiore, sto godendo e se continui vengo. Ti stacchi, vuoi fottermi, non vedi l'ora. Ti invito alla calma, voglio godere del momento, con la cappella mi spennelli le labbra vaginali, le ho carnose, so che ti piacciono e sono gonfie dalla voglia. All'improvviso affondi, un po' di dolore mi fa dire: - AHIII- e nel momento in cui mi apri comincia l'orgasmo. Ti graffio le spalle. stringo ancora di più le cosce suo tuoi fianchi, i talloni puntati sulle tue natiche per non farti uscire SIIIIIIII SIII VENGOOOO OOOHHHSSSHHHIIIII
Mi calmo mentre ancora mi fotti, mi piace! Adesso sono un po' asciutta e mi brucia, mi fa male, mi dici che ti senti il cazzo completamente avvolto dalle mie carni bollenti. La natura mi ha fornito della capacità di recuperare abbastanza in fretta una buona elasticità vaginale anche dopo il parto. Ti senti avvolto, stretto, strizzato dalla mia vagina, come le prime volte che scopavamo appena conosciuti,
Sono contenta che ti piaccia ancora il mio modo di scopare. Mi senti stretta e calda. Ripeto: la natura mi ha dato queste caratteristiche; sai bene che non ho mai avuto bisogno di ricorrere a sfere per la tonificazione del pavimento pelvico o esercizi di Kegel o altre tecniche per recuperare la forza dei muscoli interni della figa. Comincia a montarmi un altro orgasmo, si sento più duro,sento il cazzo crescere dentro di me, comincio a sentire i tuoi grugniti, acceleri, dai colpi più violenti, cominci ad affondare di più.... ti conosco: stai per venire. Ti chiedo di rallentare, voglio goderti, voglio godermi il mio uomo, tu sei partito, ormai vai come un treno, i tuoi rantoli mi riempiono le orecchie e i tuoi schizzi mi invadono la vagina. Ti calmi, mi rimani sopra. Stavo per venire ancora e come al solito tu non hai resistito, ti chiedo di leccarmi ancora, vengo, ma so che se avessi avuto il cazzo ancora in figa l'orgasmo sarebbe stato molto, molto più intenso e adesso che di orgasmi intensi addirittura da arrivare a perdere i sensi per degli attimi, ne ho avuto esperienza, so che nnon sto chiedendo cose extraterrestri, ma sei il mio uomo, ti amo anche se la mia voglia non è assolutamente soddisfatta.
Il mio pensiero torna al carcere, tra le mura di quell'Istituto che rinchiude maschi che chissà da quando non hanno una donna tutta a loro disposizione. Le attenzioni per me non erano finite.
Quando vado lì, seguendo scrupolosamente leggi e dettami che regolano la presenza di esterni in quel contesto, non ho nessuna occasione di stare sola con altri detenuti, … ci mancherebbe... se non in biblioteca con Simone,… ci mancherebbe! Non ho a che fare con altro personale addetto se non con i miei colleghi e due colleghe insegnanti, con il Direttore e frequentemente all'ingresso e all'uscita con quel famigerato secondino. Proprio questo mi terrorizza... e mi eccita
Ti racconterà ancora,,,, e dovrai starmi a sentire

Questo racconto di è stato letto 3 1 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.