Paolo, Francesca e...

Scritto da , il 2020-10-29, genere tradimenti

Da un paio di giorni arrivano centinaia di messaggi sul whatsapp dei miei amici, ci stiamo organizzando per stasera: arrosticini e griglia a casa di Marco.
Nel tardo pomeriggio mi presento a casa sua, stanno già iniziando a preparare la cena. Tra loro c'è anche Paolo, il fidanzato della nostra amica Francesca. Lei non gli si stacca mai di dosso, qualche mese fa hanno passato la quarantena insieme sotto sua insistente richiesta. Mi giro e salta fuori anche lei, ovviamente, è venuta per vegliare sul suo oggetto di piacere. I nostri sguardi si incrociano, come se fossimo due avvoltoi che mirano la stessa preda. Si fa a chi arriva prima. In realtà, non è così, la sua paura di perderlo è infondata. O meglio, sì, vorrei provare come sarebbe lui che mi possiede a 90 sul cofano anteriore della mia auto... ma se non posso averlo, pazienza. Invece, lei è ossessionata. Per qualche strana ragione, è ossessionata anche da me, dal pensiero che io possa sottrarle il ragazzo. A me basterebbe anche solo prenderlo in prestito. Da quando sta con lui, più di tre anni, non riusciamo ad avere un rapporto vero e sincero. Io vorrei parlarle, le chiedo come sta ma risponde con frasi fatte evitando il mio sguardo o tagliando subito corto. Confidarsi con me significherebbe per lei rivelarmi le sue debolezze, non può permetterselo poiché ha deciso di farmi la guerra. Una guerra mai dichiarata, silenziosa, fatta di frasi pungenti. Da più di tre anni, non riesco ad avere un rapporto sano e sincero neanche con Paolo. Lo conosco da quando eravamo alle elementari, siamo sempre stati in sintonia. Adesso non posso neanche chiedergli come sta. Neanche per telefono, si controllano i cellulari a vicenda.
La voce rauca di Marco interrompe i miei pensieri: "Paolo muoviti, porta qui le sedie."
"Perché non lo chiedi ad Artemisia” dice Francesca rivolgendosi a me “ha un fisico così mascolino..."
Evito di rispondere, prendo una sedia e aiuto Paolo a sistemare il tavolo. Sono nervosa. Stavolta le è uscita male... essere tonica non potrà mai essere un difetto.
In cucina, siamo rimasti soli, approfitto per parlargli: "Secondo te cosa intendeva?" gli chiedo
"Chi?"
"La tua ragazza, dicendo che ho un fisico mascolino."
"Intendeva dire quello che ha detto."
"Ma non lo sa che a te è così che piace?"
Noto qualcosa di strano... sembra nervoso. Si sforza di non guardarmi, come se avesse paura. Se fossi maliziosa, direi che è perché ha paura di provare attrazione per me o di eccitarsi guardandomi... ma non lo sono. L'unica cosa che so è che il suo disagio mette a disagio anche me. Non c'era mai stata un'atmosfera simile tra noi due.
A tavola la serata scorre piacevole conversando con i miei amici di sempre, evitando accuratamente lo sguardo di Francesca.
“Come mai così silenzioso?” chiede Marco, deve aver notato il silenzio di Paolo.
“Ho lavorato tutto il giorno, sono stanco, tutto qui.” Risponde senza guardarlo negli occhi.
“Si vede… se vuoi puoi riposare in camera mia.” Non se lo fa ripetere due volte, appena finita la cena scappa nell’altra stanza. Meglio così.
Prima di andarmene, mi ricordo di aver lasciato il mio cappotto malauguratamente nella stanza di Marco, la stanza dove Paolo sta dormendo solo.
Entro in punta di piedi, la lampada del comodino basta ad illuminare le sue ciglia lunghe e i lineamenti dolci del suo viso.
“Ho lasciato qui il cappotto, lo prendo e me ne vado.”
Non risponde. Mi avvino al letto, nonostante porti una maglia larga, si intravede la schiena statuaria. Afferro il cappotto affianco a lui, continua a non parlarmi… forse dorme sul serio.
Sto aprendo la porta della stanza ma qualcosa mi strattona il braccio e mi trattiene. È lui che mi sta stringendo…
"Ti ho permesso di prendere la giacca, adesso io mi prenderò qualcos'altro." Mi trascina sul letto e sale sopra di me, inizia a togliersi la maglietta. Mi lascio palpare da lui mentre mi avvicino al suo viso, confusa. Non ho mai desiderato così tanto un bacio... ma non posso farlo... Passa il suo dito sulle mie labbra, me lo infila in bocca e lo succhio. Poi porto la sua mano sulla mia zip facendo cenno di spogliarmi… ma non vuole r riporta le sue dita sulla mia bocca. Le succhio, muovendo avanti e indietro la testa con le labbra leggermente aperte. Continua a guardarmi con quegli occhi sbarrati, gli occhi di chi non scopa da una vita e dopo tanto sta avendo quello che vuole realmente, dopo strizza le mie guance e mi bacia. Non riesco più a staccarmi dalle sue labbra, sono morbide. Le lingue si intrecciano, mentre gioca con i miei capelli. Salgo sopra di lui, mi avvolge con le gambe. Mi prende in mano le tette e le stringo sulla sua faccia. Spinge giù il mio viso e inizio a sbottonargli i jeans. Lo voglio sentire nella mia bocca. Mentre lo succhio sento come accompagna il movimento con il bacino, sento come si bagna e sento come impazzisce, va sempre più veloce... io lo riempio di graffi sugli addominali e poi stringo forte i suoi glutei che si contraggono ad ogni spinta. È venuto già.
"Facciamo un gioco..." mi dice con il fiato corto "vediamo quante volte di seguito riesco a farti avere un orgasmo."
"Ti adoro."
"Voglio scommettere, almeno quattro volte."
"Perché non ora? Ti voglio, sono troppo bagnata, sto impazzendo..."
Salta giù dal letto e si rimette i jeans: "Perché Francesca sta per entrare in stanza tra 3,2,1..."
Incredibile, sento la porta d'ingresso aprirsi e intravedo il vestito a fiori di Francesca. Per fortuna, lui lo aveva previsto e si era saputo trattenere, fosse stato per me... mi metto il cappotto, li saluto velocemente e scappo da quella casa come una ladra.

Questo racconto di è stato letto 3 5 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.