Prima notte in carcere

Scritto da , il 2020-10-30, genere etero

Attraverso il finestrino della volante osservo i miei ultimi attimi di libertà. Il poliziotto mi ricorda l’ultimo uomo con cui ho scopato. Dovrò rimanere in carcere per molto tempo, quindi presumo che lui rimarrà l’ultimo per un bel po’. Quella sera, convinsi (con poca fatica) il malcapitato a venirmi a prendere e scopare in macchina Il malcapitato si chiamava Justin ed era originario della Repubblica Ceca.
Mentre varco l'ingresso del carcere, ricordo chiaramente, mi sembra viverlo in questo momento. Ci appartiamo nel parcheggio vuoto. "Parlami del tuo paese" Con una mano afferro il suo cazzo da sopra al pantalone "Com'è il clima?"
"Oh, normale..." tiene gli occhi chiusi, accarezza la mia guancia sinistra troppo paffuta con la sua mano grande quasi quanto il mio viso. Con le sue labbra sfiora la mia bocca, mi morde la guancia. È sempre più duro e grande. Ma non sono abbastanza eccitata. Bisogna aspettare ancora... mi avvinghio a lui, le mie caviglie si incrociano dietro la sua schiena. Inizio a strusciarmi su di lui. Il mio corpo di muove da solo.
"Normale quindi... Ma non deve esserci molto sole, sei così bianco!"
"Ti piacciono più abbronzati? Il mio problema è che devo stare tutto il tempo chiuso dentro un palazzetto ad allenarmi, a nuotare 24 ore su 24!"
"No, mi piace diversificare, sta tranquillo. L'importante è come usi la lingua.”
Sale sopra di me e le mie gambe finiscono sulle sue spalle.
La folla di persone indignate ed urlanti davanti all’ingresso del carcere mi riporta al presente. Sarà molto interessante conoscere le carcerate... spero che la mia compagna di cella sia bona. Mi guardo intorno. Perché nessuna ha una tuta arancione? Entro nelle quattro mura che dovrò chiamare "casa" per i prossimi lunghi mesi.
Ci chiamano per la cena, fa tutto schifo. Quando il cibo non mi piace, impiego molto tempo a mangiare. Senza accorgermene, rimango da sola nella mensa. Alzo lo sguardo, ritrovo la guardia in piedi davanti a me. il suo sguardo cattivo mi mette in soggezione. È il doppio di me, però tutto in muscoli. Forse ho fatto qualcosa di sbagliato. Forse mi punirà.
"Scusa. Torno nella cella."
"No!" mi afferra per i fianchi per impedirmi il movimento. Non riesco a liberarmi dalla presa, la sua forza è il triplo della mia. "Mi sembri diversa dalle altre. Perché sei qui?"
Non faccio in tempo a rispondere, mi interrompe: “Te lo dico io, sei qui perché sei troia."
"Non mi definirei così..." prima che io possa terminare la frase, lui mi solleva e mi sbatte sopra al tavolo.
"Vediamo se sei troia sul serio." Mi strappa tutti i vestiti che ho addosso. Io mi sdraio sul tavolo e lui inizia a leccarmela.
La sua lingua. Fantastica. Tremo, quasi non riesco a sopportare. Come se fosse elettrica. Lui è una macchina, una macchina da sesso. Sento caldo, inizio a sudare. Lui capisce e la muove ancora più veloce. Si stacca quando capisce che sono venuta, sale sopra di me e inizia la penetrazione più bella della mia vita, sopra al tavolo della mensa del carcere. Ansimo e gli mordo le sue labbra screpolate. Sa di me. Lo sento entrare tutto. È enorme, fa male. È lui, lui. Il migliore. Voglio stare qui tutta la vita. Lo voglio tutti i giorni. Non potrei mai rinunciare a questo. Lo graffio dietro la schiena, quando affondo le unghie capisce che deve fare più forte. Improvvisamente, non resiste. Si stacca di scatto e viene sulle mie tette.
“Sei una brava detenuta.” dice e mi lascia la sua camicia per tornare nella cella dato che la tuta è strappata ormai, mi così grande che sembra quasi un vestito. Mentre esco dalla mensa, mi dice
"Buonanotte principessa. Ci vediamo domani."

Questo racconto di è stato letto 5 1 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.